Patriot Fuel+: batteria esterna da 9000 mAh

23 giugno 201454 commenti

Da Patriot (nota marca che molti conosceranno per le memorie RAM) arriva Fuel+: una batteria esterna da 9000 mAh dotata di una porta USB per la ricarica da ben 2.5A.

Fuel+ è dotata di una batteria da 9000mAh che viene alimentata tramite la porta Micro USB presente su un lato corto; su quello opposto troviamo due uscite per la ricarica rispettivamente da 1A e 2.5A. Quest’ultima consente la ricarica di uno smartphone davvero in poche ore in quanto gli alimentatori più diffusi non raggiungono nemmeno i 2A (top di gamma esclusi).

20140620_223105wtmk

Ricaricare un dispositivo è molto semplice: è sufficiente collegarlo tramite il cavo in dotazione (o un qualsiasi cavo USB/Micro USB) alla batteria e premere il pulsante accensione posizionato sul lato; i LED di ricarica si accenderanno per un istante indicandoci l’autonomia.

Funzionalità interessante e utile è quella di poter utilizzare la batteria come un ponte di energia: collegando in serie presa a muro -> batteria -> smartphone, potremmo ricaricare sia il nostro dispositivo, sia la batteria nello stesso momento.

Fuel+ offre inoltre un sistema di protezione del dispositivo in ricarica evitando corti circuiti, sbalzi di tensione e surriscaldamenti.

Patriot Fuel+ è disponibile su Amazon (con possibilità di servizio Prime) a 62€; prezzo un pelo alto ma giustificato se vogliamo dalla presenza di una porta da 2.5A e dalla tecnologia che garantisce sicurezza allo smartphone in carica.

Loading...
  • Pingback: Patriot Fuel+: batteria esterna da 9000 mAh - WikiFeed()

  • Pingback: Patriot Fuel+: batteria esterna da 9000 mAh | Supernews()

  • Andr0

    Figo ma molto scomodo. Sarebbe meglio se realizzassero delle Cover con batteria inclusa, anche se significherebbe costruire un modello per almeno tutti i top di gamma in commercio.

    • viciuz

      Esistono già.. Ne ho una x s3.. ma mi sono reso conto che è più comoda una così xk sei ad esempio con 2 dispositivi diversi (oltre al tuo smartphone hai anche un tablet o il cell della ragazza) li puoi collegare comunque

      • Andr0

        So che ci sono già, c’è l’ha una mia amica per il suo vecchio HTC. Io le trovo fantastiche invece.

    • derapage

      dipende dall’uso…. io ho una batteria esterna che uno 1-2 volte a settimana in caso di necessità, perchè dovrei portarmi dietro una cover che raddoppia le dimensioni del telefono rendendolo scomodo ogni volta che lo uso??

      • Andr0

        Forse per gli smartphone senza batteria removibile?!

        • derapage

          non hai capito cosa volevo dire…
          io ho un nexus ma non girerei mai con una cover che lo rende spesso come un mattone e pesante 250g… ho una batteria esterna (con ricaricaQi) che uso le poche volte che resto senza carica…

  • Pingback: Patriot Fuel+: batteria esterna da 9000 mAh | Crazyworlds()

  • Andrea

    Segnalo che ricaricare più velocemente una batteria, la rovina (cioè quando il caricabatterie ha un ampetaggio superiore a quello originale della batteria da alimentare)

    • gopro

      Ecco, era proprio questo che volevo sapere!

    • teletutto

      I telefoni hanno la corrente di carica limitata elettronicamente. Quindi, collegando un 2,5 ah al posto di un 2 ah, non brucerai proprio nulla. Prova l’app Charging current e te ne accorgerai. L’S5, per esempio, ha il limite a 1.8 ah, l’S2 a l’S3 a 1 ah, l’S4 a 1.4 ah. Solo via kernel modificato si può velocizzare la ricarica.

      • xandreasx

        Si ma non ne sarei tanto sicuro…un sacco di telefoni/batterie si rovinano perchè si usa l’alimentatore sbagliato(e infatti poi caricano più velocemente)

        • Emanuele Cannone

          Ma questo succede perché molti caricatori mandano una corrente diciamo “non pulita”, questo va a rovinare circuiti ecc.

          • Alessandro

            e grazie anche a te per l’ennesima corretta precisazione ;)

      • Alessandro

        grazie di averlo scritto tu al posto mio…ancora sta convinzione che con un alimentatore da 40A la batteria si carichi in 10sec…
        unica cosa è che i limiti di carica dovrebbero essere + bassi di come dici…il mio nexus4 non va mai oltre i circa 800mA, altri telefoni che ho sono più o meno sugli stessi valori…1,8 mi pare tanto

      • Lorx

        Su questa questione faccio sempre molta confusione, visto che ci sono opinioni contrastanti. In definitiva un caricatore da 2.5 A non lo dovrei usare su un Note 3 dove il caricatore di serie è da soli 2 A o lo posso usare tranquillamente?

        • Tony

          si

      • derapage

        è vero in teoria… finchè i sovraccarichi sono bassi… la circuiteria che gestisce l’alimentazione potrebbe non sopportare oltre certi limiti, su telefoni con alimentazione nominale di 0.8/1A usare un 2.5 è rischioso oltre che inutile.

        comunque non facciamo confusione… una cosa sono gli Ampere (A) dei caricatori e un’altra gli Ah delle batterie.

        • perrots97

          Dipende dalla batteria, con quelle ai polimeri di litio è non alli ioni è rischioso superare l’amperaggio totale della batteria con l’amperaggio di carica:: potresti provocare rigonfiamenti della batteria, perdita della capacità di carica e esplosioni della batteria….

      • mr verdicchio

        Ho qualche dubbio.
        quando carico il mio s3 con il caricatore da 2a del note 8, si carica molto più rapidamente (non ho mai fatto una misura precisa ma direi il doppio della velocità) di quello originale da 1a

        • derapage

          il caricatore originale è solitamente un pò meno potente del massimo supportato dal telefono….

          il vecchio S Advance aveva il caricatore da 0.75 (supportato 1A) Nexus 5 ce l’ha da 1.2 e supporta 1.4 o 1.5…

          • mr verdicchio

            Quello dell’s3 è da 1a. In effetti magari si è un pò deteriorato col tempo. Ma ti assicuro che con quello del note la carica è velocissima, roba del doppio o giù di lì.

        • PUCCI968

          È vero.. Anche il mio S3 quando uso la parte di caricatore che collega la presa a muro alla USB del Galaxy Tab 10.1 si ricarica nella metà del tempo

      • Bitace

        questa è la più grande st****ta che io abbia mai letto, non occorre nemmeno che ti dimostri il perché tanto è abnorme!

    • Marietta Corsini

      Cioè se avessi una batteria da 3 ampere andrebbe bene caricarla con un alimentatore da 2,5?

      • KilgoreT

        Si

        • derapage

          no…
          una cosa è la capacità della batteria (Ah ampere ora) e una cosa l’intensità di corrente (Ampere)…
          il caricatore deve essere compatibile con la circuiteria del telefono…
          la porta da 2,5A è meglio lasciarla ai tablet perchè può causare problemi sul telefono che solitamente è max a 1.3-1.5A

          • Alessandro

            non causa nessun problema! altrimenti avresti tutte le automobili incendiate

          • derapage

            di cosa stai parlando??

          • KilgoreT

            Sono anni che carico un S2 e un Nexus 7 alternando i due caricabatterie in maniera casuale, uno ha un uscita di 0,7A, l’altro 2A.. nessun problema, il dispositivo prende la corrente che gli serve con l’unico inconveniente che caricando il Nexus col carichino “piccolo” ci mette di più a completare la ricarica.

    • Simone

      Mi sta venendo un cancro leggendo tutte queste scemenze…Se il telefono chiede 1 ampere, dall alimentatore si prenderà sempre 1 ampere. Il valore che trovi sull ‘alimentatore è il max erogabile, e non il valore fisso. Il cellulare se per questo anche se al massimo chiede 1 ampere, per determinati fattori ne chiederà di meno, quali temperatura e carica residua.

