App Annie: studio sui guadagni dal mercato app per Android ed iOS

5 dicembre 201211 commenti
App Annie ha rilasciato i risultati dell’ultime ricerca del mercato applicazioni per il mondo Android ed iOS, suddivisi per piattaforma, mercato, paese e così via. Il rapporto ha evidenziato tante sorprese del mercato, soprattutto per quanto riguarda il robottino verde ed il suo Google Play Store. Il mercato asiatico riesce a tenere sotto, anche in questo caso, il rivale statunitense; certamente tutt’altro risultato per la piattaforma iOS, padrona negli USA.

Per quanto riguarda Android ed il Google Play Store, il Giappone ha sorpassato gli Stati Uniti nei guadagni con applicazioni, dato certamente da non sottovalutare se si è sviluppatori.

Anche la Cina tallona gli USA per quanto riguarda i download di applicazioni. Inoltre, 9 editori su 10 che riescono a registrare il maggior fatturato, sia su App Store che Play Store, sono sviluppatori di videogame.

Infine il market di applicazioni di iOS riesce a registrare anche 4 volte le entrate del Play Store, anche se il divario sta leggermente diminuendo, soprattutto grazie alle software house di videogame.

Ecco le classifiche degli sviluppatori di applicazioni che hanno registrato il maggiore fatturato durante il mese di Ottobre:

ANDROID

  1. DeNA (Japan)
  2. COLOPL (Japan)
  3. GungHo Online (Japan)
  4. WeMade Entertainment (South Korea)
  5. Zynga (US)
  6. GAMEVIL (South Korea)
  7. GREE (Japan)
  8. NAVER (Japan)
  9. Gameloft (France)
  10. NextFloor (South Korea)

iOS

  1. Electronic Arts (US)
  2. Supercell (Finland)
  3. Zynga (US)
  4. Gameloft (France)
  5. Apple (US)
  6. Applibot Inc. (Japan)
  7. SQUARE ENIX (Japan)
  8. GungHo Online (Japan)
  9. Kabam (US)
  10. GREE (Japan)

L’intero report è disponibile al seguente link:

App Annie research

 

  • Pingback: App Annie: studio sui guadagni dal mercato app per Android ed iOS - Saperlo.eu » Saperlo.eu

  • dario

    stesso discorso del traffico web: sugli android di fascia bassa tantissimi sw a pagamento non girano o girano male o non si è incentivati ad acquistarli dalle prestazioni non esaltanti del proprio device, per il quale si preferisce ricorrere al freeware… dai terminali medi in su tutta un’altra musica, da quando sono passato da ideos a s2 e nexus 7 la voglia di acquistare ce l’ho eccome, sono diventato quasi uno spendaccione.
    secondo me questo è il primo fattore, il fatto che le app su android costino di meno e che ci sia più freeware a disposizione sono abbastanza secondari, le cifre sono più o meno simili e il freeware è sempre più scarso e scadente: da freeware si sta scivolando inesorabilmente allo shareware o, peggio ancora, al pagamento per sbloccare funzioni/livelli/personaggi ecc. per buona parte delle app.
    il che sinceramente lo vedo come un bene: la qualità (spesso) si paga, le principali sh per investire su android ci vogliono guadagnare, e sinceramente sono contento se il livello delle app si alza di qualità a discapito della gratuità, soprattutto ai prezzi mediamente molto bassi che abbiamo nello store.

    • lorenzo nappo

      secondo me TUTTI i giochi dovrebbero essere free-to-play ma per essere COMPLETATI non dovranno necessitare di una spesa superiore ai 5-6 euro per i giochi tipo nova 3 o modern combat 3 o altri quindi gratis che però sarà difficile arrivare a completarlo senza spendere quei 5-6 euro che il gioco vale ma non si avrà bisogno di spendere di +…. così sarebbe perfetto… chi si accontenta gode invece chi vuole completare tutto il gioco spende i soldi che sono l’effettivo valore del gioco non so se mi sono spiegato.

      • dario

        sìsì, ti sei spiegato bene! :) già molti giochi adottano questa formula… mi piace che tu trovi che sia la migliore, a me è quella che dà più fastidio! cioè, scaricare una demo sapendo che è una demo mi sta benissimo, farmi pagare servizi aggiuntivi in un gioco gratuito con però la possibilità di sbloccare quei servizi anche con l’abilità anche, quello che non sopporto sono i giochi che si presentano come free e poi se non si acquistano pacchetti di qualcosa è impossibile proseguire o ti consentono di fare una sola partita al giorno… credo siano i cosiddetti pay to play, ma forse confondo le terminologie, comunque ci siamo capiti… preferisco pagare tutto subito e usufruire del gioco da subito al 100%, personalmente.
        sono 2 filosofie differenti… sarà che sono vecchia scuola… :)

  • fabio virzì

    non considerano i terminali android con le varie potenze… anche se ci sono milioni di terminali non sono tutti uguali… ovvio che se android avesse solo per esempio il nexus 4 secondo me starebbe allo stesso livello di IOS no?

    • ezekielelupo

      Direi di no… un iSheep che spende 700 euro per il suo ifon e più propenso a spendere… oltretutto molte delle app che trovo gratis su android non le trovo allo stesso prezzo su ios.

      • Matteo

        Anche quelle a pagamento (non so perché) costano spesso 0.2-1$ in più nello store Apple

        • fabio virzì

          la apple guadagna anche sulla me**a…. loool :)

      • fabio virzì

        hai ragione in pieno… ma molte nuove applicazioni (specialmente giochi di ultima generazione) su molti terminali non girano… e perdono una bella fetta del mercato non credi?

  • Pingback: App Annie: studio sui guadagni dal mercato app per Android ed iOS | Notizie, guide e news quotidiane!

  • Pingback: App Annie: studio sui guadagni dal mercato app per Android ed iOS - Android Blog