Goclever Aries 101: La recensione

8 settembre 201435 commenti

"Fratello maggiore" dell' Insignia 785 PRO, l' Aries 101 è un tablet da 10.1 pollici prodotto da Goclever, destinato a chi ama le grandi dimensioni. Materiali premium e ed una buona usabilità, ma qualche problema nella gestione della memoria: Vediamolo assieme!

unboxing

IMG_20140907_200540

Come già era successo per l’Insignia 785, anche la confezione dell’Aries è piuttosto buona. Si tratta di cartone rigido che, al primo impatto, rende l’idea di un prodotto “premium”, almeno nell’apparenza. Il contenuto non si rivela da meno, essendo piuttosto ricco rispetto alla media della concorrenza, e questo è un fattore che ho apprezzato. Oltre al normale cavo USB, ed alla presa per alimentare il tutto, troviamo una custodia nera con interno in micro-fibra ed il supporto  per i video, un cavo USB-OTG , cuffie di fattura mediocre, con il pulsante per la risposta rapida ed un manuale con le istruzioni basilari.

estetica e hardware

IMG_20140907_200654

La prima cosa che spunta subito all’occhio, non appena si afferra il Tablet, è la pesantezza di quest’ultimo. Parliamo di 656g, un peso abbastanza significativo, che rende il Tablet adatto solamente per un uso “stazionario”, in quanto, viste anche le dimensioni di 256x168x10mm, risulta piuttosto impegnativo da trasportare. Belli i materiali, soprattutto la scocca che, pur essendo in plastica, ed avendo come complice la pesantezza dell’oggetto, vi darà l’impressione di essere in metallo.

IMG_20140907_171117

Per quanto riguarda la parte frontale, spicca solamente la fotocamera da 0.3Mpix. Il resto dello spazio è occupato dallo schermo e da un’ampia cornice.

IMG_20140907_205222

Sul bordo superiore, troviamo invece l’ingresso per la scheda SIM.

IMG_20140907_170809

Il bordo inferiore è completamente pulito.

IMG_20140907_170816

Sul lato destro sono sistemati quasi tutti gli ingressi. Troviamo lo slot per la microSD, il forellino del microfono, l’ingresso per il cavo di alimentazione/USB, il tasto di accensione e spegnimento, il bilanciere del volume, ed il tasto “back”, utile nel caso stiate maneggiando il Tablet con entrambe le mani. Infine è presente l’ingresso per il cavo micro HDMI.

IMG_20140907_170801

Il lato sinistro è caratterizzato dall’ingresso per il jack delle cuffie.

IMG_20140907_170735

La parte posteriore, come già accennato, presenta una scocca in finto metallo, e , oltre a riportare il nome dell’azienda ed il modello del Tablet, è caratterizzata dal forellino per il reset del dispositivo, e dagli altoparlanti che, a discapito delle apparenze, non sono stereo, posti, invece, dalla parte opposta.

Di seguito le specifiche tecniche:

Sistema Operativo Android™ 4.2.2
Processore Mediatek MT8389 da 1.2 GHz (quadcore cortex A7)
GPU PowerVr SGX544 (4GPU)
RAM 1GB DDR3
Memoria Interna 8GB espandibili con Micro SD
Display 10.1″ IPS LCD 16:10 (5-point tuoch screen)
Risoluzione 1280×800 Pixels
Fotocamera posteriore 2 Megapixel
Fotocamera anteriore 0.3 Megapixel
Batteria 7500 mAh
Dimensioni 258x168x10 mm
Peso 656g

 

display

IMG_20140907_170723_bis

La diagonale dell’Aries è molto generosa, risulta infatti di 10.1″. Se da un lato questo facilita molto le attività di navigazione, soprattutto Web, ha lo svantaggio di rendere il dispositivo scomodo da trasportare, ma evidentemente chi acquista un prodotto di queste dimensioni ha come obbiettivo quello di utilizzarlo nella propria dimora.

