Snapchat continua ad affondare: la concorrenza (forse sleale) di Facebook ed Instagram si paga

11 agosto 201710 commenti

Ancora guai finanziari per Snapchat, app di messaggistica che si è fatta conoscere perché per prima ha portato sui nostri smartphone le cosiddette storie, ovvero foto / video ritraenti momenti della giornata degli utenti disponibili esclusivamente per 24 ore.

L’applicazione ha avuto così tanto successo da invogliare i suoi creatori a dare vita ad una vera e propria SpA quotata in borsa, mossa che sembrava intelligente vista la popolarità del servizio offerto, qualche tempo fa unico ed innovativo (se si parla di social networks).

Da quando però il consiglio di amministrazione di Snapchat ha deciso di non cedere la maggior parte delle quote, e quindi di fatto la proprietà dell’azienda, al colosso Facebook, le cose si sono messe male per la società, la cui idea è stata palesemente copiata proprio da Facebook, per giunta in tutte e tre le proprie applicazioni di punta (Instagram, Facebook per l’appunto e Whatsapp).

Ad oggi i ricavi e gli utenti di Snapchat sono in crescita, ma ciò non basta alla società ed agli azionisti: il titolo ha perso, nel Q2 2017, ben il 14%, portando avanti il trend negativo che ha avuto inizio nei primi tre mesi dell’anno, e scendendo a 13,77 dollari ad azione, ben al di sotto dei 17 dollari ad azione del prezzo di collocamento.

Insomma, nonostante gli utenti crescano, Snapchat, che nel mentre ha migliorato di molto la sua omonima applicazione, non convince gli investitori, forse troppo impauriti dalla spietata concorrenza dei colossi già affermati nel mondo dei social. Voi che ne pensate?

Loading...
  • pako8x

    Cosa ne penso? Facebook deve morire!!!

  • Ludo

    A parer mio l’idea che ha avuto è stata davvero buona solo che l’app poi non è stata sviluppata benissimo in quanto risulta pesantina e soprattutto all’inizio divorava internet e batteria mentre su instagram il tutto è stato sviluppato veramente bene. Quindi, per quanto in realtà Facebook abbia “sbagliato” (moralmente parlando) a copiare l’idea, ha reso la cosa più accessibile diciamo. Fermo restando che a me Snapchat non è mai piaciuta.

    • markbass91

      È vero, un’app fatta coi piedi e che alla fine non ha mai spopolato al di fuori degli USA dove al 90% si usava per mandarsi foto di nudi con autodistruzione a tempo…

      • Inoltre la versione per Android è sviluppata coi piedi se confrontata con quella di iOS

        • markbass91

          Si, di una pesantezza assurda

  • Ryder_173

    Si ma che senso hanno le stories ovunque?? Persino su WhatsApp… Mi viene da pensare che sia solo fatto apposta contro snapchat

  • ajaxx

    e certo….un’app ha il suo momento di gloria,e arriva marck ciucciemberg che se vole piglia la maggioranza…quelli rifiutano e allora giù mazzate.
    Purtroppo non c’è codice etico in mercato e finanza…pesce grosso mangia pesce piccolo.
    Certo è pure vero che…..ma chi glie l’ha fatto fare a buttarsi in borsa a snapchat?
    E’ proprio vero….di soldi piu ne hanno e piu ne vogliono.

  • FAB115

    E anche per il fatto che chi ha il root non può entrarci (a meno di usare roba per nasconderlo, ma non funziona per tutti).

  • Luki1

    La verità è che ci sono troppe app. simili che fanno le stesse cose.
    Ha senso avere installate 1000 app di messaggistica per parlare sempre con le stesse persone.
    Quando se ne ha una in cui ci sono tutti i contatti desiderati non ha senso installarne altre doppione…
    Premesso che poi non capirò mai cos’ha da dirsi la gente in tutte queste chat… A me basta e avanza whatsapp in cui il 95% dei messaggi sono cavolate cosmiche…

  • Se invece di tutti questi profili social avreste tutti dei blog personali potreste anche guadagnarci con tutti i contenuti che pubblicate. Che poveri polli che siete.