Smartphone in stallo? Si cercano idee per il rilancio

6 marzo 201484 commenti
Se dovessimo fare mente locale e pensare un momento a quale sia l'ultima "reale" novità inserita negli smartphone, a cosa faremmo riferimento? Se parliamo di design forse i phablet, degli smartphone con lo schermo maxi, o dei "mini-tablet". L’unica vera nuova funzionalità? Forse il riconoscimento biometrico dell’iPhone 5S, o il sensore per il battito cardiaco del Galaxy S5. Ma sono queste features davvero utili? Possiamo davvero paragonarle alle innovazioni che avevano interessato l'uscita dei primi smartphone?

diciamo addio all’innovazione smartphone?

Il tempo passa, il primi smartphone sono apparsi da più di 6 anni, i telefoni si diffondono nel mondo, al punto che i mercati a cui guardare non volgono a occidente. In Europa, in Usa, ma anche in Cina si rallenta il commercio, la saturazione si avvicina lentamente e i mercati emergenti non possono da soli reggere il peso di un crollo.
Sorge allora lecita la domanda fatale: Quando vedremo, quando apparirà finalmente un dispositivo in grado di sbaragliare il mercato con la stessa frenesia e potenza che aveva caratterizzato l’iPhone nella sua prima uscita? Una domanda che ormai serpeggia tra gli utenti e tra i consumatori, e che apparentemente, i produttori non si pongono minimamente, o meglio, forse non vogliono darlo a vedere. I problemi più grandi riguardano lo smaltimento delle scorte, il fronteggiare la crisi e accontentare gli azionisti che ansimano sul collo delle industrie.
Lo smartphone è indubbiamente il nuovo centro digitale per l’uomo. Il computer sta pian piano venendo surclassato dalla tecnologia portatile, e dalla sua estrema comodità.
Eppure, dietro i grandi numeri pubblicati, c’è inquietudine: mentre ogni nuovo dispositivo viene immesso nel mercato con un’apparente moltitudine di “must have” features, quello che appare ai nostri occhi è che il termine “Innovazione” sia stato sostituito con “blanda iterazione“.
Di conseguenza sembra che l’entusiasmo iniziale che riguardava la tecnologia mobile, si sia inesorabilmente spostato verso le tecnologie indossabili, come I Gass di Google, o i vari tentativi di accensione dell’entusiasmo per gli smartwatch.

Innovation.

Questo è davvero un peccato, in quanto ci sono ancora parecchi problemi da risolvere, così come tante sono le idee che si possono avere per rilanciare il settore.
Ed ecco che dopo un’edizione probabilmente tra le meno esaltanti del Mobile World Congress, emergono quattro spunti di riflessione su cui la comunità del web ha portato l’attenzione:
Oltre la mattonella

Il design a “piastrella del bagno” è la massima espressione degli smartphone. Dal primo iPhone all’ultimo della banda degli androidiani il filo conduttore è sempre lo stesso. Cosa c’è, allora, oltre la mattonella? Lg attenta un cambiamento: rendere curvo, ergonomico, lo smartphone. Basterà a far cambiare espressione agli appassionati?  Lo possiamo davvero considerare un “Must Have“?

 Ottenere finalmente i pagamenti via smartphone

Giocare, sì, va bene. Socializzare, leggere i messaggi, chattare, ascoltare la musica, scattare le foto e vedere film e video. Ma vogliamo aggiungere qualcosa di più succulento al piatto? Tutti i giorni sono costretto a portarmi dietro un portafoglio pieno di pezzi rettangolari di plastica con pochi kilobyte di dati, non criptati e facilmente smarribili, su di essi: le carte di credito. Certo, sono molto più intelligenti di quelle di una volta, ma tutte queste carte ancora occupano molto più spazio nel portafoglio di quanto una applicazione non ne occupi sul mio smartphone. La tecnologia è (abbastanza) a posto e, allora, andiamo oltre lo stallo in cui operatori telefonici, società di intermediazione bancaria e produttori rimangono perché non vogliono cedere l’esclusiva ai concorrenti.

 Collaborazione?

