Liquidware Amber: ecco il tablet completamente personalizzabile

19 maggio 201230 commenti

Liquidware Amber è il "tablet" innovativo che viene venduto senza scocca, solamente con il corpo elettrico. Può essere utilizzato in campo medico, come vedete nell'immagine, o in qualsiasi azienda che ne necessiti l'uso.

Tutti noi siamo abituati a “vedere” i tablet come dispositivi di utilizzo quotidiano con tanto di scocca ed elementi esterni, invece, Liquidware Amber è stato progettato per far fronte a tutti i professionisti e le aziende che hanno bisogno di un tablet “nudo“.

Questo Tablet può essere inserito in appositi supporti o integrato in apparecchiature elettroniche come ad esempio una macchina per effettuare un elettrocardiogramma, proprio come vedete nell’immagine in alto.
I costi sono abbastanza alti e si parla di 983 e 1.674 dollari (775 – 1321€) a seconda del modello scelto. All’interno potete trovare un processore ARM Cortex-A9 da 1 GHz con un display da 7 pollici capacitivo e Android 2.3.

Loading...
  • hardc0re

    Meno cose ci sono e più costa?

    •  Penso che il costo sia dovuto al supporto delle apparecchiature mediche.
      Dall’articolo: “Questo Tablet può essere inserito in appositi supporti o
      integrato in apparecchiature elettroniche come ad esempio una macchina
      per effettuare un elettrocardiogramma”

      • Jacopazzo99

        La gente ormai non si prende più la briga di leggere…commentano direttamente

        • Isteria K

          L`ambito medico e industriale prevede standard diversi. Probabilmente pensate che se un server ha meno potenza dell`ultimo PC sminchiapower da gioco debba costare molto meno.
          Che ragionamenti superficiali!!!!!!!!

          • Reresetg

            Anche se fosse, come verosilmente, il prezzo mi pare ugualmente spropositato in relazione al valore nudo e crudo, e la verita’ resta probabilmente un’altra…

          • Su macchine ospedaliere è meglio che sia l’hardware che il software (entrambe cucite su misura) siano il più stabili possibili e non vadano in crash. Non sarebbe bello se non monitorasse uno sbalzo cardiaco che potrebbe essere fatale al paziente. Il know how si paga…

      • Giorgio

        Concordo

      • Andrea

        rendiamoci anche conto che le aziende ci prendono bellamente in giro: questo tablet può essere INTEGRATO, vale a dire che non possiede strumenti medici, ma solo “PORTE” a cui collegare i dispositivi medici ed un eventuale software per leggere gli input delle porte… il prezzo è mostruosamente alto…

        • Emanu_Lele

          Ti spiego perchè non lo è. Il costo così alto non è per l’hardware ma per il post vendita ed il software. Se compro questo tablet per integrarlo con un apparecchio di risonanza magnetica ho bisogno che chi mi vende il prodotto, me lo installi, programmi il software per parlare con la mia macchina ed in più un’assistenza sempre a mia disposizione a cui mi possa rivolgere quando serve. E questi serivi aggiuntivi costano molto di più del prezzo dell’hardeare ma sono necessari. In più mettici che tutto cioè che viene venduto in campo medico tiene conto anche del profitto che ne trai e dell’ammortamento che lo studio medico si scarica in bilancio. Purtroppo gli alti costi di certe analisi dipendono anche da questo

  • Rattinico92

    come minimo avranno predisposto diversi connettori di input/output di cui l’articolo nemmeno parla..
    Integrerà qualche funzionalità hardware in più etc..

  • Marvin

    Io credo che il mercato business abbia dei costi più alti per via del profitto, ma la spesa di quest’ultimo è eccessivamente alta in relazione alla componente hardware citata, ameno che non ci sia un componente da 1000€ (si credici) che non sia stato citato nella recensione.

    • Un conto è l’hardware e il software per uso generico, ed un conto è una macchina simile, ma per uso specifico. Gli apparati elettromedicali (e parlo per esperienza indiretta, visto che ho un parente che ci lavora su queste cose) devono fare un lavoro diverso dal tablet che si da al bambino per disegnare o leggere le favole. Se quello si inchioda, chi se ne frega. Se si inchiodano apparecchi destinati ai medici (che già a volte sbagliano da soli) non è bello. Immaginati di stare subendo un intervento. Se il tablet del cavolo si inchioda (problema hardware, problema software, non importa) e va in loop, non fa vedere ai medici (per esempio) una aritmia e ci lasci la pelle… avresti preferito un tablet costato di più ma che garanntisse una sicurezza maggiore mi sa…

      • maje90

        quoto
        sono contento che si sia qualcun’altro “paranoico” come me…. senza offesa per Fabio….
        l’unificarsi e il globalizzarsi di ogni supporto informatico, è una cosa rischiosa forse….
        immaginatevi un apparecchio sempre collegato al wi-fi …. si bekka un virus o un attacco volontario, e può venire interrotto da un compito anche importante…… finché è un telefono ok…. ma roba più seria…. sarebbe meglio non fosse android tipo…. bah

  • Evil_sephiroth

    L’integrazione e il supporto software per interagire con apparati medici costano eh..

