Due versioni di Android in contemporanea su uno stesso smartphone: primi test su un Galaxy S II

3 aprile 201313 commenti

Se per determinati smartphone, con particolari caratteristiche hardware, anche il solo Android soffre di lag e rallentamenti, per altri si potrebbe benissimo installare un'altra release dello stesso SO. In alcune situazioni troviamo dispositivi di ultimissima generazione, ma con grandi difficoltà nell'interfaccia grafica muovendosi con scatti. Pensare quindi ad un Galaxy S II, lanciato a Maggio 2011, in grado di installare due versioni di Anroid contemporaneamente, sembra essere quasi incredibile.

Incredibile o no, la notizia arriva direttamente dalla Russia, dove un gruppo di ricercatori dell’università di San Pietroburgo supervisionati dal noto Team Paralles, ha pubblicato un video in cui sono mostrate due release di Android su un Galaxy S II.

Il tutto è permesso da un’ottimizzazione importante, le ROM sono state alleggerite e quindi in grado di non appesantire l’utilizzo della memoria RAM e dello stesso SO.

Il progetto risulta essere decisamente interessante ed è giusto osservarlo con un occhio di riguardo. Non resta che vedere l’utilità del tutto, ma indubbiamente potrebbe risultare veramente importante in alcune situazioni poter installare più release su uno stesso smartphone.

httpvh://youtu.be/rf5RUOO7gsM

Loading...
  • Potrebbe essere interessante per testare le nuove versioni e non perdere la stabilità di quella vecchia, ma sinceramente credo che pochissimi lo faranno.
    Forse solo i più appassionati.

  • Ex.

    Non ne vedo l’utilità, se uno vuole avere una rom stabile e una instabile non è una soluzione molto adatta, diventerebbero entrambi instabili, in quanto cpu e ram sarebbe utilizzata da due SO contemporaneamente. Noi del RAZR siamo arrivati a una Rom Stock, una Rom sulla partizione Webtop e quattro Rom virtuali, basta riavviare e scegliere qella di cui si ha bisogno

    • elegos

      Le ROM non diventerebbero entrambe instabili, perché l’instabilità risiede nei crash e blocchi delle applicazioni di sistema, non nel kernel (il quale mi pare ovvio è comunque lo stesso per entrambe le ROM in esecuzione).

      • Ex.

        Non parlavo del kernel, i due SO sono in esecuzione contemporaneamente, l’altro rimane attivo, quando fai lo switch è come se ne visualizzassi uno solo, ma l’altro è attivo normalmente. Lo so che l’instabilità non ha niente a che fare con il kernel

        • elegos

          I processi sono legati al sistema operativo (a meno di quelli che hanno reso comune che, per forza di cose, utilizzano lo stesso livello di API, pena impossibilità di comunicare con uno dei due sistemi). Quindi de facto tutto ciò che è instabile è confinato in uno dei due sistemi, non va ad interagire con l’altro.

          • Ex.

            Non intendevo che si “scambiavano” instabilità, ma per il fatto che hanno meno ram e cpu disponibile, in quanto una parte è utilizzata dall’altro OS

  • Andrea Giorla

    Interessante, ma sembrano tutti e due GB… :D

    • Luke_Friedman

      Sono tutti e due GB ;)

  • guidogt

    oddio qualcosa di simile già lo abbiamo…montare 2 rom e usarle…l’unica differenza è che nei nostri devi riavviare il dispositivo ogni volta….in questo esempio secondo me se si blocca una rom…blocchi tutto perché sono in simbiosi

    • Luke_Friedman

      Si chiama multiboot

  • elegos

    Piuttosto inventassero un MultiBoot per Galaxy Nexus… così mi deciderei a provare Ubuntu Mobile for Phones…

    • Ausilio Antonio

      l’hanno inventato ed è possibile anche il multiboot avendo sia android che ubuntu ;)

      • elegos

        No, MultiBoot da come lo conosco io l’hanno fatto solo per il Nexus 7. Forse quel che intendi tu è il caricamento del kernel su ROM e l’esecuzione del sistema su SD (quindi non caricando il kernel del secondo sistema). Quel che intendo io invece è il boot separato sia di kernel che di sistema operativo (necessario, se vuoi utilizzare sistemi con kernel differenti, come nel caso di Android e Ubuntu for Phones). Ci vorrebbe un bootloader, ciò che appunto è MultiBoot.