Huawei Ascend G6: la recensione

26 luglio 2014122 commenti
Se gli smartphone top di gamma rappresentano lo stato dell'arte e stuzzicano l'interesse e il portafogli di milioni di persone nel mondo, è noto che tale segmento di mercato si avvicina sempre più velocemente alla saturazione. Per questa ragione, da tempo ormai il principale terreno di scontro tra i più importanti produttori è divenuta la fascia media, in cui si sono fatti largo dispositivi in grado di garantire buone prestazioni a prezzi interessanti. In tale, affollato, contesto si colloca senz'altro anche Huawei Ascend G6, l'anti-Moto G del costruttore cinese.

Presentato allo scorso MWC 2014 e da alcune settimane disponibile anche in Italia, Huawei Ascend G6 marca infatti “a uomo” quello che da alcuni mesi è divenuto il riferimento del segmento medio di mercato.

 

UNBOXING

Il layout della confezione di vendita resta nel solco della tradizione del costruttore cinese: involucro bianco con marchio e denominazione del dispositivo, con parte interna estraibile lateralmente in cui giacciono il device e gli accessori. Il contenuto è piuttosto standard, come lecito aspettarsi: lo smartphone è in primo piano e sotto di esso sono collocati alimentatore (da 1 Ampere), cavo di ricarica/trasferimento dati USB/Micro USB, auricolari, manuale d’uso e libretto di garanzia. Nessuna sorpresa da questo punto di vista.

DSC_0509

 

Caratteristiche tecniche

Nota: Huawei Ascend G6 è disponibile in due differenti versioni: 3G con memoria interna pari a 4 GB e 4G con memoria interna pari a 8 GB, entrambe dotate di supporto microSD. La versione oggetto del nostro test è la prima.

 

Processore Snapdragon 400 1.2 GHz
RAM 1 GB
Memoria interna 4 GB espandibile con microSD fino a 32 GB
Display 4.5 pollici a risoluzione qHD (960×540)
Fotocamera posteriore 8 Megapixel con flash LED
Fotocamera anteriore 5 Megapixel
Batteria 2000 mAh integrata
Sistema operativo Android 4.3 Jelly Bean con Emotion UI 2.0
Dimensioni 130x65x7.5 mm
Peso 115 grammi

 

ESTETICA

Dal punto di vista estetico, Ascend G6 mantiene i canoni dei fratelli maggiori P6 E P7, dando ulteriore voce a chi vedeva nella nuova proposta Huawei un’operazione di “ricollocamento” di P6;  sul nuovo device viene tuttavia utilizzato il policarbonato anche nella parte posteriore, rimovibile per accedere agli alloggiamenti per micro-SIM e microSD, al posto dei più nobili materiali utilizzati sui primi.

DSC_0456

Il design è in generale molto pulito ed elegante: il connettore di ricarica è collocato sul bordo superiore del dispositivo, mentre sul lato destro troviamo il tasto di accensione e il bilanciere del volume, entrambi rivestiti da una particolare texture.

DSC_0455

Nella parte inferiore, curva, si trova una piccola incavatura volta a favorire il sollevamento della cover posteriore. L’uscita cuffie da 3.5 mm è invece collocata sul lato sinistro, in basso: scelta curiosa che Huawei ripropone e che sia esteticamente che funzionalmente non dispiace, pur rimanendo questa una valutazione assolutamente soggettiva.

Oltre a fotocamera e flash, nella parte posteriore è collocato lo speaker mono; sollevando, con un pò di attenzione e partendo dall’incavatura di cui sopra, la cover posteriore (agganciata al resto della scocca in 16 punti diversi), troviamo gli alloggiamenti per microSIM e scheda microSD.

Sulla parte frontale, ai lati dello speaker, trovano posto sensore di luminosità, sensore di prossimità, LED di notifica e fotocamera anteriore; al di sotto del display sono invece posizionati i tre tasti capacitivi.

 

Tirando le somme, l’estetica di Ascend G6 svolge alla perfezione il compito, che per i costruttori cinesi in Occidente è di primaria importanza per superare una certa diffidenza del pubblico, di allontanare dal device l’etichetta “cheap” e presentarlo in modo attraente, anche grazie all’inserimento dei particolari dettagli che abbiamo citato. L’ergonomia, date le dimensioni e, soprattutto, il peso sorprendentemente contenuto, è buona e l’utilizzo con una sola mano non è un problema. Buono anche il grip in particolare grazie al bordo, mentre la parte posteriore risulta leggermente scivolosa.

