Gingerbread, Eldar Murtazin ritratta. Dan Morrill ridimensiona le voci

2 luglio 20105 commenti

Entro la fine dell'anno uscirà la nuova versione di Android, Gingerbread. Recentemente sono incominciati ad affiorare i primi dettagli (Gingerbread a metà Ottobre, risoluzione 1280×760, 1GHz richiesto, nuova UI) ma a quanto sembra non sarebbero del tutto veri, o precisi.

Processore da 1Ghz, 512MB di RAM e display da 3.5 pollici sarebbero infatti requisiti consigliati, e non minimi. A fare questa precisazione è stato lo stesso Eldar Murtazin, redattore di Mobile-Review e ‘responsabile’ delle voci attualmente in circolazione, tramite il suo account Twitter:

“Yesterday have a very good conversation and some clarifications. 1 Ghz, 512 Mb etc its not minimal requirments but recommended one”

Sarà vero? Dan Morrill, Android Open Source & Compatibility Tech Lead, intanto ridimensiona la notizia affermando che è stata oltremodo gonfiata e non c’è bisogno di credere a qualunque cosa si legga, ricordando che “i rumor non sono certo annunci ufficiali”.

Un fondo di verità ci sarà anche, ma al momento l’unica novità certa che dovremmo aspettarci da Gingerbread è la rivisitazione dell’interfaccia utente.

Via

Loading...
  • elegos

    A dirla tutta a me piacerebbe solo avere un'interfaccia ottimizzata, quella che c'è sul Nexus One è già più che ottimale per un cellulare… immaginatevi se fosse vero che mettono un desktop 3D… con questi schermi staremmo solo ad impazzirci dietro… bello, ma non funzionale ;)

  • Non vedo l'ora!!! :D

  • Ross

    in effetti c'è da ricordare che qualche tempo fa google ha acquisito bumptop, quindi prima o poi dovremmo vederlo usato da qualche parte, anche se io credo/spero sia su chromeOS e non su android

  • Per l'interfaccia c'era da aspettarselo dato che Matias Duarte il responsabile per le interfacce di Palm OS è entrato a far parte del team di Android, e questa è una cosa buona, dato che il Palm Pre aveva un'interfaccia fatta molto bene.
    http://www.androidpolice.com/2010/05/27/matias-
    Per i requisiti vedremo, anche se oramai il trend è quello, voglio dire, più tempo passa e più questi smartphone stanno diventando piccoli computer. Quindi visto che i produttori di chip si ammazzano a creare nuove piattaforme dualcore e tutto il resto, è normale che gli sviluppatori ne approfittino. Basta solo che non ammzzino il mercato dei telefoni di fascia bassa.

  • Claudio

    beh….per me è solo un bene che abbiano ridimensionato le cose……questo vuol dite che Gingerbread sarà supportato anche da dispositivi con specifiche minori. Un bene per tutti direi. Vedremo…..