Il mercato degli smartphone: una continua evoluzione

7 gennaio 201746 commenti
Negli ultimi anni il mercato degli smartphone ha subito una serie di cambiamenti importanti. Indipendentemente dalla gamma o fascia di prezzo a cui si è interessati, la possibilità di scelta si è incredibilmente estesa con l'entrata di nuovi produttori. Questi ultimi sono stati in grado di generare una feroce “battaglia” al ribasso con dispositivi da un rapporto qualità-prezzo sempre più interessante.

La fascia mid-range è di certo quella che ha beneficiato maggiormente delle nuove linee guida degli ultimi 2/3 anni. E proprio questi – con piccoli ma significativi miglioramenti – sono andati ad interferire nell’ostico mondo delle aziende più blasonate. Innalzando il proprio standard qualitativo non hanno rinunciato ad un’ottima accessibilità economica .

Ma andiamo per ordine e analizziamo la situazione attuale distinguendo il mercato dei dispositivi più prestanti in due macro-categorie: fascia medio-alta e alta.

€250-€399

Iniziamo con la fascia medio-alta in cui abbiamo una quantità di smartphone vastissima con estrema varietà ed un prezzo piuttosto accessibile.
Qui troviamo nuovi prodotti ma anche top di gamma degli anni precedenti.
Si parte dai sempre più affidabili Wiko, passando per i produttori cinesi come Nubia, Meizu e Xiaomi fino ad arrivare agli ottimi OnePlus, Honor e molti altri.

L’utente interessato a questa categoria necessita di un prodotto affidabile che gli consenta un utilizzo social ma anche una buona navigazione web ed un’ottima fluidità generale.

€499+

Nella fascia alta troviamo invece i top di gamma dei produttori più conosciuti come Apple, LG, Samsung, Htc, Lenovo, Sony e la new entry Huawei. Qui abbiamo un’utenza non disposta a scendere a nessun tipo di compromesso con necessita prestazionali molto alte. Una qualità di display e fotocamera necessariamente sopra alla media ed un budget piuttosto alto.

Una volta distinte le due macro-categorie per fasce di prezzo ci accorgiamo facilmente di come la distinzione sia molto approssimativa e non rispecchi minimamente la situazione attuale.
Nella prima categoria troviamo prodotti che in pochi mesi hanno dimostrato di poter far parte della famiglia dei top di gamma. Possiamo citare Honor 8, Nubia Z11 e i tanto apprezzati OnlePlus 3 e 3T che tengono testa senza alcun tipo di problema o compromesso a prodotti dal costo anche raddoppiato in alcuni casi.

Parallelamente, nella seconda categoria abbiamo molti prodotti che hanno deluso le aspettative e che sarebbero competitivi soltanto con un prezzo di almeno €200 in meno rispetto al loro listino.
Acquistare un OnePlus 3T a €449 converrebbe infatti molto di più rispetto ad un HTC 10 piuttosto che un Sony Xperia X Performance, data la differenza economica non giustificata dalle prestazioni generali.

Insomma dopo una parziale e approssimativa analisi è facile rendersi conto di come il mercato sia cambiato negli ultimi anni. Oggi il panorama smartphone ci offre alternative molto valide a prezzi ben più vantaggiosi.

Il vero motivo che ci ha spinto alla realizzazione di un editoriale di questo tipo è una domanda sempre più diffusa tra gli utenti: Vale davvero la pena spendere €700 per uno smartphone top di gamma al giorno d’oggi?
La risposta è – come spesso accade – molto soggettiva e deve basarsi sulle esigenze di ogni utente. L’unica certezza e che spesso spendiamo molto di più del dovuto.

  • Ste Oh Yes

    Ovviamente no, infatti sono pochissime le persone che comprano lo smartphone a prezzo pieno, la maggior parte della gente fa abbonamenti con le varie aziende telefoniche. Personalmente penso che la miglior strategia sia quella di acquistare online 1 o 2 mesi dopo il primo giorno di commercializzazione in modo da approfittare della naturale svalutazione degli smartphone Android ma avere comunque un telefono nuovo.

