Android e la domotica: ecco un nuovo ed interessante video

9 maggio 201312 commenti

In questi anni si è spesso parlato di nuove tecnologie e comando delle nostre abitazioni ma, salvo alcuni progetti, ancora oggi non abbiamo potuto apprezzare molto la domotica e le sue tante funzionalità. In questi ultimi mesi abbiamo visto spesso video nei quali smartphone Android riescono a spegnere ed accendere la luce ma nulla di sensazionale, di futuristico. Nonostante ciò, ci sono alcuni progetti degni di nota, come quello avvistato alcune ore fa in un nuovo video.

Certamente tutti noi vorremmo poter abitare in una casa super tecnologica come quella dei Jetsons (celebre cartone animato) ma purtroppo ancora la tecnologia dovrà crescere per poter arrivare a quei livelli.

Il massimo che possiamo ottenere oggi è quanto ci mostra Doug Gregory in un nuovo video. Lo sviluppatore con alcuni controlli elettronici ed un ampio utilizzo di Tasker ha realizzato un salotto interattivo.

Ecco il video:

httpvh://youtu.be/RjTj0ymhbBw

Senza contare apparecchiature come home theater ed il Nexus 4, Doug è riuscito a mettere insieme il tutto per meno di $ 300. La lista della spesa è molto breve e cioè:

  • Mi Casa Vera VeraLite home controller (~$180)
  • IR blaster
  • 4 Z-Wave switches (~$50×4)

La parte più difficile di questo progetto è nel setup del software, che si basa pesantemente su alcune altre applicazioni. Tasker è alla base del funzionamento, insieme a un paio di plugin, come autovoice, che viene utilizzato per realizzare la porzione del comando vocale dell’interfaccia. Un computer separato che esegue XBMC è gestito con Yatse, invece il controller Mi Casa Vera passa attraverso un app chiamata AutHomationHD.

Questo sistema comporta, ovviamente, un sacco di configurazione personalizzata e può essere piuttosto complicato per qualsiasi altro utente poco esperto realizzarlo partendo da zero, ma è una grande dimostrazione di cosa si può fare con pochi semplici strumenti ed un po’ d’esperienza.

Se volete scavare più a fondo nel progetto non dovrete far altro che consultare l’apposito thread su Reddit.

 

Loading...
  • elegos

    Per ora mi accontento del mio impianto MPD :P – in futuro comunque ho intenzione di realizzare un micro-computer con a bordo un processore ARM per gestire le parti elettroniche di casa.

    • pirlix

      e sti grancazzi………….. scusa, ma quanno ce vo ce vo

      • elegos

        Alla fine tutto sta nel programmare il microprocessore… è una macchina a stati finiti dover per X input ho Y uscite. Il controllo a “livello alto” ce l’ho nell’applicazione facilmente implementabile in Android :)

  • jean
  • davirock

    Senza comandi vocali, ma solo touch, faccio identiche cose a casa mia con l’utilizzo del semplice browser o con applicazioni dedicate per i vasi elementi (ho cablato casa e ho collegato in rete sostanzialmente tutto, TVs, Ampli, NAS, PCs, Mediacenter,RaspberryPi con openElec…)
    Se fosse tutto centralizzato in un unica applicazione o con comando vocale sarebbe fantastico… ma parlerei da solo come un ciula!

    Davide

  • Pingback: Android e la domotica: ecco un nuovo ed interessante video | Android news()

  • Pierge

    Si diciamo che con quei 300€ ci compri le app per il controllo ma alla base ci deve essere mooooolto altro… Cmq ottimo lavoro e vi assicuro che si puo gia fare anche da noi questa cosa basta avere molti soldi e pazienza…

  • Pingback: Android e la domotica: ecco un nuovo ed interessante video | Notizie, guide e news quotidiane!()

  • Mastrox

    Io da Android controllo luci, tapparelle, riscaldamento, raffrescamento, controllo dell’energia, sia da dentro casa che da remoto. Faccio questo lavoro da quasi dieci anni e la cosa che manca a tutti questi progetti, è uno standard.

    Le soluzioni ci sono, basta affidarsi a professionisti

  • Pingback: Android e la domotica: ecco un nuovo ed interessante video | FunkySheep il Web Donna()

  • androidianoOo

    You are Right Mario..that’s true..this is the price of the items for made that. ..$

  • IlGae

    Esiste già da molto tempo uno standard al di sopra di ogni marchio proprietario. I PLC saia-burgess utilizzano protocolli open. Dali per le luci con bus e tutti gli altri protocolli esistenti. Nulla di eccezionale nel video. Ho visto molto ma molto di meglio