[Sponsored] GoodBarber: Quando creare apps diviene un piacere

16 luglio 201427 commenti
Al giorno d'oggi gli Smartphone e i Tablet sono al centro della nostra esistenza. Viviamo in un mondo in cui la frattura più grande della società è quella che distingue i "connessi" dai "non connessi". Risulta quindi fondamentale, soprattutto per chi gestisce una società, o una piccola attività, poter sfruttare le vie mediatiche offerte da internet, per raggiungere più persone. Il problema è semplice: non tutti sono in grado di creare apps da se. Proprio per questo ecco che ci viene in contro GoodBarber, un servizio che vi permetterà di creare applicazioni senza avere alcuna conoscenza di programmazione.

Si tratta di un servizio che probabilmente molti di voi aspettavano da tempo: una piattaforma che vi permette di raccogliere in un’unica app i contenuti presenti su WordPress, TypePad, YouTube, Vimeo, Instagram, Picasa, Flicker, Facebook, Twitter e molte altre applicazioni e servizi social.

I punti di forza di questo servizio sono senza dubbio la grafica, e la semplicità d’uso. Appena iscritti, attraverso il portale web, sarete guidati da una serie di passaggi che, vi permetteranno di “setuppare” in breve tempo, una bozza della vostra applicazione.

interfaccia pulita e semplicità d’uso

back-content2

Tramite un comodo menù di selezione, potrete andare a scegliere quelle che saranno le sezioni che verranno mostrate nella vostra app. Queste possono essere riordinate a piacere, mentre a fianco una preview vi mostrerà i cambiamenti a livello grafico che state apportando al vostro progetto. E se per caso non capite qualcosa, niente paura, la sezione Help è fornitissima e dettagliata; insomma è praticamene impossibile rimanere incagliati, in quanto ogni passaggio è spiegato per filo e per segno, con l’aggiunta di immagini interattive.

back-push1

Una funzione davvero interessante è quella che riguarda le notifiche push. GoodBarber offre, infatti, la possibilità di inviare notifiche ai propri utenti così da rimanere connessi con quest’ultimi senza difficoltà. Il menù delle impostazioni è davvero ben fornito, e offre la possibilità di diversificare i messaggi a seconda del tipo di utente a cui vi state approcciando (attraverso l’uso di filtri per zona geografica,per dispositivo, per utenza…) , il tutto tramite un comodo menù di selezione. E’ addirittura possibile andare a personalizzare il modo in cui la notifica verrà trasmessa all’utenza, ad esempio scegliendo la suoneria, o decidendo se mostrare o no il badge sull’icona.

back-content4

il CMS è un’altro fiore all’occhiello di GoodBarber. Questo vi permetterà di inserire e gestire i contenuti che verranno poi visualizzati dagli utenti della vostra applicazione. Anche in questo caso l’interfaccia pulita aiuta moltissimo chi è inesperto o alle prime armi. Per chi invece è abituato ad usare servizi come WordPress, non ci sarà alcun genere di problema.

Vi è anche la possibilità di controllare e monitorare la sincronizzazione dei contenuti che avete pubblicato, sempre grazie ad una comoda preview che vi permetterà di sperimentare l’impatto visivo, che la vostra creazione ha sull’utente finale.

back-update3

Se infine siete dubbiosi del risultato ottenuto, prima di pubblicare qualsiasi cosa sul market, potrete provare il vostro lavoro sul vostro dispositivo grazie all’introduzione di un’app ad hoc, con la quale potrete verificare il corretto funzionamento testando in maniera efficiente il sistema.

 

l’app che abbiamo sempre sognato

back-design1

Una delle più grandi paure, per chi si affida a questo genere di servizi, è quella di non riuscire a far si che la sua applicazione si diversifichi dalla moltitudine di altre apps che sfruttano la stessa piattaforma. Ebbene con GoodBarber questo problema non si presenterà. Difatti, appena entrati nella sezione dedicata alla grafica, vi verrà chiesto di selezionare uno fra i 50 temi di base da cui partire, ma navigando nei sotto menù, potrete facilmente andare a modificare ogni più piccolo aspetto, grazie anche alla presenza di più di 350 icone diverse, e 600 fonts a cui fare affidamento. Sarà inoltre possibile andare a modificare le texture, i colori e gli effetti. La comodità sta nel fatto che molti dei cambiamenti saranno immediati e non richiederanno il reinvio dell’applicazione (alcune modifiche possono portare ad un reinvio dell’applicazione, ma vi verranno notificate prima che agiate).