    • Federico Cinque

      Certo… Basti vedere la svalutazione dei Samsung nel giro di pochi mesi per non parlare di lg dove il prezzo si dimezza addirittura a volte

      • Ste Oh Yes

        Infatti io ho acquistato a Giugno il G5 a 469€ anziché i 699€ iniziali ( o addirittura 729€ )

        • Federico Cinque

          Il trucco è resistere qualche mesetto dai ;)

          • Ste Oh Yes

            Esatto resistere… 😂🙈

          • Doc74

            oppure comprare cellulari con prezzi meno artificiali…

          • Doc74

            il punto è che se aspetti qualche mesetto in effetti stai gia comprando un prodotto “vecchio” certo non significa che non sia valido o altro . Ma che l’elettronica invecchi rapidamente non è certo una novità.
            LA legge di Moore non è ancora stata disattesa e dice che abbiamo un raddoppio di potenza ogni 18 mesi , per cui aspettare alcuni mesi ha un peso innegabile.

          • Marco Fioretti

            Sì, ma il problema sta anche negli aggiornamenti, prendi un p8 ed ad Android 7 non arriva, chiaramente rimane un prodotto valido ma comunque castrato dalle potenziali novità introdotte con il nuovo sistema operativo. Facendo un altro esempio, il mio primo Android fu un Xperia x10 mini pro, nato con 1.6 è morto con la 2.1, oppure un LG Optimus dual, nato con lan2.2 ed aggiornato alla 2.3 quando era già fuori la 4 che fu il vero cambiamento dentro al mondo Android

          • La speranza stava negli “windows phone” ho un lumia 950 XL e devo ammettere, che è un gran bel dispositivo.
            Purtroppo, questo progetto è stato quasi abbandonato, carenza di app, e le poche sviluppate sono insufficienti a rendere appetibile questa soluzione.
            Ma, in quanto a longevità e supporto, sarebbe la scelta migliore.

      • Doc74

        praticamente tutti gli smartphone perdono prezzo rapidamente( mi viene in mente yotaphone 2 uscito a 750 ora in vendita a 104 euro ) ,i motivi sono principalmente due.
        Uno è come dici tu il fatto che i prezzi di uscita sono spesso artificalmente elevati ,l’altro è più reale ed è l’obsolescientza tecnologica.( vedi legge di Moore)
        I cellulari invecchiano in fretta , non puoi vendere allo stesso prezzo uno smarthpone nato come top di gamma se dopo 12-18 mesi ormai viene superato in potenza dai medio gamma .

        • Federico Cinque

          Bella osservazione anche la tua si…in effetti spesso il motivo è anche un po’ questo

  • @Federico Cinque, ottimo articolo!

    La risposta è “NO” a prescindere.
    Qualsiasi top di gamma, non vale assolutamente quella cifra.
    Parlo di valore tecnico, costruttivo / progettuale, rapportato al ciclo vita e all’impegno (spesso sopravvaluto) di chi orbita intorno a questo indotto.
    Non si tratta di come uno vuole e può spendere il suo denaro…
    Sistema operativo, dove sono i giganteschi passi fatti finora?
    Hardware, vogliamo parlare delle batterie?
    Gestione, in due anni, siamo passati a modelli usa e getta, con un incremento dei prezzi “in molti casi” che ha quasi raddoppiato il valore dello stesso smartphone, cambiato d’abito.
    Fotocamere e design, tutto qui?

    La cosa sta a metà, tra la burla e un finto impegno, per portare il meglio sul mercato.
    Vedo molta gente acquistare come fosse un automa, acquistano un nome un modo di essere forse… insomma è una vera e propria moda.