DISPLAY

Huawei Ascend G6 è dotato di un display da 4.5 pollici IPS LCD a risoluzione qHD (960×540), per una pixel density di 245 ppi. Piuttosto immediato desumere che non si tratti del punto di forza del device: la risoluzione HD sarebbe stata gradita, ma, pur con i limiti del caso, il display di Ascend G6 garantisce una buona resa di testo e colori. La leggibilità è garantita anche in ambienti esterni grazie a una buona luminosità (abbiamo utilizzato la luminosità automatica) e all’ampio angolo di visuale.

DSC_0558

La risoluzione relativamente bassa porta inoltre con sè il vantaggio di far gravare meno il display sui consumi: si tratta quindi di un compromesso accettabile data la collocazione sul mercato del dispositivo. 

BATTERIA

Come abbiamo riportato nella tabella delle specifiche tecniche, Huawei Ascend G6 abbraccia un trend dilagante equipaggiando una batteria non rimovibile, dalla capacità di 2000 mAh. Il produttore ha inoltre incluso alcuni accorgimenti per tenere sotto controllo i consumi.

Nel menù Impostazioni-Risparmio energetico è infatti possibile selezionare tre differenti profili a seconda delle esigenze: il classico “Normale”, per l’utilizzo standard; il più conservativo “Durata”, che limita al minimo l’utilizzo di rete e CPU; il flessibile “Intelligente” che invece regola l’utilizzo delle risorse hardware in base alle esigenze contingenti.

Nello stesso menù troviamo inoltre la funzionalità “Monitor alimentazione”, che si occupa di verificare la presenza di applicazioni o impostazioni che penalizzino la durata della batteria, suggerendo correzioni all’utente; ancora, è possibile visualizzare l’elenco delle applicazioni che restano in esecuzione a schermo spento e di quelle che continuano a girare in background.

Nella prova, Huawei Ascend G6 non ci è sembrato molto esoso in termini di consumi energetici: con il profilo “Intelligente” attivato e un utilizzo quotidiano moderato, si riesce tranquillamente a superare la giornata. Il profilo “Durata” fornisce un boost di circa il 10% ma entrambi i profili vanno a discapito delle prestazioni, con il device che mostra durante l’uso esitazioni piuttosto frequenti.

Da un punto di vista prestazionale le cose migliorano impostando il profilo Normale, che ovviamente incide maggiormente sui consumi: ancora una volta, la scelta va fatta in base alle proprie esigenze. Per un daily use senza particolari pretese, il profilo “Intelligente” è senz’altro la scelta migliore, rappresentando un buon compromesso tra usabilità e risparmio energetico.

SOFTWARE E USABILITÀ

Abbiamo già precisato in precedenza che la versione di Android in uso è la 4.3 Jelly Bean, ovviamente “mascherata” dalla Emotion UI, l’interfaccia caratteristica del produttore, in versione 2.0.

Come saprete, nella sua versione “Standard” (versione a cui facciamo riferimento nel seguito della recensione), l’interfaccia Huawei elimina l’app drawer  dando la possibilità di accedere a tutte le applicazioni presenti sul dispositivo semplicemente con uno slide dalla schermata Home. L’app drawer ritorna, sotto mentite spoglie, se scegliamo di visualizzare la schermata Home in modalità Semplice, opzione che mette in evidenza le principali funzionalità  e applicazioni collocando nel menù “Altri” le rimanenti app, con una grafica che ricorda molto quella dei dispositivi Windows Phone.

Sono preinstallati quattro differenti temi per rinfrescare lo stile del device ed è inoltre possibile scegliere, tramite la pressione del tasto Menù, tra un discreto numero di opzioni per le transizioni tra le pagine. Nell’area notifiche si ha invece la possibilità di gestire rapidamente le principali funzioni del device, avendo anche la possibilità di scegliere tra quelle di maggiore interesse.

Tra queste, c’è certamente la funzionalità di cambio rapido tra i profili d’uso: sull’interfaccia Huawei questo avviene tramite una ghiera, mediante la quale scegliere tra i diversi profili preimpostati o personali. C’è tuttavia anche la possibilità di attivare rapidamente il profilo “Silenzioso”.

Anche la schermata di sblocco è pensata per fornire un accesso rapido ad alcune funzionalità tramite shortcut. Purtroppo, dei quattro temi presenti, solo uno è dotato di lockscreen con quattro scorciatoie, ma si tratta di un problema superabile grazie alla possibilità di personalizzare ciascun tema anche con i componenti degli altri: è possibile, quindi, mixare gli elementi dei diversi temi (lockscreen, icone, caratteri, ecc.) fino a ottenere la combinazione preferita.