Gli smartphone sono delle entità solitarie. Al massimo dialogano con i Tablet della loro stessa famiglia. Troppi ancora i limiti di compatibilità tra dispositivi simili, difficile immaginare un dialogo con dispositivi differenti dal proprio modello o OS. Apple ha un ottimo servizio di Cloud ma, appunto, è solo Apple. Se ci stiamo dirigendo verso un mondo in cui tutto è indossabile e “on-line”, connesso all’intelligenza collettiva dal nome “Internet”, è ora di prendere seriamente in mano la questione e affrontarne le conseguenze.

A caccia di Corrente!

battery

La peggiore apocalisse zombie non è paragonabile alla famelica caccia alla corrente che interessa il mondo smartphone (non so voi ma nella mia università per aggiudicarsi un tavolo con annessa presa elettrica bisogna letteralmente appostarsi). Nonostante le innovazioni, sembra che la batteria sia rimasta in ogni caso l’ultima ruota del carro.  E allora che fare? Per un problema che riguarda soprattutto lo spazio (non si può puntare alla miniaturizzazione e pretendere un’autonomia maggiore con le tecnologie attuali), uno spiraglio può essere solo la modularizzazione delle componenti. Solo uno smartphone dal design a blocchi permetterebbe la sostituzione delle componenti tramite upgrade, in tempo reale a seconda delle esigenze del momento.

Detto questo, sono davvero curioso di sapere quali siano le caratteristiche dello smartphone perfetto, secondo voi!
  • Kave90

    Non ha senso tutta questa fame di innovazione, bisogna essere realisti. Ormai, i margini di miglioramento importanti sono rimasti a livello di Autonomia, punto e basta. Ho una personale teoria: ambienti differenti sviluppano comportamenti simili. Guardate i notebook: da quanto tempo non c’è innovazione, a parte nei componenti? Le architetture sono sempre quelle, in dotazione c’è una webcam con un lettore dvd, e poco altro. Questa degli smartphone è stata una bolla, si doveva prevedere un rallentamento nel campo dell’innovazione, prima o poi.

    • Frappo

      Si è innovato il design il peso e l’autonomia.. Ora per fare un esempio hai un macbook air 13″ potente quanto un desktop (soprattutto in single core) di un paio di anni fa, pesante poco più di un chilo,con una batteria da 12 ore (ti si scarica prima lo smartphone, poi il tablet e infine questo ma sarà ora di andare a dormire… E ti voglio a lavorare al computer e quindi fare qualcosa di serio per 12 ore consecutive)… È vero l’idea è ferma a quella che era nel 2007 ma solo oggi c’è la tecnologia necessità a quell’idea

      • Kave90

        hai meritato un +1, ma quella più che innovazione è “potenziamento”, “aumento dell’efficienza”. Il Cancro dell’innovazione smartphone è che ci sono persone che vorrebbero con uno schiocco di dita schermi flessibili ed “innovazioni” fumose che non sanno nemmeno loro in cosa dovrebbero consistere.

    • gigi

      Magari risolvessero il problema dell’autonomia!!!

  • Pingback: Smartphone in stallo? Si cercano idee per il rilancio | News Novità Notizie Trita Web