    • Concordo in pieno. Il tanto proclamato impegno software per giustificare 700€ (e a volte più) di telefono è completamente campato per aria.
      OnePlus, citata più volte nell’articolo, con tutti i suoi problemi e contraddizioni, riesce a fare un aggiornamento ogni 2 settimane per il OnePlus 3 e per il 3T, aggiungendo sempre funzioni utili, oltre che all’ambiguo “fix bug vari”. Xiaomi è forse un po’ più indietro, ma sulla buona strada. Samsung? HTC? Aggiornamenti lentissimi privi di utilità, non mi risulta che S7 abbia ancora ricevuto Nougat… E il flop Note 7 è stato un errore imperdonabile per un’azienda di quel calibro.
      E tutto per sperare di fare concorrenza ad Apple con i suoi pecoroni (se noti ci si sta spingendo ben oltre 700€, anche 800 o 900, per arrivare a 1000 in alcuni casi)… Mah

      • Federico Cinque

        Hai ragione ma finché c’è chi compra anche solo per un’esclusività del marchio continuerà ad essere così.. Felice del mio Honor 8 preso al Black Friday a €299 ahahah ;)

        • Niente male, stessa cosa per me, quest’anno ho acquistato a prezzi abbordabili, l’ottimo LG V20, ed un sorprendente Honor Note 8 ,da 6,6″ ritengo questi dispositivi, utili e concreti, oltre ad appagare gli appassionati come noi, sono indispensabili assistenti di lavoro e svago!

        • rexandrex

          Felicissimo del mio honor8 anche se pagato 399. Non ha nulla che manca,e con la prossima emui5 pare diverrà ancora più performante. 700€ per un telefono sono ormai ingiustificabili

      • Rimpiango il biennio 2012/14
        Dove effettivamente, abbiamo avuto un salto generazionale.
        Attualmente sono pochissime le novità interessanti e soprattutto utili. :)

        • Già, il 2016 è andato anche bene tutto sommato, il 2015 è stato una specie di 2014 bis per la tecnologia mobile… Processori falliti e per nulla, se non l’exynos, superiori all’anno precedente.

    • Federico Cinque

      Ciao RedhooK grazie mille ;).. si hai ragione e per chi come noi appassionati cambia spesso cellulare comprare un top di gamma diventa un investimento a vuoto

    • mr verdicchio

      Sono pienamente d’accordo!
      Quando il top era il samsung s3 e i midranGe erano i galaxy Grand o ace o i cinesi vari ante one plus, che erano sempici cloni, c’era una bella differenza.
      E c’era pure un abisso, una differenza astronomica, tra s3 ed s5 dopo solo 2 anni.
      oggi invece tra un p9 lite e un HTC 10 la differenza viene fuori solo in alcuni usi. E tra un s5 e un s7 la differenza è molto minore che non tra s3 e s5.
      Vuol dire che ci stiamo avvicinando alla maturità di questa tecnologia.
      Che si può migliorare, ma parliamo di inezie.
      Sarebbe saggio aspettare un nuovo salto tecnologico prima di spendere cifre importanti.
      E nel frattempo godersi gli ottimi midrange…

      • È indubbiamente così.
        Cifre importanti a parte, direi di valutare e considerare, quando un dispositivo merita l’acquisto ad un prezzo superiore alla media.
        Superiore non vuol dire spropositato.
        Es: LG V20 dove intravedendo una certa longevità hardware, si può ottenere di restare al passo per un tempo maggiore.
        Personalmente, faccio questo tipo di scelte anche con le auto.
        Però siamo in un era, dove apparire è tutto, “apparire” e poi moltissimi hanno il portafogli vuoto…

  • stefano grasso

    Diciamo che sicuramente fino a un paio di anni fa il divario di prezzo coincideva anche con un certo divario di prestazioni (intese sia come fluidità, storage, fotocamera e innovazione, vedi ad esempio il sensore di impronte). Adesso il divario prestazionale si è notevolmente ridotto, pur lasciando inalterato il divario economico, e le differenze tra i cosidetti top di gamma e gli altri si è notevolemte ridotto. Le “grandi marche” a questo punto devono innovare, pur tenendo conto che adesso le innovazioni possibili, ma sopratutto utili che possano effettivamente fare la differenza sono quasi finite.
    Come velocità non penso si possa andare oltre, ovvero si potrebbe ma senza effettivi vantaggi.
    Definizione dello schermo idem già un full hd è sufficiente
    Fotocamera, occorrerebbero ottiche diverse, ma anche spessori diversi, quindi in controtendenza alla “moda” attuale. La doppia fotocamera più che altro aggiunge features.
    Bordi sempre minori ok, ma a discapito della robustezza (uno smartphone può cadere, anche se uno ci sta attentissimo )
    Personalmente vedo la vera innovazione nei display pieghevoli (in modo da avere in tasca uno smartphone che all’occorrenza possa “trasformarsi” in un tablet).

