Gli sviluppatori perdono interesse per Android a causa della frammentazione

22 marzo 201281 commenti

Più volte abbiamo parlato della problematica frammentazione del nostro amato robottino verde. Che si parli di frammentazione o differenziazione, ciò rimane un grosso problema, soprattutto per gli sviluppatori delle nostre applicazioni. Quest’ultimi realizzando un’applicazione devono fare molta attenzione sulla differenziazione per le diverse versioni di Android, perdendo così tempo e risorse, rendendo l’applicazione non ad ottimi livelli. Anche per questo gli sviluppatori perdono costantemente interesse sulla piattaforma di Google, preferendo i diretti concorrenti.

Secondo uno studio condotto da IDC, su un campione di 2.173 sviluppatori, durante l’ultimo anno Android ha perso l’interesse per quanto riguarda smartphone e tablet, passando dall’86% e 75%, al 78% e 67%.

Molti punti di differenza rispetto al mese di Giugno dello scorso anno, durante il quale l’interesse per la piattaforma mobile di BigG era arrivato al culmine. Una delle maggiori cause del calo di Android potrebbe essere dovuto a Windows Phone, il quale ha registrato un’enorme crescita del proprio Market Place in questo periodo.

Ecco il grafico:

Come avrete notato, iPhone ed iPad comandano la classifica, anche perché fanno fruttare maggiori introiti agli sviluppatori rispetto agli altri OS. Segue Android, sia per smartphone e tablet, e subito dopo Windows Phone con il 40% e Windows 8 per tablet, il quale raggiunge, sorprendentemente, il 37% (segno importante per la concorrenza).

Chiude la classifica RIM, il quale fatica a rialzarsi:

I dati parlano chiaro. Speriamo che Google riesca a fronteggiare il problema frammentazione grazie ad Ice Cream Sandwich.

 

Via

Loading...
  • Max

    ottimo, sempre peggio, e comunque hanno ragione, stà diventando un bordello, spero perda il più possibile, così magari google si sveglia, altrimenti, un mondo di soli iphone e ipad… :(

  • mirko zolfo

    pochi terminali ma ottimi e la soluzione da adottare

    • Riccardo D’Alessio

      Il problema non sono i terminali ma le case prodruttrici. Google aveva annunciato che ICS non sarebbe arrivato su nexus one a causa della sua scarsa potenza. Hai Visto cyanogenmod 9? UN gruppo di sviluppatori l’ha messo in **** a un azienda miliardaria e non è possibile

  • Milton89

    Non lo vedo un problema… Molti sviluppatori si stanno aggiornando ad WP7, per non rimanere indietro, un pò di fondi andranno li…

    E WP7 è pessimo eh, ma se fossi uno sviluppatore ruberei l’1 o 2 % dei miei fondi per studiarlo… No ?Quindi non lo vedo problematico, non credo sia colpa della “frammentazione”, non trovo problema in quella

    • Nicoillo

      Che WP7 sia pessimo lo dici tu…

      • Milton89

        Guarda, prova a scrivere per quel s.o. e ti rendi conto che sei castrato come un animale… poi vedi tu

        • giangio87

           windows phone 7.5 si basa su windows CE, la vera rivoluzione dei windows phone come linguaggio di programmazione sarà windows8. spero che tu sappia almeno quale era la base di windows phone 7.5

    • Marco Argenti

      WP7 non è affatto pessimo, anzi da androidiano convinto dico che è veramente una buona piattaforma se verrà sfruttata a dovere!

  • Evil_Sephiroth

    Insensato, se facessero pochi terminali ma ottimi dovrebbero abbandonare fasci di mercato dove dominano e sappiamo che tenere solo la fascia alta, con la moda Iphone sarebbe uno scontro impari…

    Odio Apple pur avendo avuto alcuni suoi terminali, però lo scontro nelle medesime fasce (e basta) avrebbe avuto senso se avessero cominciato insieme, ma il delay con cui è arrivato android e il gap di vendite adesso renderebbe un suicidio ridurre i terminali prodotti…

    Android fa più attivazioni e vende più terminali di Apple proprio perchè anche chi vuole spendere 200- euro per uno smartphone trova roba valida…

  • quoto…è veramente un casino ottimizzare l’app per tutti i devices, ho 1MB di layout (in casi dove la grafica è molto corposa)!