Nota dolente è la risoluzione, quest’ultima risulta essere bassa, pertanto vi risulterà semplice scorgere i pixel. L’usabilità generale non è compromessa da questo fattore, ma visto l’hardware di cui è dotato il dispositivo, uno schermo FHD non avrebbe di certo stonato, anche perchè la bassa densità dei pixel porta ad alcuni “errori grafici” (vedere gli Screenshot nella sezione software e audio).

Il touch and feel è decisamente buonol’angolo di visuale ottimo; si nota dunque un netto miglioramento rispetto al suo predecessore. La gamma cromatica è buona ma non mi convince appieno, molto spesso i colori appaiono un poco spenti, così come i contrasti. I neri non sono profondissimi, ma tendono al grigio anche senza mutare l’angolo di visuale. Ora parliamoci chiaro, lo schermo raggiunge la sufficienza scarsa: con un semplice test per verificare la gamma, noterete come il reticolo dello schermo vi si aprirà distorcendo il colore, esattamente come sull’Insignia 785 PRO. Buono il sensore di luminositàche si adatta bene all’ambiente.

fotocamera

Screenshot_2014-09-07-20-07-14

Non ci sono molte parole da spendere per questo ambito. Tralasciando che si tratta di un Tablet e che quindi non lo vedo come uno strumento adatto a scattare fotografie (metterei giusto la fotocamera anteriore per le videochiamate), se volessimo dare un giudizio alle fotocamere dell’Aries direi che siamo appena sopra la sufficienza. Ha sicuramente più funzioni del fratellino minore, ma è comunque inutilizzabile, soprattutto perchè le foto risultano alquanto sfuocate, in particolare nei bordi.

software e audio

Screenshot_2014-08-22-16-34-12

Pregio, almeno secondo me, di Goclever è quello di lasciare i suoi terminali il più “puliti” possibile, limitando le personalizzazioni al minimo indispensabile. La versione montata sull’ Aries è la 4.2.2, rimane un mistero se questo Tablet verrà mai aggiornato a versioni successive, anche se l’app per gli update è presente e fa quindi ben sperare in un impegno da parte dell’azienda. Le modifiche più evidenti si notano nella barra di navigazione dove, oltre ai classici tasti a schermo, è stato aggiunto un tasto per lo screenshot rapido. Sul versante della fluidità pecca un po, forse anche per colpa del processore interno che non è dei migliori. Nell’uso normale non si avverte molto il problema, ma appena ci si affaccia ad un multitasking più aggressivo, il Tablet cede inesorabilmente. La RAM da 1GB si è rivelata sufficiente.

Per quanto riguarda le apps incluse, molto spesso risultano obsolete (vedi lettore musicale stock) ma possono essere facilmente sostituite con le Gapps di BigG. La qualità dell’audio degli altoparlanti non è proprio ottimale, si nota inoltre una carenza dei bassi, che va a pesare abbastanza sulla resa generale.

Il lato connettività, è buono. La parte telefonica funziona perfettamente, per quanto mi sia risultato scomodo testarla, a causa delle dimensioni. Utile il supporto alla scheda SIM ed al modulo 3G/HSPA+ che permette all’Aries di poter effettuare telefonate come uno smartphone, o di accedere alla rete nel caso venga meno una connessione WIFI. GPS e USB-OTG funzionano perfettamente, non ho riscontrato nessun problema nel leggere chiavette esterne.

Ora veniamo al problema fondamentale che caratterizza questo Tablet: la gestione della memoria eMMC. Quest’ultima infatti è stata partizionata esattamente come era stato fatto perl’Aries 70. L’utente si trova quindi una partizione chiamata “Archivio Interno” ed una nominata “Memoria Interna“. La prima ha una capacità che non supera il Giga, mentre la seconda misura poco più di Giga-byte. Ora il problema sorge nel momento in cui decidete di installare un grande quantitativo di applicazioni. Quest’ultime vengono salvate nell’archivio interno, che va via via ad esaurirsi velocemente. Lo spazio termina all’istante e vi sarà impossibile scaricare qualsiasi altra app. Si può rimediare temporaneamente al problema spostando alcune apps nella memoria interna. Ma anche in questo caso è possibile spostare solo quelle che lo permettono, pertanto, ad esempio, un applicazione come Facebook non potrà essere trasferita. Insomma anche tentando di andare a ovviare il problema, vi ritroverete ben presto a corto di risorse (se notate in qualche screen compaiono le notifiche di errore).