Oltre alle canoniche applicazioni Android e alla GApps, tra le app preinstallate spicca sicuramente quella della gestione di sistema: tramite quest’ultima, è possibile monitorare vari aspetti relativi al funzionamento del device o semplicemente utilizzare la scansione per evidenziare e risolvere eventuali problemi. Tramite impostazioni è inoltre possibile regolare vari aspetti del comportamento delle applicazioni, tra cui l’accesso ai dati/WiFi per ogni singola app.

Nella cartella Strumenti sono invece collocate app di varia utilità (Torcia, Radio, Calcolatrice e così via); il bloatware è ridotto all’osso, tuttavia sono comunque incluse le applicazioni Android di Facebook e Twitter e lo store Gameloft, corredato da quattro diversi giochi dello sviluppatore francese: queste  ultime scelte lasciano in effetti spiazzati, soprattutto a causa della già ridotta quantità di memoria presente sul device.

Al momento dell’accensione, sono infatti disponibili circa 1.8 GB per lo storage: per fortuna, è possibile disinstallare i giochi e le social app precaricate (store Gameloft a parte) o spostarle su scheda microSD, il cui utilizzo, ma non avrete avuto bisogno di arrivare a questo punto della recensione per capirlo, è ovviamente d’obbligo per una completa fruizione delle funzionalità del dispositivo.

 

La connettività di Huawei Ascend G6 è sicuramente molto buona: la ricezione, sia cellulare (utilizzando una SIM 3 anche in ambienti chiusi, con copertura solitamente piuttosto scarsa) che WiFi, ci è parsa assolutamente stabile e leggermente al di sopra della media e anche il fix GPS è relativamente rapido; in chiamata, la nostra voce è chiara e pulita, grazie anche all’efficace riduzione dei rumori di fondo, mentre quella dell’interlocutore, a volume massimo, risulta leggermente più bassa rispetto alla media. Nessun problema, invece, in modalità Vivavoce, con lo speaker posteriore che adempie egregiamente al suo dovere.

Con riferimento al profilo energetico “Normale”, possiamo dire che l’usabilità di Huawei Ascend G6 è soddisfacente per l’utente medio: lag e rallentamenti qua e là non mancano (ne abbiamo riscontrati soprattutto all’apertura del menù Impostazioni o del browser)  e, come precisato in precedenza, si fanno più frequenti utilizzando profili energetici più conservativi,  ma nel quotidiano il device mostra comunque ben poche esitazioni. Il “peso” della UI proprietaria è, a tratti, ben evidente, ma tutto sommato non arriva a pregiudicare l’esperienza d’uso del terminale, migliorabile sicuramente, ma nei canoni di uno smartphone mid-range.

MULTIMEDIA E FOTOCAMERA

Dal punto di vista software, il comparto multimediale di Huawei Ascend G6 non fa gridare al miracolo: le applicazioni di galleria, player musicale e video sono piuttosto standard e con poche opzioni extra a disposizione, ma svolgono tutte il loro compito senza incertezze. Lo speaker posteriore è molto potente e la qualità dell’audio in uscita è sicuramente buona, con un sound pulito anche a volume elevato: peccato che la collocazione dello stesso speaker (sulla parte posteriore, in basso) e la forma piatta del retro ne attutiscano il suono a dispositivo poggiato.

Promosso anche l’audio da cuffia: abbiamo testato il device con alcuni file FLAC rimanendo piacevolmente impressionati sia ascoltando con gli auricolari standard, prodotto chiaramente nella media, che con delle Creative Aurvana Live!, con le quali abbiamo rilevato prestazioni comparabili a quelle di lettori digitali di medio calibro.

Dotata di sensore Sony IMX134 8 Megapixel f/2.0 e flash LED, la fotocamera posteriore di Huawei Ascend G6 dà certamente il suo meglio in condizioni di luce ottimale, pur non eccellendo in dettagli e nitidezza dell’immagine. Quando scendono le tenebre la qualità inesorabilmente si abbassa e il flash aiuta relativamente.

La fotocamera anteriore, Wide-angle dotata di sensore da 5 Megapixel, abbraccia senza dubbio l’attuale selfie-trend: il comportamento è simile alla controparte posteriore, e non mancano una serie di funzionalità ad-hoc come la selfie-window.

140226ascendg6

Per entrambe le fotocamere, inoltre, lo scatto è controllabile anche toccando un qualsiasi punto dello schermo, con il bilanciere del volume o la voce, superando una prestabilita soglia in decibel. Sono inclusi inoltre effetti e funzionalità varie per abbellire le nostre foto.

Di seguito proponiamo alcuni sample.

Nel complesso, possiamo definire il comparto fotocamera di Huawei Ascend G6 degno di uno smartphone mid-range e, pur non senza pecche, certamente superiore a quello di Moto G.