    Ma la vera verissima innovazione sarebbe un autonomia di qualche giorno…..

    • Federico Cinque

      Ciao Stefano, bella riflessione la tua. Si in effetti c’è poco da innovare però questo è un mercato che mi ha già stupito spesso quindi vedremo ;)

      • stefano grasso

        Grazie Federico (ovviamente bello il tuo articolo che mi ha dato modo di esternare il mio pensiero)
        Da appassionato di smartphone e tecnologia in genere non posso che, (come te) attendere una nuova evoluzione vera. Anche se ho l’impressione che, giunti al top nei vari campi (consideriamo che un prodotto che esce in commercio ha un tempo di incubazione di un paio di anni precedenti, se avessimo la fortuna di di esplorare i segreti di samsung ad esempio, sapremmo già cosa sarà l’s9 per dirne una e un idea di s10) si di andare ad esplorare altri mercati diciamo “paralleli” come tablet, 2 in uno, andando alla fine a creare confusione, con smartphone con schermi da tablet, tablet con schermi da pc, sistemi operativi da pc su tablet (e su smartphone). Insomma, vedo un attimo di stallo, forse in attesa della grande idea…. (almeno io da fissato lo spero !)

        • Federico Cinque

          Speriamo bene allora

        • Pignolatore®

          Secondo il modo più veloce per riuscire di nuovo a stupire sarebbe quello di ddilatare i tempi tra un modello e il successivo: sei mesi in cui la ricerca va avanti per i fatti suoi e si raccolgono feedback sul modello in vendita.
          E poi altri otto mesi per la progettazione del nuovo modello…un modello ogni 18 mesi, non prima.
          A quel punto ci sarebbe il tempo per fare qualcosa di interessante ogni volta

          • eric

            quoto tutto!

          • teob

            Oppure tornare a fare telefoni con tastiera e schermi da 2 pollici e ricominciare da capo … Così si possono garantire altri 10 anni di innovazioni. :-)

    • eric

      ….l’unico punto su cui non sono d’accordo è quando dici ….- cit – “…il divario prestazionale si è notevolmente ridotto, pur lasciando inalterato il divario economico…”
      ….direi piuttosto che i vari “cinesi non ufficiali” nei loro Top di gamma hanno decisamente fatto lievitare i prezzi avvicinandosi pericolosamente ai vari top regolarmente distribuiti e venduti …. un Nubia Z11 lo paghi come o più di un S7 edge con garanzia ufficiale Italia su uno shop online come viene venduto il cinese …. col fatto che un Samsung o un LG o Sony, hanno anche una più capillare rete di assistenza sul territorio ….

      • stefano grasso

        Vero anche quello, anche se in realtà intendevo dire che uno smartphone distribuito ufficialmente (e non importato) da 200/250€ fino a 300€ non risulta avere una differenza diciamo di funzionamento così diversa da uno che ne costa dal doppio in su. Basta vedere le centinaia di recensioni dei vari siti. Ormai le prestazioni si assomigliano tutte. Prendete un honor 6x ad esempio (ho visto delle recensioni recentemente) se non sbaglio costa 249€, non è così male. Prendiamo uno da 500€ (mi pare il samsung s7 se non sbaglio ma va bene qualsiasi altro telefono da quella cifra in su). Ci sono effettivamente 250€ di differenza e oltre ? Probabilmente no.
        Adesso è tutto un tentare di aggiungere caratteristiche (da parte dei top di gamma) che effettivamente non giustificano il divario dai non top di gamma (mi riferisco ad esempio e in ordine sparso allo schermo 2k, alla scocca in alluminio, al sensore d’impronte, alla fotocamera con doppio obiettivo per dirne alcuni), caratteristiche che poi vengono copiate dai non top di gamma.
        Mancano effettivamente delle caratteristiche di esclusività che possano giustificare il prezzo elevatissimo al di là del marchio (apple, anche se qui si parla di un ecosistema, Samsung, HTC, LG, adesso si sta affacciando Huawei – tutti in rigoroso ordine sparso).
        Ovviamente è una mia personalissima opinione

