Amazon lancia in Italia il proprio MP3 Store ed il Cloud Player

5 ottobre 201213 commenti

Durante la giornata di ieri Amazon ha lanciato ufficialmente anche in Italia le proprie applicazioni per Android riguardanti la musica. Battendo sul tempo Google ed il proprio Music, il celebre sito e-commerce ha lanciato nel nostro paese l'ottimo MP3 Store con il Cloud Player. L'applicazione è scaricabile gratuitamente anche tramite il Google Play Store e permetterà di acqusitare e scaricare sul proprio dispositivo migliaia di brani ed album musicali dei cantanti e delle band più importanti e celebri del settore.

Nonostante sia già disponibile da alcune ore abbiamo voluto testarlo approfonditamente prima di poter esprimere il nostro personale giudizio a riguardo.

Con il ricco store di album e brani MP3, Amazon ha reso disponibile anche il Cloud Player che permetterà a tutti gli utenti di tenere sotto controllo i propri brani da qualsiasi luogo tramite la “nuvola” senza rischiare di perdere tutto.

Ecco la lettera di presentazione del CEO di Amazon:

“Caro cliente,

se sei un appassionato di musica, questa che stai ricevendo è sicuramente una buona notizia. Oggi presentiamo il nostro MP3 Store in Italia, con milioni di brani e oltre un milione di album. Bestseller come Sarò Libera di Emma Marrone, Nothing But the Beat di David Guetta, Uno! dei Green Day, Rossonoemi di Noemi, con la maggior parte dei brani a 0,99 EUR, e album di artisti come Michael Jackson, Mark Knopfler e R.E.M. a partire da 5,99 EUR.

Acquistando dal web o dalla nostra applicazione Android, avrai sempre un’ampia selezione, le anteprime dei brani e suggerimenti personalizzati. Abbiamo lavorato sodo per regalarti la migliore esperienza di acquisto, a prezzi vantaggiosi.

Oggi presentiamo anche Amazon Cloud Player, il servizio che ti permette di archiviare la tua musica in modo sicuro e ascoltarla ovunque tu sia. I brani e gli album MP3 che acquisti su Amazon saranno automaticamente salvati su Cloud Player, così da averne una copia di backup senza costi aggiuntivi. Su Cloud Player sarà facile archiviare il resto della tua libreria musicale, anche i brani che acquisti su iTunes, così da poterli ascoltare ovunque. I brani per cui troveremo una corrispondenza nel catalogo Amazon saranno immediatamente disponibili su Cloud Player, mentre gli altri brani verranno comunque importati, in modo da rendere subito disponibile la tua intera libreria musicale su Cloud.

Cloud Player è completamente integrato anche con il nuovo Kindle Fire e Kindle Fire HD, ora prenotabili in Italia. Cloud Player è disponibile per il tuo browser, dispositivi Android, iPhone o iPod touch, per ascoltare la tua musica ovunque tu sia. La tua musica è al sicuro, puoi ora scaricarla e riprodurla anche offline, quando vuoi. Tutti i titoli MP3 acquistati su Amazon e i primi 250 brani importati sono archiviati su Cloud Player senza alcun costo, oppure puoi importarne fino a 250.000 a soli 24,99 EUR l’anno.

Grazie per aver scelto di essere nostro cliente,

Jeff Bezos

Fondatore e CEO”

I prezzi non sono molto esagerati e per un album completo non saliamo sopra i 10 €, un singolo brano invece può costare anche circa 2 €.

Ecco alcuni screen che riassumono le principali features dell’app e del servizio MP3 Store di Amazon:

É d’obbligo un applauso ad Amazon per la puntualità e precisione del servizio offerto ed integrato perfettamente con Android ed il mondo desktop, soprattutto per aver battuto sul tempo Google, intenzionato da molto tempo a lanciare il proprio servizio Music anche nel nostro paese.

Nonostante il lettore multimediale non sia dei più completi ed efficienti, lo store ed il cloud player offrono ottimi servizi che anche Google avrebbe dovuto portare molto tempo fa anche nel nostro paese.

Non vi resta che scaricare tramite il seguente QRCode l’applicazione MP3 Store di Amazon:


Amazon Music
Amazon Mobile LLC
Gratuito
100.000.000-500.000.000
Link Google Play Store

Buon Download e buon divertimento con la vostra musica!

 

Loading...
  • Milite

    Notizia di ieri e come al solito copiata da altri………

  • Andrea Artoni

    DRM?

