Android O ha una release date, ed è il 21 agosto

12 agosto 20174 commenti

Su Android O, ottava release del sistema operativo mobile più diffuso al mondo, c'è ancora un alone di mistero, sia per quanto riguarda le novità che introdurrà sui nostri smartphone che, addirittura, per quanto concerne il suo nome in codice (Oreo? Forse).

Secondo i colleghi di Android Police tuttavia, che hanno compiuto delle indagini in merito, presto l’update non solo sarà svelato al mondo, ma sarà anche disponibile per tutti coloro i quali possiedono un Google Pixel: pare infatti che Big G abbia intenzione di presentare Android O il 21 agosto, rendendolo sin da subito disponibile al download per i suoi devices.

Sia chiaro: non c’è nulla di ufficiale ancora e da parte di Google tutto tace, tuttavia che il lancio fosse imminente era ormai palese, quindi non vi resta che rimanere sintonizzati per scoprire insieme a noi tutte le nuove features di questa release, che, siamo certi, farà molto parlare di sé.

Cosa ne pensate? Che vi aspettate da questo aggiornamento?

Loading...
  • roberto breda

    Qualcuno sa se c’è una beta x s8plus? Grazie.

    • Salvo conferme da parte di qualche altro utente prima di qualche mese non ci sarà nessuna beta per come vengono generalmente gestiti gli update da Samsung

  • roberto breda

    Ok grazie

  • Tersicore1976

    Io non mi aspetto nulla. Non è possibile ogni anno rinnovare, milgiorare e ottimizzare un SO. È da Lollipop che promettono una durata migliore della batteria, ottimizzazioni ecc… Quello che sanno fare è aggiungere nuove API e poccole funzioni con cambiamenti di interfaccia. Anche Apple non è da meno. Dopo 10 anni di sviluppo non ci sono più idee da mettere in cantiere. Idee intendo funzioni. Per l’ottimizzazione è la stessa cosa che smontare e rimontare un motore. Lo pulisci, lo metti a punto, cambi quelle parti usurate, ma il grosso è sempre vecchio e la differenza con un motore nuovo si vede e si sente.
    L’unica interessante rivoluzione si ebbe con OSX di Apple e la conversione per Intel. Con Android l’unificazione di un interfaccia che ha troppi “dettami da rispettate” e regole molto elastiche tanto che a molti non fregava nulla di aggiornare.