La linea Nexus, l’asse Google-Samsung e “Lenovorola”

31 gennaio 2014127 commenti
Sebbene non siano stati annunciati smartphone "ultrarivoluzionari" o tablet "troppo incredibili per essere veri", questa è stata forse una delle più importanti settimane per quanto riguarda Android. Prima, Eldar Murtazin annuncia che, secondo alcune sue fonti, la linea Nexus verrà terminata nel 2015, poi Google decide di vendere Motorola all'azienda cinese Lenovo. In mezzo, tuttavia, ci sono state notizie altrettanto importanti, che forse per alcuni non hanno niente a che fare con tutto questo, ma che, in verità, vanno a completare il quadro generale. Analizziamole tutte insieme, passo per passo, e in ordine cronologico.


Nexus: fine della linea nel 2015?

nexus-5-camera

Premessa: quello che dice Eldar Murtazin non bisogna prenderlo come fatto assolutamente certo, si tratta pur sempre di rumors e da qui al 2015 molte cose possono cambiare. Tuttavia, siamo (quasi) d’accordo sul fatto che la linea Nexus vedrà la fine, più prima che poi, ma solo a certe condizioni.

Iniziamo con dire che i segnali ci sono tutti, soprattutto la comparsa degli smartphone “Google Play Edition“. Ma la fine della linea Nexus, se pensiamo a noi clienti e a Google, ha senso? Ci sarebbero dei vantaggi?

Per quanto riguarda i clienti, ci sarebbe un grosso vantaggio: finalmente, infatti, potremo avere dei veri e propri top di gamma come “Nexus”, senza compromessi, insomma. Tuttavia, non possiamo fare a meno di pensare che ci sarebbe anche un grosso svantaggio: chi sta più attento al prezzo, non potrà più contare su di uno smartphone “anomalo” come quello di Google. E’ vero anche che Motorola sta producendo ottimi dispositivi a basso costo, ma non sappiamo se continuerà con questa strategia ora che è stata acquistata da Lenovo.

Per Google, invece, è una cosa sensata? Qui sorgono i primi dubbi su che strategia intraprendere. Quando abbiamo letto il tweet di Murtazin per la prima volta, ci sono tornate in mente le parole di un ingegnere Google che, descrivendo il “programma Nexus“, disse:

Noi dobbiamo testare e sviluppare Android su un determinato tipo di hardware (i Nexus). Quindi, se dobbiamo produrre un centinaio di smartphone per noi Googlers, perchè non produrne qualche migliaio in più e venderlo anche ai fan di Android?

Questo non può ovviamente cambiare in futuro, ma, forse, avrà sfumature diverse. Gli ingegneri Android, probabilmente, cominceranno a sviluppare il robottino verde basandosi sui futuri smartphone “Google Play Edition”, che non è pura fantascienza, ma una cosa totalmente fattibile.

Tuttavia, qui si presenta un bivio per quanto riguarda il software: o Google comincia a lavorare a strettissimo contatto con i produttori, o impedisce a questi di aggiungere degli “accorgimenti” ad Android. Cosa intendiamo per “accorgimenti”? E’ semplice. Come ricordiamo, HTC e Samsung hanno aggiunto particolari funzioni ai vari One Google Play Edition e Galaxy S4 Google Play Edition, i quali permettono di utilizzare alcune caratteristiche specifiche dell’hardware, come l’utilizzo di Boomsound o il corretto funzionamento delle smart cover.
Se dobbiamo sbilanciarci, Google imboccherà la prima strada, lavorando a strettissimo contatto con i produttori e aggiungendo ad Android particolari funzioni.

Quindi, ecco la domanda centrale: cosa ci riserva il futuro?
Un futuro bellissimo, a nostro avviso.
Un futuro in cui potremo scegliere fra tanti Google Play Edition (che cambieranno nome, un “rebranding“, come suggerisce Murtazin) che soddisferanno i gusti di tutti. Un futuro in cui Google si concentrerà di più ad innovare tramite software (ambito smartphone e tablet), più che hardware.
Insomma, un futuro migliore per noi Androidiani.. ma peggiore, forse, per i nostri risparmi.

Anche se, forse, il futuro potrebbe riservare ulteriori sorprese, come potrete intuire nei prossimi paragrafi.

Asse Google – Samsung & Lenovorola

google-sign-9

Purtroppo, non possiamo non trattare queste due notizie insieme, anche perchè siamo convinti che le coincidenze non esistano. Iniziamo con l’affermare che l’accordo raggiunto tra Google e Samsung è la notizia più importante della settimana. Questo, infatti, va decisamente oltre la semplice condivisione di brevetti, aprendo scenari incredibili per Android, e che implica anche la cessione di Motorola. Giriamoci intorno e partiamo dal principio.

Motorola è stata acquistata da Google nel 2011 per 12.5$ miliardi, una cifra astronomica. Subito, Big G si è “sbarazzata” della parte che non gli interessava direttamente, cioè la divisione “set-top box”, guadagnando dalla cessione 2.35$ miliardi.
Tutti hanno immediatamente pensato che Google volesse diventare “come Apple”, cominciando a produrre personalmente software e hardware.
Beh, ci siamo tutti sbagliati di grosso.
La verità è che Google ha acquistato Motorola soltanto per i brevetti. Quella che era in realtà una scommessa, si è rivelata presto una spesa inutile, dato che in tutte le cause in cui i brevetti di Motorola sono stati utilizzati, Big G non ha ricavato tanto, per non dire nulla. Aggiungiamo il fatto che, anche dopo l’uscita del Moto X, Motorola continuava ad essere in rosso ad ogni trimestre e che i rapporti con i produttori cominciavano a farsi “tesi”, ecco che Google ha deciso di vendere Motorola a Lenovo. Ma queste potrebbero non essere le uniche ragioni.