 

(Link – foto a risoluzione originale)

CONCLUSIONI

Chiudiamo la nostra panoramica dedicata a Huawei Ascend G6 tirando le somme. Attualmente, assistiamo a un crescente affollamento del segmento medio del mercato, nuovo, vero terreno di sfida e approcciato anche da produttori storicamente non molto vicini a un determinato target di mercato.

L’avanzata tecnologica del settore mobile ha fatto progressivamente sì che anche a cifre contenute sia oggi possibile acquistare dispositivi affidabili: è certamente questa la descrizione che più si addice al terminale Huawei oggetto della nostra recensione. In vendita al prezzo ufficiale di 199 Euro in versione 3G/4 GB e 229 Euro in versione 4G/8 GB ma facilmente reperibile a cifre inferiori, Ascend G6 rappresenta sicuramente una proposta meritevole di essere presa in considerazione da coloro in possesso di un budget intorno ai 200 Euro.

  • Pingback: Huawei Ascend G6: la recensione | Supernews()

  • Pingback: Huawei Ascend G6: la recensione - WikiFeed()

  • Gardy

    4 GB di memoria interna anche se espandibili non si possono vedere!!!!!!!

    • Gustavo Gutierrez

      Scheda sd da 8/16 giga e risolvi il problema poi vai di root e utilizzi anche ds app to sd ehi ancora più spazio

      • teob

        Ma a quanto pare puoi impostare l SD come memoria principale e installare tutto li

    • Giuliano Stefanelli

      ma da quando 4gb non vi bastano più (..e sono espandibili..) ?? una volta i personal computer avevano 512mb di memoria interna e andavano benissimo… meditate gente meditate!!!

  • Mattia Fumagalli

    Ma le app si possono installare su sd o si possono spostare solo i dati?

    • Onafets

      Con Android 4.3 puoi tranquillamente spostare tutto sulla Micro SD…

      • DevastatorTNT

        Non tutte e/o non completamente. Le app con widget ad esempio non si possono trasferire…

        • Filippo Dardi

          Xposed is the way. Uno dei pochi casi in cui cambia davvero davvero le cose.

          • Gustavo Gutierrez

            Mi diresti un modulo per fare questo?? Io utilizzo un App di nome ds app to sd pro e sono a posto ma se c’è un modulo che funziona meglio allora dimmelo

          • Filippo Dardi

            Una cosa tipo force app to SD maa la funzione più o meno é quella

          • DevastatorTNT

            Xposed ti sminchia completamente la ROM… Inoltre tra poco non lo vedremo manco più disponibile…

          • Filippo Dardi

            Cosa intendi con “ti sminchia” esattamente?
            Poi per la seconda affermazione credo tu ti riferisca al supporto ART… Rovo ha promesso di aggiungerlo quando ART diverrà un “bene di massa”… Poi comunque io ho un cinafonino mtk6589 e, dopo che nemmeno una delle ROM disponibili mi ha soddisfatto (nemmeno la miui, che mi ha deluso tantissimo, mi stupisce il suo seguito ma forse ho beccato io una versione ” povera”) mi sono rifugiato nel popolare framework… Molte molte belle cose. E non solo a livello puramente grafico. Inoltre l’impatto sulla batteria é inesistente.
            PS Scusate per la prolissità ma voglio anche aggiungere che l’esperienza con xposed varia moltissimo da dispositivo a dispositivo, non voglio difendere a spada tratta nessuno, semplicemente ho “beccato” bene.

          • DevastatorTNT

            Sostituisce i moduli di sistema con altri… Questo porta inevitabilmente a ROM non ottimizzate. Certo, sui mediatek è l’unica soluzione, ma non è affatto “economica” per il sistema operativo, che a lungo andare pian piano rallenta.

          • Filippo Dardi

            Dipende. Nel mio caso ho parecchia fortuna perché gravitybox (unico modulo “di peso” che uso) é nata per mtk6589 :)

          • DevastatorTNT

            Quando si dice culo XD a me già gravity box fa danni enormi (e ho un
            s4), moduli tipo xprivacy poi…

  • Admiral

    Bah wawei ne comprai uno con Windows Phone 8…andava meglio il Lumia 800 di 2 anni prima… Affidabilità 0, crash… Uno skifezz!

    • Mario

      nokia è fallita, nemmeno microsoft, che pure è in crisi, è in grado di salvarla

      • lallo29

        ma hai capito almeno? il software è buono, ma è il telefono che fa schifo. come mai mia sorella che ha un lumia 520 non sono mai crashate app o non si è mai bloccato?

        • AbruzzoBisenti

          Perch durante la riproduzione seriale del gene umano hanno dato tutto a lei e niente a te.

