Dopo Samsung ed LG anche Sony produrrà display OLED flessibili

13 giugno 20128 commenti

Durante un particolare evento, realizzato dalla Society for Information Display (SID), dedicato ai display tenutosi la scorsa settimana abbiamo visto interessanti novità riguardanti i display per i nostri device mobile, durante il quale abbiamo anche conosciuto il primo display da 5 pollici con risoluzione Full HD realizzato da LG. Proprio quest’ultimo, accompagnato da Samsung, ha annunciato la produzione dei primi display flessibili, ma durante il SID anche Sony ha annunciato la realizzazione dei primi display OLED flessibili.

Durante questo sconosciuto evento, che fino a poche settimane fa era sconosciuto per molti di noi, anche il colosso nipponico si unisce a Samsung ed LG annunciando la realizzazione di display OLED flessibili.

I primi esemplari potrebbero essere utilizzati nei nostri futuri tablet in quanto si tratta di display OLED flessibili da 9,9 pollici. Nonostante ciò le caratteristiche del display non sembrano essere, almeno attualmente, da urlo, con una risoluzione di 960×540 pixel e densità di 111 ppi.

La grande novità, se così possiamo chiamarla, è la tecnologia utilizzata per la realizzazione di questi display, cioè una tecnologia simile agli attuali display che permettono di abbassare i costi di produzione.

Speriamo che il produttore nipponico riesca a migliorare le caratteristiche dei propri display flessibili anche se ciò comporterà un aumento del costo, già, probabilmente, alto a causa della flessibilità.

Tra Samsung, LG e Sony potrebbero presto aggiungersi altri grandi produttori. Vi terremo aggiornati.

 

Loading...
  • Luca

    sarà, ma io non ne vedo l’utilità… il tablet non è solo display! la scheda madre e le batterie non si piegano! quindi che vantaggi porterebbe un dispositivo del genere?

    • mekssj86

      onestamente non capisco anche io l’ utilizzo… se dietro metto una scocca per batteria e vario hardware, non capisco come (e soprattutto perchè) debba torcersi…) forse è solo per diminuire il peso (e essendo materiali economici) oltre che il prezzo….

    • maje90

      (è già stato detto anche da altri utenti, anche solo qui su androidiani)
      schermo flessibile > volendo forse ARROTOLABILE

      già ci sono i phablet o come l’asus che unisci un smartphone al tablet…

      magari si potrà avere uno smartphone con display “principale” con proporzioni allungate, come un 24:9, e uno spessore inizialmente non molto ridotto probabilmente, con DENTRO uno schermo molto più grande, srotolabile…
      lo appoggi al tavolo, BAM, ecco il tablet!

      ora la vedi una (possibile) utilità?

      • Luca

        senz’altro è avveniristico ma non ne trovo una reale utilità nella vita reale, anche perchè lo spessore dello smartphone aumenterebbe (lo schermo è arrotolabile, non smaterializzabile, da qualche parte deve pur stare) poi si potrebbe inceppare, graffiare o comunque rovinare nei continui arrotola-srotola. inoltre le proporzioni sarebbero un po’ troppo allungate. 
        poi se verrà usato come schermo principale di un normale smartphone, l’effetto sarà di un touch screen resistivo, perchè fletterà essendo in materiale plastico e flessibile.
        è curiosa come invenzione, ma sinceramente, non penso possa davvero rivelarsi utile, almeno con la tecnologia di oggi, forse tra qualche decennio quando le schede saranno sempre più piccole se ne potrà parlare

        • maje90

          sono d’accordo
          ma in ogni caso, a cosa servirebbe altrimenti, uno schermo flessibile, se non al recupero di spazio?
          spiegarlo solo come una maggiore resistenza per lo schermo mi sembra un po misero, … se non ridicolo!! imho

          su youtube ho visto un concept (forse-probabilmente non ufficiale) di uno smartphone nokia parecchio fino completamente flessibile, che per esempio durante “lo squillo” di una chiamata si piegava come una lumaca (lol); oppure che veniva messo al polso arrotolato come un orologio, quindi neanche una flessione tanto esagerata…
          quando serve lo prendi, lo srotoli, e ti ritorna lo smartphone…
          (cioè ammettiamolo, un prodotto simile, che puntasse solo all’ estetica, ma sicuramente conservando un minimo di multimedialità, sarebbe possibile farlo! pochi componenti elettronici renderebbero possibile il tutto)

          e poi pensa a il classico telefono motorola a conchiglia…
          un unico schermo piegato a metà, le parti non flessibili rimarrebbero in una delle due parti mobili…
          una volta aperto sarebbe uno schermo grande il doppio di quando è chiuso!
          (o volendo anche di + immaginando una Z … ci sono 2 pieghe e la superficie triplicherebbe!!
          basta pensare a una proporzione di schermo tipo quello di iphone che è 3:2 …
          se fosse chiudibile tipo a “Z” con due pieghe da chiuso occuperebbe all’incirca 1:2   un terzo! e avendo comunque una parte di schermo a vista utilizzabile!)

          queste sono solo mie spontanee osservazioni e idee,
          ma senza avere un occhio critico ci si rende conto che gli schermi flessibili sono una gran cosa!!

          eddaje!!

          (fine monologo!   XD ne faccio troppi)

    • AssassinoXI

      Premetto di conoscere ben poco su questo argomento.. ma credo che con display flessibili sia più difficile rompere lo schermo…

  • Pingback: Dopo Samsung ed LG anche Sony produrrà display OLED flessibili | Notizie, guide e news quotidiane!()

  • Gionataaa

    Sony sviluppa schermi flessibili già da anni, prima di Samsung ed LG. E se non sono stati mai commercializzati, un motivo ci sarà. Mah.