  • Fabrizio Arosio

    Vattela a leggere da “altri” allora. Pure io seguo decine di feed rss e siti di news, di alcune spulcio solo i titoli, altre leggo la notizia solo sul primo sito che la pubblica ed altre ancora le leggo su varie testate per trovare maggiori dettagli e leggere i commenti. Come pensi funzioni il mondo di blog e redazioni online? Non devo dare una notizia perchè l’ha già dato un altro sito? Devo pubblicare 30 articoli al giorno per coprire tutto quello che succede e poi inventarmi cavolate quando non succede niente? Se uno segue solo un sito, bene o male, prima o dopo, viene a sapere di quasi tutto. Se tu sei come me e vuoi essere aggiornato ora per ora, quando trovi una notizia che conosci già puoi non leggerla sai? E magari non commentarla nemmeno. Pensa un po’. Poi quelli che scrivono “notizia copiata” cosa vuol dire? Una cosa succede, da qualche parte uno dovrà pur leggere che è successa quella cosa e riportarla, o pensi che ogni sito abbia agenti segreti sparsi per il mondo a raccogliere notizie nuove? Che poi è pure citata la fonte….

    • Fabrizio Arosio

      Lol il mio era un reply ad un commento, ma l’avete cancellato!! ahahaha

    • marco

      Copiare le notizie da altri e per di più dopo un giorno non è fare informazione è usare il lavoro di altri senza scomodarsi a cercare le notizie da soli……Pensi che il primo che pubblica una notizia non si dia da fare per trovarla? Non pensi abbia delle fonti o dei contatti? Questo sito non ha niente, copia solo contenuti da altri siti e basta. Saremmo buoni tutti a fare un blog a questo modo.

      • milite

        Inoltre mettere in fondo informazioni sull’autore di questo articolo, é fuorviante visto che inuso non è assolutamente l’autore dell’articolo, semmai il copiatore…

      • Fabrizio Arosio

        Primo, ma se reputi questo un sito “inutile che copia notizie di altri” che lo frequenti a fare? Leggiti gli altri.
        Secondo, pensi davvero che ci sia gente in Italia che ha contatti o fonti dirette in America o in Google/Apple? Non pensi che non facciano altro che riprendere notizie da siti anglosassoni tipo engaged o simili? Già che si fanno lo sbatti di tradurle per me è sufficiente.
        Guarda, io ripeto sono uno di quelli appassionati estremi che refresha ogni 10 minuti e ti posso dire che il 90% delle “notizie” che leggo qui e su tutti i principali portali Android concorrenti, sono stati twittati ore prima da Engaged.
        Di portali italiani su Android ne frequento diversi e gira che ti rigira le notizie sono sempre quelle, su tutti e 6-7.
        Esistono redazioni di giornalisti e siti di appassionati, se poi qualche sito di appassionato impagina bene, mette link utili, condisce con immagini e ha più commenti di una redazione professionista, può pure darsi che preferisca leggere quello.
        NB: sono solo un utente normale, non ho niente a che fare con nessun sito di news.

        • ntony17

          io nn ho niente contro androidiani anzi è il mio sito preferito a momenti lo uso più di google :-) xò c’è una grossa differenza da prendere le notizie da engaged e mettersi li a tradurle e magari aggiungere qualcos’altro che fare un semplice copia incolla da hdblog cm spesso succede…non c’è lo cn l’autore che sia ben chiaro…xò a volte scoccia leggere le notizie su hd blog e magari dopo 2 o 3 giorni ritrovarsele sul nostro amato androidiani.com senza cambiare nemmeno le virgole!!! scusate l’intromissione…

      • Zio

        Concordo. Se si quota da altre fonti deve essere ben evidente anche graficamente. Una notizia andrebbe sviscerata da piú fonti, magari commentata e elaborata. Solo mettendoci del proprio i contenuti si creano e crescono. Se tutti usassero il copia e incolla, 1: non ci sarebbe nulla da copiare e 2: avremmo solo una versione della stessa news, alla faccia della pluralità di informazione.
        Sarebbe bene anche accettare le critiche degli utenti, che se si prendono la briga di farle è perché hanno a cuore il blog e non lo vogliono vedere come surrogato di in aggregatore di RSS.. crescerà androidiani?

    • Lycaone

      Concordo. Io guardo solo questo forum e che mi faccia da collettore di tutti blog mi sta bene. Se uno ne legge molti inevitabilmente ritrova le stesse notizie.
      Aggiungerei, questo sì, un riferimento alla fonte e non un “Autore” che non ha scritto.
      Potrebbero firmare gli articoli originali ed usare una firma “redazionale” per i copiati

  • Pingback: Amazon lancia in Italia il proprio MP3 Store ed il Cloud Player | Notizie, guide e news quotidiane!()

  • MatteoBiasio

    c…o hanno battuto google peccato G ha perso veramente un bel po terreno su questo.

  • Ginooo

    l’applicazione sarà anche bella ma occupa circa 10MB (!!!). Per chi ha un telefono dell’anno scorso non è un problema. Chi come me ha un Nexus One non ha più spazio per nulla dato che tutte le grandi app (Youtube, Drive, Maps, Amazone MP3 ecc) non possono essere spostate su SD. A questo punto mi chiedo cosa rende l’applicazione “integrata perfettamente con Android”

    Fonte: http://www.androidiani.com/applicazioni/amazon-lancia-in-italia-il-proprio-mp3-store-ed-il-cloud-player-130220#more-130220