  • Marletto Cazzone

    Il problema rimane secondo me la pirateria più che la frammentazione.
    Ovvero, ti fai un culo così per fare anche la versione Android e poi in 2 secondi ti trovi l’apk su torrent o su qualche cavolo di servizio file sharing.
    E se metti i banner, ti rendono un cavolo.
    Toh questo è un dato reale, non inventato:
    Ricavo: $8.83   per 48,780  visualizzazioni di banner.
    Mi pare un po’ pochino il ratio di conversione…
    Dove vuoi andare con ‘ste cifre?

    • Ciccilluzzo83

      Quoto

    • Fabjo_79

      io sto guardando il sito Android Design e da buoni consigli su come ottimizzare per le varie risoluzioni.

      Sono agli inizi…poi vedremo!!

    • Roccoaa24

      La pirateria anche nel systema ios c’è, personalmente non credo che sia questo il motivo.

      • Marletto Cazzone

        Sì c’e’ ovviamente ma non ai livelli di Android.
        L’utente medio Apple non jailbreakka il proprio dispositivo.
        In Android manco hai bisogno di rootarlo per installare applicazioni di terze parti.

        • Esatto, motivo per il quale io e molti altri piccoli programmatori abbiamo puntato e stiamo puntando su altre piattaforme… (iOS, Bada, WP e Tizen (aspettando news))

          • Flathy

            Bada alias android pensato dalla samsung…fateci caso ! ;)

  • Mauro Zuccato

    Io credo che Google dovrebbe imporsi:

    cellulari che non sono troppo potenti: rilasciate la 2.2 per tutti, fascia media 2.3.6, fascia alta (comunque aggiornabile) 4.0.6

    Non c’è bisogno di aggiornare tutta la famiglia all’ultima versione… ma all’ultima REVISIONE possibile… sì.

    • Caedar

       Anche così è una soluzione che non attrae gli sviluppatori. Serve una Android 5.0 che vada dal terminale di fascia bassa a quallo di fascia alta, magari con delle sottoversioni interne che aggiungano o tolgano qualcosa, ma che siano una piattaforma comune verso la quale si volga lo sviluppatore di app. O lo fanno, ed è rivoluzione, o i risulati sono questi e con Windows 8 saranno pure peggio, soprattutto per i tablet.

      • Mauro Zuccato

        Personalmente di vedere tutto e poi sentirmi rispondere “non puoi lanciare questo, non puoi installare quest’altro perché al tuo display mancano tot px di risoluzione, o tot mb di ram totale” non mi va.

        Preferisco mi si risponda “non hai un sistema operativo compatibile” lo vedo e puff.

        Vedere su un netbook Windows 8 (e carica prima di 7, devo dire) e vederti rinfacciare da ogni singolo tab dell’interfaccia Metro “non hai una risoluzione sufficiente” allora dico “e che cavolo! Non installarmeli! Disabilitali! Vivo anche meglio!” no, sono lì ad occupare spazio, farti la pernacchia e ridere del tuo giocattolino!

        • Caedar

           Infatti. Ma un Android 5.0 che abbia tre livelli sarebbe una cosa spaziale. 5.1 per ddispositivi limitati o vecchi. Implemneta le cose migliori del SO, magari senza offrire tutte le potenzialità che le versioni più complete hanno. 5.2 con funzioni adeguate a dispositivi di fascia media o un poco datati, ma con risoluzioni alte e cmq processori validi. 5.3 per la fascia alta che sfrutta i processori più recenti.
          Poi che per un po’ si proceda di aggiornamenti nei tre segmenti.
          Per fare un’analogia: Win7 Start, Home premium, Enterprise.

          • giangio87

             mah io mi domando che senso ha citare windows7. i sistemi desktop hanno tutti caratteristiche hardware minime comuni. android NO è questo che frega android, l’essere esageratamente istallato su più piattaforme estremamente diversificate senza paletti minimi

