Android GO: Oreo arriva sugli entry level

5 dicembre 20173 commenti

Google ha rilasciato ufficialmente la versione Oreo di Android GO, che permetterà agli utenti con dispositivi dotati di scarsa memoria RAM (da 512MB ad 1GB) di usufruire dell'aggiornamento all'ultima versione del robottino verde, anche se con un software semplificato.

Stando alle dichiarazioni di Google, la versione Oreo di Android GO è composta da tre principi: il sistema operativo, il Play Store e le app Google. Partendo con il sistema operativo, Google l’ha ottimizzato al punto da rendere le app il 15% più veloci su questa versione del software. Android GO è stato anche progettato in modo da occupare il 50% in meno di spazio, così come le app preinstallate.

android 8.1

La funzione di risparmio dati sarà attivata di default, in modo da evitare che le app consumino troppo: alcune di queste feature sono state aggiunte già con Nougat, tra cui la possibilità di bloccare l’uso di dati in background.

Android GO Oreo arriverà con soltanto 9 app preinstallate: Google Go, Google Assistant Go, YouTube Go, Google Maps Go, Gmail Go, Gboard, Google Play, Chrome e Files GO. Tutte queste app sono state ottimizzate per occupare meno spazio possibile.

Leggi anche Android 8.1 Oreo: inizia il roll-out!

Il Play Store avrà una nuova sezione che evidenzia le app ottimizzate per device entry level, senza troppi fronzoli. In ogni caso gli utenti avranno comunque accesso alle app tradizionali, nel caso volessero installarle sul proprio device.

Android GO Oreo è pensato quindi per portare l’esperienza di Android 8 sui device entry level: il software arriverà entro i prossimi mesi, ma non sono state date ulteriori informazioni.

Loading...
  • acuvue

    E intanto il progetto degli Android ONE è ancora fermo a Nougat……ma non dovevano essere aggiornati in contemporanea da Google insieme ai suoi terminali??

    • Morpheus88

      ora non più infatti è una pagliacciata di progetto

      • acuvue

        Sono d’accordo!
        Tu “Potente Google” non puoi affermare prima una cosa e poi rimangiarti la parola affermando,da quanto leggo in rete, che “lo sviluppo resta cmq affidato ai produttori” perchè realmente è una presa per i ciapet!
        Fortuna che chi ha preso i MIA1 ha la possibilità di mettergli su la MIUI infinitamente più seria di questa pagliacciata!