 

statistiche per essere social

back-stats1

Oltre alle classiche statistiche standard, che vi permetteranno di scoprire su quali dispositivi sono installate le vostre applicazioni, o quanti dowloads hanno effettuato della vostra applicazione, GoodBarber offre anche la possibilità di entrare in contatto con i propri utenti per capirne le passioni e le tendenze. Sarà infatti possibile capire da quale località provengono, quali sono le loro passioni etc. etc. il tutto attraverso un comodo servizio. E’ comunque possibile connettersi con servizi esterni quali Google Analytic o Flurry.

Schermata da 2014-07-02 16:54:20

Una volta che la vostra applicazione avrà riscontrato un po di successo, potrete fare affidamento anche agli ad server. GoodBarber integra, infatti, gli SDK di admob, MobPartner e Swelen. Con qualche semplice “tic” vedrete sbocciare nella vostra app splashscreen e banner, di cui potrete andare a gestire vari parametri quali durata, click, etc. e decidere se pubblicarli su una piattaforma o più.

 

app nativa e non…

Schermata da 2014-07-02 16:57:09

GoodBarber non ti permette solo di creare un app nativa per iPhone e Android, ma ti offre anche una versione web gratis, che potrà essere lanciata su gli altri dispositivi e sistemi operativi. Gli utenti avranno accesso a questa versione direttamente dal motore di ricerca del loro cellulare. Avrai anche la possibilità di collegare un dominio a questa web app, se vuoi che diventi la versione mobile del tuo sito web.

 

 PER CONCLUDERE…

Inizialmente il team a cui era stato affidato il compito di testare l’app era al quanto diffidente; a molti non piaceva l’idea della “pappa pronta” con cui vengono realizzati molti di questi servizi, ma abbiamo dovuto ricrederci. La facilità d’uso e il livello di personalizzazione sono talmente ben fusi assieme da lasciare a bocca aperta. Il servizio di assistenza è efficiente e sempre pronto ad aiutare in caso di bisogno, e verrete assistiti dalle stesse persone che hanno creato la piattaforma. Insomma se siete dubbiosi vi consigliamo di sfruttare l’opportunità che viene offerta di un periodo di prova senza impegno di ben 30 giorni. Se al termine dell’esperienza vorrete rinunciare, il vostro progetto sarà semplicemente cancellato senza costi aggiuntivi. In caso contrario, invece, potrete fare affidamento su due proposte differenti: la prima da 16€ al mese, presenta alcune limitazioni soprattutto nella parte dedicata alle statistiche, mentre la seconda da 32€ al mese vi garantisce un servizio completo (potete vedere il confronto fra le due proposte in modo dettagliato a questo link). Esiste poi una terza opzione, aggiunta di recente, che vi permetterà di sfruttare i servizi mobile, quelli Tablet e le opzioni da sviluppatore, il tutto a 48€ al mese. Se pensate che la cifra sia esosa, vi suggeriamo prima di provare a sperimentare la qualità del servizio.

Vi lasciamo con il link all’app che vi permetterà di gestire il tutto comodamente dal vostro smrtphone:


My GoodBarber

GRATIS
5,000 - 10,000
Link Google Play Store

  • Pingback: [Sponsored] GoodBarber: Quando creare apps diviene un piacere | Supernews

  • Pingback: [Sponsored] GoodBarber: Quando creare apps diviene un piacere – News Novità Notizie Trita Web

  • Pingback: [Sponsored] GoodBarber: Quando creare apps diviene un piacere | Crazyworlds

  • http://batman-news.com Samuele9

    Allora, mi sembra che si possano creare app per visitare pagine web da quel che ho capito, però ho visto anche un lettore musicale, boh :/ comunque la provo. Sto cercando qualcosa per creare il mio gioco.

    • Luke_Friedman

      Non è questo ciò che cerchi, te lo dico subito…

      • http://batman-news.com Samuele9

        Grazie

      • alex

        E che cerca? xD
        Ancora ho fatto solo un pò di basi java e preparato il materiale per android.
        Ma finalmente ho tempo libero, quindi andrò avanti in entrambi i campi.
        Ma mi sembra che eclipse non sarà sufficiente o cmq non abbastanza intuitivo.
        Ci sono programmi free, che conosci, per giochi stile puzzlebubble?

