Interfaccia si, interfaccia no? Questo è il dilemma!

13 gennaio 201236 commenti

Proprio questa mattina vi abbiamo mostrato le dichiarazioni di Eric Schmidt per quanto riguarda il problema della frammentazione che affligge il mondo Android. Una delle maggiori cause della frammentazione, o differenziazione, sarebbe dovuta alle tante personalizzazioni fatte dai tanti produttori tramite le proprie interfacce grafiche di sistema, le quali portano aggiornamenti in tempi diversi, creando così la diversa distribuzione delle versioni Android. Come si potrebbe risolvere questo "problema"?

In molti hanno voluto provare a trovare una soluzione a questo problema. Qualcuno avrebbe proposto di impostare un pagamento simolico, di 15$ o 15€, per ogni major release in modo tale da costringere i produttori a rispettare le scadenze. Ma sembra che gli utenti non siano molto d’accordo, in quanto avendo scelto un sistema operativo open-source non vorrebbero pagare per ricevere un update che dovrebbero comunque ricevere.

Un’altra soluzione potrebbe essere di eliminare in parte le personalizzazione dei vari produttori per poter permettere a Google di rilasciare lo stesso update per tutti i device con Android, senza dover fare molta attenzione alle varie personalizzazioni o dover delegare gli update ai tanti Samsung, HTC, LG, Sony Ericsson, Motorola, ecc.

Secondo voi sarebbe preferibile eliminare le varie TouchWiz, Sense, MotoBlur, LG UI, SE UI, ecc, ed altre piccole modifiche per poter avere meno frammentazione in Android?

Per tutti i device interfaccia e temi Android o meglio le varie personalizzazioni?

Forse la migliore alternativa sarebbe munire ogni dispositivo di interfaccia e tema Android, in modo tale da poter scegliere tra le due alternative quale si preferisce e di conseguenza scegliere a quale produttore affidarsi per gli aggiornamenti ufficiali. Per esempio dotate uno smartphone HTC sia di interfaccia Sense, sia di interfaccia Android per poter scegliere al primo avvio quale scegliere; a seconda della scelta gli update verranno rilasciati da HTC o Google.

Secondo voi?

 

Loading...
  • Arturo

    non mi pare che la google abbia rilasciato una versione priva delle interfaccie grafiche per ogni smartphone… mi pare che si sia limitata ad aggiornare i propri dispositivi e neanche tutti… 
    se fosse così facile allora avrebbe potuto fare una serie di rom flashabili per ogni dispositivo in stile AOSP già da tempo dando la possibilità a chi voleva di avere l’esperienza android come google l’ha fatta!

    • Ivan Tronci

      in effetti anche io ho qualche duvvio sulla fattibilità.. non cambiano solo le interfacce ma anche risoluzione schermo piattaforma hardaware schede video chip di comunicazione… posizione pulsanti..
      ogni android può essere diverso da gli altri google come potrebbe seguirli tutti?

      si potrebbe obbligare certi standard.. tipo ci sono 5-6 piattaforme hardware autorizzate 2 entry level 2 medium ed 2 top gamma.
      google aggiorna i nexus e da ai produttori la rom base per tutte queste varie piattaforme e loro ci adattano sopra le lore personalizazzioni, che magari dovrebbero essere più superficiali.

      poi Google potrebbe chiedere per licenza l’obbligo di aggiornare il terminale entro 2 mesi dal uscita del update ufficiale, pena l’annullamento della licenza.

      • Ivan Tronci

        magari eviterei anche gli store personalizzati per achitettura Hardware o produttore!

      • glonciavir

        Non penso sia ipotizzabile avere 5-6 architetture standard perchè si limiterebbe la competizione tra i produttori. A questo punto tanto vale che google commissioni 3-4 telefoni ai produttori top per avere 3-4 differenziazioni… ma questa mi sembra 1 barzelletta!!
        La cosa più sensata è invece, secondo me, imporre ai produttori come HTC l’obbligo di update di interfaccia e di SO per almeno 18 mesi. Dopo questo periodo devono fornire una versione stabile e standard della migliore release di android disponibile (in relazione all’HW) e rilasciare diritti di root e bootloader sbloccabile senza perdere le eventuali garanzie residue.

        In questo modo anche i terminali + vecchi potranno avere ancora valore e una vita spendibile.
        Considerando che molti gestori telefonici impongono il telefono per 24-30 mesi… mi sembra assurdo che dopo soli 8-12 mesi il telefono non venga più supportato.

