UBS Securities: Q1 2014 in calo per HTC secondo le prime previsioni

9 febbraio 201421 commenti

Durante le ultime ore alcuni analisti avrebbero rilasciato interessanti ed anche preoccupanti dichiarazioni circa i risultati finanziari che potrebbe raggiungere HTC durante il primo trimestre del 2014. Secondo UBS Securities anche durante il Q1 2014 ci dovrebbero essere cali importanti, soprattutto alle vendite ed al profitto finale dell’azienda.

Ovviamente queste sono ancora previsioni, ma i risultati sembrano essere molto preoccupanti per HTC. Secondo UBS, le vendite del produttore taiwanese durante il Q1 2014 dovrebbero essere pari a 1.15 miliardi di dollari, con un calo del 18.6% rispetto al trimestre precedente e ben 18.4% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Anche il margine operativo subirà un calo, fermandosi al -3.5%, con un leggero miglioramento rispetto al trimestre precedente (-3.6%), ma un netto peggioramento rispetto allo stesso periodo dello scorso anno durante il quale il margine operativo era dello 0.1%.

In generale le perdite per l’azienda dovrebbero essere di 30.2 milioni di dollari. Cifre certamente preoccupanti per HTC, dovute principalmente ad un mancato e ritardato rinnovamento della gamma smartphone ed inoltre nessun nuovo modello di punta introdotto sul mercato.

Sappiamo bene che entro fine mese potremmo conoscere il nuovo HTC One 2, ma ciò potrebbe non bastare per poter inserire i numeri delle vendite nei risultati finanziari del primo trimestre del 2014.

Chissà come sarà il 2014 per HTC, l’inizio potrebbe non essere dei migliori.

 

Loading...
  • Pingback: UBS Securities: Q1 2014 in calo per HTC secondo le prime previsioni | Crazyworlds()

  • federico

    Quindi abbiamo una vaga possibilita che il one 2 costi meno di 699 euro?

    • Alessandro Marcheselli

      Guarda, HTC fa prodotti stupendi da qualsiasi punto di vista (eccetto la batteria) e purtroppo temo che costi ancora una barcata di soldi… I prodotti HTC non soffrono neanche di una svalutazione molto vistosa, ora HTC one si trova a 500 € da Mediaworld…

      • Vrss98

        la seconda cosa la considero parecchio positiva ;)

        • Alessandro Marcheselli

          Certo che è positiva :D

      • giacomofurlan

        Mediaworld offre prezzi assurdi, i quali difficilmente calano, anche se il prodotto è vecchio di anni… un SSD che costa 150€ lo trovi a 200€, quello da 200€ lo trovi a più di 280€. Ed è tutto così. Quindi non mi riferirei ai prezzi Mediaworld per inquadrare l’eventuale svalutazione di un prodotto.

      • adel90

        Al mediaword ho trovato un nexus 4 a 489€ e ho detto tutto

        • Frank’s neXus

          Un affare!

    • Lorenzo Bri

      Ahahahahah ma non diciamo cazzate

  • Pingback: UBS Securities: Q1 2014 in calo per HTC secondo le prime previsioni - WikiFeed()

  • Pingback: UBS Securities: Q1 2014 in calo per HTC secondo le prime previsioni | News Novità Notizie Trita Web()

  • Pingback: UBS Securities: Q1 2014 in calo per HTC secondo le prime previsioni | Alcoolico()

  • giacomofurlan

    Secondo me il problema di HTC è che offre solo soluzioni costose. Vuole entrare nel mercato d’elite senza avere un fallback con modelli meno performanti, ma ugualmente validi.

    In passato ha presentato una gamma di prodotti più ampia, ma nonstante gli scarti di performance i costi non erano distribuiti nelle varie fasce di mercato. Non ha capito questa cosa (oppure l’ha interpretata in altro modo) e si è rifugiata nei beni di lusso (sopra i 500€), sbagliando ancora una volta (secondo me).

    Non ha la possibilità di spendere tanti soldi in pubblicità come la Samsung o la Apple perché semplicemente rischierebbe troppo qualora il prodotto non vendesse, d’altra parte si rifiuta di produrre hardware economico in quanto non gli permetterebbe di crescere. Ma d’altra parte, secondo me, è meglio essere stazionari piuttosto che andare in perdita. Ed anche lo starsene stazionari vuol dire andare in perdita, ma è sicuramente una morte più lenta.