  • Pingback: Smartphone in stallo? Si cercano idee per il rilancio - WikiFeed

  • Daniele

    la vera innovazione? si avrebbe con un prodotto all in one…per capirci meglio lo ubuntu edge che voleva produrre canonical. Quella sarebbe vera innovazione nel settore. Basta con questi s.o. giocattolo, è finita la loro era…oramai si vedono sistemi operativi completi che sono adattati a più dispositivi. Il passo successivo sarebbe una reale evoluzione di android, renderlo più produttivo, saperlo adattare a grandi schermi e monitor, avere un unico prodotto capace di fare ogni cosa, perchè diciamocelo, un top di gamma da 700-800 euro, che la maggior parte degli utenti usa per far girare whatsapp, facebook e flappy bird…beh sono soldi buttati. Con 800 euro di spesa, vista l’evoluzione hardware mostruosa inadatta, non accompagnata assolutamente da un’evoluzione software adeguata, si potrebbe avere davvero un prodotto in grado di fare tutto. Con l’ubuntu edge avevi un mostro di telefono, che potevi collegare al monitor e avevi ubuntu completo e diventava un computer.
    Poi va beh c’è ancora gente che per innovazione si intenda avere il processore octa core, avere 3 gb di ram perchè le case produttrici personalizzano col culo android per poi avere con 800 euro uno smartphone laggoso, avere il gorilla glass 3 che appena ti cade lo smartphone da 1 cm di altezza si disintegra lo schermo….beh questo tipo di consumatori si merita gli smartphone che sono in produzione ora, continuate a correre a comprare l’ultimo galaxy (per non parlare della serie note, nata per la produttività, essenzialmente ferma come idea di innovazione al note 1)…io prima di spendere 800 euro per uno smartphone aspetterò un terminale realmente innovativo come l’ubuntu edge, con un s.o. vero sopra, altrimenti continuerò a bazzicare sulla fascia dei 300 euro massimo, perchè tanto prendere uno smartphone di ultimissima generazione o un top di gamma dell’anno prima a 1/3 del prezzo di listino non cambia essenzialmente nulla, anche se purtroppo c’è gente convinta del contrario.

    • Ray
      • Paolo Cantamessa

        Yes

    • pepe

      Forsr non centra.. W il surface pro 2… Le cose che fai con questo tablet android ed ios se le sognano.

    • urgh

      Fatti un Note 3 e vedi la differenza con il tuo mid-range….a iniziare dalla durata della batteria…per il resto prova e sarai sorpreso dalla Leggendaria serie Note di Samsung…..poi quando escono nuovi sistemi operativi ci penso ma perorami godo questi….so’anche che un giorno le auto voleranno e andranno ad acqua non per questo ad oggi prendo l’autobus giro a piedi…

      • Daniele

        Avevo il note 2, so di cosa parlo ciccio

    • ermac

      Grande! Condivido a pieno.

    • Ocram2m

      Bravo!!!!!!!! Quante ne sai!! Ci vuole un SO vero per lo smartphone!!!! Io ci voglio installare sopra un bel sistema Lamp, ma anche eclipse e java perchè così lascio a casa il laptop per andare a lavorare. Siiiii! Basta con whatsup che non mi scrive nessuno. E poi i Note ahahah.Meglio un cell da 300 euri.all in one tutta la vita!!!!

      • Daniele

        Non hai capito un cazzo di quello che ho scritto. Se hai problemi con la comprensione dei testi non è di certo colpa mia.

    • emaxus85

      Io con il mio s2 uscito qualche anno fa ormai ci faccio veramente tutto! non sento il bisogno di cambiare device e sono anche esigente, con gli ultimi giochi 3d le ultime app più inutili e pesanti. Credo che sistemi che si possano estendere a schermi per pc e tv potebbero aiutare anche se l’idea di poter cambiare la ram al propio cellulare o il processore geafico sarebbe lunica cosa che mi potrebbe davvero interessare.. per quanto riguarda idee innovative vorrei poter cambiare lo schermo al mio cell finalmente senza troppi problemi! e perché no vorrei uno schermo modulabile da ingrandire a mio piacimento, con blocchi o shermi ripiegabili !

    • TheB3ST

      È vero ubuntu edge è una meraviglia, la comodità di un computer e la versatilità di uno smartphone !!! Se alla fine lo facessero, magari anche modulare, sarebbe il top del top !!! Tutti i tuoi dati sempre con te !!! Ha ragione Daniele, QUESTA è innovazione, non sensori cardiaci nei telefoni, che non servono a una pippa !!!

    • MEN

      Io l’ho trovato! Asus Padfone! Ci collego un hub usb ed ho mouse, tastiera è ethernet! In caso di necessità mi collega al pc dell’ufficio in desktop remoto e via! L’unica cosa che mi manca è poterci far girare una VM windows e sarebbe il device perfetto al 100%!!!