Per quanto riguarda il reparto Gaming, non ci sono stati particolari problemi. I giochi del calibro di RR3 funzionano bene, ma con qualche calo di frame e qualche lag di tanto in tanto, soprattutto nei lunghi periodi.

batteria

batteria-agli-ioni-di-Litio

Classificare la batteria di un Tablet risulta sempre alquanto difficile. Sicuramente una pecca di quest’ultimo è il consumo in standby che è risultato abbastanza esoso. Sulla carta sono garantite 7 ore di attività, ma a stenti riesco a raggiungere le 5 piene in situazioni di stress.

Se siete degli utilizzatori accaniti come il sottoscritto, allora la batteria potrebbe risultarvi un poco “stretta”. Al contrario basterà per un uso giornaliero. Certo, rispetto alla concorrenza parliamo comunque di prestazioni sottotono.

Conclusione

Valutare questo Tablet mi è risultato difficile. In primo luogo poiché non sono un amante degli schermi grandi, e poi per le impressioni contrastanti che mi comunicava ad ogni utilizzo. Indubbiamente si tratta di un prodotto con alcuni problemi, il più significativo la gestione della memoria. Certo è che ha anche delle buone potenzialità, prima fra tutte la navigazione web, molto fluida e davvero piacevole. Peccato per le performance, buone per un utilizzo normale, un po scadenti quando si tenta di forzare un po’ la mano. Comodissimo per l’uso “da divano”, in quanto le dimensioni dello schermo rendono piacevole rispondere alle mail o visitare i forum. Certo il prezzo non aiuta, in quanto parliamo di un prodotto che si trova in una fascia di prezzo compresa fra i 200 e i 220€. Insomma, se l’acquisto è da destinarsi ad un uso “tranquillo”, potrete comprarlo senza problemi, altrimenti credo sia meglio buttarsi su altri lidi.

Loading...
  • Pingback: Goclever Aries 101: La recensione - WikiFeed()

  • Andrea
    • Alberto Bucci

      Mi spiace, non mi interessa un iphone 4s rotto

    • Emanuele

      e tu dici che il bonifico bancario è sicuro?

  • DanieleMnn

    Android 4.2.2, agghiacciante…

    • Frappo

      Io sapevo che google ha impedito che uscissero terminali con un so inferiore a 4.3 da questa estate e 4.4 dalla fine (non ricordo le date esatte)… Goooooooogle??? Vi rendete conto? è android stock, ci risparmiano 2-3$ di licenza credendo che gli utenti non lo noteranno, soprattutto con 1GB di RAM, su telefono possono andare ma sono il minimo su un tablet, almeno kitkat avrebbe parzialmente colmato questa carenza

  • Vincydroid

    Magazzino

  • io penso dunque dovrei essere!

    Scusate vado OT ma ho notato uno strano android squalo “inquietante” in prima pagina che scorazza indisturbatamente …=D…è una novità o nn mi sono mai accorto ?

  • Luke_Friedman

    220 € sono decisamente troppi…

    • piero64

      Assolutamente si. Il giusto prezzo sarebbe una trentina di euro, per farci giocare il gatto.
      Ma dico io. …..sta per finire il 2014 e si producono ancora sti’ scorfani?

      • Emanuele

        a nemmeno 200 euro si trova l’asus transformer pad 103, che ha processore quad core di nuova generazione intel, android 4.4, 16gb di memoria, e se si vuole con 20-30 euro in più ci si prende la versione anche 3g (che però è dual core)

  • Claudio

    Mio dio..un degno sostituito del mio Mediacom!

    *bazinga*..

  • Emanuele

    ma la goclever ve li fornisce gratis telefoni e tablet da recensire?

  • mr verdicchio

    Un cesso a pedali!
    E pure caro, lo comprerà giusto qualche citrullo al mediaworld se lo mettono in offerta.

