Google pronta a rendere Android un sistema operativo chiuso?

9 Giugno 201645 commenti

La dicotomia Android-iOS che ha caratterizzato gli ultimi anni si è basata principalmente sulla diversa natura dei sue sistemi operativi: se Apple ha scelto un approccio estremamente "chiuso", disegnando il software su misura per i suoi device, Android ha invece sempre mantenuto la sua natura Open grazie all'Android Open Source Project. Ma dal prossimo anno, le cose potrebbero cambiare.

Google avrebbe infatti intenzione di trasformare Android in software proprietario, abbandonando così l’AOSP: si tratta al momento di uno scenario delineato da alcuni analisti e in particolare da Richard Windsor, il quale riferisce di essere a conoscenza di un progetto interno riservato.

Tale progetto porterebbe alla “chiusura” di Android grazie a una riscrittura del runtime ART, dal quale sarebbe rimossa ogni dipendenza dal codice AOSP. Il nuovo runtime, reso proprietario, consegnerebbe inesorabilmente all’obsolescenza il codice open-source, con grave danno, ad esempio, per concorrenti come Amazon o i tanti produttori cinesi che usano una versione “forked” del sistema operativo: se la cosa si concretizzasse, chiunque volesse utilizzare Android dovrebbe inevitabilmente passare per Google.

Il cambio di rotta aiuterebbe, afferma Windsor, a ridurre la frammentazione, rilasciando aggiornamenti in tempi più rapidi: secondo l’analista, si tratta di un problema ben noto a Mountain View, anche se Google si rifiuta di attribuirvi una particolare rilevanza in pubblico.

La contesa legale con Oracle, relativa all’utilizzo di Java e che probabilmente si concluderà con una sconfitta per Google con relativa apertura al copyright delle API, sarebbe l’occasione ideale per mettere in atto il cambiamento. Windsor immagina che, al Google I/O 2017, l’azienda si difenderà dalle prevedibili, feroci critiche dei fan affermando di essere stata costretta a procedere in tal senso.

Loading...
WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com