    • olè

      la direzione è assolutamente questa, solo che la realtà è che (apparte ubuntu) gli altri produttori fanno degli os giocattolo per tutti e due quindi non solo rimane “pessimo” l’os per il telefono ma lo diventa anche quello del pc, per questo io mi oppongo a questa scelta, ovvio che se invece si segue la strada scelta da ubuntu allora ben venga. però ancora ci sono dei punti a livello di innovazione tecnologica che vanno risolti:

      1) batterie che garantiscano un’autonomia adeguata, che significa coprire l’intera giornata di una persona, e non basta aumentare i mah, secondo me, serve proprio una nuova fonte di energia o comunque un modo per “autoricaricarsi”

      2) bisogna assolutamente trovare un modo per raffreddare il dispositivo, problema questo che ancora afflige i notebook anche sono stati fatti degli enormi passi in avanti.

  • Pingback: Smartphone in stallo? Si cercano idee per il rilancio | Alcoolico

  • ciarizard

    Uno smartphone che mi faccia un kebab Istantaneo.

    • Valerio Capizzi

      Sensa scipole e sensa picante? Ahahah

      • ciarizard

        Siri non ti ho interpellato, ricomincia con il fellatio.

  • FE4R

    Il discorso è che in realtà, come per le auto, le tv ecc….. sono già avanti di qualche anno. Potrebbero davvero tirare fuori idee grandiose ma il problema è che semplicemente quelli che erano vecchi progetti messi in produzione ora, sarebbero stati inutili e quindi milioni buttati via. Di conseguenza, devono recuperare tempo e soldi spesi per quei progetti e i nuovi costerebbero una follia quindi gradualmente ci arrivano aggiungendo anche un pezzo per volta. Per farvi un esempio, le tv 4k le sapevano già fare 3 anni fa ma con tutti i televisori “vecchi” che ci facevano, li buttavano o mettevano fuori i 4k a 30 mila euro!?!? No. Prima devono smaltire. Le auto a bio diesel o totalmente elettriche o addirittura che rimangono sospese dal suolo o auto come quella di google che si guida da sola, sono progetti già testati e funzionanti ma costerebbero troppo ora. Discovery insegna… xD

    • http://www.tecnotornado.altervista.org/ Leonardo Paglia

      Discovery? Sarei interessato a questi argomenti, dove hai appreso queste notizie?

      • FE4R

        Discovery, su Sky. Fanno diversi programmi/documentari sulle nuove tecnologie sperimentali e sperimentate spiegando anche i motivi della non commercializzazione. Te li consiglio, sono molto interessanti :)

        • http://www.tecnotornado.altervista.org/ Leonardo Paglia

          Grazie mille :) purtroppo non ho sky, cercherò su internet cosa trovo

  • il cameo

    Nell’articolo complimenti! :)
    Si pensava di aver raggiunto il limite dell innovazione anche con i televisori in bianco e nero o con i treni a vapore. In realtà il limite del potenziamento non c è. Quello che c è è il limite dell utilità, e al momento temo sia stato raggiunto tranne che sul lato batteria. Condivido la cosa dei tavoli con presa di corrente, da me partono le guerriglie per averli!

    • il cameo

      Bell’articolo chiedo scusa :)

      • Stefano

        Grazie :)

  • Pingback: Smartphone in stallo? Si cercano idee per il rilancio | Crazyworlds

  • enriquezdelaplaya

    Innovazione? Bella parola…L’unica cosa che sanno tirare fuori sono vecchie idee riciclate e display quad e processori octa. Per supplire deficit di batteria hanno ingigantito le dimensioni, supportati (anche in parte giustamente) dalla scusa che navigare su un display piccolo è quantomeno scomodo, ma la vera rivoluzione sembra ancora lontanina…almeno quella sicura, ecocompatibile e (soprattutto) low cost!
    Il mercato Smartphone è saturo da tempo e quello che manca veramente sono i servizi: manca un ecosistema multipiattaforma e alla portata di tutti. L’interesse potrebbe non scemare solo grazie ad una politica di crollo dei prezzi di tutti i top di gamma.
    Inoltre le compagnie telefoniche dovrebbero giungere ad un compromesso: minori costi per gli utenti, ma allargamento del bacino d’utenza.
    Senza queste premesse (peraltro quasi invalicabili) non si può pensare a nulla di diverso da una inevitabile chiusura del settore.

