Upp: il Battery Pack a celle combustibili ad Idrogeno [MWC 2014]

25 febbraio 201457 commenti

Questa mattina io ed Andrea abbiamo visito uno stand che già dai primi comunicati stampa attirò molto la nostra attenzione. Lo stand in questione è dell'azienda Upp, spin-off della inglese Intelligent Energy, compagnia che ha registrato oltre 550 brevetti (fra pendenti e confermati) e da anni focalizzata in celle combustibili ad idrogeno per quanto riguarda il settore dell'automotive.

Come avrete già capito dall’immagine in evidenza, Upp è il primo battery pack (se così si può definire) che non necessita di ricarica preventiva ma “plug-n-play”: è sufficiente connettere il dispositivo che permette la reazione, al modulo contenente l’idrogeno, ed il gioco è fatto! Immediatamente il dispositivo inizierà a erogare energia al device connesso tramite USB con una potenza di output di 1Ah (potenza purtroppo inferiore rispetto ad altri competitor che arrivano oltre i 2,1Ah).

upp_mwc_2014

La capacità di carica di una cartuccia è di 25Wh, oppure in formato più “comprensibile” 5000mAh.

Le caratteristiche che sono subito saltate all’occhio sono state le dimensioni dell’oggetto ed il suo peso: 20 cm di lunghezza, 40x48mm di spessore e 620g di peso.

Una delle prime domande poste riguardava appunto le dimensioni e la risposta è stata:

“Tenendo conto che tale tecnologia proviene dall’automotive, in cui le dimensioni sono molto superiori, questa prima versione presenta sicuramente una forte miniaturizzazione”.

Siamo stati comunque fortemente rassicurati che lavoreranno nella direzione di una forte riduzione delle dimensioni.

Il prezzo del dispositivo ci è stato stimato in 199$/179€, mentre le ricariche dovrebbero costare con il vuoto a rendere circa 5€. Lo svantaggio è appunto la necessità di rivolgersi ad un negozio fisico ogni qualvolta si termina la carica.

Upp è dotato di applicazione Android (e iOs) che permette di ottenere statistiche di carica rimanente ed erogata al momento, di trovare i negozi fisici dove scambiare le celle esauste.


creazione software per android

Link AppBrain | Link Google Play Store

Un’ultima feature interessante è la Battery Protection Technology, che evita di sovraccaricare la batteria qualora questa arrivi alla percentuale di ricarica desiderata (impostata via app). In parole povere il dispositivo termina di erogare energia quando la batteria è piena allungandone la vita.

Anche secondo noi le dimensioni sono proibitive, ma il concetto è decisamente innovativo, inoltre si può ben sperare che tale tecnologia verrà inserita direttamente negli smartphones in modo da avere fino a 20-30gg di carica. Non credete?

Loading...
  • Pingback: Upp: il Battery Pack a celle combustibili ad Idrogeno [MWC 2014] | News Novità Notizie Trita Web()

  • momentarybliss

    quindi ogni due/tre utilizzi mediamente bisogna tornare in negozio per la ricarica e spendere 5 euro oltre il costo iniziale di quasi 200 dollari? è giustissimo investire nello sviluppo ma mettere in commercio una dispositivo del genere palesemente troppo acerbo per essere venduto è follia

    • olè

      be dai non è così acerbo, più che altro penso che al momento un dispostivo del genere è utile se si fa un viaggio o si viaggia in camper, per usarlo tutti i giorni è fin troppo carestoso. comunque le dimensioni non mi sembrano proibitive, anzi

    • JustBack

      Sarebbe migliore se si potesse ricaricare a scoregge.

    • Alessandro Carlo Paolucci

      non è l’utilizzo quotidiano il target di sto aggeggio…
      immagina una spedizione nella giungla invece…
      certo credo si possano comprare più cartucce, non necessariamente tornare in negozio ogni volta che ne finisce una :D

  • googler

    É ingombrante, costa e necessita di un negozio fisico… cosa c’è di peggio?

    • claudio77

      sicuramente col tempo miglioreranno la capacità ed l’ingombro, adesso per me e ancora un po’ prematura.

    • olè

      dici che è ingombrante solamente perchè nell’articolo c’è scritto che è ingombrante, in realtà non lo è

      • androidiani

        Non ho scritto che è ingombrante, semplicemente rispetto alle dimensioni standard dei battery pack è decisamente più grande :)

        • olè

          ok è però dall’articolo sembra sia ingombrante (ciò non toglie che rispetto agli altri battery pack sia più grande)

    • Roberto Bruno

      se alla motorola ci fossi stato tu nel 1973 credo che a quest’ora staremmo ancora comunicando con i piccioni.

