Proteste a San Francisco: ingegnere Google vittima di stalking

23 Gennaio 20149 commenti

Come ricorderete, qualche tempo fa sulle nostre pagine si era parlato della difficile situazione creatasi nell'area di San Francisco, con i residenti di lunga data intenti a manifestare il proprio disappunto nei confronti delle tech companies e del loro impatto sull'economia della zona. Situazione che non accenna a migliorare, tanto che un dipendente Google è stato vittima di una vera campagna persecutoria.

Secondo fonti locali, Anthony Levandowski, ingegnere che si occupa del progetto self-driving car di Google, sarebbe infatti stato preso di mira da un gruppo di manifestanti, denominato Counterforce, attraverso atti di stalking e la diffusione di un depliant nel quale si sostiene che il lavoro di Levandowski sia in realtà destinato alle forze militari statunitensi.

protest-google-600x337

Levandowski viene accusato di “voler portare la sua utopia cyber-capitalista a Berkeley” a causa del recente acquisto di una proprietà destinata all’edificazione di un complesso abitativo. Nel volantino sono inoltre contenuti inquietanti dettagli sulla sua routine mattutina, oltre a pesanti giudizi sulla sua personalità.

Il clima a San Francisco, dunque, si scalda sempre di più, proprio mentre le autorità hanno stabilito che le tech companies dovranno pagare un dollaro al giorno per ciascuna fermata pubblica utilizzata dai loro servizi-navetta privati. Nessun commento in merito è giunto da Levandowski o da Google: Big G ha però dotato i suoi autobus di un servizio di sicurezza privata, e sta vagliando la possibilità di utilizzare trasporti su rotaia.

Loading...
WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com