          • Caedar

             Il discorso è diverso. se vai a vedere tra una scheda video integrata e una top di gamma c’è un abisso, così come le diverse configurazioni possono andare da netbook  con 1 GB di RAM a PC con più di 10 GB. Le differenze sono mostruose, molto maggiori di quelle che ci sono tra due terminali android.
            Il punto di forza è la separazione tra SO e driver delle periferiche, schermi e schede grafiche incluse. Invece in Android tutto passa per l’impegno dei produttori che devono rilasciare le ROM aggiornate. Se il SO Android fosse come un SO da PC avremmo terminali aggiornabili come un Windows o Linux qualsiasi. Invece si hanno sistemi chiusi in cui anche gli sviluppatori restano ingabbiati da problematiceh di driver incompatibili, rendendo il rilascio dei sorgenti di Android tanto interessante quanto poco determinante per un passaggio del terminale ad una versione più recente di SO.
            Se prendimo iOS è evidente ai più che un 3G e un 4G siano ben diversi come componenti, ma la compatibilità dello stesso SO lavora appunto creando una base comune e delle differenziazioni, sfruttanto tutti i vantaggi di una nuova release e mantenendo il doveroso rispetto delle minori risorse hardware.
            L’analogia con Win7 è, a mio avviso, del tutto legittima. Solo che Android non è in mano a nessuno e procede come un ubriaco cercando una strada tra mille ostacoli. Peccato per le potenzialità. Solo Google volesse avrebbe tra le mani un SO favoloso… Così è un bel giocattolo per aspiranti smanettoni. La famosa Roba da smanettoni di Chrome.

  • Andrea Rignanese

    Il problema frammentazione esiste e mi chieco per quale ragione google si ostini a non standardizzare le specifiche minime…il sistema dovrebbe essere standard su tutti i dispositivi e le interfacce personalizzate dai vari costruttori dovrebbero esser meno invadenti,come una qualsiasi altra app magari scaricabile a scelta dal sito del costruttore stesso post vendita…si ridurrebbero cosi non solo la frammentazione,ma anche i costi per i singoli costruttori e di conseguenza anche per gli utenti finali,magari avendo dispostitivi più simili fra loro per prezzo e caratteristiche…

    • Androidiano

      usando le specifiche minime non si risolve il problema a mio parere..o si abbassa la qualità generale dell’app o si hanno dispositivi super senza poter essere sfruttati al massimo! dovrebbe secondo me creare dei “market” per fasce di prodotti per risolvere il problema! almeso 3 fasce..

      dai 69euro ai 149euro

      da 150 a 299

      da 300 a xxx

      ovviamente il prezzo è da sostituire con la potenza..
      io la vedo così

  • Paky DeeJay

    una soluzione sarebbe uniformare il sistema operativo troppi device con versioni differenti una vera torre di babele…..basti pensare la apple che ha sfornato un solo modello di device!!! Google a strafare visto che succede?

  • Caedar

    Sono mesi che dico che è inevitabile e che la motivazione della frammentazione è solo una di quelle in gioco. Il vero motivo, per me e per molti, è che Android non riesce a dare a chi ha bisogno di uno strumento per il lavoro, professionale, una soluzione che risponda pienamente alle attese. Da qui la ricerca di applicazioni di alta qualità che integrino e supportino un SO che ha enormi limiti, in questo specifico ambito.
    Che gli sviluppatori siano orientati verso l’intrattenimento è palese da uno sguardo anche superficiale al market di Android. Aggiungiamo la frammentazione che rende tutto più complesso e si ha la fotografia di un profondo ridimensionamento della bolla Android.
    Io aspetto ardentemente Windows 8 per i tablet e quindi una soluzione che includa smartphone, tablet, pc in un ecosistema diverso da Apple, ma ugualmente integrato e valido, che magari si appoggia a più produttori, da Nokia a LG, magari ad Asus, che quindi permetta di scegliere device diversi, ma perfettamente compatibili in quanto starndard come requisiti hardware a cui rispondono.
    La scelta di Google deve essere razionalizzata e ottimizzata, ma subito. Oggi. Tra 6 mesi è già tardi.

    • Murakami

      Condivido in pieno.

  • Giuggio

    @MarlettoCazzone:disqus Sempre la pirateria eh? non che ci sono praticamente 150mila os differenti per il robottino? 10.000 chip grafici e molteplici problemi? io non credo a sta buffonata dei sviluppatori,mi viene in mente un esempio perfetto,un amico mio faceva trance per passione,e le discoteche lo acclamavano,poi per una questione di guadagno quì in italia gli proponevano di fare un certo genere musicale “l’house di ***” e lui s’è adattato,ma se avesse avuto voglia di continuare la sua passione a questo punto sarebbe in vetta tra i producer più bravi al mondo,che non sono quelli che sentite per tv!

    • Marletto Cazzone

      La pirateria conta molto, soprattutto su Android.
      Sono pronto a scommettere che la metà delle persone che bazzicano su questo forum hanno almeno una apk piratata sul proprio cellulare.

