Matias Duarte: “L’interfaccia Android deve ancora migliorare”

20 settembre 201235 commenti

Negli scorsi giorni il celebre portale Android Police aveva analizzato accuratamente l'interfaccia Vanilla del nostro amato robottino verde mettendo in luce i lati negativi e sperando che con futuri aggiornamenti tutto ciò venga sistemato. In occasione il celebre designer dell'UI di Android, Matias Duarte, eletto tra i 50 migliori designer dell'anno, ha voluto rispondere all'analisi dell'interfaccia Android, cioè quella che ritroviamo nei dispositivi Nexus, ammettendo che ancora c'è molta strada da fare e che non si è arrivati al traguardo.

Prima di tutto però è giusto fare una breve premessa e presentare in una piccola sintesi l’analisi di Android Police. L’interfaccia Android realizzata da Duarte e colleghi ha sostanziali problemi che possiamo riassumere nei seguenti punti:

  • Le icone delle applicazioni Android non sono uguali e molte volte hanno dimensioni differenti risultando poche in armonia (come dimostra l’immagine in basso);
  • Google Maps Navigator è ancora fermo alle sembianze adottate in Gingerbread e non è stato cambiato molto con i nuovi aggiornamenti se non la vista di alcuni menu;
  • L’icona di Google Voice non è adatta;
  • Il menu del multitasking porta confusione poichè le miniature appaiono tutte simili;
  • Le funzioni del tasto “Indietro” sono differenti e porta a situazioni differenti. Nonostante sia sempre nella stessa posizione non svolge sempre lo stesso compito: schermata precedente, home, da app a menu;
  • Manca la visualizzazione orizzontale;
  • Lo scroll nel Play Store non memorizza la posizione dopo un cambio di schermata;

Dalle prime apparizioni della piattaforma di Google l’interfaccia ha fatto molti passi avanti e tutti siano consapevoli dell’ottimo lavoro e dei traguardi raggiunti. I risultati sono ottimi ma non al massimo delle possibilità. Molto è ancora da perfezionare e da migliorare per ottenere un’interfaccia perfetta, lo ammette lo stesso Matias Duarte:

“É vero, abbiamo ancora molto lavoro da fare per migliorare l’interfaccia di Android. Personalmente credo che al momento ho sviluppato solo un terzo delle idee e del progetto di interfaccia di Android, sopratutto per quanto riguarda la consistenza della UI, la reattività e la bellezza. Meglio tornare al lavoro!”

Anche gli sviluppatori ed i designer sono consapevoli delle lacune ma il futuro è più che roseo dato che ancora abbiamo visto solamente un terzo delle potenzialità dell’interfaccia Android.

Chissà cosa ci riserva il futuro.

 

Loading...
  • jiso

    ma che razza di problemi sono questi?!?!? ma LOL!! A me piace un sacco l’interfaccia del Nexus, con JB poi è migliorata ancora rispetto a ICS
    Cmq ben vengano ulteriori miglioramenti!!

    • Ruppolo

      Tu di certo non sei un cultore della cura dei dettagli.

      • jiso

        Mha, sarà, ma almeno non sono un fanboy Apple come te …

        • sbla

          ae npn sbra un fanboy… anzii uba petvhosa molto intellughrntd

  • dragondevil

    uno viene promosso tra i migliori designer e poi se ne esce con queste caxxate…era meglio se rimaneva nella tana!!

    • Luca

      Esatto, è stato promosso come uno dei migliori e solo riconoscendo i propri limiti ed errori si può migliorare e superare i propri errori. Questa persona non è un pirla ma uno che sa come si lavora.

      • dragondevil

        la UI è un fatto personale, quindi se a lui non piace non vuol dire che non sia buona!!
        a me l’interfaccia stock di android piace molto, e la holo è la prima interfaccia con cui non sento la necessità di cambiare UI…

        • Mateusz Cabizza

          Scusa, ma hai letto l’articolo di Android Police? Non stanno criticando holo in se, ma alcuni comportamenti generali. L’unica critica che hanno fatto direttamente all’interfaccia riguarda le icone, o meglio, le dimensioni di esse.

  • farfus

    Sarà anche tra i 50 designer migliori dell’anno, ma almeno che si cambi la camicia…!!!!!

  • Animale della brughiera

    Unica nota condivisa: “lo scroll nel Play Store non memorizza la posizione dopo un cambio di schermata.”
    Per il resto, questo qua sopra è un coglione!

    • Mateusz Cabizza

      Con più persone come te saremmo ancora fermi all’interfaccia di Cupcake.

  • Ruppolo

    Il vostro riassunto prevede che i lettori non sappiano l’inglese: Troppe sono le omissioni di deficit importanti.
    Consiglio la visione della pagina originale, anche solo per guardare le figure.

    Il riassunto corretto è: interfaccia incoerente.
    È il difetto di tutte le interfacce copiate: non avendole progettate non si sa esattamente come devono funzionare nella variabilità di aspetti che le applicazioni presentano.

    • Eraunanottebuiaetempestosa

      Sono d’accordo sulla prima parte, ma ICS/JB interfaccia copiata da chi? o.O

      • Ruppolo

        Non è questione di versione, né di aspetto. L’interfaccia è copiata da iOS.

        • Gollum

          no, da windows 3.11

          • no casomai l’interfaccia fin dalle prime versioni di Andorid è stata copiata da SPB Mobile shell per windows 6.5

  • Ha ragione sul funzionamento del tasto back, non ha un funzionamento uniforme.
    Ma il vero modo per migliorare l’interfaccia di android è impedire che gli oem la modifichino.