Qualche giorno fa, infatti, la notizia di un accordo per la condivisione reciproca di brevetti tra Google e Samsung è venuta a galla. Guardate un pò, di nuovo i brevetti, l’unica cosa che Google sembra desiderare da tempo. Inutile dire che con questo accordo, Big G ha ora un fortino incredibile di brevetti.

E qui iniziamo con le speculazioni e le voci che abbiamo sentito. L’accordo con Samsung non prevede solo questo. Aspettatevi, infatti, che Tizen sarà abbandonato. Sembra anche che Google abbia chiesto all’azienda coreana di “smetterla” con la TouchWiz, iniziando a rispettare le regole della UX di Android, e di terminare anche la creazione di “servizi alternativi” a quelli di Mountain View. Non solo, sembra anche che alcuni funzioni “particolari” della TouchWiz verranno integrate stabilmente nelle future versioni del robottino verde.

Questa potrebbe essere una notizia fantastica per tutti gli utenti Android. Samsung (e anche gli altri produttori, se è per questo) voleva qualcosa indietro, qualcosa che potesse dargli una sorta di garanzia sul fatto che Google non volesse rendere Android “proprietario” e diventare come Apple, in sintesi. Ed ecco la “proposta”: vendere Motorola.

motorola-lenovo

Qui, Google ha visto e colto anche un’opportunità. Ha venduto Motorola ad un’azienda emergente, un produttore Android che si sta espandendo a ritmi elevati e sta puntando al territorio americano: Lenovo. Inoltre, ha potuto liberarsi da un pesante (ed oneroso) fardello. Ovviamente, la perdita dell’operazione è ingente, si parla di circa 7$ miliardi. Ma Google non è del tutto “stupida”, quindi ha inserito nell’accordo con Lenovo che Big G terrà i brevetti più importanti (sì, Google è OSSESSIONATA dai brevetti) e la divisione “advanced technology” di Motorola, dove vengono sviluppati progetti “moonshot” come Project Ara e i tatuaggi-password.
Saremo sinceri, i brevetti e questa divisione non valgono 7$ miliardi, ma è sempre meglio che averli buttati del tutto dalla finestra.
Insomma, sembra che da questo accordo ci guadagnino tutti quanti.

Quindi, ecco che Google torna “pappa e ciccia” con Samsung. E’ una grandissima notizia, secondo noi. Capiamoci, l’aver venduto Motorola significa “aver perso una scommessa” e perso molti soldi, ma se Google riuscisse a “modificare e plasmare” l’atteggiamento di Samsung, questo sarà un bene enorme per tutti, dato che stiamo sempre parlando del maggior produttore Android.

Ah, ultim’ora di Murtazin.. Uno degli ultimi Nexus, sarà di “Lenovorola”.

Nest: ecco il vero team hardware di Google

nest-labs-hires-apple-s-former-patent-chief-for-honeywell-lawsuit-58c5c5e887

Un fatto a cui in pochi hanno pensato è che Google ha appena comprato un’azienda (tra parentesi, più o meno per lo stesso prezzo a cui ha venduto Motorola) che sa disegnare e produrre hardware e, probabilmente, anche meglio di Motorola stessa: Nest.
Stando alle ultime notizie, Google avrebbe “grandi piani” per questa startup e non dobbiamo dimenticare che molti esperti hardware ex-Apple sono arrivati grazie a questa acquisizione.

Insomma, Tony Fadell potrebbe essere il Matias Duarte dell’hardware.

Potrebbe essere davvero questo il grande piano di Google?

43a039766213a5e36ec6e05edb897cc2

Sempre secondo Murtazin, tutto questo sarebbe solamente il preludio per qualcosa di molto più grande. Qualcosa di incredibile.

Infatti, Google sembra che proverà a stringere accordi simili a quello raggiunto con Samsung con tutti gli altri produttori, provando ad andare a eliminare le “skin proprietarie” e favorendo la “versione Google di Android”. L’eliminazione della linea Nexus per gli smartphone “Google Play Edition” andrebbe a favorire questa transizione, anche se, ovviamente, sarà complicato convincere gli OEM ad abbandonare questi “gusci” che creano attorno al robottino verde.

Se tutto ciò si rivelasse vero, il robottino verde potrebbe essere pervaso da un senso di coesione e guadagnare anche (probabilmente) aggiornamenti veloci, due caratteristiche che mancano (e pesano) davvero tanto nell’ecosistema Android.

Che dire, non ci resta che aspettare le prossime mosse di Google & Co., sperando davvero che il futuro ci riservi tutte queste sorprese.

  • Pingback: La linea Nexus, l’asse Google-Samsung e “Lenovorola” | News Novità Notizie Trita Web()

  • Walter

    Questo è il tipo di post e di analisi che ci piacerebbe leggere più spesso su Androidiani, Complimenti!

    • Stefano Mastrocinque

      Confermo, davvero bell’articolo.
      E speriamo che i nexus non spariscano, ho appena acquistato il 5 e mi stra-soddisfa :)

      • u

        Non ti preoccupare, il tuo te lo lasciano, non te lo portano via…

      • niko

        Be la domand a sorge spontanea dopo ill nexus 6 come faranno a sfornare un nexus 7 xd visto che esiste gia il tablet che so chiama cosi lol. Forse anche per questo che la linea nexusa avrà fine.

        • giacomofurlan

          Nexus 5… 2014/15?

          • hbs

            Nexus 5s?

            Hahaha

        • Lele

          Il nome deriva dai pollici dello schermo non sono numeri in successione. Tant’è vero che di nexus 7 ne esistono già 2 versioni.

          • Alberto Bucci

            E il gnex allora? E l’NS? Erano + di 4″ eppure non si sono chiamati nexus 4

          • Lele

            Cosa c’entra? È una politica adottata ultimamente questa… e ce ne sono molti esempi: nexus 4 (4.7 pillici), nexus 7 2012 (7 pollici), nexus 7 2013 (7 pollici), nexus 10 (10 pollici), nexus 5 (5 pollici). Dai su mi pare ovvio. Se non fosse stato così il nexus 7 2013 l’avrebbero chiamato nexus 8, cosa che faranno quando uscirà un nexus da 8 pollici… se uscirà.

