L’Unione Europea imporrà un caricabatteria standard per tutti gli smartphone

20 dicembre 2013142 commenti
Uno degli accessori di cui uno smartphone non può proprio fare a meno, il suo caricabatteria, sarà presto standardizzato nei Paesi dell'Unione Europea: a Bruxelles è infatti stato raggiunto un accordo provvisorio in merito, che dovrebbe diventare legge entro Marzo.

Tutti gli smartphone europei dovranno essere compatibili con un caricabatteria standard: il provvedimento, pensato per  ridurre “rifiuti non necessari e costi per gli utenti”, dovrebbe divenire legge entro Marzo, e a quel punto i Paesi membri avranno due anni di tempo per allinearsi alle nuove regole, mentre un ulteriore anno verrà concesso ai produttori.

Entro il 2017, insomma, un solo standard verrà utilizzato in tutti i caricabatterie dell’Unione: non è ancora chiaro quale, anche se ci sono ottime probabilità che il già largamente utilizzato micro-USB ne esca vincitore.

  • smurfxx

    Vedremo un iPhone con mini-usb?
    Grazie… grazie…

    Sono pronto per Zelig!
    XD XD XD

    • RealRazor

      oppure implementeranno un adattatore nella confezione

      • jj

        Probabilmente sara optional “a pagamento imposto ” altri 50€ sul prezzo finale

        • Ruppolo

          È già un optional (che non usa ovviamente nessuno, sta lì solo per adempiere agli obblighi di legge):

          http://store.apple.com/it/product/MD820ZM/A/adattatore-da-lightning-a-micro-usb?fnode=45

          • Luke_Friedman

            …Che costa 20 €.

          • mr verdicchio

            Mi sto ancora domandando come l’hanno presa i possessori di docking station da 500-1000 € con il vecchio spinotto ipod…
            Già è da ladri fare un connettore proprietario, cambiarlo poi…
            Ma il mondo è vario. C’è sempre qualcuno che compra comunque.
            Comunque già oggi col micro usb carico dagli occhiali 3d al controller play station, oltre ai miei galaxy. È mia moglie che con ipad e ifogn 5, ognuno diverso, ha qualche problema.
            Penso che chi guadagnerà di più da questo provvedimento, caro ruppolo, sarai tu e gli altri 4 che nel 2017 ancora compreranno eppol. Dovresti gioire!

          • l’808 batte ogni android

            sei talmente fanboy che confondi pure micro usb con mini usb va va con i tuoi cari Samsucchia da quattro soldi

          • mr verdicchio

            Vedi, ho il dock energizer per i controller ps3
            che hanno gli attacchi sagomati mini usb per i controller e il cavo micro usb per il resto.
            Con una basetta carico tutto.
            Con una docking da 500 € di un anno fa non ci carichi più nemmeno ifogn 5 invece.
            Per carità, io dovevo essere più preciso nel post precedente.
            Tu però ti dovresti fare un bel clistere per trovare conforto, perché trollare su forum dove vieni insultato non aiuta di certo.

          • l’808 batte ogni android

            certo che lo carichi, di certo uno che spende quel tanto per una docking station con delle casse di certo non si lamenterà di spendere un paio di decine di euro per un cavolo di adattatore, sempre che abbia un nuovo dispositivo visto che a differenza di altri telefoni/tablet i prodotti apple tendono a durare nel tempo anche nell’utilizzo oltre che nei materiali.
            Tornando al fatto del cavetto unico trovo che sia comunque una cavolata, chi dice il contrario non ha nemmeno una minima idea su come funzioni l’elettricità e il trasferimento di dati. Comunque contento tu che rimani per sempre con lo stesso cavo, ci saranno batterie più performanti e file da decine di gb ma tu imperterrito passerai le giornate a cercare di ricaricare il telefono o trasferire qualcosa dal pc lol.

          • mr verdicchio

            Le hai viste le dock di design? Belle con adattatore…
            chi ti dice che non ci sarà un Micro usb 4.0 o oltre? O un altro completamente?
            l’importante è che sia standard, ovvio che le prestazioni aumenteranno col tempo e i cavi si evolveranno

          • l’808 batte ogni android

            infatti a quel punto avere microusb e usb 3 sarà obsoleto, lo standard porta a questo, ovvero bloccare l’avanzamento della tecnologia perché cavetti di questo tipo sono un problema per una futura maggiore velocità e anche un problema per una cosa “antica” come l’elettricità. Se i cavi si evolveranno allora non può esistere la standardiddazione (sopratutto visto che i dispositivi sono tutti completamente diversi) sarebbe come pretendere di mantenere una scheda madre di 15 anni fa mentre processori e schede video evolvono.

          • mr verdicchio

            Infatti gli hdmi non esistono.
            gli usb nemmeno.
            hai idea della differenza di velocità tra i primi usb e quelli di oggi? Gli attacchi però sono uguali.
            Connettori proprietari dovrebbero essere semplicemente illegali.
            solo con la condivisione e con lo standard ci si evolve.

          • l’808 batte ogni android

            uguali? non mi sembra, da una parte siamo passati da mini usb a micros usb e usb 3 che sono ancora divesi, non mi sembra siano uguali, i connettori proprietari invece ottimizzano tutto. Per non parlare del fatto che roba come l’hdmi avrà una forma simile ma tutto è diverso, standardizzare per non avere nessun vantaggio per colpa di connettori troppo vecchi o troppo nuovi rispetto al cavo, devo rifarti l’esempio della scheda madre?

          • olè

            ma che cavolo dici? l’usb 1.0 o la 3 ha sempre lo stesso attacco cambia la velocità, ovvio che se paragoni le patate alle fragole son diverse

          • luca

            USB 1 e 2 uguali , USB 3 è retro compatibile ma ha bisogno di un altro cavo

          • olè

            a me non sembra ma se lo dici tu

          • usagisan

            USB 3 ha un attacco diverso.
            In ogni caso, se non erro, lo standard che dovrebbe essere utilizzato è l’USB Type-C (3.1) che, come il Lightning, è reversibe e si può utilizzare da entrambi i lati.

