Nokia in ginocchio per colpa di Android

1 giugno 201134 commenti

In una conferenza telefonica il big di Nokia, Stephen Elop, si è arreso all'evidenza ed ha ammesso che il sistema operativo di Google sta tagliando fuori dal mercato europeo tutti i prodotti Symbian.


Il numero sempre più alto di dispositivi Android, aggiunto ai prezzi sempre più bassi, non fa altro che frenare le vendite dei prodotti Nokia al punto che, per il 2011, non sarà possibile effettuare previsioni di mercato. D’ora in poi ci saranno solo previsioni a breve termine, ma Stephen Elop ha già dichiarato che gli utili “saranno molto al di sotto delle aspettative [..] per il secondo semestre del 2011”.

Riuscirà l’alleanza con Microsoft, e il suo Windows Phone 7, a risollevare le sorti di Nokia?

E’ tutto da vedere. Nel frattempo, dopo queste dichiarazioni (che trovate integralmente a seguire), le azioni del produttore finlandese sono crollate del 17.5%, il livello più basso degli ultimi 13 anni.

As it relates to competitive challenges, it is the case that certain competitive forces, particularly Android, are really gaining momentum in certain regions.For example in China, there’s an indication of some very substantial movement in the growth of market share for Android, particularly in some technology areas where Nokia today with our current portfolio doesn’t compete.

A good example of this is the CDMA technology in China, where that technology has seen quite an increase in market share in China. And as you know, we don’t currently have CDMA products, but clearly, that’s something that we’d be considering in the future. So there’s some dynamics like that that we have to deal with.

In Europe, that’s not the case on the management perspective. It’s very much about competitive pressures. We’re seeing, for example, a large volume of Android devices really coming into the market. They’re largely undifferentiated from one another, which is putting pricing pressure thereupon, which in turn affects the overall ranging decisions of the operators; so there’s definitely pricing pressure going on.

Via, 2

Loading...