        • anvl

          maddaiiiii :lol:

    • Lele

      Non so perché ma ho immaginato tutto l’articolo con la voce di Adam kadmon xD

    • Arnusse

      AHAHAHAAH! Mi rifiuto di credere che tu possa pensare che l’articolo sia scritto bene ahahahahahah! E’ un atto di vandalismo contro il giornalismo italiano, orribile.

      • cinisello balsamo

        Scrivilo te poi commento io

      • Walter

        ALT. Non confondiamo lucciole con lanterne. Con rispetto parlando, questo è un BLOG e da un blog non mi aspetto gli editoriali di Paese Sera… mi aspetto che il tema centrale del blog sia trattato da appassionati per gli appassionati, in maniera consona, senza fare il “toto Galaxy X” e senza scrivere post che quotidianamente si contraddicano tra loro.

        Questo post non è scritto per vincere il premio Pulitzer, è scritto per dare un’overview generale su una situazione decisamente intrigante e piena di sfumature. Molte delle deduzioni che si leggono sono personali, alcune condivisibili, altre forse meno. Ma non è questo il punto.

        Il punto è che leggendo un blog io mi aspetto un punto di vista con cui confrontarmi, nel quale ritrovarmi o del quale discutere.

        Ciò che non mi aspetterei invece, sono commenti sterili come il tuo. Hai da argomentare contro questo post? Fallo da vertebrato, possibilmente. Io sono il primo a criticare certi post, ma quando vedo alzare sterili flames preferisco ignorare certi commenti. In questo caso faccio un’eccezione per vedere se sei in grado di fare di meglio di un volgarotto “AHAHAHAHAH”.

        Senza polemica.

        • Arnusse

          Ah, prima offendi, poi dici “senza polemica”…scusami, ma l’unico commento è un grasso “AHAHAHAHAAHAHAHHAHA!”.
          Siete gli amichetti di chi scrive, mi pare chiaro. Oppure dei lecca posteriore, ma non saprei cosa potreste ottenere.
          Ah, utilizzare un italiano efficace e “cinematografico” come hai fatto tu, mi dice che sei sotto i 20 anni, devi “dimostrare” e quindi forzi il linguaggio, pur non dicendo assolutamente NULLA.
          A cosa dovrei rispondere? AHAHAHAHAH! Non hai detto NIENTE! Ahahahahah! Dico davvero, torna a scuola o studia più intensamente perchè non sei in grado di esprimerti.
          Perchè secondo i fatti, hai scritto uno sfogo fine a se stesso, sui commenti in generale, sulla qualità ipotetica e generale che un testo in questo tipo di ambiente dovrebbe possedere. Bene, ti sei sfogato? Ok. Hai apportato qualità alla discussione? No, grazie per aver abbassato ulteriormente il livello.
          Fai leggere l’articolo ad un campione di 5 lettori appassionati di lettura, poi chiamami ;)
          Questo non è un blog, è un PORCILE.

          • Walter

            Dove ti avrei offeso, precisamente? Comunque credo che nessuno ti trattenga. Vai a leggere blog che ritieni alla tua altezza.

          • mr verdicchio

            Ma sei scemo o cosa?
            Non è un offesa, ma una domanda.
            Me lo sto chiedendo perché non trovo il senso delle tue critiche al blog e all’articolo. O quelle fatte a Walter che non ti ha offeso, ma chiesto di fare un commento da vertebrato , visto il tuo primo post.
            Chi sei un giornalista, un aspirante scrittore?
            Se ti girano vai da un’altra parte, non mi sembra giusto e non mi va di dovermi sorbire post come il tuo.

    • LeccaUccelli

      Ah e i miei commenti non ti piacciono?

  • Sylar

    Complimenti allo scrittore, mi hai convinto a leggere tutto xD

  • Roxas

    Ottimo post, veramente interessante e ben fatto. Quoto Walter, fateli piú spesso, è sempre bello vedere che qualcuno si impegna ancora.

  • henry king

    Ottima analisi. Samsung abbandona tizen? Non ne sono convinto. Occhio a lenovo (ibm) spero proprio che il prossimo nexus sia suo

    • Roberto Bruno

      Attenzione alla cina che sta avanzando. ci sono marchi agguerriti come Huawei, Xiaomi, Oppo, Jaiyu, Iocean, Meizu e molti altri che non sono propriamente fermi a guardare.
      Se davvero esisterà la possibilità di avere un OS “play edition” bisognerà fare attenzione a produttori che offrono top di gamma a prezzi decisamente inferiori ai giganti di corea

  • Fable

    fatto bene, piaciuto anche a me
    quasi quasi pensavo di comprare titoli di google mentre leggevo,
    è argomentata molto bene.

  • Bigons

    Sulla fine della linea NEXUS il concetto espresso non fa una piega, sia in termini di marcketing sia in termini di alleanze. Quello che dispiace ( per un Androidiano ) è la scomparsa di un nome che identificava un prodotto. Non voglio parlare di qualità ma se dici iPhone tutto il mondo sa esattamente di cosa stiamo parlando e cos’è……ad un androidiano piacerebbe che la parola Nexus avesse la stessa valenza popolare. Riconosco che commercialmente parlando non sarebbe la scelta migliore ma il cuore chiede che il nome resti e che si legga bene. NEXUS – NEXUS – NEXUS

    • giacomofurlan

      Nonostante tutto la serie Nexus non è cominciata con Android. HTC Dream, HTC Magic, Nexus One (che non faceva parte del brand Nexus).

      • Bigons

        Lo so … l’ho anche avuto il NexusOne …..
        Però dai …. oggi se parli tra amici e dici ho un Nexus5 magari ti fanno pure i complimenti …. 1 o 2 anni fa dicevi ho un Nexus ti rispondevano …. no no grazie robe cinesi io non ne voglio …..