          • olè

            oh io le usb 3.0 che ho nei pc le uso come normali prese usb e ok che saranno retrocompatibili ma le usb 3 “particolari” ancora non le ho viste, però nel campo usb non so veramente una mazza

          • usagisan

            Si, iin effetti hai ragione anche tu: la parte che si connette al PC è uguale, ma con più PIN, per garantirne la retrocompatibilità.
            La parte che si collega al dispositivo esterno, invece, ha una forma diversa.

            http://www.ptgrey.com/news/pressreleases/details.asp?articleID=353

          • olè

            a bè io di quella parlavo, anche perchè dall’altra parte del cavo spesso o c’è un hard disk o comunque in genere l’attacco è diverso di default per questo non capivo

          • mr verdicchio

            Su un apparecchio hdmi 1.1 puoi usare un cavo hdmi 4.1
            su un apparecchio hdmi 4.1 puoi usare un cavo hdmi 1.1 di dieci anni fa: vedrai benissimo il 720p o il 1080i (sky hd per intenderci). Chiaro che se vuoi il 4k devi usarne uno più nuovo.
            quindi che cavolo dici?
            Poi chi ha parlato per forza di usb, magari entro 2 anni si farà un nuovo connettore che durerà per i prossimi 20 anni, con gli aggiornamenti.
            È il farne tanti diversi che è stupido. Comunque se non lo capisci pazienza

          • regster

            Questo user “‘808 batte ogni android ” mi sa tanto di un’altra persona sempre presente ma con nome diverso. r

          • Enrico

            L’usb è uno standard che evolve, come qualsiasi cosa … anche il motore a scoppio di oggi non è lo stesso di 20 anni fa, ma sempre un motore a scoppio è … voglio dire che il principio di funzionamento è sempre lo stesso, la tecnologia su cui si basa evolve continuamente …

          • http://gntheprogrammer.blogspot.com/ Gianluca

            “i connettori proprietari invece ottimizzano tutto”, ma non lo capisci che connettori e protocolli proprieteri servono solo a far LUCRARE l’azienda che ne dispone le specifiche e obbligare i clienti a comprare prodotti loro o certificati da loro? All’utente portano solo svantaggi perchè non gli permettono di valutare ogni marca e scegliere ciò che ritiene migliore, ma lo obbligano a restare legato alla stessa ditta.

          • olè

            ma in realtà quello della ps3 è mini usb non so se la ps4 ha la micro usb, comunque resta di fatto che è una svolta da quando ho l’s2 dove vado vado riesco sempre a trovare un modo per ricaricare il telefono, quindi sinceramente la storia dell’unico caricatore doveva avvenire 15 anni fa, più che altro quello che non capisco è perchè abbiano cambiato connettore al note 3 quella sì che è una cosa strana…

          • Max

            Ho il note3, va sia con la 3.0 che con la micro usb normale, quindi informati!

          • olè

            bene allora chiedo venia

      • usagisan

        Concordo.

    • usagisan

      No, vedremo un Galaxy e compagnia bella con Lightning.
      Oppure, molto più probabilmente, Apple fornirà nella confezione un adattatore, poi chi vuole (tutti) non lo userà e resterà sul proprietario.

      • Luke_Friedman

        Sinceramente il Lightning non mi dispiacerebbe…

        • usagisan

          Guarda, da possessore di entrambi, non posso che concordare con te.

        • Sonio

          Che vantaggi ha?

          • http://www.nokioteca.net/home/forum/index.php/user/341480-rikkardo92/ Rikkardo92

            In termini di velocità non ne ho idea, ma dovrebbe essere molto più veloce… però almeno è comodo, come lo giri lo giri lo metti…

        • giosann

          Non posso che quotarti, approvo, il lightning è molto più comodo

          • jerry

            Non ha problemi di verso d’ inserimento.

        • Matteo Toselli

          Che differenza c’é? Dico oltre alla forma..:)

          • Luke_Friedman

            Nessuna differenza nel verso di inserimento, più veloce, il cellulare si ricarica più velocemente. Dopotutto è sviluppato da Intel e Apple insieme!
            L’unico problema è che i connettori sono più costosi…

          • http://gntheprogrammer.blogspot.com/ Gianluca

            Mi sa che ti confondi, è il thunderbolt che è sviluppato da Intel in collaborazione con Apple ( http://it.m.wikipedia.org/wiki/Thunderbolt_(interfaccia) ), il lightning è sviluppato solo da apple (ennesimo sistema chiuso e proprietatio) ( http://en.m.wikipedia.org/wiki/Lightning_(connector) )

          • Luke_Friedman

            Ma il Lightning usa tecnologia Thunderbolt (che dovrebbe essere solo un’interfaccia), o mi sbaglio?
            Comunque, ora che mi ci fai riflettere, il Lightning non potrà mai diventare uno standard per il suo non essere open.

          • http://gntheprogrammer.blogspot.com/ Gianluca

            boh, per quel che ne so non c’entrano niente, anche nella pagina di wikipedia di lightning non si parla di thunderbolt

          • Luke_Friedman

            Allora ho sbagliato io x)
            Scusa. Comunque il resto delle mie affermazioni dovrebbero essere corrette :)

          • ArcheoGian

            La ricarica veloce non è un pregio, anzi.

          • Luke_Friedman

            Intendi per il fatto dell’usura più veloce della batteria?

        • Matteoari

          Anche mio nonno ne sarebbe felice, almeno la smetterebbe di sminchiare i connettori dei telefoni cercando di inserirli al contrario

      • http://androidforum.forumfree.it/ SPAstef

        Il lightning è molto più realistico! Si infila sia dritto che rovescio.

        • Priyanka

          realistico?

          definizione eccellente.
          le porte usb del mio pc le gradirei un pò più…dolci, a questo punto, che sono troppo salate.

          ma per favore.
          il lightning per quanto porti discutibili vantaggi rispetto al micro-usb è semplicemente l’ennesimo sistema di apple per produrre uno standard proprio e guadagnare con gli accessori…fine

          che poi certa gente si lamenti del fatto che infila sempre il cavo micro usb al contrario, o che i cavi usb siano più delicati…..beh, che imparino ad utilizzarli…..personalmente, mai avuto problemi nè su pc con le porte usb, nè sui “primi smartphone” (palmari windows/nokia serie n9x ecc) ……

          • andrea

            Approvo

          • luca giani

            Discutibili vantaggi? tralasciando la comodita’ di poterlo infilare in qualsiasi verso il lightning ha un hardware superiore al mini USB…. ho un nexus 5 e in 2 ore non arriva nemmeno al 60%… l’iphone anche con 20 minuti lo porti al 50% senza problemi… per chi usa il telefono per lavoro e’ una cosa senza prezzo…

            il mini Usb ha una potenza limitata a 9 Watts che non riescono nemmeno a caricare un ipad… Di sicuro centra che vogliono fare i fighi e che fanno soldi a palate vendendoli ma all’utente ne torna un vantaggio enorme.. come tutte le cose apple costano ma hai sempre la sicurezza di avere il meglio dell’hardware… l’ultimo macpro ne e’ la dimostrazione… costa 3000 euro ma ha prestazioni fuori dal mondo…