      • Caedar

         Condivido l’idea che la pirateria è una delle tante ragioni. Non ho app piratate e devo dire che il costo delle app è del tutto adeguato. Quindi non ne vale la pena di piratarle.
        Ma accanto a questa ragione ci sono tutte le altre. E sono tante.
        Io personalmente se dovessi sviluppare qualcosa di serio prenderei in considerazione di uscire prima su Apple store, poi, se la cosa funziona e se non mi costa troppo, anche su Google Play.
        Basta vedere le località turistiche più in voga che hanno le app su cosa hanno puntato.
        Quando un paio di anni fa hanno iniziato a spunatre come funghi le app per iOS, avendo WM, restavo basito nel notare che Microsoft era ignorata, ora con Adroid noto che una parte rilevante della discriminazione a favore di Apple resiste.

      • Raga, ma dai dopo che uno si è comprato uno smartphone qualsiasi esso sia non può fare il “ruscone” per 1€ (ma anche per 5 o 10)…

        • Marletto Cazzone

           Scommettiamo?

    • –__–

      praticamente all’attuale solo gingerbread, qualche rimasuglio di froyo,

      honeycomb su tablet ed ics che si sta affacciando,
      150mila chè? qual’è il pazzo che ha ancora android 1.5 ed 1.6?
      e se ce l’ha secondo te quello è un tizio che scarica applicativi?
      è come lamentarsi di non poter far girare adobe premier su un 486,
      che diamine di senso ha!?

      i chip grafici sono 3 o 4, non più delle schede grafiche di un pc,
      di granlunga più diversificate, problemi a riguardo di cosa?
      il fatto che se vuoi puoi creare un app di qualsiasi genere e forma
      con delle conoscenze che qualche anno fa si soffermavano a java?!

      Sono solo chiacchiere del cavolo, purtroppo sta gente è stata
      troppo abituata agli spendiaccioni e la comodità dello sviluppare
      in uno store per un telefono e un sistema solo

      (anche se vorrei vedere se nell’app store la gente si fa problemi
      a dover supportare ancora l’iphone 2g e 3g, o oggi che dovranno
      supportare la risoluzione e il chip grafico del nuovo ipad!
      con le alte aspettitive che la gente ancora vuole da essi,
      anche se ci dobbiamo ricordare che molti oramai saranno passati avanti
      perchè se hai ancora il 3g sei un povero “sfigatello”, facile mettere
      pressione sulla gente per semplificare la vita agli sviluppatori,
      ma non dovrebbe esserci da parte di quest’ultimi una cosa
      chiamata passione?!)

      la realtà dei fatti è solo che molti di questi sviluppatori
      sono una marea di ragazzetti troppo cresciuti che alle
      prime difficoltà s’arrendono, menomale che ci sono altri
      ragazzini, 13enni e 14enni che su xda si permettono il lusso
      A TITOLO GRAUTITO di modificare giochi appositamente
      per permettere che questi partano sui device più
      vetusti ed eterogenei, strano che loro non si lamentino,
      forse perchè hanno quel qualcosa chiamato passione?!
      accompagnato poi dalla necessità, campando con qualche donazione
      che già li gratifica per lo sforzo fatto, di molto superiore
      a quello di questa gente che alza i tacchi..

      sti discorsi non valgono molto per gli sviluppatori veri
      (che guadagnano poco proprio a causa della pirateria)
      ma per quei tizi che vedono l’android market
      come Eldorado, tizi che vogliono stare dietro la scrivania
      in giacca e cravatta D&G e se non vedono piovere i soldi
      dovendo dedicare un giorno in più per supportare un altro chip
      grafico vanno nel panico…

      se su pc si sarebbe dovuto fare lo stesso discorso praticamente
      a quest’ora non avremmo un solo programma o titolo funzionale
      su nessuna macchina, eppure ci sono “poveracci” che sempre
      a titolo gratuito realizzano software persino per 3 sistemi diversi
      senza farsi tutte ste paranoie…
      cose di granlunga più complesse dallo sviluppare un giochino
      sotto android.

      la sola cosa che rimane da dire è
      “ti piace vincere facile”, ma questo punto che se ne vadano
      e se il loro spirito non è tanto essere produttivi quanto
      monetizzare possono dedicarsi ai gratta e vinci, che è meglio.