  • Rox

    Con quel costo lo trovo un oggetto inutile…. Conviene a quel punto comprare la seconda batteria… Anche perché inserendo una seconda batteria lo smartphone è immediatamente operativo mentre invece in questo caso devo comunque aspettare i tempi di ricarica.. e oggi le prese elettriche le trovi ovunque

    • gopro

      non tutti gli smartphone hanno la batt rimovibile, inoltre il cell ne ricarica 1 per volta, questa Patriot volendo si ricarica a parte. Inoltre per dispositivi come il diffusissimo sgs2 la Patriot può durare svariati giorni, utile per chi va nel deserto… :D

    • Alessandro

      prese elettriche ovunque? che ti seguono anche mentre cammini magari??? o sull’autobus? con una batteria portatile puoi andartene in giro con il telefono in carica ma in tasca…

      • mr verdicchio

        Sempre su Amazon trovi altri modelli da 10000 mah sempre con 2 porte alla metà. E hanno pure ottime recensioni.
        Direi che 60€ sono troppi

  • momentarybliss

    dispositivo certamente non economico ma decisamente comodo e utile se si va per qualche giorno in luoghi ove non sono disponibili prese di corrente, ad esempio se si fanno escursioni e serve lo smartphone per gps e fotocamera

  • Pingback: Patriot Fuel+: batteria esterna da 9000 mAh | Alcoolico()

  • Io ho letto sul forum che se un carica batteria è anche da 80 A ma la batteria ha bisogno di 0,800 A ne prende solo 0,800.

    • Alessandro

      esattamente

      • Quindi alla fine lo puoi anche collegare ad una centrale nucleare portatile che dopo un certo punto non hai nessun cambiamento.

        • Alessandro

          se eroga corrente a 5V e con una curva stabile certo che si!!!

          • Non ho capito bene. Non avresti miglioramenti con una batteria da 1 A collegandolo a un carica batteria da 1 A o an una centrale nucleare (per dire eh xD) da molti più A

          • Alessandro

            Aaaaspè! Nn confondere patate con cipolle…
            La batteria da TOT ampere è in realtà da TOT Ah (a volte espresso in mah)…che sarebbe la quantità di Ampere che è capace di erogare in un’ora. Scorda questo dato che nn serve nella velocità di carica.
            Ora…la corrente con cui viene caricata una batteria viene decisa in base a numerosi fattori, solo x fare gli esempi più eclatanti: la temperatura della batteria, la percentuale di carica, la volontà di farla deteriorare meno possibile nel tempo.
            Da ciò deriva che ad esempio il galaxy S quello che ti pare,ad esempio, carica la batteria a massimo a 0,9A…questo valore si abbassa parecchio se la batteria è troppo calda (es cell sul cruscotto ad agosto) e si abbassa gradualmente man mano che la carica si avvicina al 100%.
            Detto ciò se il caricabatterie è in grado di erogare 2A, il telefono ne succhia sempre max 0,9. Caricabatterie più o molto più potenti del dovuto possono servire solo a due scopi: voglio attaccarci più dispositivi contemporaneamente oppure voglio avere un caricabatterie che dopo svariati anni (se sei fortunato che ancora funziona) eroga ancora una quantità di corrente sufficiente, nonostante il normale deterioramento che lo porta ad erogare meno dell’inizio
            ;)

          • Sì sì sì sì, la storia degli A e degli Ah la conosco bene, dalla fretta non mi sono spiegato bene io.
            Quindi proprio come intendevo.

    • mail9000it

      No. Non dipende dalla “batteria” ma dal circuito di alimentazione della batteria, cioè l’elettronica di controllo tra il connettore microusb e la batteria.
      Per essere più chiari, se attacchi 30 Ampere a una batteria stilo , la batteria si surriscalda e poi scoppia perché manca qualunque circuito di controllo e protezione.

  • mattia

    Il mio caricatore esterno della anker è da 10’000 mah e carica a 3 ampère

    • Pippo

      eh, ma io ce l’ho ancora più grosso…tiè!

  • Emanuele Porcarelli

    Mi sembra identica a quella di Decathlon

  • Igor Mishin

    Il sono contento del mio Power Bank della xiaomi. Costa poco ed è di qualità a dir poco eccezionale

  • Ale90

    .

  • Flaboz89

    Bello mentre io ho ben 3 batterie x il mio Note 2 l originale la scorta e un altra x errato acquisto. Sempre cariche e arrivo a ben 9300 mAh senza portarmi dietro quel peso :p :p :p

  • Stefano C.

    Aggiungo anche che far fare un “ponte di corrente”, come chiamato qui, ad un power bank, è sempre stato sconsigliato. Le circuiterie di siocurezza e di controllo tendono a surriscaldarsi ewccessivamente (ancor più se il sistema dispone di caratteristiche quali il quick charge), con rischio di danneggiamento delle celle all’interno del power bank