          • Priyanka

            1400 mah contro 2300 …..ovvio che carica più in fretta il dispositivo con meno batteria, no?

            e mi sembra che i tablet android si ricarichino con la micro usb…anche i dispositivi con la “carica rapida” (esempio alcuni modelli sony che si caricano completamente in 30 minuti, vedi xperia P)..

            paragoni con i computer lasciamo perdere va, 3000 euro per il barattolino Sammontana modello “base”….troppo. FINE

            e in quanto a prestazioni, aspetto i confronti con dei pc seri. non con i pc della domenica….
            io intanto continuo ad usare il mio bel portatile, pagato 3 anni fa meno di 1000 euro….e ci posso addirittura giocare a titoli recenti come arma 3, tanto per dirne uno..

            non è il paragone apple/windows/linux/android.
            è il paragone “OGGETTO X a costo giusto/oggetto apple a costo spropositato perchè ha una mela”

            I prodotti Apple saranno pure bei pezzi d’hardware, ma NON i migliori e sicuramente NON con lo stesso rapporto qualità / prestazioni di altri componenti….

          • luca giani

            La batteria e’ il 70% piu grande… i tempi di ricarica sono 3 volte tanti… e mi tengo basso.. vai su wikipedia inglese e vedi le differenze tra il Lightning e la micro-usb,le differenze hardware sono reali e oggettive… Sui tablet non mi esprimo visto che non ne possiedo,ma lo chiedo a te: quanto ci mette a caricarsi un galaxy Tab 10.1?

            Il discorso dei pc va avanti da 15 anni ormai.. non pretendo di farti cambiare idea.. sono un tecnico informatico e posso solo dirti di fidarti.. il nuovo MacPro a livello di ingegneria e’ paragonabile ad una macchina volante.. Non si era mai visto niente di simile… le soluzioni hardware del Case e dei componenti interni sono pura fantascienza ed hanno lasciato tutta la stampa del settore senza parole…

            La favoletta che i componenti sono di terze parti e’ vera… ma la scheda madre la fa apple in casa e questo fa tutta la differenza del mondo.. E’ il modo in cui li fai lavorare quei componenti.. e soprattutto la differenza la fa Osx… facendoti in casa un pc con lo stesso hardware forse andresti a spendere 2000 euro… (con delle Ram normali e non con quelle prestazioni) ma tralasciando il discorso estetico avresti un pc assemblato su cui dovresti installare Osx con i vari metodi alternativi e senza le stesse prestazioni di un Macpro… Avendo risparmiato 1000 euro senza avere garanzia o rivendibilita’ futura…

            Le workstation di cui parli (dell HP) costano cmq tantissimo e sempre tralasciando il discorso estetico non montano OSX.. che per chi lavora con la grafica o con l’editing video a livello serio e’ imprescindibile.. Dai primi test il Macpro riesce a gestire 16 FLUSSI 4k contemporaneamente senza fare una piega.. oppure 18 effetti in tempo reale su un video 4K usando final cut X… Ti assicuro che stiamo parlando di FANTASCIENZA…

            Sui portatili in parte posso darti ragione.. paghi l’alluminio,paghi l’estetica,paghi la silenziosita’,paghi le 15 ore di batteria… paghi la RIVENDIBILITA’… Paghi Osx gratuito a vita… paghi un monitor retina… se non ti interessano queste cose puoi spendere meno ed avere un portatile con windows che va benissimo… :-)

          • land 110

            é indubbio la superiorità apple nei computer
            ma l iphone é na scorreggia in confronto ad
            un note3 per esempio
            osx é una bomba non vendono ancora schede madri performanti cosi
            i produttori sono stati messi in fila
            per l ennesima volta
            complimenti

          • Cristian

            beh un tecnico informatico non paragonerebbe mai un macpro da 3.000 euro con un pc “non meglio definito”. prendiamo un pc di fascia alta di una marca qualsiasi equiparabile e poi parliamo. una cosa sono le prestazioni raggiungibili semplicemente dall’hardware, quindi a parità di os, un’altra sono le prestazioni raggiungibili grazie all’ottimizzazione dell’os stesso, quindi a parità di hw. che la combinazione hw-os del macpro sia di buon livello mi sta bene, ma rimane comunque una soluzione performante in pochi e ben definiti casi, a scapito però della versatilità e del costo stesso della soluzione. oltretutto tutti i mac sono ormai assemblati con componenti di commercio o realizzati da produttori su specifica apple, quindi dire che siano componenti così migliori rispetto alla concorrenza è una forzatura. Ripeto, confrontiamo prodotti di pari livello e poi si può discutere.
            tornando in topic, già anni fa era stata fatta una legge che imponeva a tutti i produttori di cellulari di adottare un’unico connettore per gli accessori, non so perchè alcuni si siano attenuti alla legge, invece altri sono andati avanti per la loro strada. anche quì, si tratta di trovare un’accordo, ovviamente adottando la migliore soluzione possibile del momento. non conosco le prestazioni del nuovo connettore dell’iphone5, ma ricordo bene le prestazioni del connettore usato sugli iphone3 e posso dire tutto tranne che fosse un cavo performante, anzia era la cosa più lontana possibile dall’essere veloce. ad ogni modo, credo che il futuro siano cavi utilizzati solo per la ricarica, mentre i dati viaggeranno in wifi o su cloud storage, quindi uno standard può solo portare benefici a noi consumatori, perchè a me di usare il connettore “X” od il connettore “Y” non me ne frega nulla, l’importante è non avere 5 device con 7 connettori diversi e non voglio essere costretto a comprare il tablet della samsung perchè ho il cellulare samsung, se no mi ritrovo con mille cavi diversi, voglio comprare il prodotto che ritengo più opportuno per le mie esigenze.

          • luca giani

            La scheda madre del Macpro l’hai vista? e’ TRIANGOLARE… Non esiste nessun produttore che abbia mai pensato di farne una… quindi sbagli quando dici che sono pezzi che hanno tutti… La scheda madre e’ il 70% di un Pc di questo livello visto che ti permette di avere meno colli di bottiglia nelle velocita’ dei Bus…

            Vorrei anche sfatare la frase che si sente sempre anche riguardo gli Iphone,che fa tutto Samsung o Lg e che la apple non fa nulla… Il fatto che apple non abbia le fonderie o le fabbriche non significa che non faccia le cose sa se… Nel momento in cui io ti do un progetto e ti fornisco i materiali quanta importanza puo’ avere il cinese che preme il pulsante o il Robot che materialmente assembla il chip?

