Xiaomi espulsa dall’India per violazione di brevetti Ericsson [UPDATE] Almeno fino a Febbraio

11 Dicembre 2014101 commenti

Xiaomi, terzo produttore di smartphone al mondo prima del "sorpasso" dovuto alla fusione tra Lenovo e Motorola, ha costruito gran parte del suo successo in patria, ma come sappiamo l'azienda si sta espandendo anche in altri Paesi asiatici. Uno di questi è l'India, dove però l'avventura di Xiaomi sembra già finita, almeno per ora.

L’Alta Corte di New Delhi ha infatti vietato a Xiaomi di realizzare, importare, pubblicizzare e/o vendere i propri device in India: questo è il risultato di un reclamo presentato da Ericsson, che lamentava la violazione di alcuni brevetti da parte dell’azienda capitanata da Hugo Barra, e che avrebbe cercato invano un accordo.

Tutti i prodotti Xiaomi verranno quindi rimossi dal rivenditore online Flipkart, in attesa che le parti trovino l’accordo che permetta al produttore cinese di tornare sul mercato indiano.

UPDATE 11-12: Secondo quanto riferisce l’Indian Economic Times, il “ban” ricevuto da Xiaomi sarà valido almeno fino al 5 Febbraio. Xiaomi dovrà quindi sospendere le vendite dei propri device in India per circa due mesi almeno, un periodo considerevole che potrebbe spingere l’azienda a rivedere i propri piani futuri.

Loading...
WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com