      • googler

        C’è differenza tra comunicare e non-comunicare in giro e ricaricare e non-ricaricare. Tu presupponi già che questa sia una grande invenzione, io trovo che il gioco non valga la candela al contrario del vecchio e rivoluzionario Motorola.

    • tybri

      La fame…..

  • Pingback: Upp: il Battery Pack a celle combustibili ad Idrogeno [MWC 2014] - WikiFeed()

  • Pingback: Upp: il Battery Pack a celle combustibili ad Idrogeno [MWC 2014] | Crazyworlds()

  • pirata_1985

    Ma che cagata.

    • DevastatorTNT

      Finiti gli scaffali?

      • alex

        E daglie che forse l’ho convinto

        • pirata_1985

          Scaffale :|

      • pirata_1985

        Manco centra sullo scaffale sto coso

  • Alexcri79

    A parte chiaramente girare con una micro-bombola di idrogeno in tasca…

  • Ema

    Gente non capite non è un battery pack da mettere in tasca, io non mettersi mai una potenziale bomba accanto ai miei genitali, serve nei casi di emergenza.
    Per esempio caricare un telefono satellitare in mezzo al deserto portarsi dietro 3 o 4 cartucce è sicuramente più comodo di un generatore a benzina o mezzo metro quadrato di pannelli…

    • cesco

      sì in effetti l’utilizzo che suggerisci è l’unico che non trovo ridicolo e potrebbe davvero essere interessante.
      sarebbe stato ancora più interessante se avessero introdotto un piccolo reparto nel quale raccogliere l’acqua risultante dalla reazione chimica con un paio di elettrodi in grado di fare elettrolisi per riciclare la ricarica.

      • Alexcri79

        …e quindi con un ulteriore aggravio di ingombri.

        • cesco

          si certo ma immaginandolo come attrezzatura di emergenza apprezzerei molto di più il poterlo ricaricare appena trovo una presa di corrente non dovendo dipendere da un negozio di ricambi che molto raramente avrà le ricariche a disposizione che non un ingombro leggermente più contenuto.
          Voglio dire, già così non è tascabile, a questo punto cambia poco se diventa ancora un pochino più grande in cambio di poterlo riutilizzare.
          opinione personale.

          • Ema

            Il problema non è tanto l’ingombro quanto la differenza tra energia prodotta e consumata per produrre idrogeno, per questo ancora non abbiamo una cella di energia per casa, comunque potrebbe essere venduto a parte. Per gli altri che dicono basta portare 10 o 15 battery pack standard rispondo che nello zaino specialmente in lunghe escursioni preferisco portarmi dietro 500g rispetto a 1 o 2 kg di roba nello zaino. In oltre il mio utilizzo era puramente teorico ma un aggeggio del genere potrebbe essere usato in teatri di guerra o in zone disagiate in cui reperire stilo o prese di corrente funzionanti sia un problema purtroppo fare tre buchi nella sabbia, come in una pubblicatá dell’enel di qualche anno fa, ancora non funziona

          • Alexcri79

            L’efficienza termodinamica delle pile a combustibile varia tra il 40 ed il 60% a seconda delle forme di stoccaggio dell’idrogeno (ovvero se è già in bombole, o se un dispositivo deve tirarlo fuori dall’aria o dall’acqua in diretta).
            Secondo me, rispetto ad un modesto 30% dei motori a combustione delle macchine ed un più efficiente 50-55% delle più moderne turbine a gas, non è tanta come differenza.
            Il processo poi di estrazione della materia prima è simile, quindi…

          • Ema

            È la prima volta che faccio un discorso serio così in questo forum

          • Alexcri79

            …è una delle pochissime volte che scrivo, di solito mi limito a leggere. ;)

          • Alexcri79

            …comunque grazie!

      • Daniele

        Quindi o siamo degli indiana jones o questo coso diventa utile solo per stimolare orefizi?

    • Lucaru

      Scusate ma portarsi una batteria già caricata precedentemente??? Portarsi un caricabatterie portatile che funziona a semplici stilo??? Forse davvero non ne capisco ma questa invenzione è tutto fuorché utile

    • Alessandro_1972

      A quel prezzo compro 10 Battery pack della Sony da 2800mAh.
      Tra l’altro si parla di 5€ con vuoto a rendere, quindi se ne vuoi 4…
      E’ giusto investire in nuove tecnologie, ma un prodotto per essere commercializzato deve avere un senso.

