Together Price: condivisione di abbonamenti in modo facile e veloce

19 febbraio 2019Nessun commento

Fate uso di servizi quali Netflix o Spotify che richiedono un abbonamento mensile? E se vi dicessi che non è necessario pagare la somma per intero? È qui che entra in gioco Together Price: vediamo che cosa offre questa piattaforma.

Together Price è lo sharing network che aiuta le persone a dividere in gruppo il costo di prodotti e servizi digitali per risparmiare così fino all’80% sul costo di questi abbonamenti. Unico vincolo: gli abbonamenti in questione sono quelli multi account o Family e si possono condividere solo rispettando i termini d’uso dei servizi stessi.

Quindi non vi stiamo dicendo che su Together Price potete condividere liberamente Spotify, bensì su Together Price potete organizzare un gruppo per la divisione di Spotify Family con i vostri coinquilini.

Il funzionamento è semplice: è sufficiente registrarsi (o accedere con Facebook o Google) e scegliere se fare il Joiner oppure l’Admin. Un ruolo non esclude l’altro, servono solamente a descrivere le componenti dei gruppi.

L’esperienza d’uso cambierà, chiaramente, in base al ruolo che si decide di assumere: l’Admin, colui che mette a disposizione il suo account, detiene i permessi di gestione del gruppo. Ciò significa che può selezionare i Joiner tra quelli che hanno effettuato la richiesta di accesso.Together Price a tal punto si occupa di raccogliere le quote dei Joiner e le trasferisce sul portafoglio dell’Admin.

La differenza principale del Joiner è che ha a carico i costi di gestione della piattaforma, corrispondenti a 0.99 € che si vanno a sommare a quelli previsti dall’abbonamento.

Probabilmente ora vi starete ponendo alcune domande, come: “Cosa succede se uno dei miei Joiner non paga la sua quota?” oppure “E se l’Admin decidesse improvvisamente di cambiare password?”.

Trovate le risposte a questi quesiti, e a molti altri, nelle FAQ ufficiali però andiamo comunque a rispondere ai due punti in questione.

Se un Joiner non rinnova l’abbonamento senza preavviso l’Admin ha due opzioni: inviare un sollecito di pagamento oppure rimuovere il Joiner. Nel secondo caso il sistema porrà automaticamente il gruppo evidenza in modo tale da trovare un sostituto nel più breve tempo possibile.

Se per qualunque motivo un Joiner non avesse più la possibilità di usufruire del servizio per il quale ha pagato, avrà la possibilità di inviare una richiesta di rimborso sulla piattaforma stessa.

Una volta scacciate queste preoccupazioni possiamo passare alla questione più interessante: che servizi possono essere condivisi su Together Price? Ecco alcuni esempi:

  • Netflix
  • Spotify
  • Nintendo Switch Online
  • YouTube Premium
  • Amazon Music
  • Apple Music
  • Google Music
  • Office 365
  • XBOX Live Gold
  • Ed altri ancora

Se siete interessati ad usufruire di questo servizio eccovi il link per registrarvi ed iniziare immediatamente il processo di condivisione.

Articolo sponsorizzato da Together Price.

Loading...