      Fuori dal market i parassiti, quelle poche compagnie serie
      rimangono e non si fanno di certo problemi a mettere un programmatore
      per un paio di giorni ad implementare il supporto ad altro hardware
      gente seria che pur volendo monetizzare ha capito che lo “sforzo”
      vale la candela quando puoi accontentare il tizio con lo smartphone
      da 600 euro e quello con quello da 100 (tutto a loro favore
      visto che quest’ultimi sono di più)

      • Androidiano

         gli sviluppatori lo fanno per lavoro (quelli seri e bravi) così come le grandi “case” sotware! mica possono “perdere tempo” per adattarlo a un mare di schermi diversi come dimensione e risoluzione così come ram e potenza! va bene per applicazioni tipo torcia livella ecc..ma per applicazioni serie no! pensa quando devono fare l’aggiornamento di un’app quello che devono andare a fare sti poveretti!!! per non parlare che il guadango, se c’è, è irrisorio

        • deee

          E’ da eclair che le dimensioni dello schermo sono adattate automaticamente non diciamo fesserie

        • Peidi

          quindi prendiamo tutti lo spesso telefono perché per i programmatori è + facile programmare (guadagnare)?

          quelli seri e bravi non hanno problemi ad adattare ad i vari device l’app

          quelli che sono abituati a programmare con i piedi hanno molti problemi ad adattare il tutto 

          con un 386 siamo andati sulla luna con un i7 apriamo win 8 …………..

          • è vero ma un programmatore se vede che le app non le scaricano pagandole, ma le trova su tutti i siti di file sharing gratis cambia, e poi non conviene programmae per tutte le risoluzioni…

      • Igor Barbieri

        è normale che se ne battano, è lavoro, e nessuno a questo mondo lo farebbe gratis. Sono anche io un programmatore (non di android e java), e posso tranquillamente comprendere il loro punto di vista.

        Adattare costa soldi, non è per la difficoltà, quanto per le risorse. Ma non puoi chiedere un aumento di prezzo sull’applicazione, poichè dopo sarebbero tutti scandalizzati perchè ‘l’app è troppo cara’, e allora ecco che molti rinunciano.
        E per la parte di XDA, personalmente dovrebbero cominciare anche loro a far pagare qualcosa, con le donazioni non vanno molto avanti, e non pagare anche solo 20 centesimi una loro applicazione sarebbe un insulto al loro lavoro. Felice che alcune persone hanno cominciato a mettere a pagamento la versione ‘premium’.

        • Flathy

          lo fanno principalmente per hobby e non per lucro! 

  • Francesco-orlando

    e hanno pure ragione: mille marchi, terminali che vanno dallo scrauso all’incredibile, non arriva ancora l’aggiornamento alla versione ICS che già si parla di Android 5.0…basterebbe un OS all’anno, ma fatto bene, u po’ meno fasce di telefoni, e la metà dei problemi sarebbe risolta…forse android dovrebbe abbassare la cresta e iniziare a imparare da apple…e lo dico come uno che odia apple…però devo dare atto che i suoi telefoni funzionano bene, sono integrati, più longevi..esempio: un 3gs va ancora bene…il mio htc hero lo posso buttare tanto è limitato ormai…e infatti giro con un Ray per avere almeno un telefono che funzioni…
    facessimo come apple ma con le potenzialità di android, saremmo vicino al telefono perfetto…

    • Androidiano

       la gamma nexus solo lo potrebbe fare! l’apple fa processore schermo software ecc..se android non si adegua windowsphone penso che si farà sotto prepotentemente!

      • Milton89

        Ne dubito è un sistema troppo castrato, non può prendere molto mercato

        • Caedar

           Castrato è molto relativoquando puoi vantare una suite di applicativi d’ufficio, un market bello ricco di applicazioni per il social e il gioco, una bella prospettiva di crescita di applicazioni serie. Ciò che manca è la fuffa e la personalizzazione del device, senza contare quella mezza dozzina di app per ottimizzare il SO e il suo funzionamento, stabilmente a bordo dei dispositivi android.
          Dover installare 3-4 app per avere quello che faceva WM 6.1 nativamente non è che sia una cosa fighissima di Android.

    • è la legge del libero mercato e della concorrenza, sia ringraziato il signore che sia aperto e tutti possono partecipare. 

    • Kiriakywar

      Mi paragoni un 3gd con un HTC hero… come paragonare una cinquecento ad una punto evo… sono due diverse generazioni che paragone è?

