Larry Page: 1,3 milioni di attivazioni Android al giorno e Google in rosso

19 ottobre 201215 commenti

Solamente poche ore fa, dopo la dichiarazione di Eric Schmidt dello scorso 6 Settembre, l'amministratore delegato di Google, Larry Page, ha confermato l'enorme numero di attivazioni giornaliere per Android, ben 1.3 milioni al giorno per il mese di Ottobre. Purtroppo i numeri rimangono invariati rispetto al mese precedente, pur rimanendo altissimi, e forse ciò è particolarmente dovuto dall'arrivo dell'iPhone 5. A confermare un periodo di stallo per Google ed Android arrivano i dati dei conti del colosso statunitense.

Nonostante l‘iPhone 5 di Apple con il suo nuovo display da 4 pollici e tante altre novità ha portato un periodo di pausa nella crescita di Android e delle sue attivazioni giornaliere per il mese di Ottobre, 1.3 milioni, non possiamo escludere che l’avvicinarsi del periodo delle festività natalizie possa portare un incremento ulteriori al grande numero d’attivazioni, forse potendo persino raggiungere la quota di 1.5 milioni.

Sicuramente le novità nei prossimi mesi non mancheranno e tanti nuovi smartphone potrebbe riportare le tendenze del mercato Android a quelle di alcuni mesi fa. Ma nonostante ciò un errore commesso nelle ultime ore e relativo alla diffusione anticipata dei conti del terzo trimestre sarebbe costato caro al padre del nostro amato robottino verde, Google.

Lo stesso Larry Page si è scusato per l’accaduto che ha colpito lo stesso mercato di Google, il quale dopo la pubblicazione anticipata dei conti del Q3 2012 ha subito un calo in borsa dell’8% perdendo in pochissimo tempo ben 24 miliardi di dollari di capitalizzazione, adesso ferma a quota 227.29 miliardi di dollari.

Ovviamente il calo negli ultimi mesi di BigG non è solamente causa di questa fuga di notizia poichè anche il settore del motore di ricerca ha subito un calo nelle pubblicità del 15% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Tutto ciò è una chiara conseguenza della crescita degli smartphone e del traffico dati attraverso essi, il quale non porta gli stessi introiti della pubblicità desktop; inoltre, secondo una ricerca di alcuni giorni fa, dal lancio ufficiale dell’iPhone 5, la maggior parte del traffico web è stato registrato da dispositivi iOS e non Android (ciò ovviamente non è l’unica fonte di traffico).

Sicuramente non il periodo migliore per Google, anzi potremmo definirlo il peggiore della sua storia, poichè tutto sembra aver subito un calo, una perdita, anche il profitto di 2,18 miliardi di dollari è calato del 20%. Ma nonostante ciò Page ha voluto rassicurare tutti:

We had a strong quarter. Revenue was up 45 percent year-on-year, and, at just fourteen years old, we cleared our first $14 billion revenue quarter. I am also really excited about the progress we’re making creating a beautifully simple, intuitive Google experience across all devices.”

Cosa dovrebbe fare o farà Google per dimenticare subito questo periodo nero?

 

Loading...