        • Luke_Friedman

          Eclipse serve per fare app non giochi… Prova a smanettare con Cocos (si scrive in C++) o con Unity (mi pare che abbia il supporto a Java, però per pubblicare una app scritta su Unity bisogna pagare), sono due tra i motori di gioco più famosi.
          Nei loro siti ci sono anche buoni tutorial :)

          • alex

            :o
            Ma come?
            Io ho visto parte di un tutorial per creare minecraft con eclipse (per java, non android).
            Alla fine con eclipse puoi lavorare solo di codice (a parte piccole cose) ma dovrebbe essere possibile tutto.. Solo più complicato, o no?

          • Luke_Friedman

            Sì, puoi farci di tutto se ti piace complicarti la vita XD
            Prova anche a imparare un po’ di OpenGL, sono le librerie grafiche usate in Android.

          • mauriziulu

            Eclipse è un iDE ovvero un ambiente di sviluppo, nessuno ti vieta di scrivere un’app con un editor di testo come vim o emacs o notepad. Unity include sia un engine grafico (librerie) che i tools per programmare distribuire. Su Android viene eseguito sempre codice Java (sulla virtual machine dalvik o ART) o C++ (tramite supporto NDK). Sono quindi 2 cose differenti, nel senso che puoi fare giochi tramite Eciplse programmando in C++ o usare altri strumenti come Unity

        • Pippo

          è da una vita che cerco il vero puzzle bubble per android…XD

          • Ing.Gae

            installa mame4droid (emulatore mame). Poi procurati la rom di puzzle bobble. Eccoti il gioco

  • Pingback: [Sponsored] GoodBarber: Quando creare apps diviene un piacere - WikiFeed

  • Frank’s neXus

    Gli sviluppatori storceranno il naso, ma per chi non ha le basi di programmazione, ma é appassionato come me può essere soddisfacente.. Spero però che ci siano molte possibilità di personalizzazione perche i programmi simili che ho provato sono troppo “sui binari”

    • alex

      Beh, hanno detto si possono modificare le texture….
      Non ho letto tutto quindi chiedo a voi.
      Si può agire anche sul codice?

      • Frank’s neXus

        Purtroppo non so proprio rispondenti :D

      • Katrina

        SI si può!! Se avete un pò conoscenze in materia potete personalizzare la app fin negli ultimi dettagli

  • Mirko Miorini

    Gran bel articolo questo, e gran bella trovata, la proverò…

  • little lake

    nn vedo l’ora di usarla…

  • dando82

    ho capito bene che ‘normalmente’ ti costa 16 euro al mese tenere su le tue app?

  • Andrea Bettati

    Sembra interessante! Sicuramente per un certo tipo di utenza potrebbe risultare un salvatempo/soldi notevole. Curioso di vedere delle creazioni! Posso riconoscere sul playstore app create con questo servizio?

    • Katrina

      Ciao Andrea, sono Katrina di GoodBarber, pubblichi le app a tuo nome e il nome di GoodBarber non compare mai, quindi non si riconosce che sono state create con il nostro servizio. Inoltre sono altamente personalizzabili quindi è difficile che due o più app vengano molto simili ;)

  • mauriziulu

    articolo un po’ tendenzioso… cosa vuol dire [sponsored] ?
    Comunque, da sviluppatore, dico che si è una ottima alternativa per le piccole aziende che necessitano di una vetrina sugli stores ma di certo, nulla di professionale ….

    • italba

      [sponsored] vuol dire che Androidiani è stato pagato per pubblicarlo. Problemi con l’inglese? Si capisce anche dal tono dell’articolo… Ad ogni modo, a me sembra più che altro un “aggregatore di contenuti”, altro che “app generator”.

      • mauriziulu

        conosco bene l’inglese, mi sembrava strano che su Androidiani vi fossero post a scopo pubblicitario …

        • italba

          Non lo metto in dubbio, volevo solo sottolineare che lo si capisce anche dal tono trionfalistico dell’articolo. Comunque, niente di strano che ci siano articoli così. In editoria si chiamano “publiredazionali” e non è la prima volta che compaiono su Androidiani.