Il mercato degli smartphone: una continua evoluzione

7 gennaio 201746 commenti

Negli ultimi anni il mercato degli smartphone ha subito una serie di cambiamenti importanti. Indipendentemente dalla gamma o fascia di prezzo a cui si è interessati, la possibilità di scelta si è incredibilmente estesa con l'entrata di nuovi produttori. Questi ultimi sono stati in grado di generare una feroce “battaglia” al ribasso con dispositivi da un rapporto qualità-prezzo sempre più interessante.

La fascia mid-range è di certo quella che ha beneficiato maggiormente delle nuove linee guida degli ultimi 2/3 anni. E proprio questi – con piccoli ma significativi miglioramenti – sono andati ad interferire nell’ostico mondo delle aziende più blasonate. Innalzando il proprio standard qualitativo non hanno rinunciato ad un’ottima accessibilità economica .

Ma andiamo per ordine e analizziamo la situazione attuale distinguendo il mercato dei dispositivi più prestanti in due macro-categorie: fascia medio-alta e alta.

€250-€399

Iniziamo con la fascia medio-alta in cui abbiamo una quantità di smartphone vastissima con estrema varietà ed un prezzo piuttosto accessibile.
Qui troviamo nuovi prodotti ma anche top di gamma degli anni precedenti.
Si parte dai sempre più affidabili Wiko, passando per i produttori cinesi come Nubia, Meizu e Xiaomi fino ad arrivare agli ottimi OnePlus, Honor e molti altri.

L’utente interessato a questa categoria necessita di un prodotto affidabile che gli consenta un utilizzo social ma anche una buona navigazione web ed un’ottima fluidità generale.

€499+

Nella fascia alta troviamo invece i top di gamma dei produttori più conosciuti come Apple, LG, Samsung, Htc, Lenovo, Sony e la new entry Huawei. Qui abbiamo un’utenza non disposta a scendere a nessun tipo di compromesso con necessita prestazionali molto alte. Una qualità di display e fotocamera necessariamente sopra alla media ed un budget piuttosto alto.

Una volta distinte le due macro-categorie per fasce di prezzo ci accorgiamo facilmente di come la distinzione sia molto approssimativa e non rispecchi minimamente la situazione attuale.
Nella prima categoria troviamo prodotti che in pochi mesi hanno dimostrato di poter far parte della famiglia dei top di gamma. Possiamo citare Honor 8, Nubia Z11 e i tanto apprezzati OnlePlus 3 e 3T che tengono testa senza alcun tipo di problema o compromesso a prodotti dal costo anche raddoppiato in alcuni casi.

Parallelamente, nella seconda categoria abbiamo molti prodotti che hanno deluso le aspettative e che sarebbero competitivi soltanto con un prezzo di almeno €200 in meno rispetto al loro listino.
Acquistare un OnePlus 3T a €449 converrebbe infatti molto di più rispetto ad un HTC 10 piuttosto che un Sony Xperia X Performance, data la differenza economica non giustificata dalle prestazioni generali.

Insomma dopo una parziale e approssimativa analisi è facile rendersi conto di come il mercato sia cambiato negli ultimi anni. Oggi il panorama smartphone ci offre alternative molto valide a prezzi ben più vantaggiosi.

Il vero motivo che ci ha spinto alla realizzazione di un editoriale di questo tipo è una domanda sempre più diffusa tra gli utenti: Vale davvero la pena spendere €700 per uno smartphone top di gamma al giorno d’oggi?
La risposta è – come spesso accade – molto soggettiva e deve basarsi sulle esigenze di ogni utente. L’unica certezza e che spesso spendiamo molto di più del dovuto.

Loading...