Malware mobile cresciuti del 163% nel 2012: il 95% mira ad Android

19 aprile 201313 commenti

Purtroppo i malware sono pericoli reali e potrebbero colpire da un momento all’altro qualsiasi utente durante la navigazione o l’utilizzo di una qualsiasi applicazione sviluppata apposita per la diffusione del pericolo. Come ben sappiamo, i malware sono in continua crescita e solamente nel 2012 l’aumento è stato del 163%, dati che fanno certamente preoccupare gli utenti per un 2013 che non sembra aver intenzione di frenare questa tendenza.

Di tutti i pericoli che sono andati a segno nel 2012 circa il 95% hanno colpito Android, segno che la piattaforma mobile di Google è certamente la preferita dagli hacker.

Questa ricerca è stata svolta da NQ Mobile, sorprendentemente una società di sicurezza mobile, ma non per questo i dati dovranno essere sottovalutati.

I numeri potrebbero non essere pessimi come dimostra la ricerca ma devono essere presi ugualmente in considerazione, infatti, secondo NQ Mobile, circa 31.2 milioni di smartphone Android sarebbero stati infettati nel 2012.

Come potevamo facilmente immaginare, il mercato più pericoloso per i nostri device Android sarebbe la Cina, con il 25.5% di infezioni, seguita da India e Russia grazie ad un mercato in continua crescita.

Ecco i grafici della ricerca:

Ovviamente anche in questi casi valgono sempre le stesse raccomandazioni, ovvero installare applicazioni solamente da fonti riconosciuti e reperibili tramite il Play Store, con ottime valutazioni e commenti positivi. Certamente in questo modo non sarà necessario un anti-virus per proteggere il vostro device Android.

 

Loading...
  • Andrea Magnaghi

    Google recentemente aveva eliminato 60.000 applicazioni che violavano le policy e attivato nel tempo vari servizi preventivi contro malware virus, mi sembra un po esagerato l’allarme lanciato da questa ricerca.

  • Purtroppo la diffusione sempre più massiccia di android, si porta dietro questo problema.
    È un po’ come Windows, più ne debelli e più c’è ne sono.

    • Marcomanni

      Purtroppo la natura “open” di android si porta dietro queso problema.

      • Secondo me invece la natura open source di Android potrebbe diventare un punto di forza. Se tutti installassero le custom ROM, a quel punto i malware potrebbero attaccare meno dispositivi.. anche perché ognuno può contribuire a rilasciare aggiornamenti ogni volta che viene scoperto un bug…

        • Ma così si perderebbe buona parte della libertà di android.

          • Non ti seguo…

          • Il bello di android è anche che si possono installare rom diverse e stravolgere anche quella che si trova già installata nel telefono.
            Se tutti avessero la stessa si perderebbe parte della libertà

          • Ma io infatti non ho detto che tutti dovrebbero avere la stessa.. anche perché così saremmo al punto di partenza riguardo ai malware…

  • icaro

    non è che ho malware a gogò sul mio S2?? spesso appaiono stelline ed asterischi che app posso usare per fare pulito, premetto che ho avast antivirus

    • YoDevil

      Quelle sono le pubblicità delle app generalmente stupide. Disinstalla le applicazioni che ti sembrano ‘boiate’ (esempio: calcola l’affinità tra te e…)

  • gio

    Un articolo dice che è più colpito android, l’altro iOS, a giorni alterni. A chi paga di più per buttare fango sull’altro….

  • Pingback: Malware mobile cresciuti del 163% nel 2012: il 95% mira ad Android | Notizie, guide e news quotidiane!()

  • Pingback: Malware mobile cresciuti del 163% nel 2012: il 95% mira ad Android | Luca ITWorld()