        • eric

          …diciamo che la grande differenza tra un Top di gamma come, per esempio Samsung S7 Edge ed uno che ci si avvicina (si fa per dire) che costa 200-250€ in meno la fanno in primis la qualità della fotocamera e la qualità dello schermo
          poi basta fare una prova fotografica tra S7 o G5 o HTC M10 o Sony XZ o un Pixel ed un cinese …. la differenza c’è eccome …. come pure paragonare un Amoled 2K ad un Ips ;)
          ogni “oggetto tecnologico” nella stragrande maggioranza vale in rapporto al suo costo …. e questo per tutto …. esistono ampli hi-fi da 2-3 mila euro che suonano benissimo ….. ma ascolta il suono che esce da un impianto da 20-30 mila euro e poi capisci la differenza ;)
          …stessa cosa per i televisori….le lavatrici e chi più ne ha più ne metta …
          ….l’unico discorso sensato è dire ” ….acquisto secondo le mie tasche ma non pretendo di affermare che un Nubia Z11 sia migliore, per esempio, di un iPhone 7 ” ….. ;))

    • teob

      Beh dire che le innovazioni sono finite mi pare azzardato. Nel senso che negli anni si pensa sempre di essere arrivati All apice poi qualcuno tira fuori l idea che stravolge tutto. Speriamo piuttosto arrivi presto altrimenti ci tocca sopportare altri anni di aurmento di antutu ;-)

      • stefano grasso

        al momento, da un paio di anni non ci sono grosse innovazioni, ma credo e sopratutto spero ci siano innovazioni forti … e parlo da fissato !!!… a me piacerebbe lo schermo pieghevole !!

        • teob

          Forse anche più di un paio di anni …. Ma non si può pretendere una rivoluzione ogni 2 anni …..a prossima sembra essere nuovi form factor da questo display pieghevoli…. Vediamo

    • Carlo

      Perché un pc o un laptop te lo tieni due, tre, quattro o più anni mentre lo smartphone lo si cambia come le mutande? Infondo costano quasi uguale ormai e concettualmente hanno hardware per fare le stesse identiche cose…
      Perché la vera innovazione sarebbe quella di uniformare la piattaforma di comunicazione mobile che garantirebbe un inevitabile riduzione degli apparecchi che circolano oggi sul mercato e cioè crollo degli intrioiti per le multinazionali