  • Demone91

    Secondo me La Google dovrebbe prendere in mano il controllo degli smartphone a livello di update nel senso che i produttori mettono sul mercato mentre Google aggiorna questo per terminali ad alto livello per gli entry-level e medium-level vengono delegati i vendor di competenza

  • Niccolò Tacconi

    io credo che la cosa migliore sia mantenere le personalizzazioni ed unire l’interfaccia base di google…perchè in questa maniera si può costringere il produttore a rilasciare aggiornamenti gratuiti ed efficienti, magari solo con l’interfaccia base di google se proprio l’interfaccia personalizzata dovesse non girare bene con i nuovi aggiornamenti (discorso magari per devices vecchi o di fascia bassa)

  • Abi

    Occhio che fate sempre confusione con open source = gratis, non c’entra un tubo, open source ha codice aperto, che sia gratis è un’altra cosa!!!

  • Anonimo

    Concordo con quanti auspicano un’unificazione delle varie interfacce e una limitazione delle personalizzazioni dei vari carrier/produttori per snellire le procedure di adattamento di una nuova release Android ai vari device.
    Mi piace l’idea proposta alla fine del post di avere un core unico di Android valido per tutti su cui si innestano le varie personalizzazioni come fossero temi o app.
    Il problema è che i vari carrier/produttori ci tengono a veicolare i propri contenuti (un esempio su tutti Verizon che ha bloccato Google Wallet a favore del suo programma) e non si faranno mettere nell’angolo.

  • Elegos

    La cosa migliore sarebbe semplicemente far rilasciare ai produttori hardware dei singoli chip i driver pre-compilati con un wrapper da compilare, esattamente come fa nVidia. Così facendo non si dovrebbero aspettare i cari “Samsung”, “HTC” e i loro fattacci per aggiornare la NOSTRA “ferraglia”. Poi se il cellulare è troppo lento saremo noi a deciderlo.

  • TizioIncognito

    Secondo me si sta affrontando il problema della frammentazione dal punto di vista sbagliato.
    Sono programmatore android e le difficoltà che incontro non riguardano il launcher o il tema del sistema operativo quanto piuttosto i vari schermi disponibili sui vari smartphone tutti con aspect ratio diversi che rendono molto difficoltoso realizzare interfacce grafiche personalizzate nei dettagli. (Realizzare quindi un’interfaccia che sia ben visibile sia su schermi grandi, sia su schermi piccoli, sia su schermi più quadrati, sia su schermi più allungati.)

  • Vraaden

    L’unica cosa plausibile è che i diversi produttori mettano in commercio più telefoni con una simil-google experience: trovo francamente stupido che ci sia il solo Nexus senza personalizzazioni.
    Mettere degli standard minimi è stato il più grosso errore di Microsoft, che ha trovato la più alta % di utenti soddisfatti e bassissima soddisfazione di produttori e carriers, e infatti sta correndo ai ripari abbassando questi parametri con WP tango;pensate che Google voglia imitare questo errore? Ma davvero non lo avete capito che il massimo di considerazione di una multinazionale verso il consumatore è lo status di portafogli con le gambe?

  • Francesco

    Il problema è piu complesso di quanto sembra.
    Anche se i rivenditori non usassero interfacce personalizzate, gli aggiornamenti arriverebbero comunque in ritardo perche ogni telefono ha un architettura completamente diversa che richiede ampie modifiche per essere ottimizzata.
    La cosa migliore sarebbe di avere poche architetture standard, un po come accade per windows phone che è sicuramente meglio ottimizzato.
    Cosi facendo si avrebbe un android perfetto, rapidissimo e aggiornabile in brevissimo tempo.

  • Giotto89

    penso che visto che la gente sia contraria alla cifra simbolica e vorrebbe lo stesso gli aggiornamenti, la cosa più giusta sia qualla che le case produttrici es HTC dia tutti i suoi dispositivi con android base, nel caso uno voglia l’interfaccia sense migliorata la paga in modo tale che i telefoni sono sempre aggiornati, e SE disponibili interfacce siano a pagamento (ovviamente a cifra simbolica)

    • francesco

      mah,io penso che essendo android basato su linux e quindi libero e open-source debba rimanere tale.

  • Deran

    Sarei disposto a pagare i 15€ per avere Android liscio come sui nexus e sempre aggiornato… :D

  • Os

    No, per tutti i device interfaccia e tema standard Android 42.91%  (245 votes)
    Chi ha risposto ciò non ha capito cos’è android

    • Anonimo

      hai ragione … altrimenti mi sarei tenutoiphone uguale al mio collega, uguale alla sua fidanzata, al suo cugino, a mio fratello, ecc.
      tutto bello però distinguibile solo dai graffi sulla cover

      • Simona

        La personalizzazione si fa a posteriori.
        Io ho stravolto il mio GS con Go Launcher, temi e gadget al punto che nessuno capisce cosa sia. DI avere una interfaccia personalizzata dal produttore mi interessa meno di zero..