  • Diego

    Credere ad una notizia simile equivale a credere che un ricambista perda l’interesse per una casa automobilistica che sforna troppi modelli. Mettetevi tutti nella zucca che android è il OS del futuro, e non solo mobile. Per il resto, ribadisco il concetto che questo blog è gestito da Topo Gigio

    • Milton89

      Concordo, probabilmente andrà a fare concorrenza a win 8

    • Androidiano

      non è una notizia purtroppo! è una statistica fatta qualche giorno fa e già trapelato da tempo! Solo ora invece è stata pubblicata su questo blog..

      • Diego

        Peccato che le statistiche danno risultati diversi a presupposti diversi. Tutte palle. Sveglia gente. Ci stanno facendo credere che il signore è morto di freddo, tutti i giorni e su qualsiasi argomento

        • Ferdywow

           quindi pensi al compòotto di apple?? dai per favore!

        • Pierfrancesco

          Che guadagno ne può avere un blog che da notizie negative sul suo motivo di esistenza?…sono dati reali ma tu non dovresti neanche leggere su un blog per arrivarci…é palese ormai che android se non trova la strada della riunificazione dovrà trovate e pagare sviluppatori appositi per creare applicazioni, altro che licenza…oppure i programmatori decideranno di investire solo sui prodotti più venduti a ridosso dei meno commercializzati

          • Marletto Cazzone

            Su adesso però non esagerare con le cazzate :-)

            Per quanto ci siano problemi come appunto la pirateria, la frammentazione e i banner che rendono poco, rimane comunque un mercato immediatamente raggiungibile dove ci sono più di 800.000 attivazioni al giorno.

    • Caedar

       Android è ampiamente sopravvalutato. Se un SO oggi ha grosse opportunità e pretese è iOS, nel mobile e tablet e Windows nel desktop.
      Sognare Android dominatore assoluto va benissimo, ma è pura illusione pensare che lo possa diventare.
      Di certo io il mio contributo ad Android l’ho dato.
      Non credo, a meno di evoluzioni mirabolanti di questo SO, di volerne dare altri in futuro.

      • deee

        guarda che già lo domina

  • Simone

    e a te quale oracolo ha svelato questa grande verita’? Che cacchio ne sai di quale sara’ il sistema del futuro? Pensa che quando bill gates invento’ il dos disse le tue stesse parole…

  • Pingback: Gli sviluppatori perdono interesse per Android a causa della frammentazione | buonaguida.com()

  • Giuderos

    La situazione mi sembra chiara… Lo sviluppatore bravo, competente che realizza software di qualità preferisce indubbiamente iOS, perché sicuramente ha più margini di guadagno e, non me ne vogliate, ma in questi ambiti la passione conta fino ad un certo punto… Se io programmo e lo faccio anche bene, gradirei un minimo di gratificazione. Su Android ormai basta fare una piccola ricerca di Google per trovare praticamente qualsiasi tipo di apk da installare prontamente sul proprio smartphone… Su iOS se la mia applicazione veramente vale, non farà fatica a scalare le classifiche dell’App Store e portarmi maggiori guadagni.

  • Pierfrancesco

    Questo é il motivo per cui vorrei passare da galaxy s ad iphone…cioé sto trovando migliaia di applicazioni che sono solo per iphone e sono carine…tipo fl studio é su iphone da anni ma su android tarda perché ci sono troppe configurazioni da adattare ai vari dispositivi…quindi credo che apple avrà la meglio

    • WrAnGLeR

      Concordo con te… Purtroppo credo che si ripeterá la stessa cosa con ICS a meno di un mese dalla 4.0.3 stanno giá uscendo 4.0.4 e 4.0.5… Sono fan del robottino ma ormai sta incominciando a rompere sta cosa …. Sprattutto per le integrazioni con ambienti enterprise

      • Pierfrancesco

        Si perché in effetti ogni casa ha i suoi tempi di rilascio del firmware quindi uno sviluppatore deve creare prima un codice per un telefono per poi aggiornarlo alle nuove versioni di android, e infine adattarlo ai vari modelli in commercio…tanto vale buttarsi su apple dove paghi di più la licenza ma almeno hai molti più introiti

  • Riccardo D’Alessio

    Ma ci prendono per il cu** ice cream sandwich è un fallimento!! Il peggiore nella storia di android. Abbiamo bisogno di un sistema che si adatti su TUTTI i device anche sul g1. Magari tralasciano le nuove funzioni come lo sblocco facciale, le nuove animazioni, ma aggiornando tutte le parti importanti di sistema. A questo punto bisogna obbligare i produttori ad aggiornare i device in tempi ragionevoli. Se non si riesce sono favorevole a una politica simil-iphone, solo Nexus e nient’altro.

