Google potrebbe conoscere le tue preferenze pornografiche e la modalità in incognito non sarebbe d’aiuto

20 Luglio 2019Nessun commento

Secondo un recente studio, condotto analizzando più di 20.000 siti web pornografici, Google e Facebook potrebbero conoscere e monitorare le abitudini degli utenti attraverso l'utilizzo dei dati personali, anche se si accede con la modalità privata.

Il tema della privacy e della sicurezza dei nostri dati è sempre in prima linea, dato che ormai la maggior parte delle persone in tutto il mondo utilizza regolarmente il web inserendoci all’interno la propria identità. I siti pornografici, in particolare, sono tra i più frequentati, sia da uomini che da donne, e sembra che, anche utilizzando la modalità in incognito, i nostri dati possano essere utlilizzati per capire le nostre preferenze e venduti per pubblicità mirata.

A riguardo, per un recente studio condotto da ricercatori di Microsoft, Carnegie Mellon University e University of Pennsylvania, sarebbero stati analizzati più di 20.000 siti web pornografici ed i risultati, pubblicati lo scorso lunedì, hanno rilevato che circa il 93% dei siti analizzati cede dati dell’utenza a terzi

Secondo tale ricerca, la raccolta dei dati avverrebbe attraverso una serie di servizi: quelli appertenenti a Google o Facebook, come le API e gli strumenti di analisi di Google o gli strumenti di sviluppo di Facebook, sarebbero stati trovati su più del 50% dei siti in questione. Ciò non comporta necessariamente che queste aziende utilizzino le informazioni raccolte ma, sicuramente, hanno accesso a molte di esse.

I ricercatori hanno dichiarato che nonostante l’azienda californiana si rifiuti di “ospitare” la pornografia, non si pone limiti nell’osservare come gli utenti ne facciano uso. I dati di coloro che frequentano questi siti, inoltre, ne rivelano il sesso, l’identità di genere e gli interessi, rappresentati dall’URL della piattaforma web a cui si accede, e rappresentano un rischio ulteriore se vengono tracciati, dato che ipotesi sull’identità e sulle preferenze sessuali sono collegate a informazioni di identificazione personale.

Riguardo la modalità in incognito o privata, essa sarebbe utile solamente per impedire al browser web di salvare le attività di ricerca ma ISP, siti Web e servizi di tracciamento ricevono comunque tutte le informazioni e la sicurezza non aumenta, a meno che il sito in questione non utilizzi la crittografia ma, dai risultati della ricerca, è emerso che solamente il 17% dei siti analizzati la supporta.

Dunque, è molto probabile che gli utenti che fanno uso dei siti web pornografici analizzati possano essere monitorati a causa della scarsa sicurezza, rischiando la condivisione e l’utilizzo dei propri dati che, in questo caso, trattandosi di predilezioni sessuali e non semplicemente di abitudini d’acquisto o altro, possono essere molto più sensibili. Speriamo, infine, che questa ricerca possa spingere le autorità competenti ad indurre controlli più rigorosi sulle attività di monitoraggio online.

Loading...
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com