    • fabiocf

      d’accordo ma alla fine bastano due battey pack standard anche nel deserto e considerando che non ci vai a piedi nel deserto c’è sempre la presa dell’accendino…

  • guidogt

    mi ricorda i primi motorola che potevi mettere le pile al posto della batteria ufficiale…

  • albxd98

    Mi viene in mente la scena del film terminator dove il robot butta la sua batteria ad idrogeno in mezzo al deserto e scoppia con la potenza di una piccola bomba nucleare. Certo quella è fantascienza ma anche se l’idea di quest’azienda è ottima non porterei mai con me una batteria con la potenza esplosiva di una granata. Già le batterie dei nostri smartphone sono pericolose e protagoniste di qualche tragedia, immagino una piena d’idrogeno cosa potrebbe causare se viene danneggiata o in qualche modo destabilizzata.

  • Pingback: Upp: il Battery Pack a celle combustibili ad Idrogeno [MWC 2014] | Notizie, guide e news quotidiane!()

  • alex

    Non ho capito l’ultima frase…
    20/30 gg di ricarica?.. Con 5000mha?

    • Alexcri79

      uhauhauhauhauhauhaha
      No, si ipotizza la durata della batteria con la nuova generazione delle batterie a idrogeno.

  • Yuri

    Non capisco perchè a fine articolo parla di 20-30 giorni di ricarica, se ora questo coso enorme rispetto ad una normale batteria ha la carica di 2 massimo 3 volte per piccoli smartphone. Qualcuno riesce a spiegarmi?

    • androidiani

      Si parla di una futura integrazione direttamente negli smartphones, il prodotto resta sempre a 5000mAh :)

  • cesco

    Certo la Fuel Cell ad idrogeno è molto interessante da un punto di vista ecologico visto che come risultato dell’ossidazione dell’idrogeno abbiamo acqua purissima, resta il problema di immagazzinare il suddetto idrogeno, un po’ per la pericolosità ma soprattutto per il limite fisico di non riuscire a comprimerlo molto ne tantomeno a liquefarlo se non a temperature assurdamente basse e pressioni troppo alte.
    Mi chiedo come mai nel frattempo non ci si punti sull’utilizzo del METANO come combustibile per le Fuel Cell visto che è anche lui una fonte rinnovabile (per quanto meno verde dell’idrogeno) e sappiamo immagazzinarlo ed esistono già anche i distributori.

    • Porco boia cane cattivone

      Ma come lo si rinnova il metano? Ah già si ehmm couch cough prrr cough… Scusate… Devo ricaricare il dell…

      • cesco

        Buahahahah!
        Proprio così!

  • Placido Acquacotta

    Il business instinct proprio non vi si addice, eh ragazzi?
    Questa sorta di pila gigante [perchè di quello si tratta] non va portata con sè, salvo forse in campeggio come ha pensato qualcuno, non va tenuta in tasca, non va ricaricata a casa…
    Ma provate ad immaginare un negozio che ne fornisca le ricariche in una zona a grande vocazione business, piena di uffici, movimento di colletti bianchi e persone analoghe… La zona della city di Londra, p.e. ma anche Milano nel quadrilatero della moda o Roma all’EUR…
    Posti dove c’è gente che usa lo smartphone ultimo grido -assetato di energia- o ne fa comunque un uso molto intenso… e che certo non si fa problemi ad entrare in uno store e prendere la propria cartuccia salva relationships, pagandola ragionevoli 5€…
    Non pensate a voi e al vostro utilizzo… Provate a mettervi nei panni di chi l’ha progettata e chi pensava fossero i propri potenziali clienti, certo non [solo] quattro sfigati trekker…

    • Porco boia cane cattivone

      Aaah. Grazie

  • andy warhol

    speriamo che questa tecnologia venga sviluppata sempre meglio!

  • Vortigern

    Per favore un po’ di informazione prima di scrivere!
    “mAh” non è un formato più comprensibile di “Wh”! Sono due cose completamente diverse! Il primo è una carica, il secondo un’energia!

    • androidiani

      Un formato più comprensibile per gli utilizzatori di battery pack, dato che le specifiche che ci hanno fornito erano solo in Wh.. Ora ti senti più felice e realizzato?

  • icaro

    è un bell’oggetto, ma spendere soldi tra l’acquisto e la ricarica mi sembra eccessivo quando ci sono caricabatteria come quello della cellularline http://www.cellularline.com/catalog/it/product/usb_pocket_charger_ultra costano il giusto e puoi ricaricare lo smartphone 4 volte, funziona perché ne possiedo uno

  • oscar

    Bello anche se preferisco uno a pannelli solari a 10 euro che ricarica bene e senza rovinare batteria e poi uno a 8 euro che ricarica fino a 2600 mAh…io ce ne ho uno da 1000mAh della silver crest e però non mi piace molto perché quando carica riventa un forno E GIUSTO???

  • Pingback: Siamo schiavi delle batterie - Editoriale MWC 2015 - Androidiani.com()