  • deee

    questi studi escono escono sempre subito dopo la presentazione di qualche terminale/os di referenza…mi piacerebbe sapere come sono sovvenzionate queste agenzie…
    37% per un os che ancora non esiste, dai su siamo seri !

    • Androidiano

      veramente la notizie è vecchia di parecchi giorni..

      • deee

        prima dell’annuncio dell’ipad?

        • Jpg

          si

          • deee

            Sarà…io é il terzo post che leggo sulla stessa ricerca ben dopo la presentazione, se vai a vedere le fonti vedrai che sono tutti di questi giorni.

  • saimon

    Ma con ics non si dovrebbe risolvere questo problema della frammentazione??

    • ahahahah! si doveva risolvere da donut :D magari sei ”giovane” nel mondo androidiano,ma proprio no,c’è solo una buffonata di convergenza tra tablet e smart (assolutamente inutile,tanto un’app ottimizzata per tab va ottimizzata per tab,ergo o farne 2 o farne una che ne contiene 2 (come le app ”universali” per ipad e iphone) non cambia nulla),ma risoluzione,hw e versione (e quindi api,base di ogni programma,android o meno) proprio no.

  • Shanefalco

    troppe definizioni diverse a livello display e troppi hardware diversi…bisogna ridurre entrambi secondo me tenendo quelle + importanti…a livello risoluzioni tenere 854×480.  960×540 e 1280×720 e le altre abbandonarle…quindi display minimo da 3.5″. 

  • Michelangelo Baldini

    Credo che questo blog sia pilotato da qualcuno in malafede.
    Io non sono così ferrato in tecnologie come la maggior parte di quelli che scrivono, ma vi posso garantire che una buona parte di quelli che intervengono nei blog delle automobili sono professionisti pagati per parlare a favore o contro nei blog della concorrenza.
    Non mi stupirei se al timone ci fosse una mela…

  • Bix1966

    Sta coda della ‘frammentazione’ l’ho capita appena ho cominciato ad usare il mio galaxy s ii che ha preso il posto di un iphone 4. È inutile ripetere che apple+ios saranno molto duri da raggiungere figuriamoci battere..troppe versioni di android x troppi terminali diversi. applicazioni come instagram che devono poter girare su un htc wildfire (mitico mio muletto!!) e su galaxy s ii o note o terminali piú potenti….ecco perchè non è ancora uscito….

  • Francesco P.

    dovrebbero effettivamente diminuire il numero di terminali, però può
    essere un arma a doppio taglio, in effetti il numero di attivazioni
    Android ha grazie a questo superato da tempo e di tanto IOS e un
    applicazione “leggera” può girare comunque su tutti i terminali e questo
    è un vantaggio anche per gli sviluppatori.

  • Flathy

    ma se su android c’e’ un sacco di opera free e come se soddisfa! neppure ho letto tutto l’articolo perche’ io…e sottolineo io lo reputo una marea di …puntini puntini….android non e’ come windows che e’ mooolto ma mooolto piu’ conosciuto ..e poi..winphone 8 sta arrivando o no? e bada 2.0 che assomiglia sempre piu’ ad android? ;)

