Android e Chrome OS resteranno due sistemi operativi separati, ma si avvicineranno

31 maggio 201211 commenti
  Come saprete, Android non è l'unico OS in mano a Google: Chrome OS è un progetto desktop, basato interamente sul web, sul quale Google lavora da alcuni anni, che però non ha ancora raggiunto la maturità di Android, e tantomeno quella dei concorrenti in ambito desktop.  Già da tempo si vociferava su una fusione tra i due progetti, per creare un  OS unico, e allo stesso tempo negli ultimi mesi alcuni rumor vorrebbero Android Jelly Bean come una versione destinata ai PC desktop.  Linus Upson di Google ha rilasciato una nuova dichiarazione riguardo il futuro di questi due OS.

Alcuni giorni fa infatti, sono stati presentati il nuovo Chromebook e il primo Chromebox di Samsung, con i quali Google spera di aumentare la fascia di mercato – per il momento tendente a zero – di Chrome OS.  Si tratta di due dispositivi interessanti, e il sistema operativo nella sua ultima release è stato parecchio migliorato.

In occasione della presentazione dei due nuovi portabandiera di Chrome, Linux Upson ha dichiarato che attualmente non è in sviluppo una versione di Chrome OS per tablet, per i quali esiste già Android, e ha sottolineato che al momento si tratta di due progetti assolutamente separati, ma che i due team si stanno avvicinando molto:

We have our hands full in delivering a wonderful experience on desktop and laptop and the Android team have their hands full bringing a great experience on phone and tablet. But the two teams are working together even more closely.

Upson ha anche sottolineato che gli utenti desktop e gli utenti di smartphone e tablet hanno esigenze diverse, per cui è giusto offrir loro due OS diversi. Ha citato come esempio Apple, con iOS da una parte e Mac dall’altra, e Windows, con Windows Phone. In verità l’esempio di Microsoft non è del tutto calzante in quanto Windows 8 sarà destinato anche al mercato dei tablet, in versione limitata, e solo gli smartphone utilizzeranno Windows Phone.

The use cases in technology stacks on phone and tablet are very different to desktop and laptop, as are the user expectations, and the types of things you do are also very different. That’s why everyone has two different solutions for these problems. Apple has Mac OS and iOS, Microsoft has two – they just happen to call them both Windows – and at Google we do the same.

Insomma, a dispositivi diversi, corrispondono OS diversi. Però in futuro Chrome OS e Android si avvicineranno molto, diventando simili e creando un ecosistema tra di loro, come fanno già iOS e Mac. 

“Apple doesn’t try to smash the two together and we’re not trying to do it, but in time there will be a seamless user experience across all the devices

Questa dichiarazione smentirebbe tutte le voci che volevano Jelly Bean su pc desktop.

L’idea di un Os unico non sarebbe certo innovativa, e ci sono già stati tentativi in passato, che però sono falliti. Da una parte se Chrome OS e Android si unissero, ci sarebbero vantaggi per gli sviluppatori, e per gli utenti di dispositivi ibridi come l’Asus Transformer Prime. Dall’altra, attualmente i sistemi operativi desktop e quelli mobile sono molto differenti e conciliare le loro caratteristiche potrebbe essere molto difficile e potrebbe richiedere alcuni compromessi agli utenti.

[via]

  • suzlapulvo

    il primo pc chrome os ė uscito sul mercato questa settimana a ca. 250€.
    ė simile al mac-tv o come si chiama. sembra un harddisk esterno con hdmi usb ecc. quanto serve. a quel prezzo pure interessante da attaccare alla tv di casa.

    • Metallaro

      Non è un pc, è un ‘chromebox’ ed è linkato nell’articolo. Esiste gia comunque una precedente generazione di chromebook Samsung ed Acer.
      Sono indubbiamentBruni prodotti ma il sistema operativo è ancora un po’ incompleto, nel senso che moltissime cose non si possono fare, quasi non esistono app che girano native.
      Però certo, promette bene

      • suzlapulvo

        ma non funziona su base chrome? su chrome ci sono app. non tantissime ma arrivano man mano..
        naturalmente non ė un pc.
        su mediamarkt germania (da noi mediaworld) lo offrono da oggi

        • Metallaro

          Più che basarsi su Chrome, nelle prime versioni ed praticamente Chrome che bootava. Ora gli hanno aggiunto un desktop, e da alcune versioni Chrome può eseguire app in c e c++. Le app in html5 del Chrome web store vanno bene per cose semplici, ma le app avanzate devono girare nativamente. Ve lo immaginate Photoshop in html5? O Maya? O un’app pr la musica avanzata, o per l’editing video?

          • suzlapulvo

            ok ma maya ė tutto un altro pianeta mi ė capitato si vedere cosa programma un nio amico a vienna all università. li parliamo di uninfintà di dati e calcoli. con un computerino non si riesce

          • http://www.facebook.com/fabio.giaffaglione Fabio Giaffaglione

            Perchè no? secondo si arriverà ad avere Photoshop e Maya dentro il browser, già oggi esistono decine di cloni di photoshop online che funzionano discretamente (con le dovute proporzioni).
            Tutto dipende dalle case produttrici, ad oggi le potenzialità dei linguaggi web client sono tutt’altro che al massimo.
            Io già trovo soddisfazione nell’ utilizzare il word di google documents, non sarà completissimo ma è pur sempre un inizio.
            C’è tanto da lavorare ma la strada è quella giusta.

  • glonciavir

    la soluzione chrome OS è basata su un’idea veramente innovativa… forse troppo vista la situazione attuale. Questo OS ha bisogno di due cose:
     – Applicazioni qualificate e di valore
     – Connettività di altissimo livello

    Ad oggi in europa le linee dati non sono uniformemente diffuse ed accedibili, inoltre le performance che offrono in termini di banda e velocità di upload sono veramente basse…salvo alcuni provider che offrono a tariffe troppo elevate buoni servizi.

    In questo contesto il chrome OS difficilmente potrà muoversi… forse la soluzione OS residente e dati in cloud è oggi la migliore via di mezzo…

  • Robigus

    Secondo me Chrome Os ha altissime potenzialità ma non decollerà mai se Google cerca di limitarsi ad un parco hardware chiuso in stile Apple.
    Dovrebbe liberalizzare il software, rendendolo compatibile con tutti gli hardware in circolazione:
    soltanto allora, un pò per curiosità, un pò per praticità (perchè comunque è un sistema operativo molto leggero), riuscirà quindi a guadagnarsi consistenti fasce di mercato, iniziando a far seriamente concorrenza a Windows.

  • Pingback: Android e Chrome OS resteranno due sistemi operativi separati, ma si avvicineranno | Mandave()

  • Pingback: Android e Chrome OS resteranno due sistemi operativi separati, ma si avvicineranno | Notizie, guide e news quotidiane!()

  • Pingback: Questa è l’era del Post PC o del PC+? – Androidiani | Androidiani.com()