Le novità di Asus al Mobile World Congress 2014

26 febbraio 201422 commenti
Al Mobile World Congress 2014, Asus presenta una nuova gamma di prodotti denominata ZenFone della quale fanno parte già 3 dispositivi distinti dalla dimensione del display: ZenFone 4, ZenFone 5 e ZenFone 6. Allarga inoltre la linea PadFone introducendo PadFone Mini e PadFone Mini 4.3, già anticipati al CES di Las Vegas.

ZenFone 4, 5 e 6

zen_completo

La nuova linea di prodotti ZenFone, anticipata a Las Vegas in occasione del CES di Gennaio, viene riproposta al pubblico Europeo del Mobile World Congress da parte di Asus. La gamma è composta già da 3 smartphone distinguibili, come anticipato, dalla dimensione del display espressa in pollici.

Tutti i dispositivi saranno disponibili sul mercato Italiano tra Maggio e Giugno con a bordo Android 4.4 KitKat)

ZenFone 4, il piccolo della gamma, è dotato di un display da 4 pollici TFT con risoluzione WVGA (800x480p). Il processore è un Intel Atom 1.2 GHz. Dovrebbero essere disponibili al lancio colori molto vivaci per un totale di 13; le cover (realizzate in policarbonato) saranno intercambiabili come su tutta la gamma; in più, solo per ZenFone 4, la batteria sarà removibile.

Il prezzo si aggirerà tra i 129 e i 149 euro.

ZenFone 5 ha un ampio display IPS HD da 5 pollici ultrasensibile che può essere utilizzato in tranquillità anche con qualsiasi tipo di quanti come ZenFone 4. Punto forte lo spessore, solo 5.5 millimetri. Sarà disponibile nei colori nero, bianco, rosso, champagne e porpora.

Il prezzo si aggirerà tra i 229 e i 249 euro.

ZenFone 6, disponibile nei colori nero, bianco, rosso e champagne, è un phablet che offre un display HD IPS da 6 pollici. Tra le caratteristiche principali troviamo la tecnologia audio SonicMaster e una fotocamera posteriore da 13 megapixel dotata di tecnologia PixelMaster.

Il prezzo si aggirerà tra 299 e i 329 euro.

Di seguito la video anteprima direttamente dallo Stand di ASUS qui al Mobile World Congress 2014 e un focus sulla nuova funzionalità che consente di visualizzare più applicazioni contemporaneamente suddividendo in due il display.

Visti dal vivo troviamo questi ZenFone molto interessanti soprattutto grazie al prezzo competitivo che ASUS propone sul mercato. I materiali utilizzati per la costruzione della scocca posteriore sono plastici ma al tatto sembrano nettamente superiori, quasi ceramica o alluminio. Purtroppo però in caso di graffi la vernice si stacca. Ottima la scelta di ASUS di commercializzare questi dispositivi già dotati dell’ultima versione di Android.

Dopo il CES di Las Vegas, ASUS porta al Mobile World Congress di Barcellona anche i nuovi PadFone Mini e PadFone Mine 4.3, ultimi arrivati della gamma PadFone nota per integrare nello stesso dispositivo Telefono e Tablet. Questi sono i primi dispositivi della serie ad essere caratterizzati da un tablet da 7 pollici anziché il classico (finora) 10 pollici.

PadFone Mini 4.3 è costituito da un tablet con display da 7″HD e risoluzione WXGA (1280 x 800) e da uno smartphone da 4.3″ IPS qHD (960 x 540) con processore quad-core Qualcomm Snapdragon da 1.4GHz.

Di seguito le caratteristiche complete dello smartphone seguite da quelle della station:

Sistema Operativo Android 4.3 Jelly Bean
Processore Qualcomm Snapdragon 400 Quad core da 1.6 GHz
Memoria interna 16GB espandibile con Micro SD fino a 64 GB – Spazio incluso ASUS WebStorage di 5GB
RAM 1.5GB
Display 4.3″
Risoluzione qHD (960 x 540)
Fotocamera posteriore 8 Megapixel
Fotocamera anteriore 2 Megapixel
Dimensioni 129,3 x 65,6 x 8,7mm
Peso 105 grammi
Batteria 1500 mAh removibile

 

Display 7″
Risoluzione IPS WXGA (1280 x 800)
Batteria 220 mAh
Funzionalità Speaker posteriori

PadFone mini 4.3 sarà affiancato dal fratello minore (in termini di display, caratteristiche e prezzo) PadFone Mini, smartphone da 4” che si inserisce anch’esso all’interno di un tablet da 7”.

PadFone Mini è dotato di un processore dual core Intel Atom Z2560 con tecnologia Hyper-Threading. Il display dello smartphone è un 4 pollici con risoluzione da 800×480 pixel, il tablet è, come anticipato, un 7 pollici HD con risoluzione 1280x800p; entrambi sono IPS e sfruttano la tecnologia DyamicDisplay per far si che le applicazioni vengano auto ridimensionate.