          • Morenetor

            TOP

          • lallo29

            Ridi ridi, che poi ti faccio una sorpresa, e giá sai bene, te ci scherzi, fai come ti pare

        • Gustavo Gutierrez

          Le app che vi sono in quel sistema sono ridicole e comunque è normale pesa meno l’os ma anche meno funzioni
          E poi fa pena il launcher dei Windows Phone

          • lallo29

            Si ridicole, sono meno mi sembra 300.000 ma sono tutte ottime e molto più stabili. E poi non è ridicolo, perché in fatto di stabilità android lo straccia.

          • teob

            App ridicole tipo ?? Meno funzioni tipo ?? Mettere lo sfondo alla home ??!!
            Il launcher son gusti ed effettivamente è un po strano

  • Pingback: Huawei Ascend G6: la recensione | mobilemakers.org()

  • Onafets

    pirata… dillo tu al posto mio per favore…

    a quel prezzo, anzi meno, si ha il fantastico Motorola Moto G… questo proprio non se può guardà!

  • lallo29

    Il software non è male, ma moto G regna!
    Velocissimo grazie ad android puro anche se ha uno snap 400, e sempre aggiornato.
    Poi è difficile batteree vendite di moto g, ne ha venduti tantissimi, dovevano pensarci prima a farlo uscire

    • AbruzzoBisenti

      Anche se ha lo snapdragon 400? È un signor processore, se vuoi vediti un po’ di cose su come è strutturato e ti rimangi ciò che hai detto. Huawei non vuole battere le vendite del moto g, ha solo costruito un terminale che, per quella fascia di terminali, è un degno competitor. Probabilmente, avendolo testato, si nota un po’ di velocità e reazione in meno confrontandolo ad un software puro come quello che monta Motorola, però, il comparto fotografico e materiali, siamo di gran lunga superiori.

      • lallo29

        Nel senso che non è un soc di fascia alta.
        E poi guarda il tuo parere da fanboy huawei perché ci lavori non lo voglio sentire, preferisco provarlo da solo

        • AbruzzoBisenti

          Mi sembra di essere stato più che diplomatico nel precedente commento. Privo di ogni faziosità.

          • lallo29

            ma poi non eri tanto fanboy mediatek? e mi sfottevi perchè non mi piacciono? ma lo sai che rido solo ai tuoi commenti? ti schieri dove la barca galleggia

          • AbruzzoBisenti

            Non sono fan di nulla! Studio processori, so cosa hanno di buono, e ciò che hanno di male. Posso anche schierarmi, almeno so cosa scelgo.

            Continua la ricerca spasmodica di un neurone e forse riuscirai a capire almeno 1% di ciò che ho detto.

          • Emanuele

            tranquillo che un neurone non lo trova

          • Emanuele

            sentiamo, professor lallo, mi esponga la sua tesi per darle un giudizio soggettivo per assegnarle un voto pari all’insufficienza

          • lallo29

            Si si le insufficienze le prendi te, perché io prendo sempre da 7 a 9, se te prendi tutti 4 non te la prendere con me;)

          • Emanuele

            1)ho 14 anni
            2) mi hanno dato 3 volte 10 e poi tutti 8 e 9

          • lallo29

            Bravo. Anzi ti diro una cosa, pure io ho preso due 10 quindi siamo pari. Che vuoi
            da me allora

          • Emanuele

            voglio renderti la vita impossibile senza avere un valido motivo per farlo

          • DJOKER

            …siete due pagliacci.

          • Emanuele

            me lo dicono in molti

    • Tonifan

      Ho avuto parecchi HUAWEI e poi ho preso il MotoG e mi spiace per HUAWEI ma non c’è paragone… Anche solo per i 16G di memoria…. Ma questa è la mia opinione

      • Gustavo Gutierrez

        Anch’io ma pensare a installare un altro launcher no?? Poi cercare di tenere pulita la ram è troppo vero??

  • italba

    Ma se questo è un prodotto di fascia media, i telefoni di fascia bassa sono quelli con la manovella?

    • Onafets

      ma dai non vedi tutti i dati a favore di questo device!!!
      Ad esempio, ehm, ad esempio, ehm ehm, ad esempio… Le
      cuffie!!! Hai visto che belle?

      • italba

        Bellissime, sembrano tanto quelle che vende a 3€ il negozietto cinese.

        • ever

          Il tuo cinese è un ladro :) il mio le vende a 1,50/2€……ahah

    • Simo123

      Probabilmente oggi per fascia bassa s’intendono tutti i telefoni con meno di 1 GB di RAM.

    • elcaruga

      Per me xiaomi hongmi 1s è meglio di questo e del moto g pre 4G

      • Gustavo Gutierrez

        Mi hai superato ahahahaha la cosa buona di questo telefono è che è buono per il modding avendo un qualcomm
        Mi sorge un dubbio un sacco di siti dicono che ha uno snapdragon 200 quadcore nella prima versione quella 3G mentre qua lo snapdragon 400 quindi non so a chi credere
        Chi c’è ha lo può controllare gentilmente ??

