WhatsApp: i problemi della sicurezza su Android sarebbero sopravvalutati

13 marzo 201415 commenti
Alcuni giorni fa un articolo dell'ingegnere Bas Bosschert aveva fatto discutere molto circa la sicurezza delle nostre conversazioni di WhatsApp su Android. Il database dei nostri messaggi sarebbe in pericolo a causa di una facilità estrema ad accedervi anche tramite semplice applicazioni con permessi di lettura sulla SD Card interno del nostro device. Dopo le tante polemiche un portavoce di WhatsApp avrebbe rilasciato le prime dichiarazioni.

Un addetto stampa del celebre servizio di messaggistica istantanea avrebbe rilasciato una prima comunicazione in merito al polverone causato dall’articolo dell’ingegnere Bosschert. Secondo quanto dichiarato, i media avrebbero gonfiato troppo la notizia, sopravvalutando i problemi della sicurezza sull’applicazione Android del servizio di messaggistica istantanea.

Infatti, secondo quanto riferito, le nostre conversazioni sarebbero in pericolo solamente se sui nostri dispositivi vengono installati malware o software pericolosi.

Inoltre viene sottolineato come l’ultima release abbia portato notevoli miglioramenti alla privacy, nonostante Bosschert sostenga il contrario. Non possiamo che dare ragione solamente in parte a quanto comunicato dal team di WhatsApp, dato che il criptaggio del database non sembra essere ben progettato.

Ecco quanto dichiarato ufficialmente da WhatsApp:

“We are aware of the reports regarding a “security flaw”. Unfortunately, these reports have not painted an accurate picture and are overstated. Under normal circumstances the data on a microSD card is not exposed. However, if a device owner downloads malware or a virus, their phone will be at risk. As always, we recommend WhatsApp users apply all software updates to ensure they have the latest security fixes and we strongly encourage users to only download trusted software from reputable companies. The current version of WhatsApp in Google Play was updated to further protect our users against malicious apps.”

 

  • kemos

    Ma allora posso tornare a mandare le mie foto nudo?!

    • Francesco Pozzobon

      Non vediamo l’ora.

      • Alessandro Marcheselli

        Hahahahaha xD

    • Antonio Argese

      Hahahah.

    • Vittorio Scicchitano

      Ahahah bellissima questa

    • Camerlengo

      Tranquillo, rilascerannno un fix per generare foglie di fico.

      • kemos

        Hahahahaha sono emozionatissimo

    • Lorenzo Insigne

      ahahahahahah XD

    • Ingorante

      Dai, che non hai mai smesso!! Anzi, in realtà speravi proprio che qualcuno craccasse il tuo database e le facesse girare in rete. Esibizionista che non sei altro! ;-)
      P.S. Nell’ultima che hai mandato si vede troppo il segno del costume!

      • kemos

        Cazzo… Mi hanno sgamato..

  • Pierino72

    Telegram!!!

  • asadgfg

    telegram <3

  • asadgfg

    “solamente se sui nostri dispositivi vengono installati malware o software pericolosi”
    ma cosa dite?? tutte le app che hanno il permesso “lettura memoria interna o sd” possono copiarsi tranquillamente il nostro backup delle conversazioni, il backup è criptato, ma sembra che si riesce facilmente a violare, il problema sta in quel backup che si salva in /mnt/sdcard/whatsapp, per non dire che le immagini non vengono in alcun modo criptate!
    se aggiornano nascondendo l’ultimo stato di accesso non risolvete tutti i problemi :P

    • Kouta84

      se un’app ti accede al backup di whatsapp e poi ci fa quel che gli pare allora rientrerebbe nella categoria malware o almeno spyware.

  • asd32

    TELEGRAM is the way!