      • Walter

        Che intendi? Sono tutti terminali con Android, quelli che citi. E per altro il Nexus One faceva si parte del brand Nexus, anche se non si era ancora definito nella sua accezione attuale. Era un device “pure Google” senza personalizzazioni di sorta da parte di HTC.

        Ho avuto sia il Magic che il Nexus One, e si notavano le differenze rispetto alla maggioranza dei device della stessa epoca, dal punto di vista della UIX erano molto stock, con tutti i limi del caso, all’epoca.

        • giacomofurlan

          Che differenza fa tra un “Google experience”, un “Nexus” o un “Play Edition”? Nessuna, dopotutto. Il Nexus One costava la bellezza di 500€ all’uscita.

  • Luke_Friedman

    Nell’articolo Nicholas :D

  • http://www.kubukurin.tumblr.com/ Kubukurin

    Samsung non abbandonerà mai Tizen. Il marchio Samsung è forte e l’opportunità è troppo ghiotta. Riflettevo giusto qualche tempo fa che il nuovo cambio della Touchwiz poteva essere proprio per strappare via lo stile classico Samsung e portarlo su Tizen nel tentativo di attirare consumatori. L’ideale imho sarebbe cominciare a seguire l’esempio Motorola, si monta Android Stock con le opzioni caratteristiche montate come app aggiornabili tramite Play Store.
    Ora io non me ne intendo di rom e varia, quindi chiedo, volendo loro possono aggiornare ad esempio il GS3 a Kitkat stock senza Touchwiz?

    • Roberto Bruno

      Ma smsg non aveva sviluppato bada proprio per “staccarsi” da android? .
      Non mi sembra che abbia avuto successo.
      Un OS che va su qualsiasi fascia di prezzo e su qualsiasi produttore si diffonde molto meglio di un OS proprietario.

      • http://www.kubukurin.tumblr.com/ Kubukurin

        Non so. Si è già detto mille volte che chi compra Samsung compra perché è Samsung. L’utente medio (anche a ragione), guarda la marca e se ci sono le App. Espandendo il suo Samsung Store e portando il look tipico dei Samsung Android su Tizen non vedo perché Samsung non dovrebbe cominciare a vendere tutto sommato qualche Tizen. Non dico tantissimi, ma..

        • italba

          Infatti su Tizen non ci sono le App!

          • http://www.kubukurin.tumblr.com/ Kubukurin

            Non ha il Samsung Store?
            No ma davvero anche io credo che Tizen non andrà da nessuna parte. Cioè al momento Android ha una quota di mercato troppo alta per essere buttato giù (sarebbe come provare a buttar giù Windows), però capisco che vogliono provarci, ad inserirsi nel mercato.

          • giacomofurlan

            Dicevano così anche di iOS… ed in Italia Windows Phone 8 ha sorpassato le quote…

          • http://www.kubukurin.tumblr.com/ Kubukurin

            Ma non credo. Cioè iOS è montato su 8 terminali. Punto. 8 terminali di cui ce ne sono in vendita 3 in via ufficiale e 5 in via ufficiosa. Oltretutto tutti costosi. Non era difficile erodere le sue quote di mercato e infatti Android ci ha messo pochissimo.
            Windows Phone ha raggiunto una buona quota di mercato solo in paesi dove i telefoni si comprano senza contratto, e grazie ad un marchio amatissimo come Nokia e terminali di fascia medio-bassa.

          • giacomofurlan

            Ti sei risposto da solo: gli escrementi (o qualsiasi altra cosa) si vendono tramite la pubblicità. Secondo te Google si preoccupa tanto della pubblicità? No, si basa sul semplice hype (nel bene e nel male). Samsung invece investe ogni anno una cospicua parte degli introiti in pubblicità. Secondo te cosa succederebbe se pubblicizzasse il suo nuovo top-di-gamma con su Tizen? Almeno il 50% degli utenti passerebbe senza problemi. E già il 50% degli utenti Samsung sono una grossa fetta di mercato. E si sa, ci sono in giro fin troppi cellulari Samsung stra-lenti, ma che vengono pur sempre venduti, questo a dimostrazione del potere del marketing.

          • http://www.kubukurin.tumblr.com/ Kubukurin

            Certo però Samsung non è l’unico produttore Android. Oltretutto non so quanti ci cascherebbero, il 50% mi pare una stima esagerata.

          • giacomofurlan

            Lo dici tu che ti interessi ad Android. Secondo te le persone che non si interessano di tecnologia glie ne frega qualcosa se ha in mano WP8, Android o iOS? Giusto ieri una mia amica mi chiedeva quale smartphone prendere che le sembravano tutti ugualmente validi!

            Parliamoci chiaro, io non prenderei mai e poi mai uno smartphone economico, perché so benissimo che non vale minimamente neanche i 50/100€ che mi propongono come “affare”! Ma ci sono molte, molte altre persone che vedono l’offerta e lo comprano!

          • http://www.kubukurin.tumblr.com/ Kubukurin

            Certissimo. Ma non ritengo che sia un mercato così grande. Ad esempio soprattutto tra i maschi (su cui queste cose fanno più breccia) certi argomenti si stanno diffondendo, anche se nel modo sbagliato. La maggior parte delle persone che conosco prima di comprare un telefono guardano i core e il processore e la ram. Per loro “di più è meglio” che non è assolutamente sempre vero, ma è già qualcosa. Chi compra un telefono come si faceva 10 anni fa c’è ancora, ma non sono così tanti. Ho visto seriamente molti Nexus 5 in giro, il che la dice lunga.

          • giacomofurlan

            Cosa ne dici di un Samsung Galaxy V con a bordo Tizen? :)

          • http://www.kubukurin.tumblr.com/ Kubukurin

            Che ucciderebbero la linea S. L’S è un telefono da 700 euro, chi lo compra ci sta attento, appena vedranno il logo di tizen vicino faranno qualche ricerca con il loro attuale smartphone e lasceranno perdere.