    • Francazzo da Procida

      Concordo tranne su due punti: rimanere stazionari nn significa morire e nn è vero che Htc nn fa prodotti economici, al massimo ti concedo che i prodotti economici costano più dei concorrenti.
      Htc secondo me ha sbagliato sostanzialmente nella pubblicità. Ricordo il successo dei suoi prodotti smartphone nel 2011. Fu un vero boom. Parlo di Incredible, di Sensation, dei vari Desire che all epoca erano dei top gamma con un display più piccolo. Ma mi sa che il successo senza pubblicità nn regge. Soprattutto nel mondo android formato all 80% da nn esperti alle prime armi che obbligatoriamente vengono influenzati dai cartelloni pubblicitari. Sono anni che Htc è in perdita.. Mi dispiace molto

      • giacomofurlan

        Rimanere stazionari vuol dire morire lentamente, in quanto se il fatturato è lo stesso ma diminuisce il valore della moneta, di fatto si è sempre in perdita.

        Personalmente ho sempre seguito la linea Nexus per due ragioni: (1) Android puro, (2) costi (relativamente) contenuti per performance di tutto rispetto.

        Non mi serve un HTC One dallo schermo enorme che mi costa un patrimonio, così come non mi serve un Samsung Galaxy S4 che è equiparabile. Diffido delle UI alternative in quanto se proprio voglio me le installo per conto mio (magari non la TouchWiz o la Sense, ma launcher ed applicazioni che si possono trovare sullo store)… e se non voglio ho aggiornamenti più veloci.

        Ora si spera proprio che le case produttrici si sveglino e comincino a distribuire smartphone “Google Experience” che non siano soltanto top di gamma… Se HTC vendesse tramite Google cellulari mid-high range venderebbe sicuramente molto. E probabilmente comprerei un HTC (nonostante il Nexus One fosse “dual” touch ed avesse problemi con il tastino di spegnimento, ne è passata di acqua sotto i ponti).

  • Fonz.

    Basandosi su un solo device di punta (htc one) non concluderanno nulla, ci vuole comunque una vasta gamna di prodotti con prezzi aggressivi.

  • Pingback: UBS Securities: Q1 2014 in calo per HTC secondo le prime previsioni | Notizie, guide e news quotidiane!()

  • Latttina

    Htc vuol fare la Apple del mondo android proponendo solo terminali costosi, probabilmente troppo costosi per quello che offrono al pari di altri marchi come samsung e sony. Purtroppo. i prezzi degli htc tendono a rimanere vergognosamente alti anche dopo parecchio tempo al contrario ad esempio di samsung. Se siete ricchi e potete permettervi di spendere una cifra importante ciò non é un problema. Però se come me vi piace lasciare passare qualche mese e poi puntare ad un top gamma magari usato, non é sicuramente l’approccio migliore. Anche perché è si vero che si svalutano meno ma qui rientra in gioco il solito discorso… chi vi darebbe ad esempio 400-450 euro per un one usato quando con gli stessi soldi ci compro un g2 o un s4 nuovo? Un fan htc probabilmente ma con solo i fan non aumenti il fattutato.

    • Francazzo da Procida

      Almeno un tempo questi prezzi erano giustificati da un hardware più ricercato. Ma oggi?

  • maximonet

    La qualità non paga purtroppo. HTC fà terminali veramente ottimi, ma vende pochissimo rispetto ad altri. Se iniziasse a fate terminali con batteria estaibile e memoria espandibile, avrebbe maggiore riscontro visto che sono caratteristiche molto ricercate e hanno fatto la fortuna di Samsung, che pur producendo smartphone di qualità parecchio inferiore (specie come materiali) vende una macello di più.

  • Bigons

    Questa la dice lunga sul fatto qualità / prezzo / vendite.
    E’ indiscutibile la qualità del prodotto, il prezzo non è nemmeno esagerato, paragonato ( canonici 699 ) ad altri top gamma…..allora perchè non vende ??
    Perchè la gente ( non i tecnici ) si lasciano attirare più dalla pubblicità che dal prodotto in se …. il successo del G2 è dato sicuramente dalla qualità ma anche dalla pubblicità passata in tv e altro. Per questo forse i 2 marchi di maggior successo sono anche quelli che investono di più in marketing. Non voglio dire che Samsung e Apple non facciano buoni prodotti, anzi, ma buona parte della loro fortuna la devono al lavoro pubblicitario. Qui secondo me LG sta imparando ma HTC deve ancora farlo…..e molto