  • Paolo Montalto

    Ma se invece di rilasciare un device all’anno si focalizzassero sulle
    caratteristiche del dispositivo rilasciandolo solo quando c’è realmente
    qualcosa di nuovo?
    Chi ha veramente bisogno di passare dall’iPhone 5 al 5s o dal Galaxy S4 all’S5?
    Tutta questa corsa all’iterazione successiva, anche da parte degli addetti ai lavori che il giorno dopo il lancio di un dispositivo pensano già al +1, a cosa serve? A chi serve?
    Vogliamo incominciare a chiederci questo?

    Poi è evidente che non serve a niente avere un telefono che ti fa pure il caffè se poi la batteria dura 10 minuti.

    La prossima innovazione di cui tutti abbiamo bisogno è un dispositivo che non costi 800€ e la cui batteria abbia una durata almeno accettabile.

    The next big thing in mobile telephony should be an at least decent battery life!

    • Walter

      La logica direbbe questo, ma l’ossessivo inseguimento del profitto a tutti i costi invece porta a dove siamo adesso. Samsung ha tirato fuori gli ultimi tre Galaxy in meno di 24 mesi e sono ridicolmente simili tra loro, tant’è che S4 ha venduto meno delle attese e scommetto che S5 deluderà comunque. Chi ha S3 penserà al cambio, ma chi ha S4 un’altra sòla non vorrà rischiarla.

      • savior

        Ciao a tutti, sono d’accordo con voi per uanto riguarda i sistemi operativi etc. ma il vero problema secondo me è la batteria finché durano così poco i s.o. più performanti le consumerebbero in meno di 12 il che renderebbe inservibile lo smartphone, per non parlare della copertura cell. In Italia vergognosa e col 4g in ritardo di anni. Ciao

    • PastaMGW

      Serve ai produttori, è ovvio! Finché ci sarà gente che spende ogni 12-18 mesi 800€ per avere l’ultimo modello, questo sistema andrà avanti.

  • Alessandro Carlo Paolucci

    se si fermassero un attimo con le inutilità hardware e investissero il tempo che perdono ad aggiungere core, ram e pixel per ottimizzare hardware e software e soprattutto colmare il gap che c’è tra un SO desktop ed uno mobile farebbero una signora innovazione. così da permetterci di avere realmente un solo dispositivo per fare tutto, magari con la semplice aggiunta di add-on…a tal proposito secondo me l’ultima vera innovazione di questi anni l’ha fatta ASUS con i suoi padfone e transformer pad…l’idea era quella, ho uno smartphone, un tablet, un portatile…tutto in un dispositivo, semplicemente aggiungendoci robba…se si migliorasse questo concetto (ha ovviamente i suoi difetti) potremmo in un futuro non remoto essere veramente integrati con questi dispositivi

    • Frappo

      I pc in ambito professionale non sono sostituibili… E ormai li compra solo chi studia o chi ha a che fare con l’ambito professionale

      • Alessandro Carlo Paolucci

        PER ORA non sono sostituibili…gran parte di chi lavora col pc naviga e usa office, in tutto il ministero delle finanze usano applicazioni web e basta…gli basterebbe quasi solo lo smartphone…non so tutti grafici, programmatori o montatori video…
        una parte sarebbero già sostituibili ADESSO…e poi un domani chissà…

    • Frappo

      Ma poi ti rendi conto della scemenza che hai detto? Più core? Più pixel? Non è questo che colma la differenza tra pc e smartphone forse la ram si ma osx e win 8 girano già con 2gb, figurati linux… Un quad core, ad esempio un mtk6589 non è fatto per un desktop, se vogliamo l’unico che si avvicina ad una cpu desktop è il 5s con 64bit e prestazioni in single core, che importano davvero per la fluidità di sistema e tutti i processi non parallelizzabili che hanno spinto alla creazione del turbo boost da parte di Intel che raggiunge la frequenza massima in single core… Il multi core è un’innovazione, un aiuto, un’enorme spinta ai processi pesanti su desktop, su smartphone serve solo a contenere i consumi, praticamente un quad core ha le prestazioni di un single core desktop con la possibilità di spegnere i core fino a consumare un quarto quando non serve..

