Mancano applicazioni per apprendere: fatevi sotto!

17 febbraio 201113 commenti
Sembrerebbe proprio che all'interno di tutto quello che c'è sulle tematiche riguardanti le applicazioni dei dispositivi portatili basati su Android, manchi l'applicabilità di una potenzialità fortissima dei dispositivi portatili: la loro estrema utilizzabilità da parte delle nuove generazioni per l'alleggerimento del pesante zaino scolastico. Probabilmente tutti hanno notato la presenza di applicazioni per leggere eBook, per vedere immagini, per calcolare (calcolatrici più o meno sofisticate). Quello che manca a tutt'oggi è  invece è la presenza di timeline per lo studio delle materie storiche, di applicazioni che mostrino territori e conquiste a seconda dell'epoca storica che si sta studiando.Eppure, andrebbero a ruba per consentire allo zainetto scolastico di alleggerirsi di una decina di chili. Un'applicazione per lo studio della chimica, che vada oltre la tabella periodica degli elementi. Un'applicazione per la costruzione di mappe concettuali facilmente trasferibili ed esportabili, o salvabili nel cloud, nella nuvola, in qualche sito dal quale poi riscaricare il tutta non appena rientrati a casa dalla scuola. Sarebbe molto sfidante, collezionare applicazioni per categorie didattiche. Applicazioni che possano fornire informazioni dinamiche, per fare in modo che i nostri tablet android non si trasformino, a scuola, in semplici eReaders. Si potrebbe pensare alla costruzione di categorie didattiche da mettere online su un sito apposito, dal quale poter scaricare e caricare informazioni dinamicamente, per ciascuna materia, per ciascun grado scolastico.

Un’applicazione che aiuti a scrivere correttamente la traccia di una composizione di italiano, potrebbe servire per “una brutta copia elettronica”. Il tablet, inoltre, potrebbe essere uno strumento per somministrare esercitazioni, test a scelta multipla, magari inviandole per posta elettronica la sera prima.

Purtroppo, finora, idee poche. Al massimo qualche prontuario in eBook da scaricare per un compedio di formule matematiche elencate in sequenza. Qualche testo per una trattazione monotematica.

In vista della scuola 2.0, e degli allievi 2.0, occorre preparare il terreno scrivendo applicazioni adatte.

Nei prossimi articoli, suggerirò eventuali metodi e tecniche di sviluppo di software tematico per utilizzo scolastico.

Stay Tuned!

  • Anonimo

    Ottima iniziativa! :)

    • Luceluce83

      Qualcosina c’é per prendere appunti,fare brainstorming e mappe concettuali,disegnare ed editare testi di ogni tipo. Anche le flashcard sono utili per lo studio. Si potrebbe fare di piú ovviamente. Magari una bella suite che permetta di fare tutte queste cose senza dover passare da un applicazione all’altra e che abbia un certo appeal e ottime funzionalitá. Io non so programmare ma sto lavorando a una tesi sul mobile learning e ho trovato questo post molto interessante. Credo che cmq nel progettare simili applicazioni si debba tener conto delle potenzialitá dello sharing e delle attivitá collaborative. Altrimenti non avrebbe molto senso rendere semplicemente piú portatili strumenti di cui possiamo comunque disporre.

  • da studente dico che è una cosa interessantissima, piuttosto che portarmi 5-6 libri mi porto il tablet e via, se si potesse usare poi realmente, già provato a portare la divina commedia sull’ipad, sono stato messo al posto del crocifisso più o meno…

    eventualmente comunque io sarei disponibile, una base di programmazione java ce l’ho, se posso essere utile da studente poi ;)

  • Cariplino72

    Suggerisco mbot che porta Moodle, l’LMS open source usato da università e aziende, sul tuo smartphone android

  • NightSky256

    A tale proposito vorrei far presente molti la presenza nel market degli emulatori (si proprio emulate al 100% dal codice della rom) di alcune gloriose (alcune ancora in vendita per parecchie decine di euro) calcolatrici scientifiche programmabili Texas Instruments. Avrei tanto voluto avere questo tel quando andavo a scuola altro che il Mitsubishi MT-35 che avevo all’ora (che era comunque mitico per i tempi)

  • Giwex

    Bellissimo articolo. Segnalo tuttavia la presenza di favoloso programma gratuito (e PRO, a pagamento) per mappe concettuali e con funzionalita’ cloud quale Thinking Space

  • Ac

    È una idea che avevo già in mente anche se rivolta a chi ha difficoltà nell’apprendimento per questioni personali… Solo che sono molto indeciso su che tablet acquistare. Verso marzo avrei probabilmente l’occasione di prendere il galaxy tab tramite contratto ma la mia paura è che sia troppo piccolo. Considerando il rapporto qualità prezzo e il fatto che va nelle mani di una bimba di nove anni chi mi può dare qualche consiglio?

  • Perfettamente ragione, appena avrò un pizzico di tempo era proprio quella la strada che volevo percorrere per la mia prima app :D

  • Francesco Felici

    “Sarebbe molto sfidante” non si dice. Libri di testo in pdf ci sono già per le scuole superiori. Con i prezzi che hanno i tablet questa scuola che si descrive nell’articolo forse esisterà per qualche benestante ma non ha futuro a livello popolare.

  • credo che ti sia perso il tablet scolastico per le elementari e che i netbook non sono riusciti nel vecchio continente a entrare a scuola a causa dei malpensanti.

    • poi aggiungo che per la scuola serve autonomia e buoni schermi per cui aspetterei un certo notion ink adam o schermi mirasol giusto per non accecare lo studente di turno se ci lavora tutto il tempo (o si ustiona le dita come sull’ipad)

  • Marco Cattarin

    Bell’idea. Effettivamente degli assistenti tematici non sarebbero male.

  • Begsnc

    scusate qualcuno mi sa dire se esiste un’applicazione per la chiamata vocale attraverso auricolare blue tooth per GT S5830 versione android 2.3.6 grazie