SEAndroid: un sistema operativo Android ad alta sicurezza?

19 gennaio 20125 commenti

La maggior parte degli utenti Android conoscono il sistema operativo a fondo, modificandolo a proprio piacimento ed utilizzando applicazioni di terze parti reperite sull'Android Market o sul web. Purtroppo quest'ultime non sono sempre affidabili, e data la tanta libertà si potrebbe anche trovare, nascosti in queste applicazioni, virus che potrebbero causare problemi ai nostri dispositivi. Proprio per questo, la National Security Agency avrebbe iniziato un nuovo progetto, dal nome SEAndroid (Security Enhanced Android), nel quale si cercherà di "chiudere", rendere più sicura, la piattaforma mobile di Google.

L’NSA, l’agenzia per la sicurezza nazionale statunitense, in collaborazione con la CIA e l’FBI, si occupa della sicurezza statunitense, particolarmente per offrire sistemi sicuri ed inviolabili.

Il progetto dell’NSA riguarda il nostro amato sistema operativo Android, il quale spesso è stato criticato per la presenza di virus dovuti ai pochi controlli ed alla tanta libertà donata agli sviluppatori. Quest’ultimi, o per meglio dire, i malintenzionati, realizzando applicazioni malevole per il robottino verde, espongono il nostro dispositivo al pericolo di virus.

SEAndroid, Security Enhanced Android, punta ad essere una versione della famosa piattaforma chiusa ed a prova di hacker, in modo tale da rendere il sistema del tutto invulnerabile.

Questa variante del sistema obbliga ogni applicazione ad autorizzazioni ferree in modo tale da evitare, o cercare di evitare, di autorizzare queste a trattare dati personali o entrare nel sistema per danneggiarlo.

Concludendo vorrei lasciarvi la pagina ufficiale del progetto SEAndroid, nel quale troverete molte informazioni utili.

Chissà se, e quando, vedremo SEAndroid nei nostri dispositivi.

 

Via

Loading...
  • Fabio Isgrò

    Android a sempre sotto il cofano il kernel linux, e selinux sono delle estensioni di sicurezza proprie del kernel ma ve ne sono anche altre come apparmor ( usato da ubuntu e novel ) … ci avesse pensato prima google a quest’ora … non c’era bisogno di scomodare nsa a fare il port di SElinux per dalvik

    • Ariarkyn

      QUOTO!

  • Riguardo la penultima frase, mi sa che avete male interpretato il sito… o avete preso la fonte da qualche altra parte. L’unico riferimento che si fa a fedora sul sito del progetto riguarda come compilare SEAndroid su una macchina con installato Fedora (
    AOSP only officially supports building on specific versions of Ubuntu and MacOS X. We however have been building on Fedora)

  • Mauro Zuccato

    Dal titolo ho pensato fosse un elogio alla personalizzazione svolta da Sony Ericsson sui suoi Android… :asd: