Eric Schmidt: il riconoscimento vocale dei Google Glass è la cosa più strana

26 aprile 201310 commenti

In attesa di conoscere nuove interessanti informazioni riguardanti i Google Glass, a suscitare curiosità verso gli occhiali tecnologici dell'azienda di Mountain View è stato Eric Schmidt che, in un discorso tenuto alla Kennedy School of Government dell'Università di Harvard, ha raccontato alcuni aneddoti.

Con una tecnologia sempre più avanzata, sicuramente vi sarà capitato di utilizzare il riconoscimento vocale del vostro smartphone o computer, parlando effettivamente ad una macchina. Se la cosa vi era sembrata abbastanza strana, ma comunque avevate tra le mani un dispositivo, pensate come sarebbe nel caso in cui indossaste solamente i Google Glass.

Secondo Schmidt, il riconoscimento vocale per gli occhiali tecnologici, oltre che essere una grandissima utilità, è la cosa più strana del mondo. Il motivo è semplice, vi “sembrerà davvero di parlare da soli”.

Allo stesso modo, data la grande diatriba relativamente alla privacy, ricordando che sono nati gruppi di attivisti contro i Google Glass, il CEO dell’azienda di Mountain View ha voluto sottolineare che “esistono luoghi in cui tali dispositivi sono inappropriati“, per questo motivo dovranno creare una sorta di codice etico (definito da lui stesso galateo) per l’utilizzo degli occhiali.

Potranno davvero rivoluzionare la nostra vita? o saranno solamente un capriccio che pochi potranno togliersi?

Loading...