Motorola passa ufficialmente nelle mani di Lenovo

30 ottobre 201458 commenti

Motorola Mobility è diventata quest'oggi ufficialmente parte di Lenovo: come sappiamo, la notizia dell'acquisizione da Google del costruttore statunitense da parte dei cinesi era stata a Febbraio, ma solo oggi è stata finalizzata.

Motorola diventa dunque “a Lenovo company”: questo ovviamente non porterà alla sparizione dello storico marchio, che anzi sarà utilizzato per dare maggiore appeal ai prodotti. Motorola sarà una sussidiaria di Lenovo, con quartier generale a Chicago. Il presidente Rick Osterloh, che già ieri aveva chiarito che l’acquisizione accelererà il ritorno ai vertici di Motorola, oggi scrive:

Lo storico marchio Motorola continuerà a esistere, così come i marchi Moto e DROID che hanno alimentato la nostra crescita lo scorso anno. Continueremo a concentrare i nostri sforzi su Android “pure” e aggiornamenti rapidi, e a impegnarci per sviluppare tecnologie in gradi di risolvere i problemi reali degli utenti.

Google aveva acquisito Motorola nel 2012 per circa 12 miliardi di Dollari, principalmente, si disse da Mountain View, per beneficiare del ricco portafoglio brevetti del costruttore. Brevetti che attualmente restano nelle mani di Google, mentre Motorola che potrà utilizzarli in licenza. Il CEO Larry Page ha dichiarato:

 Motorola è in ottime mani con Lenovo, un’azienda che ha intenzione di realizzare ottimi device.

Come qualche tempo fa abbiamo riportato, uno dei primi effetti del “nuovo corso” dovrebbe essere il ritorno di Motorola nel mercato tablet.

Loading...
  • Pingback: Motorola passa ufficialmente nelle mani di Lenovo | Ultime Notizie Trita Web()

  • Pingback: Motorola passa ufficialmente nelle mani di Lenovo | SMZstudio()

  • Pingback: Motorola passa ufficialmente nelle mani di Lenovo - Supernews()

  • jack

    Bene.

  • L. Hunter

    Ok. Però sia chiaro che io non acquisterò più un oggetto con scritto “Lenovo” (o anche ‘a Lenovo Company’). Il mio prossimo telefono sarà non un Samsung ma un nexus e il mio prossimo PC un Acer o un Asus ma non un lenovo.

    • gasti89

      Un Nexus tipo il Nexus 6, Motorola “a Lenovo Company”?

      • zebeck

        Mi hai anticipato di 12 minuti…

        • gasti89

          Visto che non è ancora stato commercializzato, se lo fanno uscire con la scritta “a Lenovo Company” rido 1 mese.

      • L. Hunter

        Chiedo venia.

      • L. Hunter

        Comunque il mio “pregiudizio” non è verso la motorola, ma verso i Lenovo, sia chiaro.

    • Pignolatore

      Ok, è chiaro.. Se però spiegherai anche il perché di questa cosa, i più curiosi come il sottoscritto ne saranno sicuramente felici!

      • L. Hunter

        Scusa. Il mio pregiudizio sugli smartphone e sui tablet è una cosa così, però per quanto riguarda i PC, ho comprato un PC lenovo g500 ed è un vero e proprio disastro. Ad esempio per la partizione. La C ossia la partizione predefinita di Windows prende tutto il terabyte di hard disk e la partizione è riducibile di ‘soli’ 15 gb. Una limitazione enorme, considerando che se tu volessi installare un sistema operativo (come Linux ad esempio) puoi utilizzare solo 15 gb. Io l’ho trovata la soluzione: ho formattato tutto con clean di diskpart e ci ho installato sopra Windows 7 e Ubuntu.

        • Pignolatore

          Ok. Forse è un po’ come quando nel 2008 ho preso un hp che sembrava avere il miglior rapporto qualità prezzo e invece un acer baracca l’ha umiliato.
          In ogni caso posso capire il pregiudizio: l’esperienza negativa l’hai fatta e i soldi sono tuoi, ero giusto curioso e ora sono soddisfatto.
          :-)

          • gianb92

            Io avevo un hp pavillon preso nel 2006 che dopo 4 anni ho dovuto buttare ! Poi presi un acer nel 2009 che oggi dopo 5 anni funziona ancora bene !

        • Giuseppe

          Scusa ma come fa a non essere riducibile? Lo fai da gparted su live o no?