          • Jacopo Merlini

            Cmq La maggior parte gente non e interessata come noi nel forum etc ; a molti interessa il telefono POi se c e su android o tizen sec me non co fa caso nessuno se ci girano le stesse app ;magari la prendono come una nuova personalizzazione di android e non se ne preoccupano

          • http://giusepperoia.it/ Giuseppe79

            Anche symbian l’aveva, per buttar giù un so basta avere idee ma soprattutto soldi.
            A samsung, intel non mancano.
            Credo che se ci fosse anche una piccola possibilità di aver successo verrebbe sfruttata.

          • http://www.kubukurin.tumblr.com/ Kubukurin

            Symbian aveva quote di mercato in un periodo per gli smartphone davvero embrionale. Sarebbe come vedere qual’era l’OS per computer più diffuso nel 1990.

          • http://giusepperoia.it/ Giuseppe79

            Ma prima di ios e android, avresti scommesso su una così rapida sua morte?

          • http://www.kubukurin.tumblr.com/ Kubukurin

            Beh no. Ma non avrei neanche mai scommesso sulla dipartita di Blackberry o neanche sull’iPhone stesso. Mi ci è voluto tempo fino all’iPhone 4 per capire che era qualcosa di groundbreaking per il mercato, prima lo ritenevo un fuoco di paglia.
            E’ un mercato che si evolve imprevedibilmente, ma con certi limiti, secondo me.

          • http://giusepperoia.it/ Giuseppe79

            ho paura che tutti danno già per morto ios con troppa facilità.
            Gli iphone si vendono più di prima e il loro market-share è troppo alto rispetto ai pochi modelli che ci sono in giro solo perchè all’inizio non c’era scelta.
            Questo dato si stabilizzerà ad un valore che per il momento non so prevedere a meno che (cosa che ritengo improbabile) apple non abbracci la fascia medio-bassa o rivoluzioni tutto di nuovo, ma anche quì la vedo dura perchè il livello ormai è molto alto

          • http://www.kubukurin.tumblr.com/ Kubukurin

            Nessuno da per morto iOS. Il mercato dei dispositivi di fascia alta è il loro. Io stesso sto aspettando di vedere l’eventuale iPhone 6 o Air prima di cambiare telefono.

          • giacomofurlan

            Tizen è un fork di Android. Secondo te la Samsung perché avrebbe mai aperto uno store alternativo anni fa? Per coltivarsi gli sviluppatori. Quando produrrà a livello globale smartphone con su Tizen, avrà già uno store di tutto rispetto. Stessa cosa la Amazon. E Google, per mantenere i suoi interessi, chiede “gentilmente” di interrompere il loro business per prevenire fork di questo genere.

          • italba

            Se tu dovessi sviluppare una app, ti indirizzeresti verso il 79% del mercato o verso lo 0,00%? Si, Samsung potrà promettere fin che vuole che metterà la tua app nel suo store, ma tu intanto la devi vendere e dopo sei mesi un’app è già vecchia! O forse pensi che Samsung da un giorno all’altro butterà via tutti i telefoni Android e inizierà a vendere solo Tizen? Non credo proprio, di fessi come la Nokia ne basta uno. Inoltre, visto il recente accordo con Google, mi sa proprio che su Tizen ci possiamo mettere una bella croce sopra.

          • http://www.kubukurin.tumblr.com/ Kubukurin

            Ma Samsug non è l’unica nel progetto Tizen. E’ un progetto della fondazione Linux a cui partecipa tra gli altri anche Intel. Dubito venga eliminato così.

          • italba

            Dubita pure, si accettano scommesse. Senza Samsung Tizen conta meno di Firefox OS.

          • giacomofurlan

            E chi ha parlato di esclusiva? Secondo te Angry Birds si trova (ufficialmente) solo sul Play Store?

          • italba

            Sviluppare e mantenere una versione differente per un sistema differente costa, in tempo e risorse umane. Chi ce li mette i soldi? Samsung, dopo che si è accordata con Google?

          • giacomofurlan

            Secondo te Angry Birds è stato pensato per Gingerbread? Assolutamente no, ma è compatibile con GB. Tizen è un fork di Android, ma non è un progetto a sé stante, ma parallelo. Le API di Android ci sono tutte, se non ci sono gli sviluppatori di Tizen le rendono disponibili (esattamente come Android ha le librerie di retro-compatibilità).

          • italba

            Ripeto, per chi non avesse capito: Una software house seria se deve tirare fuori una qualsiasi app per un qualunque sistema operativo ci deve mettere tempo e denaro. Se detto sistema operativo non ha mercato, o ha ottime probabilità di finire nel cestino, ne fa a meno. E le app di Rovio sono molto più complesse da sviluppare e mantenere di quanto pensi tu.

          • http://giusepperoia.it/ Giuseppe79

            Se fossi uno sviluppatore, andrei nella direzione più vantaggiosa per me.
            Quindi se samsung mi pagasse a priori per realizzare app lo farei annullando quindi il rischio che poi la mi app non se la fili nessuno.
            (non dico che samsung paghi, perchè non ho elementi, ma la ritengo una cosa possibile visto i soldi che ha speso per arrivare dov’è ora.)

          • italba

            Ti sei perso l’articolo sull’accordo Google-Samsung?

          • http://giusepperoia.it/ Giuseppe79

            no, ma tu hai letto tutte le clausole?

          • italba

            Non c’è mica bisogno di leggere le clausole, è evidente persino all’autore dell’articolo: Tizen non si fa più!

          • http://giusepperoia.it/ Giuseppe79

            Nel progetto tizen, ci sono altre aziende coinvolte, una su tutte intel.
            E non credo che tutti si pieghino senza dire niente

          • italba

            Alla Intel interessa vendere processori, non sviluppare Tizen. Perché mai si dovrebbe mettere in urto con Google e con tutti i produttori di telefoni tranne uno? E poi “piegarsi” a che cosa? Perché il successo di Android gli dovrebbe dare fastidio?

