Smartmi: lanciato il primo condizionatore di Xiaomi

14 agosto 201711 commenti

Xiaomi Smartmi: presentato in pompa magna pochi giorni fa il primo condizionatore della casa cinese. Prodotto di fascia alta con funzione anche di purificatore d’aria e inverter.

Smartmi è un nuovo prodotto che va a inserirsi nel già nutrito campo della domotica dell’azienda cinese. Un tassello in più che mancava nella già ampia gamma di prodotti offerti da Xiaomi.

Di cosa si tratta?

Smartmi è il primo condizionatore lanciato da Xiaomi. Il prodotto ha un design minimalista, è un semplice parallelepipedo dagli angoli smussati di colore bianco. Spicca nella parte frontale il logo stampato Smartmi. Nella parte sottostante accanto alla feritoia per l’emissione dell’aria prende posto un display circolare a cristalli liquidi. Questo, dalle dimensioni non meglio precisate, dovrebbe visualizzare la temperatura, le varie modalità di funzionamento e la connessione Wi-Fi.

Il prodotto presenta diverse funzioni, tra cui quella di condizionatore (caldo/freddo) con le seguenti specifiche:

  • capacità di raffreddamento 3500 W
  • capacità di riscaldamento 4500 W
  • copre un’area di  700 metri cubi all’ora

Implementa inoltre la funzione di purificatore d’aria e inverter.

Il condizionatore non è prodotto interamente da Xiaomi. Infatti, il compressore inverter è prodotto da Hitachi e utilizza la tecnologia di controllo di precisione a 0.1 Hz. Prodotto invece da Panasonic il motore: Nidec, poco energivoro, efficace e silenzioso. Il tutto è impreziosito dall’utilizzo della valvola di espansione elettronica Fuji Koki, che garantisce una precisione di 0,1 °C nel controllo della temperatura.

Xiaomi precisa che dai test ufficiali svolti sul prodotto, questo è risultato superiore ad altri prodotti di altre marche asiatiche di fascia alta. Tutto questo rientrando comunque nella classe energetica più alta, registrando il punteggio di 1.5 di APF (Annual Performance Factor). Bisognerebbe specificare che in Cina le classi energetiche sono solo 3, quindi bisognerebbe capire come si comporta il prodotto con le classi energetiche europee.

Caratteristiche smart

La connessione Wi-Fi caratterizza questo prodotto. Oltre al classico telecomando presente in confezione, sarà possibile controllare il condizionatore tramite l’app Mi Home. Questa è l’app dedicata di Xiaomi per i dispositivi che rientrano nel campo della domotica. Tramite quest’ultima potremo impostare da smartphone e tablet le varie funzioni del condizionatore. Oltre a questo potremo tenere sotto controllo tutti i dati relativi ad esso, che ci saranno restituiti anche sotto forma di grafici interattivi.

Purtroppo quest’app è pensata per il mercato cinese ed americano. Infatti, le lingue disponibili sono solo due. Anche la localizzazione del prodotto registrato risulta complessa, in quanto i territori disponibili a tale scopo sono solo quelli nord americani e cinesi. Insomma un’app incompleta e poco fruibile per i mercati europei.


MiHome
Xiaomi Inc.
Gratuito
1.000.000-5.000.000
Link Google Play Store

Disponibilità e prezzo

Il condizionatore sarà commercializzato a partire dal 16 Agosto in Cina. Il prezzo di lancio del prodotto è di 4399 yuan, circa 561 euro al cambio attuale. Il prezzo però sembrerebbe superare quello stimato dai primi rumor. Questo almeno per il mercato cinese, dove ci sono già altri prodotti di altre marche (Gree, Midea) a prezzi inferiori.

Tuttavia il prodotto resta molto competitivo, sia nel mercato asiatico che in quello internazionale. Il prezzo sembra essere abbastanza consono per un prodotto con queste funzionalità. Infatti, insieme allo split è incluso il motore che viene montato all’esterno dell’ambiente da condizionare. Non vediamo l’ora che il prodotto approdi anche nel mercato europeo.

Loading...
  • Morpheus88

    ma 3,5kw e 4,5 kw sono i consumi medi? Qualcuno più informato può spiegare cosa sono quei valori e qual è il consumo di questo clima?

    • Angelo Mongillo

      3500w dovrebbe essere l’utilizzo massimo per l’opzione di raffreddamento, 4500w dovrebbero essere l’utilizzo massimo per l’opzione di raffreddamento… Se così è, per avere quel consumo bisogno impegnarsi :D
      Anche se, ci sono condizionatori che, a parità di funzioni consumano di meno… Quindi, personalmente non lo consiglio affatto. ( considerando che il piano medio che abbiamo a disposizione dall’enel è, di solito, 3KW che è piuttosto rosicato… Quindi con quel consumo si dovrebbe aumentare i kW (e quindi il costo) ma non basta neanche il piano da 6kW…

      • Luigi Duchi

        ehm no non e’ cosi i kw mensionati come scritto sopra sono la resa energetica non il consumo della macchina

    • cesco

      In realtà i kilowatt espressi sono della resa non del Consumo effettivo.
      Normalmente questi prodotti consumano all’incirca un kilowatt scarso a pieno regime e ne rendono 3,5 in raffreddamento e 4,5 in riscaldamento.

    • Carmelo Cilia

      I watt comnentati si riferiscono alla quantità di energia che l’apparecchio riesce a trasportare, ovviamente per trasportare quest’ultima, consuma energia che mediamente e 1/4 di quella trasportata.

      • Morpheus88

        grazie mille, penso che me lo comprerò allora

    • mr verdicchio

      In realtà è un 12.000 btu, vale a dire 3.5 kw di raffreddamento.
      Il consumo è dato dal COP che non è dichiarato ma è circa 3 per questi apparecchi: vale a dire che per 1 kw elettrico vengono prodotti 3 kw termici.
      Quindi sto coso consuma poco più di un kw a pieno regime…
      Se compri un Daikin o altro di fascia alta si connettono alla Wi-Fi di casa e li comandi con un app.
      Niente di nuovo sotto il sole…

      • Luigi Duchi

        puoi ovviamente interfacciarlo agli altri prodotti xiaomi e ad esempio creare la scena”rientro a casa accendi tutti i clima a 22 gradi” e roba del genere non e’una cosa da sottovalutare…tutto sta a vedere il prezzo di vendita(ho molti prodotti xiaomi mihome e funzionano decisamente bene)la scena che ti ho utilizzato come esempio la applico sui miei condizionatori mitsubishi con l’ausilio del gateway xiaomi e ir remote sempre della xiaomi

  • alberto campani

    Quindi rispetto ad un classico 9000 btu questo a quanto corrisponde ? Grazie …. logicamente in raffreddamento !!!!

  • Tetsuya Akira

    Ma c’è la banda 20? :-D

  • sax

    Ma di androidiano cosa c’è in questa notizia? Se Samsung si inventa i pomodori con nfc avremmo una nuova notizia androidiana? O è solo l’effetto del caldo estivo?