    • Il gelataio

      …stiamo parlando di android standard e dei problemi della sua interfaccia… che cos c’entrano gli altri produttori? Sono loro che si adattano ai vincoli di google non viceversa. Se google decide di fare tutte le icone verdi e triangolari il produttore OEM cosa può fare?
      1 – Stravolgere l’interfaccia a proprio gusta
      2 – Accettare la scelta di google

      …in ambo i casi nn influenza le scelte che google ha fatto!

  • Eraunanottebuiaetempestosa

    Effettivamente i punti riassunti così sembrano poca cosa ma l’articolo in questione su AndroidPolice era coerente e degno di nota. Per chi fosse interessato questo il link:
    http://www.androidpolice.com/2012/09/18/ux-things-i-hate-about-android/

  • icarus

    Non sarebbe male poter visualizzare il menu home e app anche in orizzontale

    • aaa

      Golauncher

      • cucuruccu

        Ma anche Nova e Apex… che rispetto a GO mantengono una perfetta similitudine con il laucher stock.

      • Ho utilizzato go laucher praticamente per più di un anno, non sono riuscito a trovare un sostituto fino a che non ho provato Apex. Ha le stesse caratteristiche che aveva go launcher prima che si appesantisse di funzioni francamente inutili e ridondanti e quindi risulta molto più agile e fluido (senza contare che adesso anche acquistare un tema per go laucnher o anche piccole feature in più, ti propongono prezzi assurdi).

  • Pingback: Matias Duarte: “L’interfaccia Android deve ancora migliorare” | Notizie, guide e news quotidiane!()

  • Mirko

    questo è uno dei punti di forza di android, c’è a chi l’interfaccia classica piace, se no te la cambi e te la personalizzi come piace a te

  • Marco Argenti

    Anch’io come altri condivido il discorso del play store, molto fastidioso.
    Sul tasto back ho delle obiezioni, nel senso che è logico che porti indietro di un’azione, qualsiasi essa sia, se non ci fosse, come su WP e iOS, i programmatori dovrebbero mettere in ogni schermata un bottone “indietro”.
    Coerente, per carità, ma da sviluppatore preferisco questa scelta di Google, codice risparmiato!

    • Se guardi nel link, nel sito di android police, vedi che il problema è che il tasto indietro non sempre ti porta indietro, ma certe volte ti porta in dei posti che vuole lui, è quello il problema.

      • Marco Argenti

        Ho letto l’altricolo ma da programmatore ti dico che ha un senso, da utente “semplice” non lo ha.
        Il problema è: fai un OS per ignoranti (il riferimento mi sembra scontato) o fai un OS che ti insegna qualcosa?
        La tendenza è ormai quella di accontentare l’utente su tutti i fronti, lasciandolo sbrodolare nella sua limitata capacità. Da informatico mi fa molta tristezza.

        • Gli studiosi di Ergonomia in effetti si lamentano che i desiner e gli architetti in genere tendono a prendere l’ergonomia alla lettera oppure a considerarla solo da un punto di vista. L’ergonomia è una scienza che se applicata bene permette di incontrarsi a metà strada, in questo caso tra chi programma e l’utente finale. E’ sbagliato adottare un design con concetti troppo legati ad un profilo di utenti, come è sbagliato cercare di portare l’utente ad usare una funzione nel modo in cui vogliamo noi per livellare il profilo verso l’alto. Sicuramente è già un passo avanti il fatto che in presenza di tasti virtuali il tasto indietro si trasforma in una freccia in giù quando c’è da far sparire la tastiera, così come sarebbe un passo avanti se si potessero modificare a piacimento la posizione dei tasti nella nav bar e magari anche le funzioni quando si tiene premuto il tasto. Questo al momento è possibile solo con rom custom. Infatti come spesso accade la soluzione migliore per avere un prodotto Ergonomico è che il progettista sia il cliente stesso come nel caso dei cuochi delle rom. Secondo me il top si raggiungerà quando gli utilizzatori avranno la facoltà di personalizzare l’interfaccia partendo dalla stessa base e su binari definiti dai progettisti.

          • Marco Argenti

            Quoto tutto!!!

  • Gleb Golov

    Quando vedo le icone nel drawer tutto mi sembra in “armonia” ma quando faccio le cartelle se voglio una interfaccia armoniosa nella home devo scegliere bene le icone da visualizzare nell’anteprima.

  • crissstian96

    Ma a me le icone piacciono onestamente, anche se non sono tutte simili ma sono belle così, non mi piacerebbe se fossero tutte uguali (stile iphone o wp), invece mi piacerebbe vedere qualcosa di più ordinato.

  • giless

    voglio aggiungere un altro aspetto che secondo me e’ importante: molte app non sfruttano lo schermo a pieno e in generale c’e’ un overhead molto fastidioso. Un esempio: Google MAP ha tre overhead: i soliti 3 testi in bassi dell’OS, i suoi testi sopra quest’ultimi e la barra sopra con l’ora etc. Non tutti questi sono importanti. Si potrebbe invece avere una mappa a tutto schermo e con le barre (semplificate) che si attivano quando il dito si avvicina (mediante il sensore di prossimita’). Stesso discorso per la fotocamera.

  • xxmirko86xx

    È normale il suo ragionamento essendo un designer.. Io faccio il grafico e credetemi qualsiasi creazione, perfetta per come potrebbe sembrare, per noi sarà sempre un’opera incompiuta da sistemare e migliorare… ;)

  • FranzArt

    Io migliorerei la camicia del tipo ….è veramente orrenda !!!!