  • AC tua

    Vorrei sapere chi, avendo a disposizione 220€ per un tablet, vada a spenderli per questa ciofega… #porcodiaz

  • Alberto Bucci

    Bah…. Io mi chiedo perché blog del genere stiano ancora recensendo ste cavolate … Booo, io mi sa che fra poco cambio blog android se continua così perché (scusatemi se lo dico ma provate a dire che non è vero!) la comunity fa schifo, almeno per quanto riguarda disqus, non sono iscritto al blog e perciò non posso criticare però ogni articolo c’è una guerra per qualcosa… Poi vedendo come vengono scritti gli articoli (a volte pieni di errori di italiano e a volte con errori veri e proprio, si vada a vedere il bluetooth 6.5…) mi passa la voglia di stare su questo blog perché sinceramente a me di vedere recensiti tablet pessimi di marche sconosciute (ricordo, sempre a mio parere eh!) e non solo, molte altre cose, mi sa proprio che cambieró comunity se ne troverò un altra un po più decente, mi spiace androidiani, all’inzio era molto bello leggere e commentare senza essere aggrediti, ma è anche vero che non è colpa tua ma della gente che occupa i commenti, ora non è più possibile, ogni parere viene attaccato, peccatp, è stato bello.. Ciao ciao

    Ps: tanto sono sicuro al 90% che ci sarà qualcuno che anche sotto questo commento aggrdirà per la mia scelta, ma non importa, questo è il mio ultimo commento

    • Giovanni

      Anche io penso che questa comunity non sia delle migliori, anzi, sia una delle peggiori proprio per il fatto che la propria espressività viene ridotta a zero se il proprio parere non è come quello di molti, sul fatto degli oggetti che vengono recensiti penso invece che seppur ” androidiani sia la comunity più grossa android in Italia”, penso anche che sia la più povera in quanto per esempio non ho mai visto recensire oggetti da + 500€ che io ricordi (poi posso anche sbagliarmi) ma mi sembra proprio brutto, ma noi non possiamo farci niente purtroppo e nemmeno lo staff stesso se non ci sono i soldi, però potrebbe evitarsi di recensire per esempio cellulari e tablet del genere! Per quanto riguarda la grammatica… Io penso che sia un fondamento base per fare il gioralista, cosa che dovrebbero essere coloro che scrivono gli articoli come anche la conoscenza di quel che si scrive… Il BT 6,5 non è mai esistito… E io mi chiedo ancora chi sia colui che ha scritto l’articolo… Ma vabbé… È così androidiani purtroppo..

      • cesco89

        “non ho mai visto recensire oggetti da + 500€…”
        Evitare di dire cazzate prego: http://www.androidiani.com/category/recensioni

        “potrebbe evitarsi di recensire per esempio cellulari e tablet del genere!”
        Quello che per te è pattume, per qualcun altro potrebbe essere un’ottima alternativa.

        Va bene scrivere la propria opinione, ma evita almeno di gettare letame sul lavoro di qualcuno che ha speso ore/giorni per proporre una recensione.

    • DevastatorTNT

      Ciao

    • Frappo

      Hai ragione, non hai incluso quanto fa schifo la app per android! A mio parere è la cosa più assurda ma con una risoluzione normale, in 16:9 è inutilizzabile e presenta una marea di bug, infatti è beta da anni. Comunque è da apprezzare il fatto che vanno a scovare un po tutto per completezza ma dicessero subito: questo tablet fa schifo, ve lo sconsigliamo. E non questa parte non è buona, questa neanche, però vedete? Ha un’ottima antenna e la cover inclusa! Quindi il prezzo di oltre 200€ è giustificato!