        • Emanuele

          nessuno in tutto il web lo sa, è certo che sul 4g c’è lo snap400, ma sul 3g non è riuscito nessuno a capirlo perchè dicono che sembra uno snap200, ma ha una gpu adreno 305 (quella dello snap400), invece della 302 (snap200)
          quindi non si sa niente di certo

  • momentarybliss

    200 euro per avere 4 gb di memoria interna significano una sola cosa: scaffale a vita

    • Gustavo Gutierrez

      Online lo trovi a meno

  • DanieleMnn

    La skin di huawei è allucinante. Non c’è un motivo per preferire questo al moto g.

    • Gustavo Gutierrez

      Vai di nova launcher e sei a posto

      • DanieleMnn

        Certo, perchè la skin in tutto il resto del telefono sparisce magicamente usando nova…

  • Pingback: Huawei Ascend G6: la recensione | Crazyworlds()

  • mista5891

    io ho comprato questo terminale come telefono da lavoro. è vi posso assicurare ke va benissimo. la batteria sotto stress mi porta tranquillamente a fine giornata, foto superiori al tanto osannato moto g. lag quasi zero. insomma a 200 euro un ottimo terminale. vero i 4gb sono un pò un handicap ma con una sd da 16gb il problema quasi non si pone, personalmente io lo preferisco a moto g è chiaramente a tutti gli altri terminali degli altri marchi presenti attualmente sul mercato. poi chiaramente ognuno ha il suo punto di vista.

    • http://www.grossoshop.net Grossoshop

      Sicuramente Huawei ci ha azzeccato con questo prodotto che sta riscuotendo non poco successo di pubblico. La possibilità di ostensione della memoria permette una maggiore flessibilità nell’archiviazione dei dati. Io sono dell’ opinione che a volte è meglio avere una memoria di base da 4GB e la possibilità di espanderla fino a 32 o 64 anziché avere una memoria fissa a 16GB.
      Come prezzo lo puoi trovare su GS a meno di 200€…ma questo è un dettaglio :-)

  • DevastatorTNT

    Vorrei tanto dire una parola, ma ho paura del copyright… :(

    • pirata_1985

      Dilla è Opensource

      • DevastatorTNT

        Scaffale

      • xperiatsony

        Ahahahahaahahaha sto morendo ho le lacrime agli occhi!

    • Corsaro 1985

      Allora la dico io: SCAFFALE!!!

  • alex

    Un bel coraggio definirlo l’anti moto g, già solo per l’ottimizzazione software siamo su un altro pianeta, e lo dico da possessore di due terminali huawei.

    • Mario

      motorola ha un market share ridicolo, sempre meno persone comprano i loro prodotti nel mondo, sveglia!

      • nemo

        Stiamo valutando un telefono non l’acquisto di azioni di una delle due aziende, sveglia.

      • lallo29

        ho letto solo due commenti tuoi e rido a tutti e due

      • Emanuele

        quando a uno che conosco gli ho detto di prendersi un moto g visto che cercava un dispositivi buono di fascia media mi ha riso in faccia, almeno l’avesse provato prima
        Tutti ormai preferiscono un telefono con prezzo gonfiato e prestazioni ridicole di una marca famosa invece di uno buono di una marca meno conosciuta.
        P.S. a volte quando dico motorola alcuni mi dicono: “ma non aveva fallito?”

        • Gustavo Gutierrez

          Purtroppo è così tutti vedono solo la marca e prendono subito una Samsung anche se lagga o si trova di meglio

      • alex

        Qua non è in discussione il marketing di un’azienda, bensì il prodotto, e se tu ne capissi un cicino, non parleresti così di un’azienda che ha fatto la storia della telefonia mobile. Per quanto riguarda huawei, possiedo l’ Honor 2 (G615) e l’ascend G526, e non hanno fatto altro che darmi problemi, infatti uso un “Comunissimo” moto E che per velocità e fluidità li divora entrambi e costa un terzo del Honor 2, grande sulla carta ma inguardabile dal vivo.
        PS: Faccio assistenza e qualche terminale per le mani in questi anni mi è passato.

        • Gustavo Gutierrez

          Ti installavi nova launcher e Smart ram Booster e stavi a posto

          • lallo29

            smart ram booster non fa miracoli, fa poco e niente

          • alex

            Uso sempre nova sin dall’alba dei tempi, ma il problema maggiore non è la fluidità nelle schermate, bensì bluetooth, messaggi che arrivano dopo aver fatto qualche vacanza, surriscaldamento, lag con le app più stupide ecc., senza contare che su 1 GB di RAM, effettiva a disposizione poco più di 600 MB. Non si può certo dire che huawei eccelle per ottimizzazione software.

