LG Nexus 4 entra, in parte, nell’AOSP

17 novembre 20129 commenti
I sorgenti di Android 4.2 Jelly Bean sono arrivati solamente alcuni giorni fa ed a comunicarlo è stato proprio Jean-Baptiste Queru, mainteiner del progetto AOSP. Tra i dispositivi supportati abbiamo sorprendentemente notato l'assenza dell'ultimo arrivato nella famiglia Nexus, cioè il Nexus 4 di LG. Le motivazioni di tale esclusione non erano state molto chiare tanto da poter insinuare, secondo alcune fonti, che la colpa fosse di Qualcomm, ma finalmente qualcosa sembra essere cambiato nelle ultime ore, anche se non del tutto.

Nelle ultime ore il codice sorgente di Android 4.2 Jelly Bean corrispondente al device LGE Mako, nome in codice del Nexus 4, è disponibile sui server di Google anche se non del tutto completo poichè ancora sprovvisto dei driver dello stesso smartphone.

Potrete verificare la presenza del codice sorgente tramite l’apposita pagina ufficiale anche se ancora ciò non permetterebbe ai tanti sviluppatori di creare perfette Custom ROM.

Non del tutto impossibile poichè per prelevare i binari dei driver basterebbe avere un Nexus 4 funzionante, lavoro maggiore per gli sviluppatori ma non impossibile, sarebbe stato preferibile riceverli da BigG come per tutti gli altri smartphone e tablet Nexus.

Sicuramente presto arriveranno anche i driver ma ciò non implica che in futuro, se ancora non fossero presenti, il nuovo Google Phone non riceva gli aggiornamenti, sarebbe come darsi una zappa sui piedi.

Come già detto, ciò grave sulle spalle e sul lavoro delle grandi community Android che aspettano i sorgenti completi per poter realizzare ROM perfettamente compatibili e funzionanti.

Nonostante ciò, dopo pochi giorni dalla disponibilità effettiva, gli sviluppatori di XDA-Developers, precisamente HQRaja, sono riusciti a realizzare un metodo funzionante per ottenere i permessi di root. La procedura standard è molto semplice e troverete tutte le informazioni necessarie nell’apposito thread sul forum.

Potrete scegliere due differenti vie per ottenere i permessi di root dopo aver sbloccato il bootloader ma entrambe porteranno lo stesso risultato, starà a voi scegliere il metodo più semplice.

Ciò apre le porte alle Custom ROM in attesa che Google fornisca anche i driver dello smartphone.

 

  • Alex

    LG fa sempre a pugni con i driver,è come se fossero uno fuoco e l’altro acqua :)

    • Milton89

      Google la stà seguendo proprio per insegnargli come ci si comporta… Convincendo i produttori e strappando contratti esclusivi con scritto “riservato” nei sorgenti dei driver, dategli tempo… Dietro ci sono ANNI di storia in quelle aziende

  • Sbarbola

    Avevo ragioneeeee!!!
    LG Nexus = aggiornamenti rapidi?
    MA DOVEE???
    Manco ci sono i telefoni, e come si vede neanche i drivers…

    Vergogna LG!!!!

  • http://www.facebook.com/ivleo79 Ivan Romanelli

    Va beh ma qui siamo arrivati veramente all’assurdo…il nexus 4 non è neanche in commercio praticamente, le persone sulla terra che ne sono entrati in possesso si potranno contare sulla punta delle dita, e si deve fare un articolo del genere con tanto di critiche annesse perché i fanatici non sono ancora entrati in possesso dei driver????? Ma santo cielo, abbiamo solo quello che ci meritiamo!

    • Oblivius

      I codici sorgenti pubblici sono la cosa più importante di Android.
      Senza di quelli siamo solo una copia originale di iOS

      • mmorselli

        Qui però non stiamo parlando dei sorgenti di android in senso stretto, ma del supporto di un device in particolare già inserito nel ramo principale, e più in particolare di driver binari, senza sorgente, e quindi non sotto licenza open source. Android è sotto licenza “Android”, fondamentalmente Apache, ovvero una licenza open molto permissiva per chi lo sviluppa, e se questo non bastasse, con honeycomb hanno dimostrato che se ci sono problemi si può ritardare un rilascio senza che nessuno si dia fuoco in piazza per protesta o che Andy Rubin venga messo agli arresti.

        Tecnicamente, i sorgenti ci sono, il dump del Nexus per i binari c’è, il problema al momento è inesistente, è solo una formalità che come tale verrà risolta prima o poi, nel tempo che ci vuole.

    • favo

      Santissime parole veramente

  • Pingback: LG Nexus 4 entra, in parte, nell’AOSP | Notizie, guide e news quotidiane!()

  • albxd98

    Una volta che si acquista un pure- google nessuno ha esigenza di flashare una custom ROM. Sempre se non siete affezionati alle ROM Samsung allora li scatta una miui.