La Francia si prepara a tassare smartphones e tablets per finanziare la cultura

13 maggio 201341 commenti

Una tassa su smartphones e tablets per reperire fondi da destinare alla cultura: è quanto si appresta a fare il governo francese, chiedendo ai produttori del settore di contribuire al rilancio del settore culturale in un modo che, inevitabilmente, ricadrà sui prezzi d'acquisto e sugli utenti.

Cattive notizie dunque per i nostri lettori che risiedono Oltralpe, o per coloro che si servissero di prezzi eventualmente più vantaggiosi praticati da qualche rivenditore francese: presto infatti i prezzi degli smart devices francesi potrebbero innalzarsi, per il bene della cultura.

L’idea viene da Pierre Lescure, tra i fondatori dell’emittente Canal Plus e delegato in materia dal governo, il quale sostiene che chi fosse disposto a spendere dai 300 agli 800 euro per uno smartphone o un tablet, non si farebbe certo spaventare da un modesto aumento di prezzo, che per di più andrebbe a finanziare una miglior produzione culturale di cui tutti potrebbero beneficiare.

E’ d’accordo anche la ministra Filippetti, fedele al suo principio secondo cui “chi fa profitti distribuendo i contenuti deve contribuire a finanziarne la creazione”, principio che verrà ora applicato anche ai terminali necessari a fruirne.

Tempi duri dunque per gli utenti francesi: non resta che sperare che dalle nostre parti, dove in quanto a tasse e gabelle varie abbiamo poco da imparare, non si prenda spunto.

Loading...
  • the_joker_IT

    E fu così che i francesi iniziarono ad acquistare smartphone e tablet oltreconfine. La stupidità non ha fine.

    • Coletz

      Solo quelli “furbi”, alla fine il 90% di chi ha un top gamma o è pieno di soldi e quindi non si fa problemi, o è uno che recensisce e quindi ancora 0 problemi, o è un bimbo capriccioso e allora 0 problemi perché se il papi glielo paga 700, senza problemi aggiunge 50 euro… Il rimanente 10% comprerà da fuori…

      • the_joker_IT

        Il concetto di sussidiare settori in crisi poiché incapaci di rinnovarsi o fuori mercato con altri settori è stupido.

        Anche mio nonno costruiva carrozze, non per questo quando arrivarono le automobili pretese che chi le acquistasse gli versasse un sussidio.

        • androidianOOo

          Joker best reply….great ID on page…i like the way to say..i apologize your message about grand father..

      • Chi ha un top gamma è pieno di soldi? Quindi in Italia abbiamo un casino di ricchi…e sono fra questi, che bello! Non lo sapevo!

        • Gli effetti della crisi fanno si che chi prima era un benestante adesso è un ricco in confronto a chi deve andare ai mercati generali a raccattare la frutta e la verdura di scarto perché non hanno i soldi per comprarla, e non sono pochi.

          • Certamente, ma 10-15 euro al mese per un top gamma sembrano non essere un problema, vista la quantità di phone, S3 e a breve S4 che si vedono in giro.

  • Solitamente i cambiamenti impiegano 20-30 anni prima di arrivare qui…chissà perchè ho il sospetto che invece stavolta i tempi saranno brevi.

    • maseiserio??

      la notizia VERA è che questa è solo un’ipotesi di proposta di legge per cercare di smorzare gli effetti devastanti di una legge di sarkozi che prevede una mail come primo avviso, una multa consistente come secondo e il taglio di Internet a vita come terzo!
      e lo fanno…
      in Germania 1300 euro di multa a un sedicenne che ha scaricato l’ultimo libro di Harry Potter!

      • tiziwind

        Grande vedo che ascolti caterpillar …

        • maseiserio??

          sì!
          :-)

      • Non ho capito come una tassa possa smorzare gli effetti devastanti di una legge contro la pirateria.

        • maseiserio??

          noinon ho detto che la considero una mossa intelligente, eh! ma semplificandoun po’: è come se, supponendo che noi tutti scarichiamo da iTunes ;-) anziché pagare il prezzo di ogni canzone, pagassimo una tantum che servea rifondere i diritti d’autore di ciò che scaricheremo in futuro.
          a me sembra una belinata comunque, era solo per riportare correttamente…

          • FedericoBarone

            cioè, quindi devi pagare una tassa in anticipo su ciò che di illegale farai in futuro e che comunque rimarrà illegale?

  • Andrealis98

    Mi docono che il governo di sinistra favorisce l’innovazione. Bene bene Francia.

    • maseiserio??

      Non sai di cosa stai parlando: è solo una proposta di legge per tamponare una legge molto più dura e controversa fatta da sarkozy, che sicuramente non era il più famoso dei comunisti…

  • matgi

    Modesto aumento… uhm.. ci risentiamo quando il vostro nexus 7 costerà 500 euro.

  • pitella

    Era ora!Speriamo arrivi presto anche in Italia!

  • Gianluca

    Se è per la cultura ben venga! Ricordo che da noi le tasse servono per saziare quei porci che sono al governo quando invece ci dicono che servono per i servizi… Ma quali servizi?Non ho mai visto funzionare bene niente. Ottima iniziativa quella dei francesi.