            Ultima cosa… un sito americano ha confrontato il costo delle workstation HP e LENOVO di pari caratteristiche al Macpro e sorpresa delle sorprese il macpro e’ il piu’ economico e nemmeno di poco… pesando 1/5 ed essendo 10 volte piu’ piccolo… quindi direi che prima di parlare sarebbe il caso di informarsi… :-)

        • Tino

          Cazzo figata!!!! Che mega vantaggio!!!! Corro a prendere l’iphone, finalmente non dovrò più chiedere aiuto per inserire un cavetto

    • stillman

      no, forniranno un adattatore, non lo sapevi, notizia di un anno fa.

      • smurfxx

        Sì che lo sapevo, tant’è che è in commercio da un po’!
        Tuttavia questo è solo un’escamotage visto che non porta a un vero vantaggio ecologico in termini di produzione!

  • Marco 1979

    Non doveva essere già obbligatorio da anni?!?!?!? Infatti a parte i soliti diversamente corretti di Apple(devi comprarti l’adattatore) tutti gli altri hanno il microUSB

    • Ruppolo

      Bello il caricatore micro USB, proprio adattato a portare correnti da 2 Ampere. Per prendere fuoco facilmente se il contatto non è perfetto!
      A questo punto è ovvio che i diversamente intelligenti non sono più una esclusiva del governo italiano.

      Per rispondere a Marco, io ho avuto 5 iPhone e 2 iPad, e non ho avuto bisogno di acquistare alcun adattatore. Anzi, ho sfruttato pure quelli degli iPod.

      • Marco 1979

        Ruppolo sempre il solito in tutti i forum, astieniti che ne hai dette fin troppe…

        • l’808 batte ogni android

          non abbastanza visto che esistono ancora ignoranti come te che credono che un microusb sia il futuro, cavolo almeno usb3 e invece no, troviamo device che fra poco faranno video a 4k, pc con porte usb e non velocissime eppure dobbiamo ancora girare con cavetti anteguerra lenti come la stitichezza.

          • ale

            bella risposta ! peccato che a nessuno freghi niente di quello che hai scritto . loooooser

          • l’808 batte ogni android

            se questi “nessuno” di cui parli sono come te, allora sono contento che non freghi nulla visto che i miei commenti sono indirizzati a chi ha almeno un minimo di cervello.

          • gnurant

            un ignorante sei tu prima di tutti che pensi che
            micro USB sia sinonimo di USB 2.0

            peccato esistano anche le micro usb 3.0 vedi note 3 ad esempio

            è proprio bello internet, anche un pollo con una tastiera può avere il suo spazio

          • l’808 batte ogni android

            lol vai a vedere il cavetto usb 3.0, vedrai che per avere la velocità dell’usb 3.0 devi avere l’intero cavetto http://blog.tinydeal.com/wp-content/uploads/2013/03/USB3.0.jpg in pratica è un microusb deforme siamese, certo puoi usare metà porta con un qualsiasi microusb normale ma sarà come un qualunque 2.0, per avere una velocità alta hai bisogno dello spinotto nella immagine.

          • gnurant

            Ciò non toglie che tu fino a poco fa non ne conoscessi l’esistenza.

            Tra l’altro ignori che i telefoni attuali trasferiscono a circa 10 MB/s quando la velocità effettiva di usb 2.0 è di 30MB/s

            Tradotto: l’interfaccia USB 2 è l’ultimo dei problemi, ci fanno ancora Hard disk da 1 TB con questo protocollo, vuoi vedere che telefoni da 16GB diventano inutilizzabili

          • Enrico

            come si dice … date a una scimmia una tastiera e prima o poi comporrà una frase …

  • luitruda

    si ma il bello sarebbe apple costretta come gli altri produttori a 24 mesi di garanzia ufficiale
    invece fanno sempre e solo quello che vogliono
    su questo li odio perche riescono non so come a evadere dalle leggi vigenti

    • usagisan

      Veramente non è proprio così.

      Sul sito Apple, in merito alla garanzia, tra le altre cose si legge:

      “Tutti i prodotti che compri da Apple, anche quelli non a marchio Apple, sono coperti dalla garanzia legale di due anni del venditore prevista dal Codice del Consumo (Decreto Legislativo n. 206 del 6 settembre 2005). Ai sensi degli articoli da 128 a 135 del Codice del Consumo, i consumatori hanno il diritto, tra l’altro, di ottenere dal venditore la riparazione o sostituzione gratuita dei prodotti che presentino un difetto di conformità nei 24 mesi successivi alla data di consegna. Il difetto deve essere denunciato entro 2 mesi dalla scoperta.

      Apple, quindi, si riconosce come venditore senza problemi, ovviamente per tutto ciò (apple o non) che è stato acquistato da loro, sia nei negozi fisici che online.

      Per tutti gli altri acquisti (negozi di Gestori Telefonici, negozi vari, ecc. ecc.), invece, Apple riconosce solo il primo anno, come da Legge, il secondo deve darlo chi ha venduto fisicamente il prodotto.
      sono loro che non riconoscono questa cosa, probabilmente (penso)per un problema tra loro ed Apple che non riconosce a loro nulla.
      Ma questa è una situazione che riguarda produttore e venditore, non consumatore che ha comunque diritto alla garanzia che, se non viene riconosciuta dal venditore va pretesa.

      • Tersicore1976

        Infatti. Mi sembra sia ormai passato quasi un anno da quando Apple ha “portato” a conoscenza questo fatto della garanzia, visto che avevo un iPhone 4 ed ero andato a leggermi la sezione apposita del sito quando ho avuto un “problema”. Chi dice che Apple non riconosce 2 anni di garanzia fa disinformazione, ed è lui per primo disinformato. Come il diritto di recesso ad esempio: il forum è pieno di persone che insistono nel dire che ha validità 8 gg, 10 gg, e pure nei negozi se lo chiedi ti danno conferma… peccato che se si va su un sito “qualunque” a tutela dei consumatori si legge chiaramente che vale per gli acquisti a distanza… A gennaio come sempre ci saranno piccole code nei negozi per i resi, per i cambio ecc… Bene, ricordatevi che per legge non esiste l’obbligo di cambio merce, ne di reso… ogni negozio decide da se; contano sul fatto che se espongono (e mantengono) la promessa del cambio la gente è più propensa a comprare da loro. L’ultima “furbata” in un IPER: per cambiare un libro (che hanno tutti come sconto del 15%) si è obbligati a lasciare il loro bollino applicato, altrimenti non ti cambiano nulla… Ma se è un regalo e ho tolto il bollo?