          • http://giusepperoia.it/ Giuseppe79

            E allora perché fa parte del gruppo di sviluppo di tizen se come dici tu non gli porterebbe niente di buono?

          • italba

            Perché ha le persone adatte e le competenze per farlo. Ma se Tizen diventerà un concorrente di Android sugli smartphone o un sistema operativo per set-top boxes e autoradio dipende(va) da Samsung, dalla sua quota di mercato e dai suoi soldi.

          • http://giusepperoia.it/ Giuseppe79

            Staremo a vedere, di certo ad intel non mancano i soldi e Samsung non ha ufficialmente abbandonato il progetto (o per lo meno mi è sfuggito) personalmente sono convinto che più concorrenza c’è e meglio è per noi, quindi spero che crescano progetto come ubuntu e che ne nascano di nuovi che si chiamino tizen o Pippo, pluto e paperino

          • italba

            Anche a me piacerebbe, ma conservando la compatibilità con le app di Android. Con il kernel Linux ci vorrebbe un sistema tipo Wine per Android sul nuovo s.o. , e tutto sommato potrebbe essere fattibile. Purtroppo, però, Android senza Google play e le Google apps vale ben poco, ed i criteri per accedere li stabilisce Google.

          • mail9000it

            No.
            Tizen è figlio di della fusione di LiMo e MeeGo (come puoi controllare su wikipedia) e MeeGo era figlio della fusione di Moblin (Intel) e Maemo il defunto SO di fascia alta di Nokia che non è mai venuto alla luce.

            Ha una base Linux (LiMo) ma non centra nulla con Android.

          • italba

            Mi sa che volevi rispondere a Giacomofurlan

      • cesco

        credo che di fronte alla possibilità di condividere una montagna di brevetti con Google, e quindi Motorola, Samsung non abbia saputo resistere visto quanto gli sta costando questo argomento in cause legali e multe.

    • Bigons

      Potessi installare Quick Memo, QSlide e KnockOn su Nexus 5 lo prenderei subito

  • Latttina

    Sarebbe fantastico se i top gamma venissero distribuiti in due versioni cioè ad esempio un Samsung con touchwiz o un HTC con sense piuttosto che con google edition MA con la possibilità di passare da uno all’altro senza invalidare la garanzia cioè quando lo accendi ti chiede quale OS vuoi e comunque anche dopo avere la possibilità di cambiare. Ma forse chiedo troppo.

    • Mufasa

      Si, chiedi troppo :P

    • giacomofurlan

      Non invalidi la garanzia hardware infatti.

      • Latttina

        Ah si? Ti faccio una domanda…tu hai un bello smartphone e un giorno decidi di mettere la tua bella ROM google edition. Tutto fila a gonfie vele finché non ti si guasta qualcosa nel telefono e quel qualcosa guarda caso ti impedisce di rimettere la tua ROM originale. Nella maggioranza dei casi il centro di assistenza ti risponde ciccia. Sono ben poche le case che in una situazione del genere ti riparerebbero il telefono. Certo se uscisse una direttiva che obbliga tutte le case a riparare i guasti hardware indipendentemente da eventuali manomissioni del software il problema non si porrebbe.

        • giacomofurlan

          Non esiste direttiva, ma legge comunitaria (per la garanzia europea) e legge italiana (per la garanzia, appunto, italiana). Se hai un difetto hardware, devono riparartelo. Se non lo fanno, mandi una lettera di messa in mora e, se nel tempo indicato (due settimane lavorative) non ti rispediscono il telefono riparato, allora puoi denunciarli per inadempienza del contratto di vendita, secondo quanto stabilito dal codice del consumo. Loro DEVONO ripararti il telefono, se il danno è di tipo hardware e non è di tipo incidentale (es. un utilizzo proprio del dispositivo). Se anche accennano al fatto che il danno l’hai creato tu, devono dimostrarlo (es. processore fuso, speaker non funzionante, etc).

    • nemo

      È più probabile che vendano la versione google play e diano la possibilità di acquistare la propria interfaccia dallo store. La cosa che mi preoccupa a questo punto è che così la community del mod arrivi a specializzarsi solo nel porting di tali interfacce diventando così attività illecita e quindi soggetta a censura, finendo con xda come la baia dei pirati a dover proteggere l’accesso per non farsi censurare.

  • Pingback: La linea Nexus, l’asse Google-Samsung e “Lenovorola” | Crazyworlds()

  • Stefano

    gran bell’articolo complimenti :D

  • Francazzo da Brescia

    E’ più di appeal motonovo che lenovorola.

    • Bigons

      Magari Lenorola …. il suffisso per Lenovo mi sa che deve stare davanti hahaha

      • Jacopo Merlini

        Motonovorola

        • Jacopo Merlini

          Lemotonovo royal

  • cesco

    un articolo così ben scritto era un pezzo che non si leggeva ne qui né altrove, sono molto contento di averlo letto, complimenti a chi l’ha scritto!

  • http://giusepperoia.it/ Giuseppe79

    La questione nexus è secondo me spinosa.
    Lasciando stare il prezzo che ormai sarà solo un bel sogno, il bello dei nexus è anche una forte ottimizzazione su quel device, per non parlare della montagna di rom alternative.
    Ora se l’hw lo decidono i fornitori secondo le loro esigenze e non secondo le specifiche di google sarà la stessa cosa?
    La comunità riuscirà a star dietro a tutti questi modelli alcuni magari per cui non vengono rilasciati i codici sorgente?
    Per l’utente finale medio, magari ci sarà un miglioramento a perte il prezzo come già detto, ma credo che per gli smanettoni come noi ci sarà un pò meno materiale buono su cui lavorare.
    In termini assoluti, più materiale, ma la qualità non sono sicuro che si mantenga tale

  • Ruggero Calabrese

    Davvero un bellissimo articolo, forse è la prima volta che su Androidiani ne leggo uno fatto così bene! Comunque non sò se ho capito bene ma avere un Galaxy Note con tutte le sue funzioni senza la Touchwiz e interfaccia Google per me sarebbe un sogno :D

  • Nicola

    Si però a questo punto sarà Google a rendere il suo “libero” Android come iOS!

