Il CEO di Xiaomi non è preoccupato del calo di vendite

17 Dicembre 2015Un commento

Lo scorso Marzo, il CEO di Xiaomi Lei Jun aveva dichiarato di aspettarsi un numero di dispositivi venduti nel 2015 tra 80 milioni e 100 milioni che avrebbero rappresentato un aumento rispetto ai 61 milioni di dispositivi venduti nel 2014.


Secondo alcuni calcoli sembrava che Xiaomi fosse in grado di raggiungere l’obiettivo ipotizzato da Lei Jun, dal momento che a Luglio si erano già toccati i 35 milioni di dispositivi venduti. Invece le cose sono leggermente peggiorate a causa della concorrenza che ha reso la vita difficile a Xiaomi attraverso l’uso di alcune tecniche di vendita come i “flash sales” oppure attraverso il rilascio di ottimi dispositivi di fascia media ed entry level, andando a toccare la fetta di utenti solitamente riservata a Xiaomi.

In seguito a questa accesa concorrenza sembra che ora Xiaomi sia destinata a fallire l’obiettivo di vendite stimato per il 2015, ma il CEO, Lei Jun, sembra non preoccupato della cosa, dal momento che la compagnia ha appena iniziato la vendita di prodotti alternativi agli smartphone, come il Mi Band 1S e i tablet Mi Pad 2, e si sta per dedicare in maniera più assidua a mercati alternativi come quello statunitense.

La tranquillità mostrata da Lei Jun è dovuta anche al nuovo smartphone in arrivo, Xiaomi Mi 5, un dispositivo che promette di essere un vero e proprio crac del mercato, con specifiche di altissima qualità che si coniugheranno con la filosofia di casa dei prezzi contenuti, e che probabilmente occuperà il mercato per i primi mesi del 2016, facendo lievitare immediatamente i dati di vendita della compagnia.

Vedremo quindi se la tranquillità in casa Xiaomi sarà giustificata o meno, non ci resta che aspettare i prossimi mesi!

Loading...
WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com