  • red wolf

    beh dico la mia..
    Ho visto due tendenze piuttosto contrapposte in questo 2016, due scuole di pensiero che hanno ripagato entrambe e quindi si fa fatica a fare una fotografia esatta del mercato smartphone e della sua futura evoluzione. Da una parte la corsa all’hardwere sempre più performante, capace di stupire per numeri e potenza di calcolo, nonchè gb di ram montati, dall’altra una certosina raffinazione softwere che porta agli stessi risultati di frubilità di macchine che montano processori ben più performanti. Sto parlando di oppo e vivo vs tutti gli altri. Oppo e vivo hanno lanciato sul mercato diversi smartphone, nessuno veramente top di gamma (tranne vivo ma poca roba), ottimizzati maniacalmente e con prezzi che non rispecchiavano l’hardwere utilizzato….eppure hanno venduto come il pane, superando xiaomi che fa del rapporto prezzohardwere un cavallo di battaglia vincente. Dall’altra parte tutti gli altri produttori hanno puntato su qualcommkirin e il suo top soc, pur ottimizzando anche loro con una ui interessante, ma spesso lanciando prodotti dall’appeal discutibile (quanti lemax 2 avrebbe venduto leeco se avesse fatto uscire la versione nera o blu scuro?….io dico minimo il triplo) .
    Quindi una delle tendenze del 2016 è il design e l’esperienza utente premiati a prescindere dall’hardwere utilizzato…e penso sarà così anche nel 2017. La gente vuole uno smartphone ma anche un oggetto stylish, vuole le banane ma soprattutto un sistema fluido e intelligente e vivooppo l’hanno capito in anticipo.
    C’è margine per innovare? Assolutamente….quante volte ci è capitato di pensare ad un settore non riuscendo ad immaginare nulla di innovativo che potesse stravolgerlo e poi vedere lo stravolgimento con qualcosa che mai ci sarebbe venuto in mente. Ecco penso che project tango sia la prossima innovazione, perchè migliorare la fotocamera nello spazio concesso dai canonici 78mm sarà dura, quindi si punta a qualcosa che diversifichi l’utilizzo (da parte dei produttori) della fotocamerae e il conseguente esborso da parte del cliente per averle.
    Ios insegue (double tap to wake nel 2017??? son scarsi forte) e quindi copiare da apple secondo me, nel softwere, nn sarà più così remunerativo come prima…servono novità , servono ui proprietarie fortemente connotanti dell’identità del marchio e far uscire telefoni che montino ancora android stock, mal ottimizzato, non premierà sulla lunga e media distanza (umi ed elephone su tutti).
    Seppure in espansione, non come 2 o 3 anni fa, ma comunque in espansione, il mercato mobile nn potrà dare gli stessi frutti di prima, quando c’era il boom….mi aspetto qualche collasso fra quei piccoli assemblatori che nn offrono nulla di più di un assemblaggio + android stock + hardwere scarso….ce ne sono parecchi.

    • Federico Cinque

      Bravo si in effetti se ci pensiamo si sta appiattendo l’intero mercato però a mio avviso c’è ancora un bel po’ da dare, vedremo cosa… Io quest’anno nelle mie review ho osannato nubia perché per me ha debuttato quando ha capito di essere pronta con dispositivi degni di nota e prezzi oserei dire “normali” o “onesti”. Oltre a lei tanti altri produttori hanno fatto bene e se si vuole spendere il giusto si ha solo l’imbarazzo della scelta. I leeco funzionano molto bene così come gli umi e ce n’è davvero una lista infinita
      Mi piace e vi ringrazio per questa discussione educata e stimolante sotto un editoriale a cui tenevo particolarmente ;)

  • matteo0026

    Secondo me come detto da persone qua sotto, un telefono che dura 2 anni sembra un fatto veramente usa e getta… Se un telefono venisse aggiornato per tanto tempo, come minimo come un device di casa Google, avesse una batteria decente (non come le ciofeche di oggi che 3-4 ore di schermo acceso e sono a 0), avesse ottimizzazione sempre maggiormente seguita con l’andare avanti del tempo, non ci sarebbero questi cambi di telefono rapidi… gente che cambia il telefono ogni anno… ma come mai? Semplicemente perchè o è per fare il figo, oppure perchè al telefono che si ha, c’è qualche mancanza… Io con LG G2 mi trovo male per esempio… Lo ho da 1 anno, poi a livello di performance non è male, magari la gpu poteva essere un po’ meglio, lo schermo non è male, i colori sono scialbetti, tipico da IPS. Poi la scocca in plastica alla prima torsione scricchiola come una vecchia porta… La ricarica è veloce, confrontata ad altri device top di gamma di ora… Un ora e 40 più o meno per una ricarica da 0 a 100% su una batteria da 3000 mAh. Batteria che non va bene, la giornata è quasi impossibile finirla, 3 h di schermo ed è ko, testata qualsiasi ROM, stock e AOSP. La ricezione è pessima, perde facilmente segnale e la velocità del 4g talvolta è bassa, decolla solo a qualche centinaio di metri dal ripetitore, senza ostacoli davanti ovviamente… Poi l’audio in capsula si sente bene, ma l’altoparlante è assolutamente pessimo, se si alza un po’ di più il volume sopra al normale inizia a gracchiare e perde di qualità, ovviamente, partendo da una qualità pessima, assente di bassi e con troppi alti… Ora come ora se potessi prenderei Redmi 4 pro, ne ho sentito parlare bene in tutti i lati…

    • Pat

      Non riesci a fare una giornata con un g2?? Sei sucuro di parlare del g2??
      Il mio ha 3 anni e la giornata la fa tranquillamente con uso medio/intenso….
      Nell’ultimo annetto la batteria sta leggermente calando….
      All’ inizio con uso leggero faceva 2 giorni tranquillamente…..