          • L. Hunter

            Sì, però un computer con una limitazione così non è da poco.

          • Giuseppe

            Non ho capito, si ma non ha funzionato oppure non l’hai fatto? Comunque dipende da windows e da come diavolo distribuisce i suoi inutili dati. A volte serve usare programmi particolari per ridurre la partizione perchè ci sono dei file alla fine o all’inizio della stessa. Lenovo c’entra poco o niente. Anzi, alcuni dei suoi notebook sono gli unici ad avere un tasto fisico per la bios. Ieri ho aiutato un amico con un Asus e dopo mezz’ora abbiamo scoperto che per il bios bisognava premere contemporaneamente f2 e accensione da pc spento. Roba da matti.

          • L. Hunter

            Allora, per vari motivi (ad esempio il gpt) ho deciso di non ridurre la partizione tramite gparted ma di formattare direttamente tutto l’hard disk tramite comando “clean” di diskpart (cmd di windows) così che avessi a disposizione tutto il TB senza le partizioni di Windows 8.1 oem e soprattutto senza gpt. Dopodiché ho installato windows 7 a 64 bit e ubuntu. Quindi alla fine ho eliminato il problema. Per quanto riguarda il bios, sul lenovo g500 si entra tramite F2, però se tu cerchi su internet è indicato F1 e F12, quindi anche questo pc ha questa “maledizione” del bios.

          • Giuseppe

            No, no, come ho spiegato sopra non è assolutamente la stessa cosa. Accedervi è semplicissimo

          • Ma guarda che su molti PC è così, ad esempio: Acer tasto power poi tasto F2 su alcuni o F12 su altri, stessa cosa su certi laptop Lenovo … la scorsa settimana ho formattato una sessantina di laptop aziendali tra cui queste marche, ed altre quindi devo entrare nel BIOS per rilevare e verificare il serial number (anche se è presente quello dell’etichetta esterna)
            prima della dismissione e successivo invio all’Ente per le donazioni…

          • Giuseppe

            Ma hai capito cosa ho scritto? Qualsiasi computer accede al BIOS con un tasto. Che sia f2 o f12 non conta niente, è la stessa cosa, è sempre stato così. Altri usano delete, altri esc, ma è normalissimo. Poi è quasi sempre scritto sulla schermata iniziale quale tasto premere. Quell’asus invece non solo non lo diceva, ne sullo schermo, ne sul manuale di istruzioni, ma dopo lunghe ricerche sul web la soluzione era tenere premuto f2+on da PC spento. Nessuno ci sarebbe mai arrivato.

          • Si ho capito a cosa ti riferivi, infatti ti ho risposto che lo stesso laptop può avere le indicazioni per il BIOS oppure no, dipende dai lotti, l’ente c/o cui lavoro io riceve la quasi totalità delle forniture PC con questa caratteristica che è sempre applicabile anche in presenza di un tasto dedicato… ;))

    • teob

      Acer.?? Auguri

  • Giuseppe

    Bello che il mio primo telefono sia stato un Motorola e quello attuale un Lenovo. Ecco così che Xiaomi torna al suo posto e Lenovo diventa terzo produttore mondiale del settore. Ora ci saranno due linee di prodotti, i motorola pure android e i lenovo con android personalizzato ma in positivo. Per Samsung tira una brutta aria.

    • barzotto

      Mi dispiace ma xiaomi rimarrà li in alto a lungo. Pensa solo se apre la vendita dei suoi device in Europa

      • Giuseppe

        Non ho mica detto che fallirà. Era terza solo secondo alcune stime di determinate agenzie. Altre dicevano che Huawei o Lenovo erano sopra. Ora il divario è indiscutibile.

  • Francarso da Procida

    Minchia che fine. Il mio Star Tac nel cassetto si è girato sottosopra

    • zebeck

      Perché “fine”? Magari sarà un grande nuovo inizio!!!

      • Pignolatore

        Sarà un grande Lenuovo inizio!
        ;-)

      • Francarso da Procida

        Fine perché sono di destra e tutto ciò che è contrario all’Occidente mi fa inc…… ..

        • biciobill

          Commento intelligentissimo. Grazie del prezioso contributo!