  • jiraya85

    Mah, io sono sviluppatore Android e sono molto interessato a rimanere su questa piattaforma, per i seguenti motivi : 
    1) libertà. Per pubblicare un’app non devo passare per forza per l’app store e aspettare tempi biblici e accettazione da terze parti. Questo in ambito business è fondamentale. Io posso produrre un’app e poi pubblicarla sul sito del cliente…con annessi aggiornamenti in tempo reale (e non, come su ios, con un tempo di accettazione medio di una settimana).
    2) La frammentazione tanto invocata è in realtà un problema ridicolo per chi sviluppa seriamente. E’ vero, si perde più tempo rispetto ad ios, ma anche per iphone / ipad bisogna ottimizzare le risorse per le differenti risoluzioni (pensare ad esempio alle immagini su un retina e su versioni precedenti). Inoltre voglio vedere come si comporterà apple quando deciderà di cambiare la dimensione degli schermi dei dispositivi. Vi siete mai chiesti perchè non lo ha ancora fatto? Io si. 
    3) Eclipse e Java. Ovvero probabilmente uno dei migliori ambienti di sviluppo esistenti e il linguaggio di programmazione più semplice e diffuso al mondo. Questo significa tonnellate di problemi già risolti, e riusabilità. Con il tempo che ci risparmio creo interfacce grafiche ottimizzate anche per il frigorifero samsung-android (sono ironico… per chi non la capisse)
    4) Open source. Non riesco a capire come mai quello che sto scrivendo non funziona o voglio capire la logica di funzionamento di qualche classe particolare (ad esempio il calendario prima della standardizzazione di ice cream sandwich)? Posso farlo. In IOS no.  
    5) Non è vero che si guadagna poco e che android in ambito tablet è poco competitivo a livello business. Provate a chiedere ad una piccola azienda che vuole adottare un CRM per la sua rete di agenti di scegliere tra 30 tablet a 250-300 € o 30 ipad2 da 500 €. Ok è solo un esempio…ma vi posso assicurare che nella mia carriera da programmatore ne ho trovati altri. 

    Fine della discussione. 

    • Marletto Cazzone

      Come direbbe Garzya, sono totalmente d’accordo a metà col mister.

      “5) Non è vero che si guadagna poco e che android in ambito tablet è poco
      competitivo a livello business. Provate a chiedere ad una piccola
      azienda che vuole adottare un CRM per la sua rete di agenti di scegliere
      tra 30 tablet a 250-300 € o 30 ipad2 da 500 €. Ok è solo un
      esempio…ma vi posso assicurare che nella mia carriera da programmatore
      ne ho trovati altri. ”

      Questo è vero se appunto hai un’azienda e hai già dei clienti o comunque te li cerchi.
      Purtroppo però se ti affidi al market o ai banner come guadagno, ottieni davvero ben poco.

  • Jailstyle

    Il problema è la poca pubblicità che viene fatta da google su Android!. OK google domina il web, e tanti siti internet come youtube in cui viene fatta pubblicità ma non l’ orario che va dalle 7:00 – 8:00 AM, dalle  12:00 – 3:00 PM e dalle 7:30 alle 9:00!…. Come avete sicuramente notato sono tutti orari in cui tutti si siedono davanti la tv per fare colazione, pranzare, e così via. Al contrario, vengono proiettate pubblicità inerenti la mela che ci inculcano mazzolate su l’ i-pad. Adesso io non ho nulla contro l’ i-pad che mi sembra un ottima macchina, ma non è paragonabile a tante altre a livello hardware. Se google insistesse con la pubblicità e le innovazioni, sono sicuro che supererebbe apple tranquillamente!…. 
    Quello che manca è l’ inventiva, e ora che Android impari a camminare da solo! e che google offra mezzi più semplici per poter sviluppare applicazioni perchè quelle che ci sono fanno schifo e parliamoci chiaramente non sono alla portata di tutti! e tutto questo lo dico da androidiano sfegatato!

    • Ferdywow

       A livello hardware? Leggo stupidagini sempre più strane! Display retina (meglio delle tv full hd) ti dice nulla? tralasciando che su questo sito hanno fatto un confronto tra il tegra 3 e l’a5x e sappiamo come è andata! Per non parlare dell’assistenza, durata del prodotto, scarsa perdita in caso di rivendita! Per favore le critiche facciamole per bene! Proprio l’ipad al momento è il top per tablet!

  • Sisko212

    Se poi ci aggiungete che Android viene dato in concessione anche ai produttori più incapaci che non riescono ad ottimizzarlo, o rilasciano con ritardi mostruosi aggiornamenti e patch (vedi LG), avete il quando completo della situazione.
    Provate ad immaginare un utente al primo smartphone che si compra un telefono mal supportato, come ad esempio l’LG Dual, 3D o Black. L’esperienza su Android che ne ricaverà sarà talmente negativa, che comunque andrà ad influire anche sull’eventuale futuro acquisto di un altro terminale Android che magari è maggiormente supportato.

    • Ferdywow

       Quando si parla di android si parla di tutto!! o vi fa comodo che facciano numero per superare ios?

  • Gadget

    Ragazzi. Non raccontiamoci palle il problema è il guadagno bisogna reinventare un modo per essere remunerati velocemente e efficaciemente!