    Un po’ come le VGA professionali, con architettura differente, ma il cui prezzo è quasi totalmente legato al supporto driver..

  • James Carnevale

    Io direi… È una truffa?

  • Paolo refuto

    Poi se uno sceglie l’azienda alberghi, hotel gli passano 500 euro sotto banco

    • Paolo refuto

      Amber* (correttore ortografico)

  • martin9tre

    Che ladri O.o

  • Roberto Orecchio

    sapete se esiste un tablet del genere(senza scocca) a prezzi bassi?

  • Rosario Odierna

    É da anni che sto nel campo aeronautico..pensare che un mini display..senza ne touch, ne os di gestione… Rigenerato costa quasi 10mila €..il perchè? Loro parlano d standard qualitativi..ma si sa.. Quando parliamo della salute/sicurezza degli esseri umano…..il prezzo cresceeeeeee….

  • Mi fanno ridere i commenti stile bimbiminkia di chi non ha la minima idea di cosa significhi fare un’apparecchiatura (non solo un tablet, ma qualsiasi cosa) per uso specifico (e non per giocare ad angry birds o navigare su facebook). Gli standard in termini di durata, qualità e stabilità, oltre all’acquisto di brevetti e licenze se non sono già  di proprietà del produttore, sono ben diversi da quelli di qualcosa di simile ma per uso generico e destinato a tutti. Senza contare che anche il know how del produttore si paga. E’ più scanaloso secondo me il costo di certi cellulari e tablet (ed io ho un S2…).
    Anche una F1 costa più di una Ferrari o di una Rolls. Come le moto da MotoGP costano più delle moto da strada. E un server potrebbe costare più (inteso come connubio di harware e software) di un mega PC pe giocare che nel 3d è 10 volte più veloce quest’ultimo.
    Sono apparecchiature specifiche, non sono per gente comune ce cerca un tablet come quelli comunemente in commercio…

    • cardiospasmo alla deriva

      è vero… ed è per questo che il mio dottore firma con la penna del Vioxx (r) è una penna che ha subito la sperimentazione sugli umani…

  • Spamm

    senza contare le certificazioni che devi produrre come standard industriale adatto all’uso medico…(la sola certificazione in camera anecoica costa un pozzo di soldi…pensa alle altre….)

    • Gas4energy

      D’accordo pienamente. Pensate ai video-sinottici degli impianti industriali, in pratica i pannelli dà cui l’operatore monitorizza è controlla l’impianti. È un settore dove, ad oggi, regna incontrastata la Siemens. Non vi dico i prezzi di un 7 o 10 pollici, svariate migliaia di euro.
      I target in genere stanno creando una rivoluzione, positiva e fruibile sia dai privati che dall’industria.
      Pensate che molte compagnie aeree di tutto il mondo hanno dotato i piloti di tale per la consultazione cartografica. Senza contare che i piloti di aviazione leggera li utilizzano direttamente con nunzio e gps per la navigazione.
      Il costo di questo tablet in oggetto, seppur apparentemente caro rispetto ad altri, è comunque cifra irrisoria rispetto a quelli attualmente in uso dall’industria e nella scienza. Un plauso a tutto il mondo dei target e di Android

      • Gas4energy

        Refusi

        ” i tablet in genere ”
        ” i piloti di tablet ”
        ” con funzione ps”

        mannaggia la correzione automatica delle parole…

  • Sarebbe utile anche per l’incorporamento in auto come navigatore :)

  • Mattew

    Si ma un tablet con queste specifiche lo si trova sul mercato a meno di 200 euro…

  • Pietro Marchese

    scusate la mia ignoranza, ma un normale tablet non si può smontare dalla scocca e renderlo tale e quale a questo? 
    mi rendo conto che potrei aver detto una cosa stupida, abbiate pazienza

    • Certo. Come potresti provare ad andare con una Ferrari su una mulattiera, invece di usare il vecchio pandino 4×4. Ma questo tablet è destinato ad usi specifici che richiedono alcuni particolari accorgimenti in ordine di hardware, software e certificazioni.
      In pochi hanno capito (lo scrivo a te, ma non è riferito a te, ma chi non l’ha compreso, in generale) che questo tablet NON è come un galaxy tab, un olipad o un asus transformer. E’ una cosa molto diversa. Come nell’esempio iniziale, sia il vecchio pandino 4×4 che una Ferrari da F1 sono automobili. Ma dubito che le usi per lo stesso scopo. Altrimenti in F1 non hanno capito niente e potrebbero correre coi vecchi pandini risparmiando un bel po’ di soldi…

  • Pingback: Liquidware Amber: ecco il tablet completamente personalizzabile -Via Androidiani | OverView-Effect()