        • Emanuele

          io tra 2/3 giorni vendo il mio honor 2 per 30 euro

          • Emanuele

            e chi se ne frega

          • alex

            Un po bassino il prezzo anche per un telefono che le notifiche dei messenger le trasporta nel futuro

          • Emanuele

            mi è caduto e si è rotto lo schermo e mi hanno chiesto 80 euro per sistemarlo, quindi lo vendo a 30 euro

          • alex

            Se si è rotto solo il digitizer (touchscreen), con 20 €, da aliexpress o simili lo compri e lo sostituisci.

          • Emanuele

            lo so anche io ma non so come montarlo, e comunque ho già ordinato un telefono nuovo

      • Gustavo Gutierrez

        Svegliati tu è un telefono Android con Google play a che serve il market di Motorola??
        La Motorola sta risorgendo grazie al moto G il moto X e il moto che sono degli smartphone con caratteristiche molto buone con un prezzo basso rispetto alla concorrenza e poi con il moto x sia hanno già funzioni utili in più che nessun altra compagnia abbia ancora fatto (esclusa cyano e la Google sperimentazione)
        Sta il fatto che io cambierei subito launcher sia di qualsiasi azienda a Nova per le varie funzioni in più è la velocità di quest’ultimo poi vai di modding e le performance aumentebbero già provato con un paio di Huawei ed è andato tutto bene

        • lybs

          guarda che market share non significa store per le applicazioni ma penetrazione di un marchio o prodotto in un paese in questo caso Mario si riferiva al mondo intero come paese (almeno è quello che ha lasciato intendere con il suo discorso)

  • Mario

    Davvero bello,
    Huawei fa prodotti sempre più interessanti

  • Mirko

    wiko Bloom a 129 euro se volessi prendere una cineasta.

    • Morenetor

      Wiko è francese…

      • lallo29

        epic fail

      • Emanuele

        però i suoi smartphone sono praticamente smartphone cinesi rimarchiati

        • Morenetor

          No, che siano prodotti in Cina si… Ma tutti ormai

      • Pignolatore

        Wiko è francese come ngm è italiana: non lo sono i loro prodotti…

        • Morenetor

          La maggior parte dei prodotti ngm dal 2009 è prodotta in Cina e progettata in Italia, così come wiko

    • Gustavo Gutierrez

      Niente modding per i wiko per colpa del chip mediatek e comunque questo ha una buona cassa audio e fotocamera con un buon sensore sia davanti che dietro

  • shanefalco

    Il problema 4giga lo si supera facilmente visto che c’è una funzione che rende la sd come disco di scrittura predefinito. Il processore non è snap400 ma snap200+adreno302. Lo snap 400 (adreno305) viene usato nella versione 4G, infatti il 3g fa i video massimo hd mentre il 4g li fa fullhd. Cmq è un prodotto in entrambi i casi. :)

    • Gustavo Gutierrez

      Altri siti dicono così vediamo le info da chi c’è l’ha già

  • Jacopazzo

    Per la Madonna, che accrocchio di plasticaccia cinese….. Fa paura

  • Sniper Wolf

    ma come si fa a dire l’anti moto g……se poi si leggono le caratteristiche tranne che per la fotocamera moto g vince su tutto anche negli aggiornamenti arrivati ora alla versione kitkat 4.4.4, io personalmente a 199 euro opterei per samsung s 3 neo superiore in tutto e con kitkat a bordo

    • Gustavo Gutierrez

      La solita persona normale l’s3 neo non avrà più aggiornamenti mentre il moto G non si sa fino a quando li avra

  • rz

    Ottimo huawei ma andare contro il moto g…il moto g é supportato da google quindi aggiornamenti longevi

    • Gustavo Gutierrez

      Ahaha Vabbeh uno può andare di modding

      • lallo29

        Si, con quali rom ahahahahahahah, i huawei di rom hanno poco e niente, giusto i top di gamma come il p6 hanno qualche cyano ma piena di bug, e vediamo se con lo snapdragon qualcosa faranno

    • Emanuele

      il moto g non è supportato da google, ha solo un interfaccia con assenza di personalizzazioni che permette a motorola di aggiornarlo in tempi brevi

  • Marcello

    smartphone bello da vedere….meno bello il prezzo….sarebbe un buon acquisto a 129 euro ( massimo). Moto G ha la pecca della memoria non espandibile, ma per il resto è di un altro livello