        • Toptone

          Disinformati siete VOI che non ricordate la BATTAGLIA che le Associazioni dei consumatori hanno fatto per COSTRINGERE Apple a conformarsi alla garanzia europea.

          Infatti, SOLO a seguito di battaglia persa in tribunale e alla pubblicazione della sentenza DEFINITIVA Apple ha esteso la garanzia di base a 2 anni per tutti gli apparecchi venduti nei suoi store.

          Infatti, Apple resistette in giudizio presentando l’argomentazione FALSA che essa era SEMPRE produttore – quindi titolato a dare la garanzia che vuole – invece che VENDITORE.

          Ma alla furba madama è andata male.

    • ugo lapo

      A parte che, a prescindere dall’articolo, non sono sicuro si parli del connettore del telefono, ma di quello.del caricabatterie….
      E poi gli basterà includere nella confezione un adattatore….
      In ogni caso, se micro USB diventasse uno standard, si diffonderebbero finalmente docking USB per tutti

    • Simone

      I due anni di garanzia ci sono sempre e ci sono sempre stati, chi ti ha detto differentemente, al telefono, al negozio, ti ha voluto fregare. C’è poi da distinguere perchè i due anni sono sempre dovuti dal venditore, che può anche non essere apple, in questi casi apple si occupa della garanzia solo per il primo anno, per il restante la garanzia persiste a carico del venditore.

      • Iblea2000

        E il rivenditore che ci guadagna solo 22 € in un Iphone55S di 729 € deve garantire per un produttore che é fuorilegge.
        Ps Apple ci guadagna 400€.
        Lo si vende solo in abbonamento con operatore telefonico che ci garantisce la rimanente garanzia, altrimenti saremmo rovinati.

        • Simone

          Il produttore non è fuorilegge. Del contratto di compravendita tra negoziante e compratore, il produttore è un terzo estraneo, il compratore non ha rapporto con tale soggetto e quindi il soggetto obbligato alla garanzia è il negoziante, che subisce l’obbligo non gratuitamente, ma come colui che ottiene il guadagno. Se il negoziante ritiene che l’obbligo sia troppo gravoso, non venderà il prodotto. D’altra parte nemmeno il negoziante ha rapporto con il produttore solitamene, ma con il fornitore, sul quale si rivarrà. Personalmente Non mi è mai capitato un produttore che non mi abbia fatto assistenza im garanzia, invece mi sono capitati molti negoziante che rifiutavano di farmi assistenza e volevano che personalmente spedissi il prodotto chissà dove. Tale pratica è assolutamente illegale, il negoziante è obbligato a prendere il prodotto a fornire l assistenza necessaria e a ripristinare l’uso, senza richiedere alcuna spesa. Il rischio non è e non deve essere del compratore, è del negoziante che se non lo ritiene opportuno non lo assume non vendendo il prodotto, il soggetto debole del rapporto è il consumatore. Così è la legge, il resto sono chiacchiere di parte.

    • momentarybliss

      se compri l’iphone negli apple store in italia o on line la garanzia deve essere di 24 mesi. apple (come tutte le aziende produttrici) può offrire 12 mesi solo ai rivenditori che comprano all’ingrosso, ma è un problema appunto che attiene solo ai rivenditori, che per il secondo anno di garanzia non sono coperti dalla casa produttrice ma è a loro carico

  • Pingback: L’Unione Europea imporrà un caricabatteria standard per tutti gli smartphone - WikiFeed

  • Fab Pell

    2017.. giochiamolo al lotto… pure l’Italia dovrebbe arrivare a parità di bilancio con l’UE… hahahahaha

  • K__A
    • Alessandro Tischer

      E che vantaggi avrebbe? (domanda da ignorante)

  • Daniel

    Però dovranno suddividere i caricabatteria per smartphone, phablet e tablet visto che hanno amperaggi diversi.

    • tiaz92

      Sai che è il chip interno che decide la corrente in ingresso, che a sua volta è cambiabile via software e non il caricabatterie?
      Hai sempre usato il suo cavo originale e non ne hai mai usati altri? O.o

      • Daniel

        Ma se gli ampere in entrata sono insufficienti il chip non farà caricare il telefono, o almeno così succede con il mio tablet. Se invece sono troppo alti, il chip funzionerà da trasformatore? Non credo. Io ho sempre utilizzato il caricabatterie originale così anche da non creare problemi alla batteria

        • tiaz92

          Non funziona da trasformatore… Perché dovrebbe? È un circuito integrato che limita la corrente e stabilizza la tensione. Se cerchi su internet ci sono schemi che rappresentano la funzione e lo schema.
          Per la carica non posso provare con il tablet visto che ho un iPad ma per i cellulari anche se l’output del caricabatterie è più alto non succede niente. Quelli per la macchina sono omologati a 2A ma ad esempio su s2 escono lo stesso 650mA…

  • Ruppolo

    Per ridurre i rifiuti basterebbe non produrli, i rifiuti: la maggior parte degli smartphone, oggetto di questa normativa, SONO SPAZZATURA già alla fine della catena di montaggio. Se finissero direttamente dentro il cassonetto si risparmierebbero certamente molti soldi pubblici.

    • http://gntheprogrammer.blogspot.com/ Gianluca

      Vorrei sapere con quali motivazioni sostieni che tutta la tecnologia senza una mela dietro è da buttare.

      • Ruppolo

        Perché è tutta un surrogato di prodotti Apple, dal personal computer fino all’iPhone, passando per ogni genere di prodotto, tecnologia e software. Sono tutti mediocri tentativi di imitazione.

        Ma restando in tema di questo blog, Android è il tentativo di imitazione di iOS, gli smartphone Android sono tutti tentativi di imitazione dell’iPhone, i tablet Android sono tutti tentativi di imitazione di iPad, Google Play è un tentativo di imitazione di App Store, e così via.

        E che i tentativi siano poco riusciti lo si vede da numerosi indicatori, quali lo scarso (per non dire quasi nullo, 6%) di utilizzo su Internet, app scadenti e relativi utili molto bassi (chi vuoi che spenda soldi per delle stupidaggini?), utenti che cambiano smartphone mediamente ogni 6 mesi alla ricerca del miglior compromesso (meglio la qualità del terminale o la possibilità di aggiornare?) e così via.
        Questo è il risultato di attori nella scena, Google in primis, ai quali non interessa minimamente la soddisfazione del cliente, esattamente come poco interessa la soddisfazione delle galline nel proprio pollaio: basta che facciano le uova e a tempo opportuno gli si tira il collo.

