iSuppli: la carenza di schermi AMOLED potrebbe durare per anni

8 luglio 20104 commenti

Cattive notizie sul fronte AMOLED. Un recente rapporto di iSuppli indicherebbe infatti che la carenza di display potrebbe persistere anche per alcuni anni sollevando qualche problema nel mercato degli smartphone Android. Nel 2014 le vendite di schermi AMOLED di piccole dimensioni dovrebbero registrare una crescita molto importante arrivando alle 184.5 milioni di unità, ma a quanto pare non basterà ad imporsi sugli LCD che dovrebbero raggiungere le 1.75 miliardi di unità entro il 2014 (rispetto alle 1.3 miliardi del 2009).

Al momento Samsung e LG sono gli unici produttori di schermi AMOLED, e mentre l’azienda coreana ha stanziato un totale di 2.2 miliardi di dollari per incrementare la produzione entro il 2012, LG non ha annunciato alcun progetto in merito. Fortunatamente alcune società taiwanesi più piccole come AU Optronics e TPO Display inizieranno la produzione di display con la stessa tecnologia ma prima di un decollo occorrerà aspettare tra la fine dell’anno e gli inizi del 2011.

Dati i pochi fornitori di AMOLED, le aziende del settore sono comprensibilmente preoccupate per la possibilità di interruzioni nella produzione dei loro prodotti dovuti ad eventuali ritardi o alla mancanza di schermi. A peggiorare le cose poi, Samsung Mobile Display che dà un trattamento preferenziale alla propria casa – e che, molto probabilmente, prevede di utilizzare questa situazione a suo vantaggio.

Intanto, come abbiamo già visto, quest’anno HTC sarà affiancata da Sony che aiuterà nella produzione dei display con i suoi nuovi Super TFT LCD (SLCD). Vedremo come si evolverà la situazione.

Via, 2

Loading...