    • rz

      Se prendi il moto g 16gb si respira un po con la memoria

    • Gustavo Gutierrez

      Beh se cerchi online entrambi li trovi a prezzi inferiori e poi anche la fotocamera di questo è superiore (g6) al moto G oltre che la batteria removibile

      • Marcello

        tra i due allo stesso prezzo prenderei cmq sempre il Moto G…oppure nessuno dei due :-)

  • asdf420

    Da vecchio e coraggioso possessore dell’Huawei g615, quando vedo quella scritta mi viene l’orticaria. Per carità, aveva dei punti di forza non trascurabili: batteria che arrivava a sera, buon design con i led e una certa robustezza costruttiva (cosa rara di questi tempi), e un ottimo focus fai da te. Ma a livello di ottimizzazione software sembra di possedere un cell colombiano. Lag con quasi tutti i lancher, risparmio batteria che disconnetteva sistematicamente whatsapp, totale chiusura al mod e al rilascio di sorgenti o bootloader. Insomma, dal momento in cui lo compri hai un cellulare già vecchio che non verrà aggiornato ed è già abbandonato dalla casa madre. Mai più Huawei.

    • Morenetor

      Guarda che se mandi una mail di inviano il codice per lo sblocco del bootloader

    • Gustavo Gutierrez

      Chiaro se dotano lo smartphone di un mediatek che per carità è buono però non per il modding allora dovresti saperlo già ma se invece ha uno snapdragon allora puoi benissimo andare a cercare su i vari forum dove sicuro ti daranno una mano

    • Filippo Dardi

      Scusa l’ottusità ma cosa intendi per “sembra un cell colombiano”? :D

  • Filippo Dardi

    Mah, cerco di appianare le divergenze dei buon lallo e abruzzese qua sotto. Rispetto al moto g
    PRO: qualità costruttiva migliore;memoria espandibile;reparto fotografico migliore;batteria che dura di più
    IN COMUNE: Prezzo e forza “bruta”
    CONTRO: Ottimizzazione peggiore; schermo peggiore; altre grosse mancanze non mi sovvengono adesso, ma sono due difetti di “peso”.
    A voi la scelta.
    PS mi ritengo un buon podestà in quanto possessore si un cinafonino DOC mtk6589

  • Nicoripara

    Costa troppo, il p6 si trova alla stessa cifra ma lo supera in tutto.

    • http://www.grossoshop.net Grossoshop

      L’ articolo parla di prezzo ufficiale (lo puoi trovare anche a meno).
      La differenza di prezzo con il P6 é notevole.
      Se prendo in considerazione il negozio Grossoshop cé piú di 100€ di differenza (142€ per il G6 contro 250€ per il P6)

  • Pingback: Kingzone K1 Turbo: La recensione – Androidiani()

  • Luca

    Terminale acquistato in configurazione 4G. Molto ben performante e sicuramente consigliatissimo.
    Difetto riscontrato: la registrazione di video in situazioni di alto volume (=concerti) è assolutamente insufficiente in quanto l’audio risulta molto disturbato / gracchiante. è un problema comune?

  • Dobermann Ita

    Preso due giorni addietro, subito installato nova e va davvero bene.
    Confermo la presenza di adreno 305 (ho la versione 3g, non la lte), il processore rimane un mistero….

    • Pisus

      scusa la curiosità, ma neanche cpu-z riesce a rilevare la CPU?

      • Dobermann Ita

        cpu-z rileva:
        arm cortex-A7 a 4 cores,
        revisions r0p3
        gpu adreno 305.

        • Pisus

          Quanto ti dice che può arrivare al massimo?
          Entrambi sono degli A7 nella variante quad-core.
          Molto probabilmente è il 400, perchè il sito di Qualcomm riporta che il 200 può montare solo l’Adreno 302 o 203

          • Dobermann Ita

            Il clock massimo è settato a 1,19 Ghz.
            Anche io ho letto che lo s200 può montare al max la adreno 302, da qui la mia deduzione che il g6 normale abbia lo snap400.

  • Paolo Hudel

    un’autentica schifezza! dopo una settimana dall’acquisto a smesso di accendersi! Se dovete buttare i soldi tanto vale che lo facciate con le slots! chissà forse avrete più fortuna!

  • Francesco

    Ragazzi al mio ascend g6 4g non esce il nome dell’operatore a cui è agganciato sullo schermo.Come posso fare?Avendo una scheda 3 mi interessa sapere se sono connesso a Tim o Tre.

  • NICO

    IL MIO G6 MI CHIEDE UN AGGIORNAMENTO IN AUTOMATICO, NON ATTACCANDOLO AL COMPUTER, MI CONSIGLIATE DI FARLO OPPURE NO??? NN VORREI MI SI BLOCCASSE O CANCELLASSE TUTTO!!