    • Posso concordare sul fatto che i commenti degenerino spesso in aggressioni o flames. E’ anche vero che si tratta di una community piuttosto grossa e i moderatori che lavorano nel blog hanno moltissime segnalazioni a cui far fronte, e non sono sempre così rapidi. Ora venendo alla questione dei Tablet, secondo noi è anche giusto guardare a prodotti che non siano sempre quelli più “main stream”, anche per cercare di favorire le “tasche più sensibili”. Questo non vuol dire che si debbano giustificare imperfezioni o vere e proprie mancanze. Prendiamo come esempio questo articolo (personalmente sono molto aperto alle critiche “costruttive” perché penso che un lettore esterno possa aiutarmi a migliorare nel modo di scrivere). Ora il tablet ha i suoi aspetti positivi e negativi. Quelli gravi li ho ben marcati di modo che chi legge la recensione ne sia conscio. Ho anche specificato che per me è un tablet da prendere con le pinze, in quanto, se lo si vuole adoperare (come del resto faccio io) in maniera “aggressiva”, traballa. E’ però anche vero che ho riscontrato molti feedback positivi sul web, pertanto non mi sentivo di poter giudicare troppo negativamente il prodotto. Per fare un test lo ho lasciato a qualche mio parente “anziano”, che non ha bisogno di moltissime cose, non ama i pc ma vuole ugualmente rimanere connesso: ebbene a lui è piaciuto molto, così come è stato apprezzato da qualche famigliare ancora non maggiorenne. Questo per dire che molto spesso non basta un singolo parere di un tester, per quanto autorevole possa essere, poiché anche una minima differente abitudine può cambiarne l’impatto. Passando alla questione degli errori, io particolarmente ci tengo molto sia alla grammatica che alla sintassi di ogni frase. Spesso ci impiego un sacco di tempo perché non trovo un modo elegante per esprimere un concetto, che soddisfi le mie aspettative. Ora è sempre buona cosa rileggere i propri scritti, ma alle volte un errore può scappare. Qui entra in gioco l’utente che può aggredire violentemente chi scrive e fargli notare tutta la sua conoscenza, quasi fosse membro dell’accademia della crusca, che si è espresso male o ha commesso un errore grossolano, oppure con calma e semplicità farlo notare, così che venga corretto (tranquilli che chi lo ha commesso, se ne vergogna ugualmente). questo è il mio parere :)

    • cesco89

      Il tuo discorso, per il 90% non ha senso.
      Androidiani => argomento Android => recensioni dispositivi Android a prescindere dalla marca.
      Recensire solo i prodotti blasonati non significa necessariamente che il blog sia migliore. Se poi cerchi una community, non è di certo sul Blog ma il nostro forum.

      Se per te un blog è serio, figo e bello solo perchè recensisce Samsung, piuttosto che HTC, Sony e compagnia bella, penso tu non abbia ancora capito il senso di un Blog che tratta argomenti inerenti Android e probabilmente non hai la minima idea di cosa Android sia . ;)

      Pace e bene B|

      • Alberto Bucci

        Non intendo assolutamente quello, ma intendo che comunque io non ho mai visto recensiti tab s xperia z Tab o marche “costose” o se si, solo quando sono scesi realnente tanto di prezzo (si vada a vedere z ultra e ripeto, sempre da quel che ho visto io) poi ci può anche stare che si recensiscano marche per coloro che devono spendere meno… Però venitemi a dire che per 200€ non trovi un samsung tab 2 10.1 che per quanto faccia schifo è meglio di questo secondo me, e ricordo anche l’app di androidiani, che è in beta da anni. Ricordo che io non ho mai attaccato nessuno per il come siano scritti gli articoli, ho sempre notato gli errori ma non li ho mai segnalati, però mi viene da chiede: perché (per esempio, su tom’hw) non ho mai visto neanche un errore e non ho mai visto gente arrabbiarsi per niente? Booo, non lo so.

  • momentarybliss

    tablet nel complesso da evitare, peccato perché avendo anche la connessione 3g quando lo si troverà a meno di duecento euro potrebbe diventare un’opzione, ma la gestione della memoria interna è in effetti assurda, tanto più che è possibile espanderla tramite micro sd. chissà, magari ci si può installare una rom cucinata e renderlo più efficiente

    • Frappo

      Meglio avere un solo piano con più internet sul telefono, si risparmia al doppio e se si scarica il telefono lo colleghi al tablet tramite USB (tanto il tablet avrebbe comunque consumato di più con i dati attivi). Posso capire se hai un prodotto Apple che è studiato per farti comprare l’altro e l’altro accessorio ma con prodotti più flessibili meglio sfruttarli.

