Android Oreo cresce ma le precedenti versioni sono ancora vive e vegete

14 novembre 20179 commenti

Android è un sistema operativo che, per quanto ormai efficiente e completo, non smette di "sfornare" nuove versioni che, spesso, faticano a trovare un loro spazio sul mercato.

Android è un sistema ancora (troppo) “frammentato”

Diamo uno sguardo ai dati relativi alla distribuzione del mese di novembre 2017.

Leggi anche Smartphone, i prezzi di mercato continuano a salire

Android Oreo cresce ma le precedenti versioni sono ancora vive e vegete

Come si evince dalle percentuali riportate nella tabella, Marshmallow conquista il primo posto con il 30.9%. Seguono Lollipop con un totale del 27.2% e Nougat con un marketshare complessivo del 20.6%. KitKat mantiene un più che dignitoso 13.8%. Molto più distaccata, invece, la versione Jelly Bean con il 6.2%. Le ultime posizioni vengono occupate a pari merito da Ice Cream Sandwich e Gingerbread con lo 0.5% e dall’ultimo nato Oreo con lo 0.3%, quota molto positiva considerando il tempo di permanenza sul mercato.

Leggi anche Antutu, i 10 smartphone più performanti di ottobre 2017

Quale versione, al momento, anima il vostro smartphone Android?

Loading...
  • Mauro Zuccato

    Grande scoperta. Finché si continua con la politica che i device hanno gli aggiornamenti del sistema operativo solo per uno due o tre anni, invece che riceverli fino a quando hanno l’hardware abbastanza performante per gestirlo (esempio il mio Nexus 5 che non ha ricevuto Android 7 perché passati gli anni di supporto, e non per incompatibilità hardware) nessuno butterà via un telefono ancora funzionante e performante, solo per avere l’ultima versione del S.O.

    • icaro

      Concordo con quanto dici ma almeno una volta, potrebbero prendere spunto da apple e aggiornare i dispositivi finché non si piantano???

      • Alberto Luzzi

        Veramente Apple ti pianta i telefoni con gli aggiornamenti…basta leggere i changelog per accorgersi che l’ultimo update supportato non porta migliorie ne software ne grafiche, eppure viene distribuito lo stesso…

        • icaro

          I device vecchi i quali prima o poi cedono al peso del nuovo aggiornamento, di sicuro aggiornano più loro che qualsiasi brand con Android ed ho op3t

          • Alberto Luzzi

            con un altra grande differenza, su android puoi tornare indietro se ti si pianta il device…ho un nexus 7 che con android 5 era poco più di un fermacarte…sono tornato al 4 ed è tornato reattivo

          • icaro

            Vero anche io ho un Nexus 7 2013 con mm va bene però quanti brand fanno molti aggiornamenti su device Android?

    • teob

      Veramente per la stragrande maggioranza degli android in circolazione e cioè i medi e bassa gamma la politica è zero aggiornamenti….o se va bene 1.
      Però io mi chiedo, visto che le vecchie versioni anche di anni coprono ancora una percentuale elevatissima non sarebbe meglio avere un os che dura 2/3 anni e che viene aggiornato con patch uguali per tutti invece di una nuova versione ogni anno

      • Mauro Zuccato

        “Veramente per la stragrande maggioranza degli android in circolazione e cioè i medi e bassa gamma la politica è zero aggiornamenti…”

        Hai ragione, scusa, parlavo di esperienza personale… gli unici Android che ho avuto sono stati un SONY Xperia Neo (è stato aggiornato dal 2.2 fino al 4.0) e l’attuale Nexus 5 (aggiornato dal 4.4 KitKat con cui è uscito al 6)

  • il problema e’ che le case produttrici non hanno interesse per vendere ad aggiornare il sistema operativo di determinati device…se tutto fosse gestito in maniera open source per ogni device, la situazione sarebbe ben diversa…ormai perfino ripiegare sulle rom moddate di xda come la lineageos o altro, non ne vale nemmeno piu’ la pena, perche’ sono piu’ i bug che altro :D