      • Alessandro Carlo Paolucci

        no non mi rendo conto, mi rendo conto però che non sai leggere…
        ti spezzetto le frasi così ti ci fai l’analisi con più attenzione

        “Se investissero il tempo che perdono ad aggiungere core, ram e pixel”
        “per ottimizzare hardware e software…”

        ora te la rigiro anche in maniera che sia più comprensibile a chi deve ancora finire le medie
        “Se investissero quel tempo per ottimizzare hardware e software, invece che ad aggiungere core, ram e pixel…”

        ora hai capito la scemenza che hai pensato tu?

  • Walter

    Secondo me, la questione è presto delineata: Lo smartphone ha raggiunto il punto massimo di evoluzione, come è stato per la TV o il PC o anche il frigorifero, per dire.

    Bisogna pensare al prossimo dispositivo, anzi alla prossima generazione di dispositivi, non ossessionarsi a migliorare ancora il concetto di smartphone.

    Non so se saranno i glass o altri dispositivi indossabili, impiantabili nel corpo o chissà cosa, ma che tutti si facciano una ragione del fatto che lo smartphone come lo conosciamo non ha più margini di innovazione significativi. L’errore è puntare tutto il marketing su quello.

  • Drexcyisamo

    secondo me una cosa innovativa potrebbe essere uno smartwatch olografico, spazio risparmiato per uno schermo fisico e guadagnato per la componente hardware. ma forse è fantascienza.

    • Paolo Cantamessa

      Eh questo sarebbe spettacolare e utile in costruzioni

  • francesco

    Ad oggi preferisco xperia z2 perché fa tante cose e le fa bene.di innovativo ha poco, ma é fatto bene. L innovazione dipende dal nostro uso, se lo collego a mouse e tastiera ad un monitor 22″ diventa un PC quadcore 2.3 MHz con 3 GB di ram. La direzione é proprio quella di concentrare tutto in un device.

    • Frappo

      Con prestazioni da core 2 duo, senza gpu adeguata ad un pc e senza sistema operativo da desktop… Forse è questo che intendevano con i commenti sul Ubuntu Edge

      • Marco Orlandi

        il tegra k1 ha una gpu da dekstop per uso casalingo.. se poi cerchi la gpu per spararti battlefield 4 da qua a 5 anni è dura a vederla su un dispositivo mobile di piccole dimensioni

    • LordJackJack

      Ubuntu touch ha esattamente questa funzione, di diventare l’unità centrale di un pc desktop (se lo smartphone soddisfa alcuni requisiti). Secondo me promette bene, ma per ora è disponibile solo per pochi devices…

    • Pignolatore

      Ma è già uscito?

      • Francesco

        Ad Aprile Z2

        • Pignolatore

          Appunto! Che faccia tante cose lo si può evincere dalla scheda tecnica, ma dire che le faccia anche bene mi sembra un tantino prematuro!
          Cioè, mi risulta difficile capire se una cosa è fatta breve quando non è neanche ancora “fatta”…
          :-)

    • fire_RS

      Tutti a esaltare questo z2, ma se ancora non è uscita una recensione come fate a dire che va bene? Sulla carta pure lo z e lo z1 dovevano essere dei mostri., e poi si è visto che flop sono stati…nessuno poi parla del fatto che questo z2 con un display da 5.2 è grande come un note 3?

      • rider1

        Eh che flop ha fatto lo z1 scusa?

        • fire_RS

          Forse che ne hanno venduti 4 e che dopo pochi mesi dall’uscita costa meno dell HTC one uscito 7 mesi prima ? E vogliamo parlare dello z che costa 300€ nuovo e che all’uscita doveva competere con one e s4?

  • Pingback: Smartphone in stallo? Si cercano idee per il rilancio - HostingPost.itHostingPost.it

  • paolo

    Ma che in stallo.. Stanno buttando fuori top di gamma ogni sempre meno tempo così da fornire la tecnologia col contagocce solo x ingrassare le loro tasche e fare del consumismo che ci sta riempiendo solo di rifiuti.. Ok che le aziende non sono onlus ma tra poco avremo cell obsoleti dopo3 mesi e aaggiornamenti garantiti x al massimo 1 mese.. Che schifo. Vogliono la soluzione? Telefoni modulari e aggiornamenti a vita.. E che I governi sistemico le cose invece di pensare solo alle loro tasche..

