HTC e O2: accordo per vendere gli smartphone senza carica batteria incluso

27 Settembre 201282 commenti

La batteria è il problema più comune tra tutti gli smartphone, per quanto sia capiente (1000, 1500 o 2000 mAh) non lo sarà mai abbastanza. Molte case produttrici si stanno muovendo per migliorare il modo in cui ricarichiamo i nostri dispositivi come Samsung e Nokia che stanno lanciando sul mercato un kit di ricarica wireless e dunque senza fili. HTC, invece, ha deciso di non fornire il carica batteria nella confezione del dispositivo al momento dell'acquisto.

La notizia è stata confermata sia dalla stessa HTC sia dall’operatore O2, partner della casa taiwanese in questa battaglia ecologica. Si perchè questa mossa è stata realizzata per la tutela dell’ambiente e, ovviamente, una riduzione di costi di produzione per HTC. Secondo gli studi di O2, ogni anno vengono venduti 30 milioni di smartphone nel Regno Unito e il 70% di questi possiede già un carica batteria a casa e ce ne sarebbe sempre e comunque uno non utilizzato.

La notizia, come abbiamo detto, è ufficiale e HTC venderà il prossimo smartphone (almeno nel Regno Unito) con solamente un cavo USB -> MicroUSB in dotazione; il carica batteria da muro sarà venduto separatamente come accessorio, proprio come già accade per i Kindle di Amazon.

Indubbiamente non inserire il carica batteria nella confezione comporta una riduzione di costi sia di produzione che di imballaggio, ma questo costringerebbe un nuovo acquirente a spendere altri soldi per acquistarlo a parte, o se vendiamo il nostro telefono usato ci sarebbe anche da porre la domanda: “vuoi anche il carica batteria?”.

Per ora tutto ciò rimane un problema degli inglesi, staremo a vedere se HTC troverà un partner per portare avanti questa manovra anche nel resto d’Europa e d’America.

Loading...
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com