        Comunque le cose sono destinate a cambiare radicalmente nei prossimi mesi, Samsung andrà verso Tizen e verso Windows Phone (visto l’incentivo da 1 miliardo di dollari offerto da Microsoft per utilizzare il proprio sistema operativo). Quindi Android resterà un sistema per la fascia bassa, quella che su Internet proprio non ci va.

        • ttt

          Dio è l’imitazione di Steve Jobs….
          Ma quando la finirai di credere e comincerai a usare la tua testa? Android non va bene per internet? Sommo vate illuminaci con il perché.

          • italba

            Ma non dare retta a Ruppolo, è solo uno scadente tentativo d’imitazione di un troll!

          • Ruppolo

            Il perché lo posso ipotizzare dopo che avrai accettato i fatti, ovvero che solo il 6% degli utenti Android utilizza Internet dal proprio smartphone. Li accetti?

        • http://gntheprogrammer.blogspot.com/ Gianluca

          Ma basta con sta storia delle imitazioni… android è APERTO! OPEN SOURCE! Sui prodotti della mela uno è chiuso in una prigione, quel sistema non è veramente “tuo”, perchè secondo apple noi non siamo utenti ma siamo tutti UTONTI a cui non interessa provare delle alternative a ciò che c’è già nel sistema (vedi launcher e direi anche i browser visto che mi pare che su iOS non si possa impostate un predefinito diverso da safari); poi non puoi paragonare google play ad app store, perchè su iOS si può installare SOLO da app store, mentre su android sei libero, se ti serve un app che non è su play puoi installare l’apk, e se ti interessa sviluppare a livello amatoriale puoi tranquillamente far girare la tua app sul tuo device e distribuirla, se vuoi, fuori da play senza spendere un centesimo, invece per gli iCosi devi PAGARE per far girare codice non approvato da loro su qualsiasi dispositivo reale, anche il tuo (che quindi tuo non è). E si potrebbe andare avanti all’infinto con le limitazioni che ci sono sugli iCosi.
          E stai pur sicuro che android non può scomparire, e non centra niente il fatto che samsung passerà a tizen (ma forse a voi fanapple sfugge che ANDROID e SAMSUNG non sono la stessa cosa), un progetto OPEN di tali dimensioni non può morire nemmeno ce fosse abbandonato da google, perchè c’è una comunità di sviluppatori saprpagliati in tutto il mondo che lo conosce a fondo e sviluppa versioni personalizzate (le rom).
          PS: “utenti che cambiano smartphone mediamente ogni 6 mesi” pfffff senti chi parla, quelli che cambiano dispositivo appena ne esce uno con la straordinaria nuova feature dj avere lo schermo un po’ più lungo.

          • Ruppolo

            Android è open source tanto quanto OS X di Apple. Ovvero non è open source per me, per te e per altri 6 miliardi di persone. È open solo per alcuni, come Samsung, Amazon e pochi altri.

          • http://gntheprogrammer.blogspot.com/ Gianluca

            Ah allora mi spieghi come mai esistono decine se non centinaia di custom ROM? Chi le svilippa parte dal codice sorgente, che è disponibile, punto.
            E se hai ancora dei dubbi, qui spiega come puoi scaricartelo: http://source.android.com/source/downloading.html

          • Ruppolo

            Ci sono i sorgenti anche delle gapps?

          • http://gntheprogrammer.blogspot.com/ Gianluca

            Non credo, ma questo non c’entra niente. Android funziona anche senza le gapps, per le quali ci sono delle alternative.

          • Ruppolo

            C’entra eccome: senza le gapps Android non è più Android. Poco importa se funziona o meno e poco importa il nome: l’esperienza sarebbe totalmente differente.

          • http://gntheprogrammer.blogspot.com/ Gianluca

            Non c’entra, se uno vuole modificare il sistema operativo Android, non ha bisogno dei sorgenti delle Gapps.

    • http://gntheprogrammer.blogspot.com/ Gianluca

      Vorrei sapere con quale motivazione consideri spazzatura ciò che non ha una mela dietro
      //EDIT mi è partito un doppio commento questo eliminatelo, sorry

    • momentarybliss

      quindi anche l’iphone 5 di mio figlio sarebbe spazzatura, visto che dopo nemmeno un anno ha il tastino di accensione che non funziona più e la presa lightning difettosa che se non tieni il connettore inserito piegato in su non carica la batteria

      • Ruppolo

        Guarda com’è fatta la presa e paragonala con la micro USB: Se tuo figlio è riuscito a piegare il connettore significa che se fosse stata la micro USB avrebbe spaccato tutto. Quindi non confondere un eventuale difetto di produzione che può capitare a qualunque cosa con un difetto di progettazione, che riguarda tutti: il micro USB è un connettore DEBOLE. Pensa solo al fatto che il Lightning è progettato per sostenere da solo il peso dell’iPhone, per facilitare la progettazione dei dock.

    • regster

      che spazzatura che ti dimostri ti piace farti tirare insulti da tutti vero?

  • FE4R

    Questa è una cosa intelligente.

  • l’808 batte ogni android

    ignoranti di me*da non capiscono che così facendo stanno automaticamente castrando nuovi cavi più veloci e possibili batterie più potenti (se ho un ca**o di carica batterie che mi ricarica un telefono in 15ore e uno in 5 che cavolo me ne faccio per il primo?).
    Vecchiacci ignoranti che non fanno altro che rompere e scaldare sedie, perché non si impongono da soli un clistere di trementina al mese?

    • hassunnuttixe

      lei signor noncapisconasegamamisentodio a quanto pare non conosce neanche la legge di Ohm e sta facendo un megapastrocchio fra alimentazione elettrica e connessioni dati… nell’articolo si parla della prima, quindi impari prima la su citata legge di Ohm e poi venga a disquisire di tecnologia… ;)

      • l’808 batte ogni android

        tu non capisci l’italiano visto che non ho mischiato le due cose, ma ho solo citato le due cose perché si parla di cavi e di caricabatteria…..

        • hassunnuttixe

          si rilegga prima di inviare allora… ;)
          comunque:
          1- da un cavo usb possono passare fino a 100W in sicurezza (fino a 20v 5A ad esempio con specifica” USB Power Delivery” e/o USB 3.1)

          2- l’USB 3.1 già pronto raddoppia la velocità di USB 3.0, il quale attualmente basta per gli hard disk esterni da alcuni TERAbyte

          STESSO CAVO

          direi che basta per almeno una decina d’anni su degli smartphone, da punto di vista elettrico invece direi DEFINITIVAMENTE

          Distinti saluti

          • smurfxx

            Quella dei 100W proprio non la sapevo! Ottima spiegazione!