  • Arnusse

    Sì beh, se vi piacciono gli articoli completamente privi di sintassi e senso logico, ottimo articolo.
    Fatevi un corso di giornalismo, per cortesia. Non si può leggere ‘sta roba.

    • Ale

      e allora non la leggere , ogni tanto ci sta qualche errore , siamo umani in fondo!

      • Arnusse

        Eh, allora scriviamo come capita perchè siamo umani, mi immagino sto ragazzotto con le mani unte che ha scritto questo articolo, che adesso è tutto gasato per merito vostro che manco sapete cosa sia la sintassi.
        Bocciati, tutti.

        • Rintintin

          Quelli che tu chiami ragazzotti con le mani unte, guadagnano 4 spiccioli per scrivere questi articoli e sono tra i pochi che si impegnano per darci le informazioni quotidiane riguardo il mondo android. Visto che ti piace fare tanto le critiche gratuite, ti consiglio di aprirti il tuo blog sintatticalmente corretto e di lasciare in pace noi in questo blog, sono stufo di leggere solo critiche gratuite, tutti bravi a criticare. Uno degli migliori articoli letti da anni. Bravi ragazzi di androdiani!!

          • Arnusse

            Bravi un c…solo perchè lo fanno quasi gratis non significa che debbano farlo MALISSIMO, capisci? Si tratta di rispetto, perchè non scrivono per informare se stessi, ma gli altri, noi.
            Massì, probabilmente sei il solito italiano medio a cui piace farsi fregare…a te vanno bene questi articoli qui. L’articolo è obiettivamente scritto molto male, confuso ed inconcludente. Poi se vuoi sovvertire le regole e la naturale scorrevolezza che un testo deve avere, oh beh hai sbagliato lingua. Questi “bravi ragazzi”, sanno solo riempirsi la pancia da mc donald’s e pagarsi internet con sto blogghettino da due soldi…persone ORRIBILI, che voi ELOGIATE. Ahahahaah! Mi fai ridere tu ed i tuoi simili. Torna a leggere Topolino, ragazzino impertinente.

          • Rintintin

            Ahahaha ragazzo non so che problemi hai ma sono gravi… Ti sei fatto un mega film mentale su mcdonald e italiani medi e al contempo a insultare tutti… Sei riuscito a strapparmi una risata… Matti come te dovrebbero essere più presenti.. Rallegrate il mondo…

          • Arnusse

            Meno gravi di uno che difende l’indifendibile, mi hai strappato molto, ma molto, credimi…molto più di una risata, io ed i miei amici stiamo letteralmente sbottando dal ridere a leggere il tuo post ahahahahah! Sei davvero folcloristico ahahahah! Come dire…”speciale” ahahahahah!

          • mr verdicchio

            Hai degli amici?
            Curioso quantomeno.

          • Rintintin

            MR Verdicchio hai vinto!!! Arnusse, se pippi cocaina o hai bisogno di sfogarti per mancanze di affetto non te la prendere con un blog o con chi scrive, stai diventando patetico… Adesso vai in pace… EGO TE ABSOLVO

          • monkey

            Pensa che io questo articolo l’ho capito..e ti dirò di più..mi è anche piaciuto..non ho fatto un corso di giornalismo..e sinceramente leggendo questi articoli alla svelta per tenermi aggiornato ogni tanto su qualcosa che mi piace non sto a scavare all’interno dell’articolo alla disperata ricerca di un errore grammaticale o sintattico..non ci faccio nemmeno caso..a mio parere (quello di una persona media, non un supereroe…) uno di questi articoli deve semplicemente essere comprensibile..penso che la maggior parte di quelli che leggono questo blog lo facciano per interesse personale..ma non penso proprio che sia la principale attività della loro vita..dai dei panzoni unti a coloro che scrivono su questo blog..ma sinceramente a me sembra che qui l’unico che sta attaccato al pc alla ricerca di qualcosa per cui lamentarsi con la panza e uno spuntino di mcdonald perennemente accanto al computer potresti essere tu…quindi semplicemente potresti apprezzare il lavoro altrui (lavoro che tu, peraltro, non paghi…) e piantarla di rompere..inoltre dici che il fatto che sono pagati poco non significa che devono fare male il loro lavoro..ma sinceramente a mio parere se proprio vogliamo cercare l’ago nel pagliaio non sono nemmeno tenuti a farlo egregiamente..poi se non ti piace il modo in cui sono scritti questi articoli perché continui a stare qui a leggerli e a rompere le balle su come sono scritti? Perché non provi piuttosto ad apprezzare la notizia per quello che è? E non cercare solo l’errore sintattico all’interno di una cosa che non ti è per niente dovuta? Nessuno obbliga questi ragazzi a scrivere degli articoli per intrattenerti, come nessuno obbliga te a leggerli se non ti piacciono a mio parere..

    • moffolo

      Al contrario di te ho trovato questo articolo molto interessante. Sapresti spiegarmi cortesemente dove non trovi senso logico e sintassi?
      Grazie

      • Arnusse

        AHAHAAHAHAHAH! Caspita, è come se un carrarmato ti entrasse in casa e tu dicessi “sapresti spiegarmi dove vedi l’enorme carrarmato che ha appena sventrato mezza casa e mi sta facendo grondare il sangue dalla testa perchè mi ha colpito in mezzo alla fronte?” HAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHHAHAHAHAHAHAHAHAHAHHAHA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

        • moffolo

          Come prevedevo, sei solo bravo a scrivere HAHAHA e AHAHAHA.