    • Walter

      Stanno tirando fuori top di gamma che si differenziano dai precedenti per un paio di Hz di frequenza e qualche pixel in più sulla fotocamera. Non è innovazione col contagocce, è marketing usato per mascherare la mancanza di innovazione.

      • paolo

        Volevo essere buono e gli davo lo stesso l’appellativo di innovazione come lo chiamano loro.. Sisi è tutto marketing

  • Stefanno

    Uno Smartphone di pilu!
    Fotocamera di pilu, antenna di pilu, applicazioni di pilu, schermo di pilu!

    Un tasto fisico di pilu, un processore di pilu!

    Se mi votate i prometto qualunquemente di fare piu smartphone di pilu per tutti!

    Mettermo in produzione il piluphone e allora il mondo sarà un posto migliore!

    PIU PILU PE TUTTI!

    • gigi

      Te la appoggio completamente

  • Cristiano Canuti

    Ma non capisco perché si continui a parlare dell’innovazione di LG con il Flex, i Nexus 2 e 3 di Google lo sono stati per anni curvi!!!

    E non parliamo di preistoria ma di un paio d’anni…

    • derapage

      Il Gnexus aveva il vetro leggermente curvo su uno schermo piatto…. Hai visto dal vivo un Flex per due che non c’è differenza? Poi il Flex è flessibile…

  • Pingback: Smartphone in stallo? Si cercano idee per il rilancio | Notizie, guide e news quotidiane!

  • Dubbioso…e

    Una innovazione rivolzionaria sarebbe un cellulare che ogni tanto ti manda a farti una vita fuori dai 5″.

  • VeroOpinionista

    Questa saturazione di innovazioni è colpa di aziende come Samsung, HTC, Sony e compagnia bella, che appena hanno una novità (per esempio il sensore per il battito cardiaco, inutile e al tempo stesso inutile) creano un dispositivo incentrato solo su quello!
    Per fortuna non spetta a me trovare una soluzione, e sinceramente non credo che ne esista una! Bisogna “solo” aspettare che qualche azienda crei qualcosa che abbiamo già visto milioni di volte nel film di fantascienza (perché vengono da li i nostri smartphone)!

  • Luke

    Ormai il settore telefonico si è stabilizzato come lo sta facendo quello dei tablet che sono arrivati in fin dei conti appena dietro.
    Da inventare non c’è davvero più nulla a breve termine… come già altri hanno detto bisognerebbe reinventare il settore ma non credo che questo possa accadere nei prossimi 4 o 5 anni perchè quelle poche idee innovative al momento non sono supportate dalla tecnologia, che deve ulteriormente crescere (più che altro nella miniaturizzazione per eventuali dispositivi indossabili e performanti che funzionino da soli o cose che sono ancora nella testa di qualche genio).

    Comunque questa stabilizzazione del mercato favorisce noi utenti finali che finalmente vediamo parecchi dispositivi più che ottimi come caratteristiche hardware e software a prezzi che fino a 2 anni fa erano impensabili con quelle caratteristiche (nel senso che ora troviamo smartphone eccelsi a prezzi molto competitivi).

    Correre ad avere ancora più memoria RAM, il processore più veloce o lo schermo a risoluzione sopra il full HD ormai non è più innovazione, ma solo la naturale evoluzione del prodotto che ormai non porta più benefici realmente visibili all’utente finale.