    • Toptone

      Ha parlato quello che ha il cervello nel posto dove ci si siede, e ciarla di clisteri.

  • luitruda

    ma certo che ne dite di stron.z.a.t.e.
    samsung come tutti gli altri ti da 24 mesi di garanzia apple solo 12 io i 24 mesi li devo avere da apple come samsung.lg,sony, ecc.
    percui non fate sempre i saputi e poi non sapete un c…..

    • l’808 batte ogni android

      senti chi parla, sai che spesso e volentieri le aziende che tanto decantano due o più anni di garanzia invece tirano tante di quelle fregature…….per esempio magari ti scrivono 24 mesi in realtà lo schermo X è in garanzia solo per 3 mesi, oppure il danno Y non rientra nella garanzia (spesso anche se è un difetto di fabbrica, tutta roba provata di persona e non.

    • momentarybliss

      apple in italia è obbligata a dare 24 mesi di garanzia, un utente vicentino mi pare ha vinto anche una causa in tribunale. gli iphone venduti da vodafone ad esempio hanno 24 mesi di garanzia, basta portarlo in un punto vendita vodafone in caso di guasto

    • usagisan

      Forse è il caso di chiarire che Apple da 24 mesi su tutti i prodotti, anche di terze parti, comprati nei loro store ed online, mentre da solo 12 mesi per i suoi prodotti acquistati presso altri rivenditori (gestori telefonici, media center, ecc. ecc.) così come previsto dalle normative vigenti.
      Perché la legge prevede che il primo anno è a carico del produttore ed il secondo, invece, del venditore.
      Quindi, la dove Apple compare come entrambe le figure la garanzia è di 24 mesi, in tutti gli altri casi, invece, di soli 12 mesi.
      Il problema, quindi, non è Apple ma chi vende il prodotto che non vuole riconoscere la garanzia ed incolpa Apple di questo.
      Probabilmente ci sono dei problemi tra rivenditori e produttore in questo senso (e dico probabilmente perché non so cosa ci sia dietro di preciso) ma, in ogni caso, sono problemi loro che non devono cadere sul consumatore, il quale può tranquillamente far valere i propri diritti facendo intervenire chi di dovere.

    • usagisan

      Forse è il caso di chiarire che Apple da 24 mesi su tutti i prodotti, anche di terze parti, comprati nei loro store ed online, mentre da solo 12 mesi per i suoi prodotti acquistati presso altri rivenditori (gestori telefonici, media center, ecc. ecc.) così come previsto dalle normative vigenti.
      Perché la legge prevede che il primo anno è a carico del produttore ed il secondo, invece, del venditore.
      Quindi, la dove Apple compare come entrambe le figure la garanzia è di 24 mesi, in tutti gli altri casi, invece, di soli 12 mesi.
      Il problema, quindi, non è Apple ma chi vende il prodotto che non vuole riconoscere la garanzia ed incolpa Apple di questo.
      Probabilmente ci sono dei problemi tra rivenditori e produttore in questo senso (e dico probabilmente perché non so cosa ci sia dietro di preciso) ma, in ogni caso, sono problemi loro che non devono cadere sul consumatore, il quale può tranquillamente far valere i propri diritti facendo intervenire chi di dovere.

  • l’808 batte ogni android

    oltretutto vorrei sapere dove sarebbe questa fantomatica “riduzione di rifiuti e costi per l’utente”, almeno prima usavo TUTTI i cavi e i caricabatterie, ora invece ho in un cassetto un cavolo di mazzetto di cavi tutti uguali mai utilizzati (si, perché le aziende devono metterlo in ogni dispositivo per ovvi motivi) e la stessa cosa sarebbe con i caricatori tutti uguali, questo si che si chiama spreco e spese maggiori.

    • l’808 batte ogni android

      visti i pollici in giù i casi sono due, o ci sono i soliti bimbetti fanboy che mettono i pollici in giù solo guardando il nome perché pensano di fare un dispetto, oppure ci sono persone che fanno collezione di cavi tutti uguali che diventano veramente inutili e semplice spreco.

      • mr verdicchio

        Perché quando tutti, e non uno come te che compra più apparecchi elettronici che mutande, avranno un pó di cavi in casa, il non metterli nella confezione non sarà più percepito come scarsa qualità del produttore, il quale sarà ben felice di risparmiare qualcosa non mettendoli

        • l’808 batte ogni android

          se nessuno lo mettesse non ci sarebbe possibilità di fare quel che devi fare, tu produttore devi sperare che il tuo cliente abbia già cavo e caricatore, intanto tutti sono pieni di cavi, perché anche comprando un lettore mp3 cinese da 20€ trovi lo stesso cavo che ti danno nel tablet da 1000€, quindi basta avere un lettore musicale, un telefono, un tablet e qualche altra cosa random per avere svariati cavetti inutili nel cassettino della scrivania, se per te questo significa risparmiare e evitare gli sprechi allora non arrivi a ragionare con la tua testa.

          • mr verdicchio

            Oggi.
            Aspetta un po di tempo…
            a nessuno fa schifo risparmiare.
            E poi come mai secondo te vengono ancora venduti a pacchi semplici cavetti se tutti ne hanno troppi?
            accendi il cervello per favore

          • l’808 batte ogni android

            dove ho detto che vengono venduti a pacchi? ho solo detto che si trovano gli stessi cavetti in ogni dispositivo in vendita, poi si aspetta un po’ di tempo ma per vedere che nessuno avrà più nessun cavetto, sia perché si spera che i connettori evolvano ,sia perché credi che tutti avranno cavetti messi da parte o comunque interi e funzionanti dopo 2,3,4,5 anni con l’introduzione globale del “nessuno mette più cavetti e caricatori nei telefoni che stranamente costano come prima pur avendo accessori in meno” lol non ti dico di accendere il cervello perché dovresti prima comprarlo, a quanto pare chi ti ha sparato al mondo non ti ha dotato degli accessori indispensabili per il buon funzionamento…..

          • mr verdicchio

            Il fatto che tu sia un pò tardo non vuol dire che lo siano gli altri.
            I cavetti vengono ancora venduti a pacchi, mica ho detto che lo hai detto tu, è solo un dato di fatto.
            Ho letto che l’usb può portare 100w, pensavo meno.
            Vuol dire 20 ampere su 5 volt. Direi che basteranno per tanto tempo, a meno di inventare una tecnologia rivoluzionaria sulle batterie. Stesso dicasi per il trasferimento dati.
            I rifiuti li fai quando non usi più il cavo. Che senso ha buttare un usb oggi? Nessuno , tu stesso, che non sei molto sveglio, ne hai i cassetti pieni. Un thunderbolt, tra un paio d’anni, come i cavi nokia oggi, staranno bene nella spazzatura invece. E saranno tanti purtroppo.
            Devi sapere che per la stessa ragione si sta cercando uno standard per gli alimentatori dei portatili, ma è un pò più complesso per le differenze più marcate in temini di richieste energetiche

    • Alessandro De Sanctis

      Forse perché magari se ti si rompe un cavo, invece che comprarne un altro potresti usarne uno di quelli nel cassetto?