        • e quindi ti senti in diritto di dire che chi col telefono non si vuole sbattere troppo (sì,un launcher alternativo per tanti è troppo) si deve tenere android nudo e crudo?e chi se lo compra un samsung al posto di un lg se esteticamente sono uguali ma uno costa meno? i nerd che leggono i bench?

          • Babez

            Android dà la possibilità di installare milioni di app di personalizzazione… se uno non si ” vuol sbattere” per un launcher alternativo sono affari suoi. La potenza di android non è nelle interfacce utente personalizzate dal produttore.

            Se uno compra un Samsung invece di un HTC o di un Lg solo per l’interfaccia differente… è meglio se si va a comprare il telefono di topolino… 

          • direi di no,visto che un htc se si compra lo si compra per la sense…la touch wiz non è così importante,ma metterebbero le foto dei tab SPENTI,o, come faceva apple,direttamente il dispositivo (spento) sulla scatola.
            considerando che il 60% abbondante degli acquirenti android è talmente informatizzato da riuscire,solo seguendo il manuale,tad aggiungere un widget,e di questi parte manco sa aprire il marke…beh,direi che dovrebbero starci un bel po’ di telefoni di topolino in giro…
            L’interfaccia utente proprietaria è l’unico motivo per cui android ha venduto,la holo andrebbe messa di default,oppure scaricabile dal market,ma non si può certo imporre ad htc di vendere il telefono senza sense o con sense non preimpostata.

    • Dragondevil

      x me invece non è così…
      prima avevo un hero ed ero innamorato di quella interfaccia, infatti quando mesi la 2.2 cucinata cercavo sempre quella basata sulla sense…
      poi misi la cyanogen e il telefono rinacque in velocità e prestazioni…
      ora ho un nexus s cui cambio sempre launcher perchè mi piace variare…
      per me tutti dovrebbero mettere la propria interfaccia (sense, touchwiz etc…) ma dare anche la scelta all’utente di poter scegliere quella puregoogle…
      tant’è vero che molti utenti se ne fregano dell’interfaccia proprietaria installando da subito diversi launcher, quindi chi se ne frega dell’interfaccia proprietaria, io voglio quella che più mi piace!!

  • Francy

    le interfacce diverse sono i motivi di superiorità di un produttore piuttosto di altri…senza questo si para il culo alle aziende che non sanno fare un cazzo…

  • Michele

    Ragazzi ma che state dicendo. La differenziazione di Android è uno dei principali motivi per il quale ho scelto Android. E’ stupendo vedere come Android riesce ad essere diverso in ogni singolo device. Ed è proprio grazie a questo che avrei motivo di cambiare, per provare TouchWiz, HTC Sense etc. Se fosse tutto standard e unico mi dite la differenza Galaxy SII e Sensation? (E poi che si fa come Apple?)

    • Anonimo

      sono d’accordo con te, però allora li aggiornassero questi cavolo di telefoni.

      • alfio

        Ho aggiornato il Galaxy S2 via telefono con il software di samsung, perche è arrivata la notifica che era disponibile la 2.3.4 penso che sia una buona cosa.

  • Ethanhunt

    Secondo me dovrebbero personalizzare solo il launcher (permettendo di usare anche quello ufficiale android). Lettore audio, video e galleria e impostazioni devono rimanere nella veste grafica ufficiale. Google dovrebbe dire “potete modificare solo il launcher e le icone dei servizi base (icona del tastierino numerico etc etc)”.

    • Dragondevil

      acer infatti permette sia si usare il suo launcher che quello ufficiale…
      secondo me anche altri dovrebbero prendere esempio da acer su questa cosa…

  • Wildthing

    Ma poi i dati di questi sondaggi vengono visti dai personaggi di google o resta solo una votazione tra amici tanto per discutere di qualcosa ???

  • iSimon

    Subito dopo l’update ufficiale i device si aggiornano e “vivono” con l’interfaccia Holo finchè la Samsung, HTC, LG, Sony Ericsson, Motorola, ecc. non rendono disponibile il loro aggiornamento.

  • Aaaaaaddr

    Non toccatemi la sense o vi uccido tutti!

  • Pogio

    Secondo me dovrebbero partire tutti con Android pulito..così da poter tenere sempre il device aggiornato all’ultima versione , poi dare la possibilità a chi lo desidera di installare in un secondo mome mento l’UI propretaria…tanto alla fine sense, touchwiz & co, sono comunissime app.

  • Jakson672

    Perché non lasciare la possibilità agli utenti di cambiare rom senza perdere la garanzia?

  • Dryblow

    A mio parere è proprio la personalizzazione di ogni produttore che rende unico questo OS. Non ne esiste un terminale identico ad un altro, è ANDROID non IOS!

  • Britishsteel76

    Io dico ke solo un 10% degli utenti ke compra smartphone capisce le differenze quindi x me sta frammentaziome nn e’ sia un problema