  • falcom

    Io penso che la strada da prendere sia quella della realtà maggiorata. Per curiosità ho installato qualche app per rendermi conto di cosa sia e ne sono rimasto stupito. Le potenzialità si avvicinano all’infinito ed è affascinante vedere il mondo reale che si fonde con l’irreale. Visualizzare uno smartphone senza averne uno, oppure guardare un film o la tv su un 100″. Guardare le caratteristiche di un prodotto in vendita ed interagire col video solo guardando una locandina. Aquisteremmo un solo terminale ma sarà come averne centinaia. Il tutto senza utilizzare le mani e completamente integrato alla vita quotidiana. L’unica cosa che mi blocca ancora è l’utilizzo di occhiali, google glass o chicchessia li trovo poco comodi, a me non piace. Ora parlo per un discorso di pura fantascienza, visti i tempi di oggi, magari un dispositivo integrato a livello nervoso che va a interfacciarsi direttamente alle immagini proiettate dalla retina al cervello. Arrivati a quel punto l’unico limite è la fantasia.

    • Luke

      Assolutamente d’accordo. Sono cose già possibili ma la tecnologia necessaria deve ancora aspettare un po’ di tempo per arrivare in casa di tutti. Sicuramente sarà il nostro futuro che non è poi così distante.

  • ElRompepelotas

    “Lg attenta un cambiamento”

    “Attenta”? Nel senso che prova ad ammazzarlo?

  • shanefalco

    Per me una mini innovazione sarebbe rimettere il flash allo xeno, forse non lo fanno perchè aumenta di troppo lo spessore dello smartphone ??? una media innovazione sarebbe lo smartphone modulabile come quello teorizzato da google. Una grande innovazione non saprei…anche perchè cmq si fa fatica ad essere produttivi e usare un sistema operativo completo con un display da 5 pollici…la produttività è + adatta a un tablet o a un pc secondo me. Di una cosa sono sicuro, non serve uno smartphone da 699 euro per usare le solite 4 app e i soliti 4 giochi e secondo me i top gamma dovrebbero costare almeno 150 euro in meno.

    • gigi

      Anche 250 in meno………

  • Elia S.

    La vera innovazione??? Rendere android come Jarvis :) (vedi Iron man) …..

  • enrico

    E inutile un diplay full hd con tanti ppi l’okkio umano piu 240 ppi non vede oltre poi processori octa core hexa e quad core a ke serveno ? Le app sono le solite ke usiamo una fotocamera da 8 mpx gia basta nn biaogna andare oltre se no komprerei una reflex, skermi da 6.3″lo kiamate indossabile ? Vanno bene i 4.3″ d un s2 un processore abbastanza veloco tipo un dual core da 1.5 ghz ke consuma se poi le case kostruttrici metteno tnt app ke nessuno utilizza nello smartphone 1 gb d ram e buono se hai solo le app indispesabili nn sono smartphone questi ke escono ma solo a ki pubta al massimo ed e inutile avere un mostro d potebza in tasca e poi nn puoi utilizzarlo ? Vabbe e inutile parlare cosi tnt kosi s va a finire oltre l’immaginabile ( basta solo un dual core abbastanza ram uno skermo nn ottimo ma ke consuma poko e una batteria efficiente fotocamera da 8mpx e basta )

    • gigi

      La vera innovazione tecnologica è piantarla con tutte quelle KKKKK da ragazzino delle medie

      • enrico

        Kkkkkk??

        • gigi

          Le k che metti al posto della c e di ch

          • enrico

            Ahhh datti fuoco

          • gigi

            okkkk korro a prendere l’akkendino par appikkare il fuoko

          • gigi

            Guarda che é tardi e domani mattina devi Andare skuola altrimenti la maestra ti sgrida

  • Dario A.

    Stefano ciucciamelo by dario

  • souzinho

    Flessibile ed impermeabile.

  • Ocram2m

    Ogni tanto si legge di schermi touch sottili come fogli e realmente pieghevoli. Se l’industria sarà in grado di sviluppare questa tecnologia il futuro degli smartphone è da scrivere. Mi immagino un dispositivo che piegato sta in tasca, spiegato invece è grande come un A4. Uno smartwatch lo accompagna per fornirlo delle funzioni telefoniche. Ahahah. Ma di che si ragiona? Nel 2050 le lavatrici restituiranno i calzini spaiati!

  • Pingback: Tablet: Inizio del declino dopo il Boom? – Androidiani

  • leodis

    L’unica innovazione che varrebbe sicuramente la pena sarebbe produrre batterie che abbiano a parità di dimensioni una resa 5 o 6 volte superiore a ora, ma anche di più