  • Pingback: Motorola passa ufficialmente nelle mani di Lenovo - Crazyworlds()

  • Pingback: Motorola passa ufficialmente nelle mani di Lenovo | mobilemakers.org()

  • Simone Vinci

    Sicuramente sarà sempre meno orribile della fine che ha fatto nokia che acqusita da microzozz ha perso ogni cosa..negato il marchio sui propi cell,la fiducia dei vecchi clienti,propi dipendenti licenziati,centri assistenza chiusi,publicità negata e propie tecnologie non più sue..sono i vecchi symbian che si sono girati sottosopra..

    • Latttina

      Propio così…

    • Saccente

      La stessa fine di Motorola, non vedo differenze.

  • Frappo

    Ragazzi non sono razzista, credetemi… Ma in virtù anche della crisi dell’eurozona non c’è un marchio europeo o al massimo americano che faccia buoni smartphone? Escludendo Apple ovviamente

    • Giuseppe

      A dire il vero gli Iphone sono fatti in Cina dalla taiwanese Foxconn. Comunque, il Moto X viene fatto negli USA. In Europa non fanno nulla.

    • Atlas

      Wico in Francia.

      • cat

        Che poi non è fatto in francia..

        • Atlas

          É comunque francese.

          • MattD

            Certo, e Neil Patrck Harris è etero perché ha interpretato Barney Stinson che è un donnaiolo…

          • Atlas

            Beh se siete pronti a pagara 2000 euro per un telefono sono sicuro che si puo fare anche in italia.

      • Giuseppe

        Wiko produce in Cina, a Shenzhen, come Ten Long Mobile. Altro che Francia

    • tanto fanno tutti schifo

      Bhe ci sono Archos, Alcatel, NGM, Tech Zis e molti altri

    • Economics

      Il marchio italiano più conosciuto è NGM, seppur esistono altri piccoli marchi come STONEX di Monza. Ovviamente hanno uffici e amministrazione in Italia, ma la produzione estera. Siccome sei interessato a un regime piuttosto autarchico di economia e tendi, giustamente, a premiare aziende con una buona etica, mi sembra giusto informarti che la Nokia Italia ha licenziato centinaia di lavoratori in Italia con una email poche settimane fa, nonostante l’Italia è uno dei pochi mercati di Nokia, forse l’unico, in cui ha un aumento di quota di mercato. Detto ciò, a te la scelta.

      • MattD

        Per dovere di cronaca, NGM rimarchia prodotti cinesi, principalmente della Gionee… Così come fanno i vari komu, wiko ecc ecc (al massimo alcuni fanno lo sforzo di farsi personalizzare la scocca)
        Il discorso del “prodotto italiano o europeo” è un po’ uno specchio per le allodole: ormai chiunque in qualunque settore produce in cina, persino i marchi italiani d’alta moda… Il massimo che si può trovare è qualcosa di assemblato in europa, pagandolo 3 volte ed avendo la stessa qualità di qualcosa prodotto direttamente in cina…

  • Camerlengo

    Lenovo sicuramente dirà la sua nel settore. Se livello costruttivo e marketing rispecchieranno quelle di PC e tablet sarà un bel vedere (da possessore di notebook e tablet Lenovo).

  • Atlas

    Google ora potrà dire ciaociao a diversi miliardi per sempre persi.
    E, no, quei brevetti non costavano tanto.

    • AntonioImproda2000

      Per Google quei soldi 12 centesimi

      • Atlas

        Vallo a dire a Google.

  • ops79

    Il mondo è sempre più giallo. Che tristezza..

  • Pingback: Newsando | Motorola Mobility è diventata quest’oggi ufficialmente parte di Lenovo: come sappiamo, la notizia dell’acquisizione da Google del costruttore statunitense da parte dei cinesi era stata a Febbraio, ma solo oggi è stata finalizzata.()

  • Pingback: Lenovo-Motorola supera Xiaomi e il presidente Osterloh prende in giro i rivali su Twitter - Androidiani.com()

  • Pingback: Lenovo-Motorola supera Xiaomi e il presidente Osterloh prende in giro i rivali su Twitter - Supernews()

  • Pingback: Lenovo-Motorola supera Xiaomi e il presidente Osterloh prende in giro i rivali su Twitter - Crazyworlds()

  • Pingback: Lenovo-Motorola supera Xiaomi e il presidente Osterloh prende in giro i rivali su Twitter | mobilemakers.org()

  • La cina è vicina

    Ragazzi chi viene con me a fare un corso di Cinese mandarino? Sapete, ormai l’italiano non basterà…..e nemmeno l’inglese.