          • Valdaster

            Beh, ma lo scrive con una sintassi perfetta :D

          • moffolo

            Senza contare il senso logico ;-)

  • Lorenzo Cacciatore

    Per leggere tutta questa roba mi ci sono voluti tre quarti d’ora… Ottimo articolo!

  • Simone Sormani

    Peccato che se tutto rimarrà come ora noi italiani non vedremo nessun smartphone google play edition…
    Speriamo che cambi qualcosa..

  • Anonimous

    Google poteva rubare ai grandi produttori una bella fetta del mercato Android visti i prezzi molto contenuti…una condizione che chiaramente da fastidio a Samsung, Htc, Sony, ecc…le solite lobby!

    • LeccaUccelli

      Si infatti non se ne può più delle lobby gay!

    • mail9000it

      Scusa me google guadagna molto di più con la pubblicità che non vendendo terminali e soprattutto è un mercato più sicuro del hardware.
      Non devi preoccuparti di cannare un modello o dei problemi di ricezione dell’antenna.

      A google non interessa vendere 1 milione di telefoni, interessa che 5 milioni di persone acquistino un telefono android.
      Se sono telefoni di marche diverse che importa.

  • 8eloah8

    Lenovorola nse Po sentire,meglio motolenovo o motonovo,sti cinesi comunque mettono paura.

  • Ruppolo

    Abbiamo un nuovo patent troll: Google.

    Ed ora che Samsung ha stretto il patto d’acciaio con Google, che ne sarà degli altri produttori?
    Secondo me o passano tutti in blocco a Windows oppure si coalizzano su un nuovo sistema operativo. Visto che sono tutti orientali, propendo per la seconda possibilità.

    • mr verdicchio

      Anche Samsung è orientale.
      Ma c’è un cinese che si è appena comprato per la seconda volta un’azienda storica americana, per convincere quegli yankee fissati col Buy American a comprare…. cinese
      Beh se devo essere sincero non mi riesco ancora a fare un’idea precisa.
      Potresti avere ragione però…

  • pippottino

    Se ogni cellulare avesse lo stesso aggiornamento dei top di gamma le vendite calerebbero radicalmente

  • Ingorante

    “Un futuro bellissimo, a nostro avviso.Un futuro in cui potremo scegliere fra tanti Google Play Edition”
    Non la vedo così.
    Se sviluppano meglio la ferrari e ne fanno tanti modelli, non me ne sbatto altamente, perché non me la posso permettere o, pur potendo permettermela ritengo che siano soldi buttati. E, come me, molti altri.
    I NEXUS sono terminali ECCELLENTI a prezzi GIUSTI. Un ottimo compromesso.
    PERSONALMENTE (imho… quindi non scassate la uallera) ritengo sia decisamente POCO INTELLIGENTE comprare smartphone da 800 euro. Quindi se in futuro dovessero uscire 10, 50, 100 modelli di smartphone, Google play edition, a 700/800 euro, non me ne potrà fregare NULLA.
    Ritengo che i NEXUS, coniugando ottimo hardware e costi GIUSTI (NON contenuti) siano una scelta intelligente.

    • mr verdicchio

      Ci sono i cinesi, quindi tra un pò, se vorranno venderne qualcuno, dovranno tutti abbassare le penne. Ok il top del top lo vendi a quello che vuoi. Ma se un cinese esce a 200€ con un signor prodotto, i grandi produttori non potranno uscire a più di 300-350€ con un prodotto analogo

  • Flipz77

    La butto lí: e se google avesse pianificato fin dall’inizio di produrre sei generazioni di nexus, per fermarsi dove si era fermata la Rosen (o Tyrrell se preferite il film) e nel contempo mettere in pratica una previsione di un mercato dominato da androidi nel giro di sei anni, come poi effettivamente è stato? ;)

  • Lorenzo

    Questo significa che presto scomparira la home xperia, l’app walkman e tutte le personalizzazioni che facevano unici gli xperia??

  • frengo

    un futuro migliore per noi Androidiani.. ma peggiore, forse, per i nostri risparmi

    quindi un futuro peggiore per noi androiidiani

  • LeccaUccelli

    UHUH samsung regna e ora google la premia <3 <3 grande tesoro mio vai avanti così!

    • http://giusepperoia.it/ Giuseppe79

      Il nome dice tutto

      • LeccaUccelli

        I soliti che giudicano dal nome….lascia stare va almeno faccio un po di pubblicità alla mia casa di prostitute…

  • l’808 ti osserva

    ecco il grande fratello

  • caffeine666

    l articolo mi sembrava ben fatto finché non ho letto “un azienda emergente … lenovo” le novo emergente… primo produttore notebook al mondo… primo produttore smartphone e tsblet in Cina (quindi forse primo al mondo)… magari emergente nello specifico settore smartphone in Europa (perche in quello PC non lo è ma in patria neanche negli altri settori è) o America….. ma affiancate la parola le novo ad emergente è veramente ridicolo… in una settimana hanno fatto shopping di Motorola e sezione server x86 di IBM… il colosso le novo… la potente lenovo… la ricchissima lenovo… ci sono mille termini… ma sicuramente emergente per un azienda che é “emwrsa ” quasi 20 anni da comprando la “storica” Compaq… non è un termine adatto

  • Pingback: La famiglia del Galaxy S5 si allargherà ulteriormente, parola di Eldar Murtazin – Androidiani()

  • Pingback: La famiglia del Galaxy S5 si allargherà ulteriormente, parola di Eldar Murtazin | Crazyworlds()

  • Pingback: La famiglia del Galaxy S5 si allargherà ulteriormente, parola di Eldar Murtazin - WikiFeed()

  • Pingback: La famiglia del Galaxy S5 si allargherà ulteriormente, parola di Eldar Murtazin - HostingPost.itHostingPost.it()

  • Pingback: La famiglia del Galaxy S5 si allargherà ulteriormente, parola di Eldar Murtazin | Notizie, guide e news quotidiane!()