Google: ecco i benefici di aver pubblicato le proprie app su iOS

11 giugno 201310 commenti
L'industria del mondo mobile frutta ogni anno cifre da capogiro alle varie aziende sparse in tutto il mondo, proprio per questo motivo uno degli aspetti da tenere assolutamente in considerazione nel momento in cui si lanciano nuove applicazioni, sono i sistemi operativi in cui rilasciarle, i mercati di riferimento e molto altro ancora. Date le premesse, Google ha giustamente pensato di lanciare le proprie app anche su iOS, ma quali sono i risultati effettivi?

Le informazioni sono state rilasciate direttamente dal Wall Street Journal e Onavo, un software utilizzato dagli sviluppatori per valutare il consumo di traffico dati da parte delle proprie applicazioni. Stando a quanto riportato, circa il 69% degli iPhone hanno utilizzato app di Google, sicuramente un bel balzo in avanti rispetto al 32% di Agosto 2012. Eccovi i dati nel dettaglio:

  • YouTube- utilizzato dal 49,5% degli iPhone
  • Google Maps – circa il 32% degli iPhone
  • Chrome – dall’8% al 17.6% attuale
  • Google Search – circa il 16%
  • Google Drive – circa il 4%

I numeri non sono da ritenersi ufficiali, ma che ne pensate? Google ha fatto bene a pubblicizzare le proprie app anche su iOS o si sarebbe dovuta dedicare solamente ad Android?

  • Sam Sam

    Ahhhh bhè, meglio ribadire il concetto! ;) Du volt is mej che uan!

  • Sbarbola

    Ctrl+C…. Ctrl+V, Ctrl+V…. OOooops!

  • Pingback: Google: ecco i benefici di aver pubblicato le proprie app su iOS | Crazyworlds

  • Walter

    Google ha fatto benissimo, anche perché a tutt’oggi Android non rappresenta un guadagno né tanto meno il core business dell’azienda.

  • Pinco

    Cioè mi state dicendo che un iphone su 2 non ha YouTube installato? Non ci credo proprio! :-P

  • Getter Dragon

    ma se non usano G Search cosa usano?

    • Nicola

      beh c’è sempre l’utile ed efficientissimo Bing!

      • Andy

        HA HA HA :-D

  • Leonardo Albertazzi

    Io avrei lasciato gli iPhone con il loro “iTube”, “iMaps”, Safari e iCloud!

    E poi li avrei anche trollati

  • Leonardo Albertazzi

    Io avrei lasciato gli iPhone con il loro “iTube”, “iMaps”, Safari e iCloud!

    E poi li avrei anche trollati