Motorola: il CEO Dennis Woodside lascia, Lenovo resta ottimista

13 febbraio 201415 commenti
Periodo di cambiamenti in casa Motorola: l'acquisizione del produttore statunitense da parte di Lenovo ha fatto rumore nelle scorse settimane e il primo a farne le spese (o ad abbandonare la nave) è stato l'ex-CEO Dennis Woodside, che lasciato la sua posizione. Un altro CEO, quello di Lenovo, Yang Yuanqing, vede tuttavia il bicchiere mezzo pieno, affermando di poter risollevare l'azienda a breve.

Entrato in Motorola da uomo Google, Dennis Woodside conclude dunque la sua avventura alla guida dell’azienda che aveva contribuito a rilanciare con un ottimo lavoro (attirandosi l’interesse del CEO Apple Tim Cook) ma non abbastanza da evitare la cessione a Lenovo: secondo quanto riporta il Wall Street Journal, Woodside ricoprirà d’ora in poi la posizione di Chief Operating Officer, o direttore operativo, presso Dropbox.

Cosa riserverà il futuro a Motorola? In un’intervista a Bloomberg, il CEO Lenovo Yang Yuanqing si dice sicuro di poter risollevare le sorti dell’azienda in pochi trimestri. 

lenovorola-strategy-560-2

 

 

I piani di Lenovo prevedono una significativa riduzione dei costi attraverso l’utilizzo di materiali più economici e la produzione di massa, con particolare attenzione per i mercati emergenti, come la Cina, e per prodotti innovativi su cui sfruttare la forza del brand Motorola. Secondo Yuanqing, Motorola continuerà comunque a proporre i propri prodotti anche nel settore premium.

Nell’ultimo trimestre 2013 Lenovo  totalizzato ricavi per 10.8 miliardi di Dollari, +15% rispetto all’anno precedente; i suoi smartphone e tablet fanno registrare numeri migliori anche dei PC, di cui l’azienda cinese è primo produttore al mondo.