      • momentarybliss

        di norma è così, va anche detto che esistono piani come quelli vodafone che si fanno pagare a parte e salatissima la connessione in tethering

  • Walter

    Dal titolo mi ero fatto un’idea molto diversa, leggendo poche righe ho subito capito che parliamo di una cineseria, neanche delle migliori. Parlare di “premium” è fuorviante.

  • D311

    Cambia il plaid di quando fai le foto, è tutto infeltrito, barbone!

  • Coddinci

    Ora li vendono insieme ai cereali
    Lo so perchè quando ho comprato i miel pops è uscito anche sto coso+

  • Corrado

    Sono l’infezione possessore del detto tale, regalato a natale…che dire…lento anche nel caricamento pagine, dopo 20 minuti di navigazione non si ha più ram a disposizione….Dopo autoaggiornamento é notevolmente peggiorato, scalda tantissimo. Unico pregio la batteria durevole per un paio di giorni anche giocando… a scatti ovviamente…il prezzo non vale la scelta del prodotto. P.s. Portato in riparazione in garanzia 2 volte, la prima per il display mi é stato riconsegnato dopo 1 mese e l’assistenza é distante 20 km da me, la seconda perchè si è azzerato il sistema operativ, letteralmente sparito durante unaccensione e non avevo installato assolutamente nulla…comparsa di ideogrammi cinesi e poi la morte…sto ancora attendendo la restituzione dopo altri 2 mesi.

  • MrAbouyas

    Conclusione:
    Ottimo prodotto per rimanere in mostra sui miglior scaffali.
    Grazie

  • Andrea X64

    Vi segnalo solo un aggiornamento rispetto alla recensione: io l’ho acquistato qualche giorno fa per la mia bambina a soli 149,00 euro (offerta sottocosto).
    Il sistema operativo è aggiornato alla versione 4.4.2 android e, in questa versione, la gestione della memoria _non_ ha i limiti di partizionamento segnalati nella recensione, che risale a un pò di tempo fa.
    Confermo che il peso è piuttosto elevato ma la qualità dei materiali appare buona, ed anche il video è più che sufficiente per un uso normale (ok non è un retina ultima generazione ma, non stiamo parlando di un prodotto top).
    L’angolo di visuale è di quasi 180 gradi e le pagine web si leggono benissimo senza lettere sfocate come capita con certi tablet da volantino occasione che poi quando vai a vederli ti accorgi che l’affare lo fa chi lo vende, non tu.
    La batteria non l’ho ancora caricata, era 70% quando l’ho tolto dalla scatola e, ho fatto solo le impostazioni, qualche prova, in pratica l’avrò usato 1,5 ore ed è scesa a 60% quindi non posso dire nulla di preciso ma, a prima vista, non sembra così scarsa. Vi dirò più avanti.
    Comunque vi assicuro che se mia figlia si attacca al tablet in modo ossessivo per più di 5 ore, non sarà la durata della batteria il limite ma sarà il papà ad intervenire! :).
    Altre cose che ho trovato positive, la presenza della custodia nella confezione (15-20 euro risparmiati) ed il fatto che _non_ ci sono app di fabbrica blindate.
    Scusate ma personalmente ODIO i costruttori di prodotti, magari ottimi, ma che poi riempiono disco e CPU con sw e servizi che io non voglio usare (aggiornamenti compresi).
    La fotocamera, come in tutti gli apparati di questa fascia di prezzo, è effettivamente scarsa, e non sono riuscito ad utilizzare l’uscita micro HDMI, ma non ho capito bene per quale motivo.
    Per ultimo, ho verificato anche la presenza dei centri di assistenza e ne ho trovati ben due nella mia città (Alessandria).
    Spero di avervi dato delle informazioni utili su questo prodotto. Ciao.

  • mari

    Salve a frutti. Ho un problema con audio di Aries. Senza cuffie si sente quasi nulla e ho provato con app x audio persist’ e volume +’ ma nulla. Che devofare. Si sente solo con cuffia.

  • mari

    Chi mi sa dire che fare? Grazie