Asus ZenFone 3s Max è ufficiale: batteria da 5000 mAh e 3 GB di RAM

7 febbraio 201711 commenti

La taiwanese Asus ha appena lanciato in India ZenFone 3s Max, successore di ZenFone 3 Max, uscito lo scorso anno. Con ben 5000 mAh di batteria il device assicura tre giorni di autonomia.

Ve l’avevamo annunciato la scorsa settimana e ora è ufficiale, Asus ZenFone 3s Max  è ora realtà. Vediamo quindi quali sono le specifiche tecniche.

Il device ospita un display da 5,2″ con risoluzione HD, è animato da un processore MT6750 con CPU octa core da 1,5 GHz.  A bordo troviamo 3 GB di RAM e 32 GB di memoria espandibile. Il comparto fotografico si compone di due fotocamere da 13 e 8 megapixel. Su Asus ZenFone 3s Max troviamo installato  il sistema operativo Android 7.0 personalizzato con l’interfaccia ZenUI 3.0. Il device è dotato di supporto al dual SIM e, cosa non scontata, dispone del jack da 3,5mm. La batteria da 5000 mAh garantirà all’utente un’autonomia davvero elevata tale da permettergli un uso super intensivo.

Parlando di design, lo smartphone si distingue per un corpo unibody in metallo. Nella parte frontale troviamo poi il sensore di impronta. Asus ZenFone 3s Max è disponibile in due colori: nero e oro. Per il momento il dispositivo è stato lanciato unicamente sul mercato indiano al prezzo di 14,999 rupie, corrispondenti a poco più di 200 euro.

 

Loading...
  • Colera

    Peccato solo per la cpu troppo energivora….

    • MattD

      Il 6750 in realtà è ottimo sotto quel punto di vista

      • Colera

        Meglio di altri, ma su un battery phone è sempre meglio optare per i quad che garantiscono un 20/30% di durata in più vedi oukitel k6000 (quad) vs oukitel k6000 pro (octa)

        • MattD

          Questo è un argomento ancora spinoso per i battery phone: c’è chi preferisce un 6737, che dà discrete prestazioni nell’uso quotidiano ma niente di più, e chi vuole un medio gamma con una grossa batteria che riesca a fare abbastanza bene tutto con una buona autonomia… Io propendo per la seconda, ma capisco che è comunque un fatto personale… Però c’è da dire che il k6000 pro è un esempio sbagliato nel caso particolare: tra mt6753 ed i nuovi 6750 e p10 c’è un abbisso in quanto a rapporto prestazioni/efficenza!

          • Colera

            Chi compra un telefono come questo o come l’oukitel lo fa per l’autonomia e rinuncia volentieri a una parte delle prestazioni pur di avere quel 20/30% di durata in più, io stesso ha venduto un redmi note 2 dopo un mese perchè le sue 6/7 ore di schermo troppo spesso non mi bastavano…
            Sono telefoni pensati per una nicchia di persone poco interessata alle prestazioni, a loro (come a me) interessa che lo schermo resti acceso il più a lungo possibile e senza l’intralcio di powerbank ciondolanti :)

  • Pecosbill76

    Ma è giusto? Niente FULL HD su un display da oltre 5 pollici ?

    Stiamo parlando di un nuovo modello…

    Per me non ha nessun senso

    • Francesco1989

      Non vedo dove sia il problema, secondo te questo smartphone è fatto per quale motivo? ha il suo punto di forza nella autonomia e uno schermo HD su un 5.2″ va benissimo sia per i consumi che per la resa cromatica….

    • teob

      Un 5.2 hd di alta qualità sarà 100 volte meglio di un 5.2 fhd scadente

      • Pecosbill76

        Su questo non ci piove. Tuttavia Asus NON è l’ultimo dei cinafonini e dunque la qualità la dò per scontata e SECONDO ME un 720p OGGI è una pecca che, personalmente, mi spinge a cercare oltre.

        • teob

          Asus non è un cinafonino ma 200 euro sono un limite per tutti.
          Lo schermo è un elemento costoso altrimenti tutti avrebbero il top… Ho avuto per le mani un note3 neo 5,5 in hd e ti posso dire che non sfigurava per niente rispetto ad altri in fhd del tempo

          • Max 137

            Infatti… C’e’ il solito discorso della scienza che ci informa di quanti DPI possa percepire l’occhio umano. C’e’ da aggiungere che quel che dice la scienza e’ irrilevante a fronte delle percezione dei fenomeni che dichiarano di vedere differenze che in effetti non esistono. Vedrai che fra un secondo ne spuntera’ uno che scrivera’: “Ohhh gli scienziati possono dire quel che vogliono, credici o no io vedo la differenza” Scommetti con me? Fenomeni… Peccato abbiano chiuso il circo Barnum.