OUYA: 10.000 sviluppatori al lavoro

21 aprile 201316 commenti

A pochi giorni dalla conferma della spedizione, la console Android OUYA torna a far parlare di sè. Il team di OUYA ha annunciato che allo stato attuale più di 10.000 sviluppatori sono entrati a far parte del progetto. Quale futuro aspetta la console?

Il successo di una console per videogiochi è la capacità di presentare al pubblico titoli sempre nuovi e all’avanguardia, un gameplay semplice e di facile apprendimento e un’interfaccia amichevole e comprensibile. La presenza di questo folto gruppo di sviluppatori permetterà sicuramente di avere numerosi videogiochi e applicazioni.

Certo questi nuovi titoli non saranno disponibili immediatamente, e di sicuro assisteremo a qualche flop, ma Kellee Santiago, responsabile della comunicazione per OUYA, riferisce che nulla vieta a questi sviluppatori di creare giochi di successo, soprattutto se creeranno giochi di qualità.

Intanto hanno incominciato a circolare rumors su eventuali accordi tra la start-up e alcune major del comparto video-ludico, che permetterebbe l’arrivo su OUYA di titoli già famosi su altre piattaforme. Non ci resta che aspettare Giugno per il lancio ufficiale della nuova console Android.

Loading...
  • non so se rispetto alle console “classiche” (ps, xbox) siano molti o pochi, ma per un progetto nato “dal basso” mi sembra già un buon risultato!

    • Davide Moriello

      Ouya è una console per sviluppatori indie, 10.000 sviluppatori sono una cosa tipo 5.000 software house lol
      Molte di più delle console classiche ps e xbox :-P

      • spettacolo

      • Si però c’è anche da dire che nelle software house c’è la selezione e passano solo i migliori, non conta solo la quantità anzi direi che in questo campo, 1000 bravi sviluppatori fanno meglio di 5000 sviluppatori della domenica.

        • Davide Moriello

          Stai scherzando vero? Nelle grandi software house i normali sviluppatori è gente appena uscita dall’università e magari non è nemmeno un video giocatore.
          Nelle software house da 5 persone invece devono essere tutti e 5 dei geni (o almeno con una skill molto maggiore di un normale informatico) per tirare fuori gioconi come Super Meat boy (qui erano in due), the journey, fez(uno da solo) ecc…

          • StriderWhite

            può essere, ma le grandi software house hanno budget a diversi zeri, cosa che gli sviluppatori indie non si possono permettere…e quello spesso riesce a fare la differenza!

          • Davide Moriello

            infatti, non ho mica detto che una sh indie riesce a fare titoli AAA, ma ti posso assicurare che io, come tanta altra gente, preferisce un super meat boy che un nuovo call of duty.

            Comunque te hai paragonato un sviluppatore indie come “sviluppatore della domenica” ed è completamente falso.

          • StriderWhite

            a prescindere dai gusti personali, tu hai dato un’occhiata ai giochi in sviluppo per Ouya? Parlo di quelli nuovi, non quelli che verranno portati da Android..

          • Davide Moriello

            Dove vuoi arrivare? Vuoi arrivare al punto che i giochi usciti per ouya ora sono incompleti e brutti, fatti da sh indie e quindi sh indie = giochi brutti?
            Non mi è ancora arrivata l’ouya comunque, appena mi arriva ti risponderò.
            Io l’ho comprata più che altro per svilupparci sopra e non giocarci però.

          • StriderWhite

            no, voglio arrivare al punto che ciò che ho visto finora non mi convince nemmeno un pò…ciò che temo è un megaflop di Ouya!

          • Davide Moriello

            Si, ma non stavamo commentando i giochi su ouya :V
            Comunque si, mancano ancora i giochi decenti. Una software house indie non riesce a fare un gioco serio in 6 mesi.

          • StriderWhite

            nessuna software house riesce a fare un gioco completo in 6 mesi, ma i prototipi dei giochi (realizzati alcuni mesi fa) non mi hanno certo entusiasmato.

          • Barretta

            Mi tieni aggiornato dello sviluppo delle tue creazioni? Io sto attendendo Ouya e Gamestick, ma purtroppo non sono in grado di sviluppare quindi mi limiterà ad usare testare e recensire :)
            Quindi stai attendo il dev kit oppure la normale consolle come quella che ho preso anche io?

          • Grosso modo hai confermato quello che ho detto. Quando esci dall’università con il massimo dei voti di fatto hai già fatto una scrematura dei migliori, inoltre i ragazzi migliori appena usciti non li mettono certo nei ruoli chiave, li usano per la manovalanza e con il tempo acquisiscono anche l’esperienza lavorativa e diventano ancora più esperti. Ripeto c’è la selezione dei migliori. Con questo non ho mai detto che chi lavora a progetti condivisi come quello citato nell’articolo siano tutti sviluppatori scarsi, o solo detto che quando si parla di programmazione non è la quantità che conta, poi certo su 10.000 sviluppatori anche solo per statistica avrai sicuramente gente molto competente, vista in questo modo la quantità ha il suo vantaggio

        • Davide Moriello

          Stai scherzando vero? Nelle grandi software house i normali sviluppatori è gente appena uscita dall’università e magari non è nemmeno un video giocatore.
          Nelle software house da 5 persone invece devono essere tutti e 5 dei geni (o almeno con una skill molto maggiore di un normale informatico) per tirare fuori gioconi come Super Meat boy (qui erano in due), the journey, fez(uno da solo) ecc…

  • “Ti aspetta un futuro roseo, anzi, verdeo!”
    Cit.