All’interno del video troverete anche un breve cenno al FonePad Note 6, già disponibile in Italia dallo scorso Novembre al prezzo di 399 euro.

451€
ASUS PadFone Mini 4.3
SU
A SOLI
  • Pingback: Le novità di Asus al Mobile World Congress 2014 | News Novità Notizie Trita Web

  • Pingback: Le novità di Asus al Mobile World Congress 2014 - WikiFeed

  • Lorenzo Bri

    Che design arrapante :)

    • Gigi

      Ahahahahah non penso proprio guarda…

      • mark

        Asus è la migliore in ogni campo mi dispiace gli altri cellulari non valgono niente

  • Pingback: Le novità di Asus al Mobile World Congress 2014 | Crazyworlds

  • DevastatorTNT

    Tralasciando il 6″ con HD, che è un po’ basso, ma compensa con il prezzo, ma perché diamine solo il 4″ ha la batteria intercambiabile? Si son fumati qualcosa di veramente strano alla Asus…

    • the master

      Con la batteria sottosviluppata con cui hanno il coraggio di venderlo dare la possibilità di cambiare batteria è il minimo
      Comunque trovo scandaloso questa modifica dei prezzi. I prezzi ufficiali in dollari erano ben più bassi altro che cambio 1:1 qui li raddoppiano.
      A questo punto ben vengano gli Alcatel pop s 3 e s7

  • Okazuma

    Chiedo alla redazione
    Ma Asus ha detto qualcosa riguardo gli aggiornamenti dei sui tablet?
    Vorrei capire che fine faranno i Memopad HD7 usciti a settembre…li lasciano alla 4.2.2?

    • fabio

      Ho anch’io l’HD7 e temo che la risposta alla tua domanda sia che questo tablet (eccezionale per rapporto qualità/prezzo) non verrà più aggiornato. É un entry level e in quanto tale gode di meno attenzioni rispetto ai fratelli maggiori. Il vero problema è che non si trovano nemmeno ROM custom, avendo un bootloader blindato e alcuni driver proprietari di cui Asus non ha rilasciato i sorgenti. L’unica ROM alternativa che esiste (peraltro basata sempre su 4.2.2) prevede una procedura di installazione complicata e rischiosa.

      • Okazuma

        L’unica cosa che mi da speranza è che, se nn sbaglio, anche i tablet di fascia alta non sono stati aggiornati quindi prima o poi Asus dovrà pronunciarsi.

    • http://www.androidiani.com Enrico Andreoli

      No non abbiamo chiesto sinceramente, purtroppo il manager italiano non è più in fiera. Possiamo comunque informarci

      • Okazuma

        Ti ringrazio per la risposta.

        Se si potesse avere notizie sarebbe fantastico perchè proprio non se ne hanno e nn so neanche come reperirle ;)

  • Pignolatore

    Scusate l’ignoranza, ma…che colore è lo “champagne” in relazione a un telefono?

    • Davide

      Oro, in poche parole…

  • BSOD

    Beh niente Transformer TF702 con Tegra K1? Peccato.

  • zuzzurrellone

    Ho il padfone2 ancora alla 4.1! Proteste chiedere allo stand Asus se è quando aggiorna dopo mesi di promesse, un Android più evoluti?
    Grazie

    • mark

      Anche io ho il padfone 2 e sinceramente che lo aggiornano o no rimane sempre il migliore ;)

      • Denafs

        Asus ha buone idee ma poi con la mania di sfornare nuovi modelli abbandona il pf2 a se stesso. Se continua cosi a mai più Asus..

        • Francesco Pozzobon

          Voi e sta mania degli aggiornamenti, ma se funziona bene che diavolo ti serve a fare un aggiornamento???

          • DevastatorTNT

            Considero un diritto del consumatore poter usufruire SEMPRE del meglio che la tecnologia gli offre, aggiornando di volta in volta. Anche le torce funzionano bene per fare luce (esempio estremo ma che rende l’idea)

          • Okazuma

            Un aggiornamento può risolvere anche dei problemi seri che ha il prodotto o dare opzioni utili che prima non avevi.
            Il mio HD7 (tablet), a settembre usciva dalla fabbrica con la 4.1, quindi non avevo il multiutente…che per un tablet è ASSURDO.
            Ad ottobre/novembre è arrivata la 4.2.2 (quando la 4.3 è disponibile da tempo…) e la questione si è risolta.

            Cmq la “voglia di aggiornamento” deriva dal fatto che hai un device che viene DELIBERATAMENTE abbandonato anche se potrebbe benissimo ricevere la nuova versione di android senza problemi.

            Personalmente ho speso poco per l’HD7 (140 euro in offerta) e va una bomba, davvero, ma se venisse abbandonato dopo neanche 5 mesi dall’uscita mi girerebbero le balle perchè ha comunque un Quad-core e 1 GB di ram.
            Spero di essermi spiegato ;)