      • matteo0026

        Ma manco morto me la fa la giornata… Oggi perché sono stato tutto il giorno in WiFi ho fatto 4 h di schermo e mi rimane 19%… Ma ne ho fatto un uso leggerissimo… La mattina qualche messaggio e un 30-40% me lo sarò fatto su YouTube… Batteria cambiata in assistenza per la 3a volta in assistenza 6 mesi fa ed è in linea con quello che facevo con le altre 2 batterie…

        • Pat

          Hai provato un hard reset??
          Magari dopo qualche aggiornamento si é incasinato….
          La batteria del g2 é una bomba… Impossibile che non riesci neppure a far la giornata…. C’è qualcosa che non va….

          • matteo0026

            Ma sai chi sono io? Sono il manteiner ufficiale della XOSP per d802… Di Wipe ne ho fatti a decine… Provate tutte le rom, kernel ecc…

          • Pat

            Va be… non ti scaldare….
            Dicevo solo che sembra strano…. Il mio dopo 3 anni fa tranquillamente la giornata….
            Il g2 é famoso proprio per la sua autonomia…..

          • matteo0026

            No non mi sto scaldando, tranquillo… era solo per precisarti che di wipe ne faccio… Poi dipende anche dall’uso… Io il telefono lo apro e lo chiudo tante volte, arrivano tanti messaggi, tante volte sono fuori casa, quindi in 4g… ora forse puoi capire perchè dico che non è il telefono che fa per me :v

  • kessa92

    Negli ultimi anni sto cercando di valutare il rapporto prezzo/software più che prezzo/hardware visto che ormai a livello di hardware sono tutti lì più o meno. Ultimamente mi sto fissando molto su android stock perché lo reputo migliore in semplicità. C’è da dire che dal mio punto di vista il problema più grosso è (oltre all’autonomia delle batterie) l’aggiornamento. Un computer costa le stesse cifre di uno smartphone (tralasciando le macchine per chi ci deve lavorare/giocare) ma il sistema operativo dura un sacco. Android invece cambia ogni anno (ed è un bene) ma ogni top gamma fa al massimo un aggiornamento importante (esempio passaggio android 6/7) e stop. A parte i Nexus/pixel che ne fanno 2 (esempio android 5/7). Finché comprando un top di gamma lo si aggiorna solo 1 anno, per forza di cose lo si deve comprare ogni 1/2 anni se si vuole stare “al passo”. Parlo sempre dal mio punto di vista ed esigenze, logico che la fetta più grande del mercato sceglie uno smartphone per moda.

  • mngraphics

    Risponderei di istinto con un NO, ma attenzione che le ultime migliorie in un settore sempre più maturo, vedasi processori con processi produttivi a 10nm, fotocamere sempre più avanzate (occhio alle migliorie soprattutto lato software, vedi Pixel), batterie che reggono oltre i 2gg, ricariche sempre più brevi.. esistono grazie alla presenza dei top di gamma, e dei suoi acquirenti.
    secondo me ci sarà sempre spazio nel mercato per i prodotti da 500 in su, è grazie a questo che possiamo disporre di mid range sempre più competitivi, e magari “personalizzati”: il mid con fotocamera da top gamma (magari con zoom ottico), il mid con batteria supercapiente, il mid con lo snapdragon 8xx..
    Il vero game changer per me potrebbe essere il dispositivo che potrà interfacciarsi con monitor, mouse e tastiera, mentre per qualcun altro potrebbe essere quello con una camera selfie da 350 mpx. Per adesso mi metto comodo e aspetto..