Google deposita nuovi brevetti per migliorare i propri dispositivi mobile

20 giugno 20123 commenti

Il colosso di Mountain View ha deciso di depositare un nuovo pacchetto di brevetti per poter, in futuro, migliorare i propri dispositivi; per poter offrire ai propri utenti prestazioni sempre più eccellenti. Google ultimamente ha arricchito il proprio portfolio di brevetti depositandone alcuni per poter perfezionare la capacità della rete, cioè riuscire ad ottenere il massimo dalla copertura. Altri interessanti brevetti riguardano invece il curioso Project Glass; BigG ha voluto salvaguardare i propri occhiali futuristici brevettando il trackpad.

Partiamo dalla questione più delicata e che potrebbe portare problemi a Google, come succede ormai da anni dati i tanti scontri legali di cui è protagonista, ultimo su tutti quello con Oracle per una porzione di codice Java.

Brevetto Reti Mobile

Parliamo precisamente di Magnolia Broadband e dei brevetti che riguardano la capacità delle reti di essere ugualmente efficienti anche in presenza di altre aziende integrati, come Mobile Transmit Diversity, della quale Google non diventerà proprietario ma potrà solamente usufruire dei propri brevetti.

Ecco quanto dichiarato dall’amministratore delegato di Magnolia Broadband:

“Un portfolio di brevetti derivato da oltre un decennio di ricerca, sviluppo e testing, alla ricerca di nuovi metodi di utilizzo dello spettro della rete, espandendo la copertura, migliorando la velocità di trasmissione in uplink all’interno della cella senza gravare sull’autonomia della batteria.”

Egli inoltre afferma che questa nuova tecnologia oltre a portare una migliore copertura del segnale anche in zone meno coperte potrebbe migliorare decisamente le prestazioni portando anche la velocità di connessione ai livelli delle veloci reti 4G/LTE.

Grazie a questo brevetto Google potrebbe includere nei nostri prossimi device Android una migliore copertura e maggiore potenza per la rete mobile, sperando che ciò non si risenta molto nei consumi.

 

Brevetto Project Glass

Adesso parliamo dei famosissimi Google Glass che ancora oggi, pur non essendo stati ufficialmente presentati, hanno catturato l’attenzione di tutti noi.

Oggi non mostreremo interessanti fotografie o filmati ma un nuovo brevetto depositato da Google che potrebbe salvaguardare gli occhiali futuristici da qualsiasi azione legale. Il brevetto copre il nuovo trackpad e le sue funzioni che troveremo sui Google Glass.

Questo piccolo dettaglio del Project Glass era stato mostrato da Sergey Brin durante un’intervista con Gavin Newsom, ma saggiamente il brevetto era stato depositato all’US Patent and Trademark Office ben 5 giorni prima dell’evento citato, in modo tale da evitare copie non autorizzate.

Il brevetto ha ricevuto il nulla osta dall’ufficio competente ma purtroppo non è presente alcun dettaglio sulla possibile presentazione o distribuzione dei Google Glass.

Forse sarà possibile vederli presto nei nostri negozi, forse il colosso di Mountain View deciderà di presentarli al prossimo I/O 2012. Purtroppo nessuna notizia certa, non ci resta che attendere.

 

Loading...
  • Galaxy sII

    Prima o poi comprerà tutto.. Google è sempre in crescita.. Continua così :)

    • Syncope14

      Ho letto il tuo commento e alla prima frase ho detto, ecco qualcuno che
      ha capito dove sta puntando, almeno non siamo tutti schiavi del mercato,
      poi ho letto la seconda e ho detto, sembra inarrestabile, e mi
      aspettavo una conclusione realista e da consumatore attivo nella terza e
      invece cosa devo leggere? “CONTINUA COSÌ”?
      O lavori per google e sei
      innamorato della tua azienda perché ti da i soldi per vivere oppure sei
      il solito fan che si è innamorato di una multinazionale che ti ha reso
      schiavo.
      Ma credi veramente nelle parole che dici? Stai esaltando e
      complimentandoti perché un’azienda sta acquistando, brevettando e
      inglobando tutto cio che puo? Togliendoti libertà di scelta, togliendo
      la possibilità di fare concorrenza, mettendo un controllo totale
      sull’informazione in internet, mettendo un controllo totale sul tuo
      account e tutto cio che scrivi o fai in internet.
      Va bene apprezzar i
      servizi di google, ma stiamo attenti a non cadere nella cecità e farci
      rimbecillire come tifosi da stadio da una multinazionale che cerca solo
      il profitto.
      Già, e quando google avra comprato e possederà tutto
      cosa farai? Sarai obbligato a passare tramite google per qualsiasi cosa.
      Bel mondo.

      • Galaxy sII

        Be non hai tutti i torti.. Non sono il fan innamorato dell’azienda, o quanto meno mantengo gli occhi aperti ma penso che Google ad oggi offre la migliore esperienza in campo di navigazione, ricerca e adesso anche Smartphone.. Se un’azienda mi soddisfa perché non incitarla a continuare. Se un domani Google dovesse controllare anche le volte in cui vado in bagno allora li nn sarei più daccordo… Per il momento nn mi dispiace.