  • Tersicore1976

    Come ho detto altre volte: se poi i produttori continuano a mettere i caricabatterie nelle scatole, dov’è il risparmio per l’utente? Non c’è. Nello smaltimento dei rifiuti? Non c’è.
    Quindi che legge stanno approvando, se poi “aggirarla” è così facile? Che invece mettano gli auricolari nelle scatole: per gli ultimi prodotti che ho visto questi sono quasi sempre assenti.

    • Mr verdicchio

      Beh, ok oggi è così. Ma, esclusi gli utenti del forum che sono un caso a parte, quando tutti avranno un pò di cavi per casa i produttori smetteranno volentieri di metterne per risparmiare e la cosa non sarà vista come una roba da pulciaro

  • disqus_BxseSRCFep

    Logico risparmio! Dammi un bacino!

  • Pingback: Unione Europea: un solo standard per i caricabatterie

  • Walter

    Scusate, ma io sapevo di questa regola del caricabatterie unico già da tempo, parlo di anni, non è una novità. Infatti tutti i produttori hanno standardizzato il connettore da tempo, solo Apple non l’ha fatto (preferendo un quanto mai ridicolo adattatore).

    Di fatto quello che succede adesso è solo un’entrata in vigore formale e temporanea della regola, ma tutti i produttori ormai sono allineati.

    • Luca Tubiello

      In realtà, l’UE mise i produttori di fronte a una scelta: trovare un accordo tra loro o “subire” una legge apposita. 14 produttori decisero di convergere sul micro-USB, altri no. Ora invece non ci sarà più possibilità di scelta.

  • veritiero

    avendo diversi dispositivi mini usb devo dire che col passare del tempo si deteriorano … il connettore non è il masssimo .preferirei il Lightning

  • deynon

    È una legge che è ferma da almeno 3 anni…

  • VeroOpinionista

    a me non sembra “giusto”.. non che mi cambi qualcosa personalmente, ma secondo me avrebbe più senso standardizzare le prese della corrente piuttosto che i cavi! alla fine ognuno si porta il suo e basta!

    • mr verdicchio

      Cee 7-16 detta euro spina. La nostra spina semplice senza terra, poi ci sono le siemens, e le 16 ampere. Tutte europee. Tutte che vanno nella presa 2 moduli tripasso.
      Se tutti gli apparecchi avessero il micro usb (o altro) avresti un solo cavo a casa, uno in auto, uno in ufficio ecc… e sarebbe meglio per tutti.
      Eppol è come la Gran Bretagna con le unità di misura inglese o la Francia coi fari gialli: rosicherà parecchio ma si adeguerà

      • VeroOpinionista

        Probabile, ma non mi cambierà la vita!
        Al contrario avere lo stesso spinotto (appunto vedi gli inglesi) mi tornerebbe utile!
        P.S. Che se ne frega se rosica la “Eppol”, devo essere agevolato io non loro! E ripeto, non il cavo come ora o uguale per tutto non mi cambia!

        • Mr verdicchio

          Regno Unito non è Europa. Comunque si adeguerá. Non puoi però pretendere che Cina e usa si adeguino o che noi ci adeguiamo a loro.
          Puoi pretendere però di poter caricare gli occhiali 3d, il controller play station, il cellulare e quello che ti pare con lo stesso cavo o dock multipla.
          Per me è essenziale, se per te non lo è, pace, anche se mi sembra curioso

  • shanefalco

    Beh per ridurre i rifiuti elettronici basta obbligare le aziende a rilasciare massimo 6 smarphone l’anno. In fatto di carica-batteria + veloci ci sono in giro modelli che permettono di caricare lo smartphone in meno tempo però costano sui 20-25 euro e sono sempre micro-usb. Poi c’è apple che ha lightening e li bisogna approfondire meglio per capire se effettivamente è migliore al micro-usb.

  • momentarybliss

    non solo per gli smartphone (tra l’altro il micro usb di fatto è già universale in ambito android), ma anche per i notebook saranno obbligatori caricabatterie standard, il che è davvero una gran cosa

  • Pingback: L’Unione Europea imporrà un caricabatteria standard per tutti gli smartphone | Notizie, guide e news quotidiane!

  • Luca

    penso che vi stiate sbagliando, i caricatori dei telefonini/smartphone sono già da alcuni anni unificati da una legge europea (microusb). la prossima unificazione riguarda i caricatori dei notebook: “A partire dal prossimo anno oramai alle porte il variegato universo dei notebook andrà ad adeguarsi in toto a quello che è stato il percorso già intrapreso per la telefonia mobile. Infatti, dal 2014 gli strumenti utilizzati per la ricarica delle batterie dei laptop saranno standardizzati.”

  • marco

    a bruxelles non hanno un cazzo da fare, come molti qui dentro che litigano per un cavetto. tra un pò il cavetto lo userete per appendervi al lampadario

  • Raffaele Birkhoff

    uno dei vantaggi del melafonino è proprio il lightning quidi ben venga xd

  • Luca

    E’ anni che si dice… Già adesso col mini usb si è fatto un bel passo avanti.

  • Claudio

    Sono 10 anni che lo dicono…lo facessero

  • Androizer

    vedremo se TUTTI si allieneeranno…… LOL

  • Toptone

    FINALMENTE! Così la furbona Apple non potrà più azzoppare la concorrenza inserendo chip nei suoi cavetti proprietari per crearsi il solito monopolio di fatto, e costringere il volgo a comprare a 20 euro quello che produce in Cina a 10 cent.

    Stesso discorso per Samsung e i suoi 10000 tipi di spine, una per ogni anno, una per ogni modello, una per ogni caxxata.

    Non c’è NESSUN IMPEDIMENTO tecnico non risolvibile o aggirabile che impedisca l’adozione di una spina/presa unificata per caricabatterie e dati. Punto, fine.

    Ci sono solo strategie commerciali tese ad eliminare la concorrenza e assicurarsi copiosi profitti da monopolio.

    Che così facendo si mandino ogni anno 50 tonnellate di caricabatterie “obsoleti” al macero a questi tangheri non tange!!! Ma lo scialo sta per finire!