    • Gianluca

      Aggiungo una cosa, penso che se la stessa iniziativa fosse volta a dare benefici al settore militare sarebbe stata accolta molto meglio. Ovviamente è soltanto una mia opinione.

    • Scusate ma solo io penso che questa è una tassa sulla cultura per finanziare la cultura? I tablet e smartphone oltre a giocare servono anche per motivi culturali. Mi sembra un’emerita baggianata tassare la cultura per finanziare la cultura!
      Non a caso l’ideatore di questa tassa è il fondatore di un canale televisivo. Io ci vedo un conflitto di interesse grande come una casa. I dispositivi mobili danno fastidio perché permettono alle persone di fruire di contenuti senza passare per i canali televisivi. Chissà perché non mettono la tassa anche sul televisore!

      • FedericoBarone

        infatti l’idea sarebbe di tassare lo strumento con cui si fruisce della cultura…

  • gugul

    Boiata. Cultura é anche un vecchio che impara ad usare un pc. O uno stupido che come me usa wikipedia anche in giro la domenica. Tassate tassate!

  • doktorpopeye

    Hahaha stupidi francesi

  • Alessandro Carlo Paolucci

    giusto, come tassare la benzina per investire i ricavi in trasporti pubblici (che vanno a benzina), o tassare un’enciclopedia per favorirne la diffusione…accoltellare una persona per favirire la sanità (devono pur mangiare i pronto soccorsi no?)…di esempi stupidi ce ne sono un’infinità…

    • maseiserio??

      devo correggerti: al momento vige una legge del signor sarkozy che prevede che tu venga richiamato tramite mail la prima volta, tramite lauta sanzione la seconda, tramite ban a vita da internet la terza!
      ciò di cui si parla in modo confuso e disinformato in questo articolo, in realtà non è altro che una proposta di legge (anzi un disegno) per cercare di mettere una pezza alle “vittime” che la suddetta legge in vigore sta mietendo…
      :-)

      • andrix

        lo hai detto 10 volte… ma nn si capisce a che reati ti riferisci, e in che modo “mette la pezza”…

  • Nicola fant87

    Ragazzi la francia ha in mente il referendum per togliersi dall’euro,e non ha affatto torto!!!
    Ma sovraprezzi di telefoni e tablet per chi non ha ancora dimestichezza e conoscenze appropriate,per chi non si fida soprattuto,e lo vuole comprare in casa,sarà un grosso problema.
    Stranamente questa cosa la vedremo anche in italia secondo me,e sarà l’ennesima inchiappetata che ci fioccherà il governo,culturamente parlando :|

    • maseiserio??

      Non ti scrivo tutta la pappardella perché l’ho già scritta più su due volte e non voglio fare spam o essere troppo antipatico… ma in realtà questo articolo ha dato una versione pressapochista, allarmista e disinformata di ciò che è solo un disegno di legge per mettere una pezza a una legge ancora peggiore!
      :-)

      • Nicola fant87

        Ti ho dato il +1 perchè hai perfettamente ragione,ma sapendo che il governo italiano imita la negatività degli altri governi ho paura che avremo grossi problemi in futuro per l’aquisto di un bene personale!

  • Ma se non sbaglio in Italia abbiamo ancora la tassa sui dispositivi di archiviazione, memorie ecc. Questa della Francia non mi sembra una novità.

    • Concordo. Poi, se non erro io, ci si paga la SIAE, sulle memorie di massa, che quindi non è neanche una tassa che porta servizi ai cittadini…

  • xpy

    Uando salirò al governo , tasserò l aria , e multerò le scorreggie , quindi preparatevi a chip in bocca e ano , e poi anche sulla pipi quindi….

  • Marostyle

    vabè noi abbiamo già una tassa sull’elettronica… almeno lì finanzierebbe la cultura, qui finanzia le tasche di ignoranti…

  • Narheru

    Da noi c’è Sub-cultura, non c’è pericolo

  • masterblack91

    speriamo che non arrivi anke qui questa cosa…k già tassano tutto…se si mettono a tassare prodotti elettronici e la fine…ti tassano pure quei piccoli sfizi k (k può) si passa…ripeto la causa è giusta,purchè non sia un’aumento esagerato del prezzo…

  • Pingback: La Francia si prepara a tassare smartphones e tablets per finanziare la cultura | Notizie, guide e news quotidiane!()

  • Yellowt

    Tedeschi e inglesi si fregano le mani da anni guyardando l’ignoranza del governo italiano e francese nei confronti dell’UE.
    Ma sanno che si può comprare dove si vuole? Che amazon e altre catene spediscono e vendono da dove gli fa più comodo?
    Se amazon IT e FR vedo uno smartphone a 500 e su amazon DE lo vedo a 450 secondo voi dove lo comprerò?
    Così oltre a ridicole tasse ci perdono pure l’iva e l’occupazione con tutti gli annessi nei magazzini nazionali. Si si, sono tutti furbi a parole in politica. Poi non sanno nemmeno l’abc della rete…

  • carlomangano

    cioè 800 euro per uno smartphone non mi spavento per un aumento di prezzo?

  • Che stronzi

  • jeeg

    Minc@@a diamo gli spunti….a breve ci faranno pagare il canone rai sui tablet e smartphone W l’Italia